ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
5 min

Vita da pornostar: Rocco Siffredi diventa una serie tivù

Netflix annuncia ‘Supersex’, di cui sono iniziate le riprese a Roma: “È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo”
Spettacoli
31 min

I ‘Sogni’ dei Legnanesi a Locarno

Sabato 19 novembre al PalaExpo Fevi tornano Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordare con uno spettacolo onirico
Culture
1 ora

‘Emergenza Terra’ a Mendrisio, al via con Marco Paolini

La minaccia climatica che incombe sul pianeta, aggravata dalla guerra in Ucraina, in un ciclo d’incontri che inizia mercoledì 28 settembre
Spettacoli
4 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
7 ore

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
7 ore

Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro

Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
9 ore

Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)

Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Cinema
22 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
22 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
22 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
1 gior

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
1 gior

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
1 gior

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
1 gior

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
1 gior

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
Conferenza
1 gior

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
1 gior

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
1 gior

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Eurovision Song Contest
23.05.2021 - 01:09
Aggiornamento: 10:38

Eurovision: grande Svizzera, ma vince il rock dei Måneskin

Gjon’s Tears in testa fino al televoto, che premia la band vincitrice dell'ultimo Sanremo. 'Zitti e buoni' mette in fila Francia e rossocrociati

eurovision-grande-svizzera-ma-vince-il-rock-dei-maneskin
'Zitti e buoni' sul tetto d'Europa (Keystone)

Davanti a milioni di spettatori servono una voce perfetta, un’immagine perfetta, una performance perfetta e una canzone perfetta, che su “Parla, la gente purtroppo parla”, quando ‘Zitti E Buoni’ sembra aver dato tutto, riparte e ha il suo punto di non ritorno. I Måneskin hanno vinto l’Eurovision Song Contest e alle 00:50 di domenica mattina, quelli poco convinti che la band vincitrice dell’ultimo Sanremo sia una vera rock band, di musicisti veri, potrebbero essere diminuiti di numero.

Una vigilia condotta all’insegna di un “Non succede, ma se succede...” e “Un po’ ci stiamo credendo” – dichiarazioni di Damiano, Victoria, Ethan e Thomas – i Måneskin salgono sul gradino più alto del podio di Eurosong a distanza di 31 anni dall’europeista Toto Cutugno, ultimo vincitore per l’Italia nel 1990 in Croazia con ‘Insieme: 1992’, e a 57 da Cigliola Cinquetti a Copenaghen, prima classificata nel 1964 con l’euro-generazionale ‘Non ho l’età’. Lo fanno senza abuso di effetti speciali, se non quelli di base del rock and roll: spot sparati negli occhi, telecamere in transito, vieni e vai dalla batteria e ritorno (quello di Victoria è una sorta di ‘walking bass’) e stilemi del miglior glam dentro i quali i quattro si muovono come navigati esponenti del settore, tra un “Rotterdam make some noise!” della prima esibizione e il “Rock and Roll never dies” poco prima del bis, titolo in tasca. E a conferma che “quello è un palco per tamarri, e da tamarri bisogna comportarsi”, scriveva Rolling Stone Italia, la creativa e costruttiva tamarraggine dei Måneskin è un must del genere. Anche l'innaffiata di champagne durante una conferenza stampa che pare il podio della Formula Uno, alla fine, è sempre rock.

(Quasi) Tutto l'universo sorride alla Svizzera

Il discorso sulla perfezione, o almeno il potervi tendere, vale anche per chi arriva terzo. Perché ci sono algoritmi matematici che dicono se una canzone è adatta all’Eurovision Song Contest, ma c’è anche un segnale più fisico: se dopo due semifinali il riff che resta in testa più di ogni altro è quello di Gjon’s Tears, allora significa che ‘Tout l'Univers’ era una grande canzone. Capace, non a caso, di ricevere il massimo dei voti da parte d'Israele, Albania, Estonia, Lettonia, Belgio, Finlandia, Islanda e Danimarca, cedendo soltanto a più blasonati e popolari avversari. Retto da un'interpretazione tecnicamente impeccabile e da una voce naturalmente limpida, il friburghese Gjon Muharremaj da Broc si piazza un gradino più in alto di Luca Hänni, quarto nel 2019 con cose assai efficaci ma certamente meno profonde.

‘Tout l'Univers’, detto con parole di Gjon’s Tears (forse è noto, il nome d’arte viene dalle lacrime versate dal padre sull’ascolto di ‘Can’t Help Falling In Love With You’) è quel “modo di usare la musica per scuotere le coscienze in ogni modo possibile, che si tratti di gioia, tristezza o melanconia”, e lo svizzero con origini albanesi e kosovare a un passo dal vincere Albania’s Got Talent, Switzerland Got Talent e The Voice Francia la musica l’ha usata bene, dentro un brano di classe che non ha fretta di decollare, ampio e desideroso di attenzioni, in linea col vincitore dello scorso anno.

Una vaga somiglianza con Tony Hadley che non lo fa troppo ‘vitellone’, il 22enne Gjon è il primo svizzero a salire sul podio della competizione dai tempi di ‘Io, semplicemente’ di Annie Cotton, anno 1993. A lui brinda su Twitter anche il presidente della Confederazione Guy Parmelin, mentre il Comune di Broc comunica di volersi prendere il tempo necessario per organizzare al ragazzo una festa estiva, e cioè a emergenza sanitaria conclusa, così da coinvolgere quanta più gente possibile.

Poco prima e poco dopo

“Guardate me, i miei occhi e le mie mani, tutto quello che ho qui è la mia voce, il mio grido”: con legami di parentele serbo-iraniano-polacco-nordafricane e paladina dei diritti delle donne, Barbara Pravi è seconda con ‘Voilà’, splendido distillato di chanson française, a variare un podio che vede, subito sotto, l'effetto ‘Fire Saga’ islandese di Daði Freyr che dedica ’10 years’ alla moglie accompagnato dai Gagnamagnið, tra i quali c’è un positivo al Covid e quindi l’esibizione della finale è solo la replica della semifinale, non meno simpatica, vincente e positivamente anni Ottanta. Al quinto posto, strappata dal televoto al fondo della classifica dove le giurie di qualità l'avevano relegato, l'electro-folk ucraino dei Go_A in ‘Shum’ guidato dalla voce senza tempo di Kateryna Pavlenko.

La classifica finale

  1. Italia – Maneskin, Zitti e buoni
  2. Francia – Barbara Pravi, Voilà
  3. Svizzera – Gjon’s Tears, Tout l’Univers
  4. Islanda – Daði Freyr, 10 years
  5. Ucraina – Go_A, Shum
  6. Malta – Destiny, Je me casse
  7. Cipro – Elena Tsagrinou, El Diablo
  8. Albania – Anxhela Peristeri, Karma
  9. Israele – Eden Alene, Set me free
  10. Belgio – Hooverphonic, The Wrong Place
  11. Russia – Manizha, Russian Woman
  12. Portogallo – The Black Mamba, Love is on my side
  13. Serbia – Hurricane, Loco Loco
  14. Grecia – Stefania, Last Dance
  15. Moldavia –  Natalia Gordenko, Sugar
  16. Finlandia – Blind Channel, Dark Side
  17. Bulgaria – Victoria, Growing Up Is Getting Old
  18. Lituania – The Roop, Discoteque
  19. Azerbaigian – Efendi, Mata Hari
  20. Norvegia – Tix, Fallen Angel
  21. Svezia – Tusse, Voices
  22. San Marino – Senhit, Adrenalina
  23. Paesi Bassi – Jeangu Macrooy, Birth of a new age
  24. Spagna – Blas Cantó, Voy A Quedarme
  25. Germania – Jendrik, I don’t feel hate
  26. Regno Unito – James Newman, Embers
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved