a-spasso-con-bob-dylan
'Per favore, dì a questo signore di andare via' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
38 min

Il tempo tra scienza e filosofia

Un fisico e tre filosofi per il ciclo di incontri organizzato dal Litorale e dall’Istituto di studi filosofici di Lugano
Culture
4 ore

‘Liber’, un milione di franchi per il settore librario

Tramite campagna di crowdfunding, è quanto spera di ottenere il progetto nazionale nato in favore di un settore particolarmente colpito dalla pandemia
Casa della Letteratura
6 ore

Giorgio Orelli e il suo rapporto con Dante

Ne parleranno Stefano Prandi e Fabio Pusterla venerdì 29 ottobre alle 18.30 a Lugano, Villa Saroli
Locarno Film Festival
7 ore

‘Grandi Speranze: Studio Visits’, selezionati i 5 filmmaker

Scelti i cinque registi e registe di area lombarda per un percorso formativo legato ai rispettivi progetti cinematografici in via di sviluppo
La recensione
9 ore

‘The Movie’, vita pop e miracoli dei norvegesi a-ha

Al contrario della Svezia, prima del 1985 la Norvegia non aveva esportato un solo cantante pop. Poi sono arrivati Morten, Magne e Pål...
Dischi
22 ore

‘Future Memorabilia’, gli Oliver Onions si rivisitano

Guido e Maurizio De Angelis, storico duo delle colonne sonore, danno nuova veste al repertorio (con illustri special guest)
Culture
23 ore

È nata eCHo, la rete per l’arte sonora e radiofonica in Svizzera

Vuole collegare i sound maker, socializzare competenze, difendere i diritti, diffondere il patrimonio svizzero di creazioni sonore e radiofoniche
Museo d’arte
1 gior

I grandi del jazz improvvisano su A.R. Penck

L’artista tedesco fu anche batterista: il quartetto Moroni-Bosso-Fioravanti-Ballard improvvisa su di lui il 19 dicembre per la retrospettiva di Mendrisio
Società
1 gior

Duemila giocattoli su tre piani per tornare bambini

Dopo la chiusura in Italia dei negozi Disney sbarca a Milano, nella centrale piazza Cordusio, il primo punto vendita del colosso mondiale Fao Schwarz
Culture
1 gior

Il patrimonio visivo Ssr sul portale memobase.ch

Circa 4 milioni di trasmissioni audio e video andate in onda dagli anni Trenta a oggi saranno interamente consultabili online e nelle 4 lingue nazionali
Spettacoli
1 gior

I Måneskin apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas

Accadrà il prossimo 6 novembre. Ad annunciarlo è Jimmy Fallon, che ha ospitato la rock band italiana nel suo popolarissimo Tonight Show
Teatro Sociale
1 gior

Compagnia Flavio Sala, tre giorni di ‘Se la va la gh’a i röd’

La commedia dialettale scritta da Gionas Calderari e diretta da Flavio Sala va in scena il 29, 30 e 31 ottobre a Bellinzona
Musica
1 gior

Una settimana di jazz all’Hotel Ascona

Dal primo al 7 novembre con concerti di mezzogiorno e jam session serali aperte al pubblico
Rap
1 gior

Mattak, ‘Riproduzione vietata’ allo Studio Foce

Sabato 13 novembre alle 21.30, il rapper originario di Comano presenta a Lugano il suo primo album, uscito in estate
Concerti
1 gior

Luca Stoll Trio a Jazz in Bess, Azul Oud a Coglio

Ethno jazz per l’Autunno dell’Hotel Cristallina venerdì 29 ottobre; sabato 30 è jam a Besso
Pensiero
1 gior

Il tutt’altro che machiavellico Machiavelli

Marcello Simonetta, ospite giovedì del Liceo di Bellinzona, ci racconta dell’inferno nel quale il pensatore fiorentino sarebbe stato gradito ospite
Musica
1 gior

Concorso Internazionale di Canto Lirico, il Galà al Sociale

A Bellinzona, domenica 7 novembre alle 17, concerto e premiazione dei finalisti della terza edizione
Cinema
1 gior

Oscar, l’Italia candida Paolo Sorrentino

‘È stata la mano di Dio’, storia di Fabietto, ragazzo della Napoli degli anni Ottanta che tra i suoi idoli ha Maradona, in gara per la statuetta
Netflix
1 gior

L’intervista a Diana al centro del quinto ‘The Crown’

Per gli sceneggiatori, e per i tabloid che ne riportano la notizia, sarà il momento chiave della quinta stagione delle vicende di Elisabetta e famiglia
Culture
1 gior

Peppo Brivio verso l’architettura concreta

Presentazione alla Biblioteca cantonale di Lugano del libro dedicato alle prime opere dell’architetto ticinese
Cinema
2 gior

Sono 55mila i film on demand proposti in Svizzera

Più di 21mila acquistati, quasi 24mila noleggiati e circa 9’500 proiettati su servizi di abbonamento e streaming. Sono i dati del 2019 in Svizzera
Massagno
2 gior

Deaver, Vitali, Vanzina e ‘Tutti i colori del giallo’

Con Harald Gilbers, Wulf Dorn e Natasha Korsakova, saranno gli ospiti della 17esima edizione, dal 22 al 26 novembre al Lux di Massagno
Culture
2 gior

Alla ticinese Sabina Zanini il Premio Studer/Ganz 2021

Il testo della giornalista e scrittrice di Sorengo è stato scelto fra i 21 pervenuti alla giuria di esperti: ‘Una voce narrante nitida’
Cinema
2 gior

Lugano Animation Days, lo Studio Foce è ‘in motion’

Dal 29 al 31 ottobre, tre giornate dedicate alle produzioni nazionali più significative prodotte negli ultimi decenni. Ospite: Elie Chapuis
Scienze
2 gior

Osservato il primo pianeta fuori dalla nostra galassia

Chiamato al momento M51-1, sarebbe grande all’incirca come Saturno e si trova nella galassia Messier 51, a 28 milioni di anni luce di distanza
Spettacoli
2 gior

L’ultimo tour di Elton John farà tappa anche a Berna

Il tour di addio ai concerti del cantante britannico, oltre che a Zurigo, arriverà nella capitale il 1° giugno 2022
Pensiero
2 gior

Coltivare il dubbio restando con i piedi per terra

Massimo Polidoro ci presenta ‘Pensa come unə scienziatə’, una guida al pensiero critico tra bias cognitivi e social media
Teatro San Materno
2 gior

Come sopravvivere a una mamma siciliana (anche ad Ascona)

Martedì 26 e mercoledì 27 ottobre, ‘Aspettando Manon’, spettacolo scritto da Luca Mazzone tratto dal libro di Alberto Milazzo. In scena, Giuseppe Lanino
Colazioni letterarie
2 gior

Al Lac ‘Le battaglie di una vita’ di Pietro Martinelli

Il volume edito da Casagrande presentato sabato 30 ottobre alle 11 nella Hall del Lac con Roberto Antonini
Spettacoli
2 gior

Finzi Pasca torna al Lac con ‘Nuda’

Presentata la nuova produzione della compagnia, tratta dal romanzo pubblicato nel 2014
Scienze
2 gior

Vaccino Moderna: risultati positivi sui bambini

Le prove cliniche su 4’700 giovani dai 6 agli 11 anni ‘mostrano una risposta immunitaria forte’ con anticorpi ‘robusti’
Spettacoli
3 gior

Tragedia sul set: ‘Baldwin provava pistola contro telecamera’

Lo ha detto alle autorità il regista Joel Souza, rimasto ferito dal colpo sparato dall’attore statunitense, che ha ucciso la direttrice della fotografia
Scienze
3 gior

Stare più di cinque mesi nello spazio causa danni cerebrali

Analizzati i biomarcatori presenti nel sangue, ora serve stabilire la cause: assenza di peso? Cambiamenti nel fluido cerebrale? Stress?
Spettacoli
3 gior

Simpsons: ecco la Dottoressa Wendy Sage, sopravvissuta al tumore

Ipnoterapista, ha superato un cancro al seno e subito una mastectomia unilaterale: la voce del personaggio, dalla stessa sorte, è l’attrice Renee Ridgeley
Cinema
3 gior

‘One Leaf One World’ di Domenico Lucchini al Lux di Massagno

Il documentario creativo sulle artiste Francine Mury e Jiang Zuqing, legate dalla carta di gelso e di bambù, il 26 ottobre nella rinnovata sala
Spettacoli
3 gior

‘La valle dei mulini’ ispira la Passeggiata musicale al Lac

Ideata e prodotta dall’Osi in coproduzione con l’Associazione Oggimusica e Lac, l’edizione 2021 si tiene domenica 14 novembre dalle 14
Spettacoli
3 gior

Adam Ben Ezra, un fenomeno del contrabbasso

Appuntamento al Teatro del Gatto di Ascona con l’artista acclamato da critica e pubblico che mescola con ingegno sonorità dell’Occidente e dell’Oriente
Musica
 
23.05.2021 - 16:220

A spasso con Bob Dylan

Fa ottant’anni lunedì 24 maggio. Ci vorrebbe qualcuno che lo ha conosciuto. Chiedi a Ugo, l’autista.

[REC] Promemoria. Scrivere degli ottant’anni di Bob Dylan senza mai nominare “Il menestrello di Duluth” (questa non vale) o ‘Il menestrello del rock’ (nemmeno questa). Al massimo, Mister Tamburino, che è molto attuale, divertentissimo e più colloquiale. Oltre che geniale. Ecco, evitare anche “geniale”, che è un po’ come quando uno ha la ‘R’ moscia e gli dicono “Sai chi mi ricordi? Nino Buonocore!” (evitare anche questa, è stata già scritta su Ticino7). Evitare anche ‘all’anagrafe Robert Zimmerman’, per far vedere che conosci il cognome di Bob Dylan, che è come dire “all’anagrafe Clark Kent”. Perché dai, lo sanno tutti come si chiama Superman, all’anagrafe dei supereroi. E Bob Dylan è famoso almeno quanto Superman, anche se non vola. Forse. Perché sicuramente per qualcuno dei suoi fan Dylan può volare. Evitare anche “controcultura” e soprattutto ‘Maestro’, che ultimamente porta sfiga. Bob Dylan è più che sufficiente. O anche soltanto Dylan. Come Donovan. Che però già si faceva chiamare solo Donovan. Comunque: Dylan. Evitare anche l’espressione “Canzoni come ‘Blowin’ In The Wind’”, perché era sul canzoniere dell’oratorio insieme a ‘Symbolum ’77’, ‘Generale sopra la collina’, ‘Ad Auschwitz c’era la neve’ e sembra che conosci solo quella [STOP] 

‘Make You Feel My Love’ (anche ‘To Make You Feel My Love’) è la traccia 9 di ‘Time out of mind’, disco tre volte Grammy, miglior album folk contemporaneo, miglior performance vocale per ‘Cold Irons Bound’ e album dell’anno 1997. Prodotto da Daniel Lanois, fa parte di quei dischi di Dylan in cui le chitarre sono accordate e tutti vanno a tempo. Un giorno del 1997, quello che Billy Joel definisce “un emissario della Columbia dall’aria circospetta, come se si aspettasse di essere derubato proprio nel mio salotto”, gli porta a casa una cassetta; gli fa ascoltare quella futura traccia 9 e il pianista di Long Island accetta d’incidere il brano ancor prima che il suo autore lo faccia da sé.

‘To Make You Feel My Love’ non è l’ultima cosa inedita cantata da Billy Joel, il Bruce Springsteen ebreo, o “il Dylan di New York”, come lo ha chiamato LA Weekly. ‘To Make You Feel My Love’, ben prima della versione di Adele e della star del new coutry Garth Brooks, è idealmente l’addio di Billy Joel, che non pubblicava più – lui che disegnava splendidi quadri di vita americana, dagli operai di ‘Allentown’ ai reduci di guerra in ‘Goodnight Saigon’, fino agli italo-americani in ‘Scenes From An Italian Restaurant’ – una sola canzone inedita dal 1993. Per una convinzione, e cioè che “l’America ha un solo uomo legittimato a scrivere canzoni: Bob Dylan. Tutto il resto – incluso se stesso, evidentemente – non è indispensabile”. Canzoni come ‘Make You Feel My Love’; canzoni come ‘The Times They Are A-Changin’, cantata da Billy nel tour di Russia dell ’87 per muri che sarebbero caduti e tempi che stavano cambiando.

Tra i molti effetti provocati, il padre di tutti i cantautori e forse anche di tutte le cantautrici (per il politically correct, ‘cantautor*’) c’è evidentemente il blocco dello scrittore (i fan di Billy Joel sanno con chi prendersela) ma anche lo stimolo per tutti coloro che si ritengono o sono stati definiti discendenti di Bob Dylan, ottant’anni il 24 maggio nella immutata e quotidiana celebrazione di un mito terreno e, dal vivo, di una “esperienza mistifica” (dai commenti post-concerto a Locarno, 25 luglio 2015, in una Piazza Grande ricolma davanti all’ennesima tappa del suo Neverending Tour).

Celebration

Con l’approssimarsi del compleanno, si è scritto che a Dylan proprio non va giù che la sua carriera venga già “imbalsamata”, come detto a Paul Morley in ‘You Lose Yourself You Reappear: The Many Voices Of Bob Dylan’, libro uscito in aprile per aggiungersi alla sterminata bibliografia che lo riguarda (4mila titoli, libro più, libro meno). Vero è che la mobilitazione è comunque iniziata. Al Kaatsbaan Park di Tivoli, Stato di New York, Patty Smith – [REC] Evitare “La poetessa del rock” [STOP] – salirà sul palco in queste ore per cantarlo e recitarlo: “Scrissi un paio di poesie per Bob quand’ero più giovane”, ha annunciato Smith. “Vorrei fare qualcosa di speciale”.

Un nuovo album uscito in piena pandemia, ‘Rough and Rowdy Days’; la vendita del catalogo alla Universal Music per una cifra pari al fatturato annuale della Logitech (300 milioni di dollari); la mostra in Florida del Dylan pittore durante il lockdown, attesa in novembre al Frost Art Museum di Miami; e il nascente Bob Dylan Center di Tulsa, Oklahoma, che già ospita l’archivio del suo predecessore Woody Guthrie. Insomma, l’imbalsamazione è ancora un pensiero lontano nel tempo.

[REC] Chissà come dev’essere trovarsi di fronte a Bob Dylan ed esordire con: “Buongiorno Mister Tamburino. Come sta?”. Una volta un amico batterista fermò James Brown sotto il palco prima di un concerto in Sardegna e gli disse: “Hi James: do you feel good?” E le guardie del corpo lo guardarono male [STOP]

Come ti presento Ugo? Storico di Dylan? «Ma no, preferirei ‘appassionato dylanologo’». Che significa «passione e studio insieme, qualcosa che ha a che fare con il cuore e anche con altro». Passione che significa collezionismo discografico inerente Dylan sfrenato – «Lo definirei più ‘compulsivo’» – e tanti concerti visti – «Almeno una decina del Neverending Tour. Alcuni anche bruttissimi, ma l’ultimo all’Arcimboldi bellissimo...». L’appassionato dylanologo ha una storia di vent’anni fa, ripresa al tempo persino da Repubblica...


Ugo Buizza (per credibilità giornalistica)

Luglio 2001, Brescia Summer Festival

«Ho avuto la fortuna, o il karma, come mi disse un giorno Francesco De Gregori, di trascorrere due giorni con Bob Dylan, cominciati da quando Adolfo Galli (di D’Alessandro e Galli, promoter del festival, ndr) m’incaricò di accompagnare l’autista ufficiale all’albergo dove alloggiava Dylan, per portarlo poi in piazza Paolo VI, perché quell’autista non conosceva la strada. L’idea di vedere Dylan solo per pochi minuti mi ha fatto accettare subito l’invito. Dopo che il bodyguard gli presentò me e l’autista ufficiale, Dylan decise di allontanare l’autista, che dovette prendersi un taxi per tornare a casa, e d’incaricare me di guidare». Allontanare? Cortesemente o ‘alla Dylan’? «Beh, non proprio in malomodo, però con decisione. Disse al manager “Per favore, dì a questo signore di andare via”. Il motivo, sono sincero, non l’ho mai saputo. Magari, a pelle, quel tizio non gli stava simpatico».

In quel momento, Ugo Buizza, professionista bresciano che di mestiere non fa l’autista, esperto di musica ascoltata, scritta e parlata, in prima fila laddove suonino i songwriter e per questo motivo oggetto d’invidia locale, diventa chaffeur per un giorno (anzi, due) e prende possesso della vettura sulla quale c’è la storia della musica moderna in persona. «Tremando, portai Dylan in piazza Paolo VI, scambiando con lui due parole non di musica, chiedendogli solo come stesse, se fosse contento di essere in Italia. Giunto alle prove, pensai che la mia esperienza si fosse conclusa. E invece mi richiamarono: “Vuole che guidi tu, devi riaccompagnarlo tu”». E siccome anche ai futuri Premi Nobel a volte gli viene voglia di prendersi un cappuccino come a tutti noi mortali, «gli feci fare il giro della città, lo portai in un bar orrendo nel quale volle fermarsi a tutti i costi, fermai l’auto e con i lampeggianti accesi gli ordinai un cappuccino. E lì cominciai a chiacchierare, gli mostrai il Castello, le rovine romane, passando anche sotto casa mia e dicendogli che abitavo lì e avevo tanti dischi suoi. Lui s’interessò al periodo storico degli ascolti che lo riguardavano e il giorno dopo mi rivolle con sé».

E il giorno dopo, un autografo e altre quattro chiacchiere tra Ugo l’autista improvvisato e Bob il cantastorie in giro per le strade della Leonessa d’Italia. «Persona assolutamente educata e gentile, con un enorme carisma impossibile da non percepire, mani affusolate, unghie lunghissime. Trascorremmo il pomeriggio insieme, lo portai a sentire il concerto di Neil Young. Quando lo lasciai per l’ultima volta in albergo, mi chiese di bere qualcosa con lui, ma il manager m’impose di accompagnare il resto della band al ristorante, perché Dylan mangiava da solo. Mannaggia al manager...». Era domenica: «Il giorno dopo voleva che lo accompagnassi all’aeroporto, ma di lunedì io lavoravo e, a malincuore, fui costretto a declinare l’invito». Per assoluta coerenza con tutta questa storia, «l’amico che prese il mio posto per accompagnarlo all’aeroporto fu sostituito da Dylan a metà strada, e ci rimase malissimo». Si è mai saputo perché? «No. Forse parlò troppo di musica, non saprei. So solo che io preferii non parlare di musica, e non gli chiesi nessuna fotografia. Magari fu il restare discreto, e il parlargli come parlo con te adesso».

[REC] Per quella cosa della credibilità giornalistica, farsi spedire da Ugo Buizza una foto dell’autografo [STOP]

“To Ugo, Bob Dylan”, scritto in rosso su di un semplicissimo foglio di carta, sufficientemente grande per essere incorniciato insieme ai biglietti dei suoi concerti. «Vado fiero dell’autografo. È vero che il non avergli chiesto la foto forse fu decisivo per quei due giorni in giro per Brescia, ma un po’ l’avrei voluto un selfie con lui, anche se non erano ancora tempi di selfie. Chissà, magari avrebbe accettato. Ma ho preferito la discrezione». Pienamente ricambiata: «Lo ricordo tranquillo, flemmatico. Magari quando canta non lo capisci (ride, ndr), ma con me parlava in maniera molto chiara, con la palese intenzione di farsi capire da uno straniero…». E niente bizze o bronci da star: «A parte alcune tensioni con qualche fan inopportuno ai piedi del palco, ricordo che dopo le prove uscì dal van di sua iniziativa per andare verso la gente, sempre con un paio di bodyguard di tutto rispetto al seguito. Ecco, Neil Young fu decisamente più cattivo, alle prove nemmeno un cenno a quelli oltre le transenne…».

[REC] Ricordarsi di chiedere a Ugo Buizza una definizione di Bob Dylan da esperto di Bob Dylan, e i dischi da portare sull'isola deserta [STOP] 

«La sua importanza sta nel fatto di avere influenzato generazioni di cantautori senza essere un cantautore, ma qualcosa di diverso. E qualcosa di diverso, Dylan, lo sarà sempre. Non è inquadrabile, incasellabile, etichettabile. Detesto leggere “folk”, “canzone di protesta”. Dylan è tante cose. È spiegato nell’ultimo disco: dice “Io contengo moltitudini” (‘I Contain Multitudes’, traccia d’apertura di ‘Rough and Rowdy Days’, ndr), che è ovviamente una citazione poetica, ma è lui a contenere, effettivamente, moltitudini. Quanto ai dischi imprescindibili, ‘The Freewheelin’ Bob Dylan’, 1964, poi un salto di due anni per la svolta elettrica di ‘Blonde On Blonde’ e ‘Time Out Of Mind’. E in mezzo tutto il resto, da andare a cercarsi. E ce n’è tanto. E la cosa bella è che potremmo aspettarci tante sorprese anche oltre gli ottant’anni, finché la salute reggerà».

[REC] Ricordare a Ugo Buizza che lunedì è il compleanno di Bob Dylan [STOP]

«Sì, ma non celebriamolo troppo. Lo si farà poi. Per ora ascoltiamolo, che è sempre una festa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved