in-finale-a-eurosong-per-ora-l-universo-e-anche-svizzero
Gjon's Tears e i qualificati della seconda semifinale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 gior

La versione di Fiorella spiegata a Locarno

Sabato 2 aprile al Palaexpo Fevi, la tappa ticinese del tour di Fiorella Mannoia che prende il nome dal programma Rai.
Spettacoli
1 gior

Santoro SOLOinscena al Foce per ‘Edgar Allan Horror Poe’

Mercoledì 19 gennaio alle 19, con musiche dal vivo di Claudia Klinzing, Emanuele Santoro nel recital dedicato al grande autore statunitense
Culture
1 gior

‘Novecento’ di Baricco è la prima opera letteraria Nft

L’Nft (Non-Fungibile Token) è un certificato che attesta la proprietà e la provenienza di un asset digitale.
Scienze
1 gior

C’è vapore acqueo sul pianeta sosia di Nettuno

La scoperta, che porta la firma del celebre telescopio spaziale Hubble, potrebbe aiutare a ricostruire l’origine di TOI 674b, misterioso mondo alieno
Fumetti
1 gior

Tre milioni e 360mila dollari per una pagina di Spider-Man

Disegnata da Mike Zeck per il numero 8 di “Secret Wars” del 1984, presenta la prima apparizione dell’Uomo Ragno con il costume nero. Aggiudicata a Dallas.
Video
Musica
1 gior

La 97enne discepola di Rachmaninoff incide un album

Ruth Slenczynska fu enfant prodige. A 97 anni diventa una delle artiste più longeve: è in attività da oltre 90 anni.
Spettacoli
1 gior

Le canzoni di Sanremo: tanto amore, tanto ballo e una poesia

Le abbiamo ascoltate a Milano. Su ‘Lettera di là dal mare’ di Massimo Ranieri parte l’applauso; il resto (Morandi, Elisa, Mahmood) dignitosamente segue
Spettacoli
1 gior

Lella Costa al Sociale nel segno di Franca Valeri

Martedì 18 gennaio per la rassegna com.x ‘La vedova Socrate’ scritto dalla grande signora del teatro italiano scomparsa nel 2020
Spettacoli
1 gior

Morto il chitarrista e compositore Angelo Gilardino

Originario di Asigliano in provincia di Vercelli, aveva 80 anni
Spettacoli
1 gior

Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen

La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms
Scienze
2 gior

Archeologia, luce sulla preistoria dal Tibet

In un sito preistorico nella prefettura di Ngari ritrovati reperti risalenti a 8-10mila anni fa
Pensiero
2 gior

La storia delle pseudoscienze per conoscere la scienza

L’approccio storico è importante per restituire al discorso scientifico quella complessità che da sempre lo ha caratterizzato, scrive Marco Ciardi
Culture
2 gior

Premio urbanistico Wakker alla diversità di Meyrin

Il comune dell’agglomerato ginevrino ha vinto la 51ª edizione del premio assegnato da Patrimonio svizzero
Spettacoli
2 gior

Il 18esimo Steps è ‘un inno al mondo della danza svizzera’

Svelato il programma della 18a edizione del festival di danza del Percento culturale Migros. Tappe ticinesi in maggio al Lac e al Cinema Teatro di Chiasso
Culture
2 gior

Bari: è morta Chiara Samugheo, la fotografa delle dive

Nella sua lunga carriera, immortalò donne famose: da Liz Taylor a Monica Vitti, da Shirley MacLane a Sophia Loren, Claudia Cardinale, Gina Lollobrigida
Spettacoli
2 gior

Cocciante: ‘Non credevano in Notre Dame de Paris e sono 20 anni’

Presentata a Milano l’edizione del 20esimo, con l’autore delle musiche a raccontare la genesi di un’opera da 15 milioni di spettatori. A giugno al Lac
L’intervista
2 gior

E nella confusione, Balasso fa Ruzante

Due parole (anche tre) sul caos mediatico e un balzo nella campagna pavana del Cinquecento di Angelo Beolco, domani a Chiasso, sabato e domenica a Locarno
Scienze
3 gior

Il cervello quando parliamo con noi stessi

Ricercatori ginevrini sono riusciti a identificare alcuni segnali prodotti in questa circostanza, aprendo nuovi orizzonti per interfacce uomo-macchina
Eurovision Song Contest
21.05.2021 - 00:090

In finale a Eurosong: per ora l’universo è anche svizzero

Gjon’s Tears con la bella ‘Tout l'Univers’ canterà sabato per vincere. Ma attenti, un’altra volta (e vale anche per i Maneskin) ai metallari finlandesi...

Partiamo dalla fine e da una certezza: lo svizzero Gjon’s Tears – madre albanese, padre kosovaro – è in finale con ‘Tout l’Univers’. “Ho voluto trasmettere un messaggio di speranza, era importante per noi mantenere la speranza in questo particolare periodo. Non dobbiamo arrenderci e dobbiamo essere forti”. Canta in piedi sopra un tutto che si espande, o dentro un universo che torna a dilatarsi o qualsiasi altra cosa voglia dire la scenografia. Poco importa: ‘Tout l’Univers’ è la migliore canzone svizzera dai tempi del violino di Sebalter.

Ripartiamo dall’inizio. Prima di salire a bordo della nave dei folli, è già europea La2, che trasmette ‘Verso Uefa 2020’, pillole di avvicinamento agli Europei di un anno fa che si giocano quest’anno. Proprio come Eurosong, o Eurofestival (si possono dire tutti e due, sempre che si parli tra confederati o coi cugini italiani, lo ha detto Bertoglio), slittato di un anno e giunto ieri alla seconda semifinale. E prima che l’Europa inizi a cantare, la Uefa ci regala la splendida storia sportiva e umana del danese Kim Vilfort, che nel 1992 vinse da outsider il più bell’Eurovision di sempre, gli Europei di calcio, giocando e segnando nella finale contro la Germania dopo un vieni e vai da casa per stare vicino alla figlia Line, malata di leucemia (fine di ‘Verso Uefa 2020’; inizio di Eurovision Song Contest 2021).

Italia-Finlandia

A parte ai francesi (1,4% di share) e ai rumeni (in poco più di 100mila davanti alla tv), Eurosong piace a noi sopravvissuti, ancor di più dopo l’assai triste edizione 2020 autocommemorativa da piazze, palazzetti, studi tv e sale concerto deserte, un silenzio dominato da ‘Fai rumore’, il Diodato vincitore di Sanremo tutto solo nell’Arena di Verona a cantare una specie di bellissimo controsenso. Ma se la Svizzera ha confermato il suo Gjon, con la nuova canzone, Diodato non ci sarà: l’edizione 2021 consentiva alle nazioni di confermare i qualificati all’evento fantasma di un anno fa o cambiare le carte in tavola; e l’Italia, che a Eurosong è un po’ come la Juve in Champions (non vince mai), ha deciso di far valere la regola ‘Chi vince Sanremo fa l’Eurovision’. Forse per calare il poker, ovvero quei quattro splendidi tamarri dei Maneskin, lì per piacere ai metallari del Nord e vincere, finalmente, un trofeo sollevato l’ultima volta nientepopodimeno che da Toto Cutugno con ‘Insieme: 1992’.

Per Sorrisi e Canzoni Tv, organo ufficiale di Sanremo che in questi giorni dedica all’Eurovision ben quattro pagine, i Maneskin sognano un festival da Lordi, leggendario gruppo metal finlandese, quelli che nessun padre vorrebbe che la figlia ci andasse al cinema, band che nel 2006 scaldò i cuori dei metallari (che poi sotto sotto sono tutti dei teneroni) con ‘Hard Rock Hallelujah’, più che una canzone, un’installazione artistica. O un incubo. O una tamarrata. Ma se i Maneskin di ‘Zitti e buoni’ vorranno vincere, dovranno alzare un dito medio più in alto proprio della Finlandia. “Alza un bel dito medio”, cantano i Blind Channel: ‘Dark Side’, il violent pop dei rock-alternativi finlandesi, è la tradizione di chi ama picchiare sui tamburi e alzare gli amplificatori a palla, in un sacrificio metallico di corde vocali. L’Europa e i Maneskin sono avvisati.

Per te Eurovision continua

C’è ‘Adrenalina’ tra i 3’500 in sala, ed è quella che canta Senhit, bolognese dai colori eritrei sotto l’egida di San Marino insieme al rapper Flo Rida, che dall’alto delle vendite plurimilionarie fa il suo. La Grecia schiera la 20enne Stefania, attrice, youtuber, bimba prodigio: danza con l’uomo invisibile, sale scale invisibili, nel più semplice degli effetti visivi dai tempi di Amanda Lear; la sua ‘Let’s Dance’ non è quella di Bowie, per il quale non c’è effetto speciale che aiuti. Ma i votanti apprezzano. Il vestitino con frangette alla Raffaella Carrà, già visto indosso a Cipro, pare essere un must di questa edizione. La Raffa in questione è la moldava Natalia Gordienko (già ad Eurosong nell’anno dei Lordi), che regala il primo tunz-tunz come si deve della serata intitolato ‘Sugar’. E i votanti apprezzano.

Daði Freyr con i Gagnamagnið, nome permettendo, ci riportano con piacere e forse non troppo casualmente, visto l’abbigliamento, nell’Islanda all’Eurosong ricostruita da Will Ferrell in ‘Eurovision Song Contest - La storia dei Fire Saga’, imprescindibile parodia del concorso di cui abbiamo detto e ridetto (non avevamo detto della canzone ‘Husavik’, candidata all’Oscar anche qui non casualmente, in quanto bella). Il frontman, con tre piccoli Sandy Marton alle spalle, canta ‘10 Years’, e l’aria nei capelli è la chicca del primo grazioso, vincente momento simpaticamente, moderatamente kitsch. Le serbe Hurricane, tutte vecchie conoscenze di Eurosong se prese singolarmente, cantano ‘Loco Loco’, secondo momento veramente kitsch, condotto a colpi di messe in piega e movimenti di bacino in un generale abuso di femminilità. Altri ventilatori per la statuaria Anxhela Peristeri in calze contenitive per cantare in albanese ‘Karma’. Pedro Tatanka dei The Black Mamba attacca per il Portogallo la splendida, rilassata, hendrixiana ‘Love Is On My Side’ (prima canzone in mezzo a molti inni pompati all’inverosimile). C’è gloria anche per la stella nascente bulgara Victoria, che canta graziosamente ‘Growing Up Is Getting Old’, ispirata dai suoi affetti più cari.

Restano fuori dai giochi Estonia, Repubblica Ceca, Austria, Polonia, Georgia, Lettonia, Danimarca. Ma nessuno griderà allo scandalo. A Eurovision non c'è il Var. Da Rotterdam è tutto, a voi Bellinzona.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved