Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
0
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
1 set
(0-0)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
era-il-bel-nick-kamen-idolo-del-pop-anni-80
Nick Kamen, 1962-2021
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno Film Festival
1 ora

Animazione italiana per i 50 anni di Festival in Piazza Grande

Il 12 agosto, 'Yaya e Lennie - The Walking Liberty', nuovo film del pluripremiato Alessandro Rak, è tra le prime mondiali scelte per festeggiare la ricorrenza
Culture
5 ore

Pro Helvetia: 'Pari opportunità ancora lontane nella cultura'

Le donne sono 'nettamente sottorappresentate, sia a livello di direzione strategica e artistica che sui palcoscenici e nelle esposizioni'.
Cinema
7 ore

Sfigato, vessato, e adesso anche restaurato: torna Fantozzi

Grazie al lavoro della Cineteca di Bologna, il primo episodio diretto da Luciano Salce tornerà sul grande schermo
Teatro San Materno
7 ore

Gran finale con Loibner e Rajoub, ghironda e sassofoni

Domenica 27 giugno alle 17 ad Ascona s'incontrano la vecchia musica europea s’incontra con la tradizione musicale araba
Musica
7 ore

Trio Los Locos, il sudamerica al Teatro di Banco

‘Il sole del Sur’ è la proposta di domenica 27 giugno a Bedigliora: sul palco, Manuele Colacci, Miguel Jimenez e Gregorio Di Trapani
LongLake Festival
8 ore

Blues to Bop Bonsai da Battiston a Kirk Fletcher a Max Prandi

Live show e anche masterclass: raffica di concerti da giovedì 24 giugno in poi per la versione ridotta dello storico appuntamento luganese.
Musica
8 ore

‘Le brutte intenzioni, la maleducazione’: il giudice vs Morgan

‘Illecita la deformazione del testo letterario di 'Sincero', dice il Tribunale di Milano: l’artista ‘cessi future associazioni al testo di Bugo modificato’
Cinema
20 ore

Nastri d'argento al femminile: 5 premi a 'Le sorelle Macaluso'

Cinque premi a ‘'Le sorelle Macaluso' di Emma Dante, che si aggiunge al già annunciato ‘Miss Marx’ di Susanna Nicchiarelli, Nastro dell'anno.
Culture
22 ore

L’indotto culturale ticinese vale milioni

Presentato il rapporto del Bak sull’impatto economico del settore culturale: ogni franco investito ne valeva, prima della pandemia, 2,58
Culture
1 gior

'Fare fuoco': Daniele Garbuglia alla Casa della Letteratura

Online e su YouTube, giovedì 24 giugno alle 18.30. A interrogare lo scrittore sulla sua produzione letteraria sarà Fulvio Panzeri
Cinema
1 gior

Cannes: a Marco Bellocchio la Palma d'oro alla carriera

'Ha rivoluzionato l'ordine stabilito', dice Pierre Lescure, presidente; 'Onorarlo è inevitabile, un gioco da ragazzi', gli fa eco Thierry Frémaux, delegato generale
Musica
05.05.2021 - 16:020
Aggiornamento : 21:28

Era il bel Nick Kamen, idolo del pop anni '80

Lanciato da uno spot Levi's, Madonna scrisse la sua hit ‘Each Time You Break My Heart’. Nel 2018 aveva annunciato di essere in cura per un tumore.

Aveva soltanto 59 anni e per i molti assaliti periodicamente da nostalgie adolescenziali, Nick Kamen ne ha sempre avuti più o meno venti, come nella copertina dell'album che porta il suo nome. Nel 2018, su Instagram, aveva annunciato il suo essere in cura per un tumore al midollo osseo. Tre anni dopo, il modello e cantante è deceduto. Britannico, nato nell'Essex il 15 aprile 1962, all'anagrafe Ivor Neville, Kamen divenne famoso in tutto il mondo nel 1985 grazie allo spot dei jeans Levi’s 501: dentro una lavanderia a gettoni, sulle note del classicone Motown ‘I Heard It Throught The Grapevine’, il poco più che ventenne modello si toglieva i jeans e li metteva nella lavatrice, restando in boxer ad aspettare il risciacquo, tra l'euforia (e qualche imbarazzo maschile) degli astanti. Un mini strip che farà il pari, dieci anni dopo, con il carpentiere della Diet Coke, sotto gli occhi e gli occhiali delle impiegate di un ufficio, forse, newyorkese.

Dagli scarti di ‘True Blue’

Ma il modello della Diet Coke è un altro. Restando alla musica. Sul giovane Nick, grazie a quello spot, ci vede lungo Madonna che, fresca di consacrazione da ‘Like A Virgin’, si prende carico della realizzazione del primo singolo di Kamen intitolato ‘Each Time You Break My Heart’, nelle top ten dei principali mercati discografici europei e segnalato da Billboard tra le cose ‘degne di nota’. Il brano è scritto e prodotto dalla signora Ciccone (che fa i cori insieme a Siedah Garrett) e da Stephen Bray, e arriva direttamente dalle session dell’album ‘True Blue’, dapprima relegato negli scarti e infine recuperato e ceduto al giovane britannico. È il novembre del 1986 e di lì a poco verrà dato alle stampe l'album ‘Nick Kamen’ (1987), aperto da un evergreen di Sam Cooke, ‘Win Your Love’, puntellato da ‘Loving You Is Sweeter Than Ever’, rivisitazione di un vecchio successo dei Four Tops firmato anche da Stevie Wonder, e da ‘Come Softly To Me’, ulteriore attingere dagli anni Cinquanta nell’ottica di un più generale e assai visivo ‘ammiccare’ a Elvis, in un tripudio di giovani teenager urlanti a ogni apparizione pubblica che rimanda al re del rock and roll o agli isterismi beatlesiani. Affidato a Patrick Leonard, produttore di Madonna, nel 1988 arriva ‘Us’, secondo album aperto dal singolo ‘Tell Me’ (con la signora Ciccone nuovamente ai cori) a chiudere gli anni '80, con l'Italia che tributa all'artista il consenso più caloroso in termini di fan e di vendite.

Il day after

I Novanta di Kamen sono altro. Sono gli anni degli album ‘Move Until We Fly’ (1990) e ‘Whatever, Whenever’ (1992), disco dopo il quale la popolarità del cantante calerà definitivamente, imprigionato nel day after del successo clamoroso. Quel mito di bellezza, che è sempre arrivato prima della musica, tornerà a rivivere saltuariamente tra il gossip – il matrimonio con la fotografa inglese Amanda de Cadenet, di casa a Los Angeles, da cui il trasferimento sulla West coast – la copertina di Vogue nel 2002 e i non tantissimi tributi musicali, su tutti il singolo ‘I Promised Myself’, dall’album del 1990, rigenerato nel 2003 dalla band svedese A*Teens.

Chiuso il momento pop, Nick Kamen si era dedicato alla pittura e alle produzioni audio e video indipendenti. Oggi, a poche ore dall sua dipartita, è oggetto di un sentito R.I.P. anni Ottanta di grandi nomi: “All’uomo più dolce e più bello”, scrive l’amico Boy George su Instagram; John Taylor dei Duran Duran lo ricorda come uno degli uomini più piacevoli e gentili da lui conosciuti; Tanita Tikaram, autrice della splendida ‘Twist In My Sobriety’, scrive su Twitter: “Era gentile e dolce, ha illuminato il mondo con la sua straordinaria bellezza”.

© Regiopress, All rights reserved