Ginevra
3
Friborgo
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 2-0)
Turgovia
1
Kloten
4
3. tempo
(1-1 : 0-0 : 0-3)
eurovision-grande-svizzera-ma-vince-il-rock-dei-maneskin
'Zitti e buoni' sul tetto d'Europa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
1 ora

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
2 ore

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
2 ore

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
3 ore

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
3 ore

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
4 ore

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Cinema
5 ore

Anche Totò e ‘Star Wars’ tra i 42 film preferiti da Fellini

Accanto ad Antonioni, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Kubrick e Hitchcock. La ‘playlist’ del maestro in un documento originale custodito da Cineteca Rimini
Musica
6 ore

Fasolis sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con Cherubini

È il debutto per il leader dei Barocchisti. Sabato 22 gennaio va in scena ‘Lo sposo di tre e marito di nessuna’, mai rappresentata a Firenze
Spettacoli
6 ore

A Morcote ci sono i Beatles sul tetto

Domenica 30 gennaio al via la nuova stagione allo Spazio Garavello 7 con ‘The Beatles’ rooftop concert’ affidato ai ticinesi Nowhere Land
Jazz in Bess
7 ore

Boggini-Boltro poi Andrina Bollinger per Suisse Diagonales

Aperto da un local hero insieme a un grande della tomba, il terzo e ultimo appuntamento luganese è in programma sabato 22 gennaio dalle 20.30
Archeologia
8 ore

Un anfiteatro romano scoperto a Kaiseraugst

La struttura muraria a forma di anello sarà mantenuta. È il secondo anfiteatro romano in Argovia e il terzo nella città romana di Augusta Raurica
Musica nel Mendrisiotto
11 ore

‘Dentro la musica’, per avvicinare pubblico e interpreti

A Mendrisio, martedì 25 gennaio con Claude Hauri e Daniel Moos; venerdì 28 con Veronika Miecznikovski, Milo Ferrazzini e Andrea Jermini
Archeologia
22 ore

Scoperta in Arabia Saudita una rete stradale dell’età del Bronzo

Metteva in collegamento le oasi ed era circondata da monumenti funebri, circa 17’800. Risalirebbe a 4’500 anni fa
Streaming
1 gior

‘Pam e Tommy’, quando il sex tape diventa serie (su Disney+)

Dal 2 febbraio la serie hot su Pamela Anderson e Tommy Lee, storia di un video amatoriale diventato di dominio pubblico. Era la fine dei Novanta...
Culture
1 gior

India: Birjiu, guru della danza tradizionale, morto a 83 anni

Ha reso famoso nel mondo lo stile kathak. Fatale un attacco cardiaco mentre si stava esercitando con il figlio. Era noto col soprannome di Maharaj
Spettacoli
1 gior

Eurovision, il 25 gennaio il sorteggio delle semifinali

Passaggio di testimone fra Rotterdam e Torino e composizione del cartellone delle prime due serate, che vedranno 36 Paesi competere in due semifinali
Culture
1 gior

‘Nelle vene della terra’ con Martignoni rinviato in primavera

Tratto dalla coreografia di Tiziana Arnaboldi, con le poesie di Alberto Nessi, era previsto per domenica 23 gennaio alle 17
Eurovision Song Contest
23.05.2021 - 01:090
Aggiornamento : 10:38

Eurovision: grande Svizzera, ma vince il rock dei Måneskin

Gjon’s Tears in testa fino al televoto, che premia la band vincitrice dell'ultimo Sanremo. 'Zitti e buoni' mette in fila Francia e rossocrociati

Davanti a milioni di spettatori servono una voce perfetta, un’immagine perfetta, una performance perfetta e una canzone perfetta, che su “Parla, la gente purtroppo parla”, quando ‘Zitti E Buoni’ sembra aver dato tutto, riparte e ha il suo punto di non ritorno. I Måneskin hanno vinto l’Eurovision Song Contest e alle 00:50 di domenica mattina, quelli poco convinti che la band vincitrice dell’ultimo Sanremo sia una vera rock band, di musicisti veri, potrebbero essere diminuiti di numero.

Una vigilia condotta all’insegna di un “Non succede, ma se succede...” e “Un po’ ci stiamo credendo” – dichiarazioni di Damiano, Victoria, Ethan e Thomas – i Måneskin salgono sul gradino più alto del podio di Eurosong a distanza di 31 anni dall’europeista Toto Cutugno, ultimo vincitore per l’Italia nel 1990 in Croazia con ‘Insieme: 1992’, e a 57 da Cigliola Cinquetti a Copenaghen, prima classificata nel 1964 con l’euro-generazionale ‘Non ho l’età’. Lo fanno senza abuso di effetti speciali, se non quelli di base del rock and roll: spot sparati negli occhi, telecamere in transito, vieni e vai dalla batteria e ritorno (quello di Victoria è una sorta di ‘walking bass’) e stilemi del miglior glam dentro i quali i quattro si muovono come navigati esponenti del settore, tra un “Rotterdam make some noise!” della prima esibizione e il “Rock and Roll never dies” poco prima del bis, titolo in tasca. E a conferma che “quello è un palco per tamarri, e da tamarri bisogna comportarsi”, scriveva Rolling Stone Italia, la creativa e costruttiva tamarraggine dei Måneskin è un must del genere. Anche l'innaffiata di champagne durante una conferenza stampa che pare il podio della Formula Uno, alla fine, è sempre rock.

(Quasi) Tutto l'universo sorride alla Svizzera

Il discorso sulla perfezione, o almeno il potervi tendere, vale anche per chi arriva terzo. Perché ci sono algoritmi matematici che dicono se una canzone è adatta all’Eurovision Song Contest, ma c’è anche un segnale più fisico: se dopo due semifinali il riff che resta in testa più di ogni altro è quello di Gjon’s Tears, allora significa che ‘Tout l'Univers’ era una grande canzone. Capace, non a caso, di ricevere il massimo dei voti da parte d'Israele, Albania, Estonia, Lettonia, Belgio, Finlandia, Islanda e Danimarca, cedendo soltanto a più blasonati e popolari avversari. Retto da un'interpretazione tecnicamente impeccabile e da una voce naturalmente limpida, il friburghese Gjon Muharremaj da Broc si piazza un gradino più in alto di Luca Hänni, quarto nel 2019 con cose assai efficaci ma certamente meno profonde.

‘Tout l'Univers’, detto con parole di Gjon’s Tears (forse è noto, il nome d’arte viene dalle lacrime versate dal padre sull’ascolto di ‘Can’t Help Falling In Love With You’) è quel “modo di usare la musica per scuotere le coscienze in ogni modo possibile, che si tratti di gioia, tristezza o melanconia”, e lo svizzero con origini albanesi e kosovare a un passo dal vincere Albania’s Got Talent, Switzerland Got Talent e The Voice Francia la musica l’ha usata bene, dentro un brano di classe che non ha fretta di decollare, ampio e desideroso di attenzioni, in linea col vincitore dello scorso anno.

Una vaga somiglianza con Tony Hadley che non lo fa troppo ‘vitellone’, il 22enne Gjon è il primo svizzero a salire sul podio della competizione dai tempi di ‘Io, semplicemente’ di Annie Cotton, anno 1993. A lui brinda su Twitter anche il presidente della Confederazione Guy Parmelin, mentre il Comune di Broc comunica di volersi prendere il tempo necessario per organizzare al ragazzo una festa estiva, e cioè a emergenza sanitaria conclusa, così da coinvolgere quanta più gente possibile.

Poco prima e poco dopo

“Guardate me, i miei occhi e le mie mani, tutto quello che ho qui è la mia voce, il mio grido”: con legami di parentele serbo-iraniano-polacco-nordafricane e paladina dei diritti delle donne, Barbara Pravi è seconda con ‘Voilà’, splendido distillato di chanson française, a variare un podio che vede, subito sotto, l'effetto ‘Fire Saga’ islandese di Daði Freyr che dedica ’10 years’ alla moglie accompagnato dai Gagnamagnið, tra i quali c’è un positivo al Covid e quindi l’esibizione della finale è solo la replica della semifinale, non meno simpatica, vincente e positivamente anni Ottanta. Al quinto posto, strappata dal televoto al fondo della classifica dove le giurie di qualità l'avevano relegato, l'electro-folk ucraino dei Go_A in ‘Shum’ guidato dalla voce senza tempo di Kateryna Pavlenko.

La classifica finale

  1. Italia – Maneskin, Zitti e buoni
  2. Francia – Barbara Pravi, Voilà
  3. Svizzera – Gjon’s Tears, Tout l’Univers
  4. Islanda – Daði Freyr, 10 years
  5. Ucraina – Go_A, Shum
  6. Malta – Destiny, Je me casse
  7. Cipro – Elena Tsagrinou, El Diablo
  8. Albania – Anxhela Peristeri, Karma
  9. Israele – Eden Alene, Set me free
  10. Belgio – Hooverphonic, The Wrong Place
  11. Russia – Manizha, Russian Woman
  12. Portogallo – The Black Mamba, Love is on my side
  13. Serbia – Hurricane, Loco Loco
  14. Grecia – Stefania, Last Dance
  15. Moldavia –  Natalia Gordenko, Sugar
  16. Finlandia – Blind Channel, Dark Side
  17. Bulgaria – Victoria, Growing Up Is Getting Old
  18. Lituania – The Roop, Discoteque
  19. Azerbaigian – Efendi, Mata Hari
  20. Norvegia – Tix, Fallen Angel
  21. Svezia – Tusse, Voices
  22. San Marino – Senhit, Adrenalina
  23. Paesi Bassi – Jeangu Macrooy, Birth of a new age
  24. Spagna – Blas Cantó, Voy A Quedarme
  25. Germania – Jendrik, I don’t feel hate
  26. Regno Unito – James Newman, Embers
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved