coi-tempi-che-tirano-bentornato-marco-zappa-friends
Da sinistra: Marco Zappa, Mattia ‘Mad’ Mantello, Nic Angileri e Oliviero Giovannoni (foto: Luciano ‘Buci’ Bignotti)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore

‘Maus’ al bando in Tennessee: il provveditorato si difende

Dopo la decisione di rimuovere la graphic novel sull’Olocausto dai piani di studio: ‘È un libro per adulti, inadatto a ragazzi di terza media’
Culture
6 ore

Marco Poloni alla guida del CISA

Domenico Lucchini si congeda dal Conservatorio internazionale di scienze audiovisive alla fine dell’anno accademico in corso.
Culture
7 ore

Cinema Teatro Chiasso, annullata la ‘Soirée Russe’

Casi di positività al Covid fra gli artisti impegnati fanno saltare lo spettacolo previsto per domani, sabato 29 gennaio alle 20.30
Spettacoli
15 ore

‘La mia vita raccontata male’, Claudio Bisio a Chiasso

Sabato 5 febbraio alle 20.30 e domenica 6 febbraio alle 17, al Cinema Teatro, attingendo dal patrimonio letterario di Francesco Piccolo
Culture
15 ore

Online i pesci fossili del Museo di Storia naturale di Neuchâtel

Sulla piattaforma di Wikimedia Commons estratti di una collezione che prese il via negli anni Trenta del 1800 grazie al naturalista svizzero Louis Agassiz
Cinema
15 ore

Campion, Spielberg, Branagh tra i candidati al premio regia DGA

La Directors Guild of America ha scelto i candidati al suo premio per il miglior regista, indicatore per gli Oscar
Culture
16 ore

‘La luna nel baule’, Dell’Agnola da qui a Friburgo

Il romanzo trilingue di Daniele Dell’Agnola atteso da una rilettura scenica ad opera della compagnia ‘Il teatro degli incamminati’ di Milano
Rsi
18 ore

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
1 gior

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
1 gior

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
1 gior

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
1 gior

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
1 gior

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
1 gior

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
1 gior

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
Culture
1 gior

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.
Culture
1 gior

Spotify rimuove la musica di Neil Young dopo polemica col no-vax

Le accuse a Joe Rogan di diffondere fake news e il successivo ‘o io o lui’. Il cantante è accontentato: rischia di perdere il 60% dei proventi streaming
Musica
 
18.05.2021 - 05:300

Coi tempi che tirano, bentornato Marco Zappa (& Friends)

Una nuova band, un live al Dimitri e un brano, ‘QuantaVogliaDiRipartire’, diventato ‘TorniamoACantare’, condiviso con colleghi artisti ansiosi di ricominciare.

L’ultimo Marco Zappa pubblico risale al 6 dicembre scorso, per lo showcase di ‘CuiTémpCheTira!’, libro multimediale al tempo fresco di pubblicazione, ma anche oggi, visto che dopo quel concerto tutto si è fermato. Alla Rsi, figli al seguito (Daria e Mattia), Zappa aveva avuto giusto il tempo per presentare le canzoni dell'album del suo lockdown e di quello della moglie Elena, all’interno di una puntata di ‘MusicaViva’ (scritto tutt'appiccicato, forse in onore del cantastorie di Sementina). Quella summa zappiana da 180 pagine che include musica (cd) e testi, i disegni di Adriano Crivelli e partiture per voce, violino, violoncello, chitarra e basso, torna ora d’attualità. Il prossimo 23 maggio, il Teatro Dimitri ospita Zappa insieme a una nuova MarcoZappaBand (tutt’attaccata anch’essa). Perché le canzoni di ‘CuiTémpCheTira!’, così come successe ai tempi di ‘Change’ (1974) sono tutte suonate dal polistrumentista Zappa al quale, per una questione di numero massimo di arti superiori – due – serve qualcuno che dal vivo suoni tutto il resto. E quel qualcuno sono Oliviero Giovannoni alla batteria, Nic Angileri al basso e Mattia ‘Mad’ Mantello alla chitarra, quest’ultimo a portare più rock e più blues a una proposta, quella zappiana, ultimamente assai acustica.

«Abbiamo lavorato intensamente a nuove versioni di questi brani – racconta l’artista alla ‘Regione’ – e le testeremo domenica al Dimitri», primo appuntamento di un nuovo tour, al netto dei teatri che hanno appena riaperto e stanno ‘smaltendo’ i palinsesti sospesi. «Sono di ottimo umore perché abbiamo fatto un grande lavoro di prova e preparazione, la band gira bene, è una sintesi di varie tendenze musicali, dal jazz al blues al rock, alla canzone d’autore», che va a sposarsi con quanto contenuto in ‘CuiTémpCheTira!’, diventandone «la versione concreta». Ancor più concreta quando del cd uscirà la sua versione 2.0, con la registrazione della Rsi mista alle sovraincisioni della MarcoZappaBand, per una visione completa della stagione 2020-2021.

Euforia e pseduo euforia

In casa Zappa c’è l’entusiasmo delle prove, quello impagabile, dopo un anno e mezzo in cui, in verità, Marco non è stato fermo un attimo: «Di fronte a una circostanza come quella che abbiamo vissuto, o buttavi all’aria tutto oppure ottimizzavi, per creare qualcosa». Tutti i brani – da ‘AspettandoDiVolare’ alla riedizione di ‘Change’ con Giovannoni alla batteria — sono nati da «momenti concreti di pandemia, compresa la pseudo euforia di esserne fuori». E compresa ‘QuantaVogliaDiRipartire’, diventata di recente ‘TorniamoACantare’, brano in origine quasi esclusivamente strumentale, ora affidato ai nuovi strumentisti e a una serie di ‘Friends’: Elena, Dario e Mattia Zappa in primis, e poi Valentina Londino, Lara Lanzi, Mattia Mirenda+Esther Rietschin+Mauro Garbani dei Vent Negru, Matteo Pisoni (Eleonor), Andrea Zinzi e Luca Imperiali (MakePlain), Beniamino Gubitosa.

Tra le liriche tutte nuove portate dai ‘Friends’, e nel pieno di un lavoro (anche video) che ha ancora le caratteristiche ‘da pandemia’ – «È tutto fatto con i mezzi artigianali a disposizione, non è arrivata nessuna troupe da Hollywood» – punto fermo è quel “Quanta voglia di ripartire, di riprendere il cammino”, un percorso decisamente impantanatosi a dicembre, quando Zappa parlò alla ‘Regione’ di quel bene per alcuni non essenziale chiamato ‘cultura’. «La situazione resta grave», conferma oggi. «Ho momenti di serenità e altri in cui penso che tra un paio di settimane suoneremo a Zurigo per 27 persone. Ma l’accettiamo così com’è. La cultura dà fastidio quando ti critica, quando critica il sistema, e lasciarla sopire è convenuto a molti. Penso ai concerti-pilota di Barcellona e Liverpool, che hanno dimostrato come il virus non si trasmette con la musica, e nei teatri. Chi dovrebbe decidere in questo senso, di musica non sa nulla, semmai sa molto di economia e la cultura non è economia, non fa soldi. Anzi, ne richiede. Insomma, la musica non è un campo nel quale un politico si mette a perdere tempo». Un pensiero per i musicisti: «Ho sempre in mente un disegno, non ricordo di chi sia: c’è un palco con sopra i musicisti che hanno il privilegio di suonare ancora; sotto, una moltitudine dantesca che cerca di riconquistare la scena e chi è sul palco picchia con un martello le dita di quelli sotto. Ecco, spero si torni a dare spazio a tutti...».

Medicine elettromeccaniche

Da qui a fine anno, Zappa girerà il Ticino con puntate a Zurigo; in settembre è atteso a Lucca, in Puglia e in Albania; in dicembre a Gstaad, St. Moritz e Basilea. Restando a domenica, restando al Dimitri. Lo spettacolo è stato rodato al Cinema Teatro di Lamone, compreso l’inedito ‘Grazie Guglielmo’, un arrangiamento del Guglielmo Tell di Rossini che finirà nel nuovo disco, una cosa tra il (musicalmente) serio e il (letterariamente) faceto: «C’è del sarcasmo per il tempo perso per i vaccini, ma anche un grazie perché ora le cose funzionano meglio. E un invito a non dormire sugli allori, anche se siamo la Svizzera ricca e avvantaggiata rispetto ad altri posti del mondo».

Il vaccino, a proposito: «Ho un Hammond con Leslie nel locale prova, recuperato nei Grigioni, e mi sto curando dai postumi del vaccino», chiude Zappa con aneddoto musical-familiare; «Se di notte non riesco a dormire mi alzo, accendo la lucina sull’Hammond e me lo suono nella semioscurità. Dopo un quarto d’ora sto da dio e torno a dormire. Sai, sono quelle medicine elettromeccaniche che quando le assumi sei a posto con tutto…».

© Regiopress, All rights reserved