gjon-s-tears-l-universo-una-settimana-dopo
Tutto l'universo sorride a Gjon (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Jazz Cat Club
1 ora

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
1 ora

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
9 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
14 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
14 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
17 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
19 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
19 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
19 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
20 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
23 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
23 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
1 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 gior

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
1 gior

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
1 gior

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
L'intervista
 
31.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:32

Gjon’s Tears, l’universo una settimana dopo

Fa sembrare il canto la cosa più semplice al mondo. E con ‘Tout l’univers’, all’ultimo Eurovision Song Contest, ha portato la Svizzera dalle parti dei Måneskin

Rotterdam, sabato 22 maggio 2021, molto oltre la mezzanotte, praticamente domenica; manca un ultimo voto del pubblico per sapere chi vincerà. «Ero felice perché tutto era stato fatto. Non provavo stress perché tutto non era già più nelle mie mani. Non avrei più potuto cambiare la mia performance, non avrei più potuto incidere sui voti. Avevo la tranquillità di chi dopo un anno e mezzo ha fatto tutto quel che c’era da fare ed ero orgoglioso per questo».
 
Com’è andata dopo l’ultimo voto è sul libro dell’Eurovision Song Contest, l’edizione 2021 che c’è stata, un anno dopo quella che non ci fu, benché il divano attendesse il 22enne quasi 23enne svizzero Gjon’s Tears già nel 2020. Una settimana dopo, parliamo con lui di quei quattro giorni che hanno portato la Svizzera al più onorevole dei terzi posti (non accadeva dal 1993), dietro una Francia parisienne e un’Italia måneskienne. «Sono stati giorni intensi, pieni di lavoro», racconta a laRegione Gjon Muharremaj da Broc, Canton Friburgo, Tears per le lacrime di papà quando ascolta ‘I Can’t Help Falling In Love With You’ di Elvis. «Ho vissuto tutto molto intensamente e ho dormito pochissimo. È pazzesco quanto sia trascorso tutto in modo così rapido e intenso». Nella tensione generale del voto, tra l'espressione di circostanza di chi aveva già perso e le lacrime dei vincitori a un passo dall’esserlo, eccoti il sorridente aplomb più inglese che svizzero di Gjon: «Ero calmo perché avevo fatto il mio dovere, perché tutte le persone che amo erano lì con me, i miei genitori e la mia etichetta fra il pubblico, le due persone che hanno composto il pezzo insieme a me nella Green room, e sul divano la mia delegazione, con Sasha, il direttore creativo. Li potevo abbracciare e ringraziare per tutto quel che avevamo già conquistato».


Smile, you're on Eurovision (Keystone)

La risposta a ‘Répondez-moi’

Con il rock and roll al primo posto (‘Zitti e buoni’, trent’anni dopo ‘Miserere’ di Zucchero, è l’Italia che torna nella Top 20 britannica) e al secondo Barbara Pravi con chanson française (che nessuno, della nuova generazione, canta bene come Zaz), ‘Tout l’Univers’, il pop di classe di Gjon, a completare un quadro di euroqualità. «Amo il contrasto», spiega l’artista. «Il pezzo suona drammatico ma è una canzone di speranza, è la riposta alle esplosioni dalle quali non dobbiamo farci sopraffare, ma combattere e andare avanti». Lo spunto per il pezzo: «Hai presente quelle considerazioni sulla vita di chi ti invita ad apprezzarla, a divertirti prima di rimpiangere il non aver fatto tutto quello che si sarebbe voluto fare? È un concetto che mi fa sentire molto triste per chi lo dice, e mi sono detto che non vorrò mai avere quel tipo di rimpianto quando sarò vecchio».

Nel copione già visto delle cose che stanno per accadere e arriva l’imprevisto, Gjon’s Tears era la Svizzera all’Eurovision già nel 2020. ‘Répondez-moi’, con dentro soluzioni Mahmood, era già tra le candidate al podio. Poi squilla il telefono e dall’altra parte qualcuno dice che non se ne farà niente: «Era una canzone che moriva. È stato un momento molto triste, mio e di tutti coloro che ci avevano lavorato con me. Ma è accaduto e si doveva andare avanti, come in tutte le cose». E il team svizzero non l’ha lasciato solo, sapendo di potersi rigiocare, nel 2021, un’ottima carta. Ma serviva qualcosa all’altezza di ‘Répondez-moi’: «Non c’è stato, in verità, il pensiero di scrivere qualcosa di meglio, piuttosto quello di scrivere qualcosa di qualitativamente valido. Con ‘Répondez-moi’ vivevo l’innocenza di non sapere che sarei stato io a rappresentare la Svizzera, mentre quest’anno sapevo cosa mi attendeva ed è stato molto più duro restare innocenti, per valutare se ‘Tour l’univers’ sarebbe stata all’altezza». E quel grido di rinascita, tra armonie alla Tori Amos e freddi ambienti nordici, ha risolto magnificamente l'incognita.

Pressione

Avrebbe dato i suoi ‘twelve points’ all’Ucraina e si è goduto i 3'500 di Rotterdam («Fantastico vedere tanta gente in un momento come questo»), filtrati dai suoi ear monitor («Nelle mie orecchie suonavano come venti persone, ma quando le guardavo mi davano l’energia per dare il meglio»). Per tutte le volte che ha aperto bocca per farlo, anche prima dell’Eurovision, pare che cantare, per Gjon’s Tears, sia la cosa più facile al mondo. Anche quando a dodici anni (introdotto da Christa Rigozzi a Switzerland Got Talent, anno 2012) ricalcava gli acuti di Lara Fabian e oggi che ha la voce di un adulto ancora si arrampica sulle stesse vette, inclusi i falsetti alla Mika, colui che lo scelse per The Voice Francia consegnandolo, nel 2019, alla piena popolarità televisiva.

Oggi, Gjon’s Tears è un professionista e davanti a una platea di molti milioni più ampia dei 16 della trasmissione francese, la platea dell'Eurovision, è parso non sentire alcuna pressione: «No, la pressione c’era, c’è sempre. Ogni situazione è diversa, ogni volta è un nuovo tipo di pressione. Quand’ero piccolo non capivo quello che mi stava accadendo. È molto più difficile cantare oggi, perché sto attento a tutto, alle note, alla resa televisiva, al mix se è giusto o meno, alle luci se mi cadono bene addosso. Ora devo tenere conto di molte più cose che in passato. Lavoro per consegnare una performance di qualità, voglio che gli altri siano colpiti dalla mia musica. In una parola, voglio essere inattaccabile». Perché «la cosa che ovunque, anche a Rotterdam, mi ha dato pressione ero io, l’unico che poteva distruggere la sua performance, che poteva fermarsi, inciamparsi, cadere». Insomma, l'universo era nelle sue mani. E ha apprezzato.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved