a-vision-du-reel-l-umanita-sperduta-di-ostrov
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
8 ore

Addio a Miss.Tic, celebrità della street art

Fu antesignana dei graffiti, prima osteggiata poi rivalutata. Si è spenta all’età di 66 anni.
Scienze
12 ore

I pianeti con due soli ospitali per la vita

Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Culture
13 ore

Storia di mali, traditori, assassini e uomini giusti

‘Un fatto umano’ racconta la storia del pool antimafia attraverso un bestiario chiamato a dare forma al peso etico-morale degli uomini che rappresenta
Spettacoli
14 ore

Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano

Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
The deep NEsT
18 ore

Vera Gheno, sociolinguista, nel nido di Bandecchi e La Rosa

Incontrata in occasione del festival ‘Generando’, è l’ospite della nuova puntata (su YouTube, Spotify e sul sito www.thedeepnest.com)
Spettacoli
19 ore

Radio Italia, in 50mila in piazza del Duomo (assetati compresi)

Polemiche sul web dopo il concertone: ‘Lasciati senz’acqua per ore’. Soccorsi in 210, riferisce la Questura
Società
20 ore

Un cinema itinerante per i bimbi ucraini

In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
20 ore

Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due

La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
Culture
21 ore

Quando il cinema racconta la storia e toglie le speranze

Solo a Cannes può succedere che un film, con la franchezza che esiste solo nel grande Cinema, chiuda tragici episodi di Storia o li apra
Spettacoli
1 gior

Cyrille Aimée: ‘Vivo il momento presente, come gli zingari’

La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
1 gior

Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’

I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
1 gior

Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso

Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
16.04.2021 - 22:18

A Vision du réel l’umanità sperduta di Ostrov

Al festival di Nyon il documentario di Laurent Stoop e Svetlana Rodina su un’isola abbandonata a sé stessa nel Mar Caspio

“Vuoi fare un giro in barca con me? Guarda che se ci becca la guardia costiera siamo fregati”. È sulla piccola imbarcazione di Ivan, pescatore nel Mar Caspio, che inizia ‘Ostrov’, documentario scritto e diretto da Laurent Stoop e Svetlana Rodina, una delle due produzioni svizzere nel concorso internazionale del festival Vision du réel di Nyon, online su www.visionsdureel.ch.

Curioso come entrambi i film – l’altro era ‘The Bubble’ di Valerie Blankenbyl di cui abbiamo scritto ieri – parlino, seppur da prospettive diverse, di isolamento: là un gigantesco complesso residenziale per ricchi pensionati in Florida, qui una sperduta isola russa. Non è sempre stato così: fino agli anni Ottanta Ostrov – letteralmente “l’isola” – ospitava una ricca e numerosa comunità di pescatori di storioni e disponeva di tutte le infrastrutture necessarie per una vita agevole. Poi l’Unione sovietica è crollata e Ostrov è rimasta abbandonata a sé stessa, arrivando a una piccola comunità di una cinquantina di persone senza elettricità, senza strade, senza strutture sanitarie, che vive di quel che riesce a pescare. Clandestinamente, perché la licenza di pesca è impossibile da ottenere e periodicamente arrivano dei soldati a tagliare le reti da pesca. Lo scenario è da film post-apocalittico, e a suo modo lo è.

Tutto è nato – si legge nelle note di regia – da una fotografia che ha colpito Svetlana Rodina, regista russa da qualche tempo emigrata in Svizzera: mostrava le rovine di un’imponente costruzione, la Casa della cultura sovietica di Ostrov distrutta da un incendio doloso negli anni Novanta. Ad aver stupito Laurent Stoop, invece, è come sia cambiata la Russia, come le energie democratiche degli anni Novanta abbiano lasciato il posto al nazionalismo e a sentimenti antioccidentali. E, osserva Stoop, per comprendere l’isolamento della Russia di oggi, cosa di meglio di una piccola comunità isolata dai tempi della caduta dell’Unione sovietica? I due registi hanno trascorso quasi due anni con Ivan e gli altri abitanti di Ostrov e nei novanta minuti del documentario si percepisce il grande lavoro che hanno fatto, per avvicinarsi a quello strano mondo e per raccontarlo senza cedere a sentimentalismi o moralismi (basti citare la dignità con cui hanno riportato la morte dell’anziano capofamiglia), mostrando senza giudizi la diffidenza verso le autorità corrotte e lontane che si salda con la profonda ammirazione per Putin, nel quale vengono riposte le speranze di ritrovare una grandezza perduta. Sembra paradossale, raccontare qualcosa di universale partendo da un’isola sperduta nel Mar Caspio, ma i due registi vi riescono e il loro documentario merita una visione.


Non ci sono più i mammut di una volta

Sempre nel concorso internazionale di Vision du réel troviamo ‘Holgut’ della belga Liesbeth De Ceulaer che ci porta in una tundra colpita dal riscaldamento globale. Qui lo scioglimento del permafrost porta a due fenomeni curiosamente intrecciati: da una parte la scomparsa della renna selvatica, animale simbolo di questo ecosistema e ora creatura quasi mitica oggetto dei racconti degli anziani; dall’altra l’emergere, dalla terra non più congelata, di resti dei mammut. Ossa, perlopiù, ma con un po’ di fortuna anche qualche pezzo di pelle o di carne, magari con il sangue ancora congelato: materiale prezioso per tentare la clonazione, per riportare in vita una specie estinta, quasi un modo per tornare indietro nel tempo.

Con questo materiale Liesbeth De Ceulaer realizza un documentario che corteggia la fantascienza di Kubrick e Tarkovski, seguendo i sogni di un giovane della comunità jakuta, sospeso tra una tradizione, quella della caccia alle renne selvatiche, che scompare e il ricomparire delle vestigia di un passato estinto. Il tema è intrigante per le prospettive che apre, ma alla fine tutto viene risolto con belle immagini della tundra siberiana che – sarà anche colpa del non poterle vedere in una sala cinematografica – non bastano a farne un film memorabile.

Leggi anche:

Visions du Réel, fuori e dentro la bolla di Valerie Blankenbyl

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
documentario laurent stoop svetlana rodina vision du réel
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved