sweat-tre-giorni-nella-vita-di-una-influencer
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
58 min

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
16 ore

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
18 ore

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
18 ore

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
23 ore

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
23 ore

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
23 ore

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
1 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
1 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
1 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
1 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Spettacoli
13.05.2021 - 11:440

‘Sweat’, tre giorni nella vita di una influencer

Nei cinema il ritratto di una motivatrice del fitness e star di Instagram, ma il film del regista Magnus von Horn convince solo in parte

Chi è Sylwia Zajac? Una motivatrice del fitness, una influencer, un’imprenditrice, una donna sicura di sé, un’esibizionista emotiva. O più semplicemente il personaggio inventato da Magnus von Horn dopo che una vera fitness trainer e influencer non ha risposto alla richiesta del giovane regista svedese, ma formatosi in Polonia, di fare un film su di lei. Così il suo ‘Sweat’ – selezionato al Festival di Cannes 2020 e ora nelle sale ticinesi, in programmazione all’Otello di Ascona e prossimamente anche al Cinema Teatro Blenio – ha come protagonista un personaggio inventato da lui e dall’attrice Magdalena Kolesnik che, come ammette lo stesso regista, si è impadronita di Sylwia Zajac dandole vita e spessore. “Magda non aveva nemmeno Instagram all’epoca, ha passato un anno in palestra e molto tempo sui social media per entrare nel ruolo. (…) Quando mi sono perso sul set, so che potevo sempre contare sul supporto di Magda” si legge nelle note di regia. Affermazione che lascia lo spettatore con il sospetto che quel che c’è di non stereotipato, nel personaggio di Sylwia , sia opera di Magdalena Kolesnik, mentre la parti più scontate si debbano a Magnus von Horn. Il regista, da osservatore passivo sui social media e persona tendenzialmente riservata, fatica evidentemente a entrare in un mondo non suo ma che lo ossessiona – si tratta, di nuovo, di sue affermazioni – e così resta sulla superficie, incapace di andare a fondo nei temi su cui ha deciso di lavorare. L’autenticità delle emozioni che si incarnano in video online, la commistione tra vita privata e pubblica che porta a costruire un’immagine di sé di cui non si è più padroni: questioni che vengono affrontate in maniera anche molto interessante – prestate attenzione a quando Sylwya viene fermata da una fan al centro commerciale – ma che alla fine rimangono lì, come sospese.

‘Sweat’ si presenta come un ritratto, uno scorcio quasi documentaristico di tre giorni della vita di Sylwia: gli esercizi di fitness che puntano più alla psiche che al fisico perché il vero problema non sono muscoli e grasso ma la motivazione; le discussioni con gli sponsor preoccupati per la coerenza tra i propri prodotti e l’immagine pubblica di Sylwia; un video diverso dal solito, in cui parla apparentemente a cuore aperto della propria solitudine; un molestatore che si insedia sotto casa sua masturbandosi in auto; la festa di compleanno della madre ma che al centro dell’attenzione vede Sylwia e il suo successo; un’intervista in una popolare trasmissione televisiva per parlare di sé stessa e della sua attività. Di materiale, come si vede, ce n’è tanto, tutto interpretato molto bene da Magdalena Kolesnik alla quale la riuscita del film deve molto. Peccato che il regista punti soprattutto sulla figura forse meno interessante, lo stalker che sarà protagonista di una disavventura che, nelle intenzioni di Magnus von Horn, dovrebbe far maturare Sylwia, portarla a un cambiamento interiore per quanto magari temporaneo. Una sfumatura moralisticheggiante che poteva benissimo risparmiarsi.

Se come autore e sceneggiatore Magnus von Horn non risulta del tutto convincente, è invece da lodare per il bel lavoro di regia: il film è segnato da continui cambi di registro, un miscuglio di generi che arrivano su schermo in maniera armoniosa e unitaria. La storia viene raccontata con quella che Magnus von Horn definisce “una telecamera intima e mobile”, un po’ seguendo la lezione del movimento Dogma 95 di Lars von Trier, un po’ lo stile dei video su Instagram.

Un lavoro interessante, ‘Sweat’: per quanto riuscito a metà, è capace di evocare un mondo, quello “dei social”, e le sue contraddizioni, anche se non a mettere a fuoco il tema. Viene da chiedersi come sarebbe venuto, il film, se la vera influencer avesse risposto alla mail di Magnus von Horn. Forse avremmo un lavoro più autentico, anche se verosimilmente ‘Sweat’ sarebbe diventato un documentario come ce ne sono tanti; anche perché non avremmo avuto la brava Magdalena Kolesnik.

© Regiopress, All rights reserved