rocco-tanica-gli-elii-e-casadei-nei-giorni-delle-rimini-tapes
Joint venture tra Complessini sul Duomo di Milano (foto: Massimo Rana Photo - Frontstage - Instagram: @massimo.rana.photo)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
8 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
12 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
20 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
2 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
2 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
2 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
2 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
2 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
2 gior

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
2 gior

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Musica
laR
 
14.03.2021 - 21:51
Aggiornamento: 23:06

Rocco Tanica: gli Elii e Casadei nei giorni delle Rimini Tapes

Nel 1996, uscita da Sanremo, 'La Terra dei cachi' degli Elio e le Storie Tese ebbe versione feat. Raoul Casadei e l'Orchestra Italiana. Il ricordo del pianolista.

La didascalia: ‘Cesenatico 1975’. Una foto del piccolo Sergio Conforti, da grande Rocco Tanica, chiude l'imprescindibile ‘Lo sbiancamento dell'anima’, autobiografia in musica del pianolista degli Elio e le Storie Tese, che nel capitolo ‘T'aspetto a Cesenatico’ regala un poetico momento di mal de vivre della pubertà (“Mentre il punk esplodeva negli Usa e nel Regno Unito, a Cesenatico – allora provincia di Forlì – aveva luogo La Grande Truffa Della Colonia Estiva“). Tornerà, la Riviera Romagnola, nella vita del Conforti e dei suoi compagni di musica gli Elio e le Storie Tese, che il fotografo Masssimo Rana immortala nel 1996 in Piazza della Scala di Milano e in cima al Duomo, sempre di Milano, con il Re del Liscio Raoul Casadei. L'occasione: ‘La Terra dei cachi  - The Rimini tapes’, una joint venture tra complessini uscita poco dopo il successo sanremese degli Elii, consacrati dal grande pubblico in un ritratto del Belpaese divenuto poi storia d'Italia.

Rocco Tanica: come nacque la collaborazione con Casadei?

Nacque da un'idea loro. In quel momento, in un cammino durato anni, l'Orchestra Casadei stava evolvendo dalla formazione classica e da un repertorio orientato alla musica da ballo e d'intrattenimento verso una forma più moderna. Avevano cambiato parte della formazione, era entrato Mirko, il figlio di Raoul, e a Mauro Ferrara, oggi cantante degli Extraliscio, si era aggiunto Moreno Il Biondo, cantante e clarinettista anch'egli, oggi, parte degli Extraliscio. Quella di Raoul era la voglia di sposare un brano di realizzazione recente e di successo com'era il nostro, ma in modalità meno intricata di quanto l'avessimo concepito noi. La versione dell'Orchestra Casadei è più lineare, senza ghirigori e cambi di tempo, è una versione semplificata, più spensierata della nostra. Evidentemente, Raoul aveva colto il potenziale della melodia accattivante, da cui la loro versione.

Che persona era Raoul Casadei?

Un ricordo che ho di lui è l'entusiasmo costante, una persona di un'energia che non ti aspetti. Era come Gianni Morandi, sempre sul pezzo. Anche fuori dal palco, Casadei era Casadei: riconosciuto dalle signore e dal pubblico per strada, si fermava a fare la foto con tutti, con lo stesso atteggiamento solare, termine che aveva coniato per la sua musica, che aveva sul palcoscenico. È stato bello constatare questa continuità tra la musica e l'uomo.

In qualche modo, gli Elii lo celebrano in ‘Valzer Transgenico’, il vostro episodio più liscio-oriented...

Più che omaggiare Casadei, abbiamo cercato di omaggiare il genere, un tipo di musica, è innegabile, che si sintonizza su una stazione radio mentale più serena e meno caotica. Al di là dell'imprinting di Cesenatico da bambino, che mi ricordava momenti difficili, a me il liscio ha sempre comunicato allegria, semplicità e una componente sexy mica da ridere, già da ragazzino. Mi veniva automatico accostare quel tipo di spensieratezza a quella che presumevo fosse la disinvoltura delle ragazze, che imparai a conoscere con l'età. ‘Valzer transgenico’, in sintesi, è un po' il desiderio di tornare a quello stato d'animo. Alla semplicità e al sorriso.

Per le ‘Rimini Tapes’, il fotografo Massimo Rana vi ritrae a Milano, tra la Scala e il Duomo. Sembrate un'unica band...

Quando facemmo le foto insieme, scoprii che Casadei aveva un modo di giocare con la macchina fotografica che mi stupì e che io ed Elio ancora replichiamo oggi, più perché ci piace richiamare quel momento che non perché convinti dell'efficacia del metodo. Quando Raoul faceva una foto, che per ovvi motivi appare statica, lui la caricava, come un felino che sferra l'attacco; quando capiva che il fotografo stava per scattare, faceva un impercettibile balzo in avanti, un cenno, una specie d'invito, come per prendere spunto per poi ottenere un'espressione più consona all'allegria del ritratto. A questo proposito: sei o sette anni fa lo incontro per caso alla Stazione Centrale di Milano insieme al figlio; mentre siamo lì a parlare dei vecchi tempi passa un ragazzo: “No! Casadei e Tanica insieme non me li perdo. Posso fare una foto?”. E Raoul rifà il suo piccolo balzo. Credo sia quell'attimo che solo il fotografo professionista sa cogliere. È possibile che il passante che ci scattò la foto con lo smartphone abbia prodotto una foto mossa. Insomma, dopo tutti quegli anni dalle Rimini Tapes mi è piaciuto constatare che l'abitudine era rimasta tale...

Cogliere il potenziale della melodia accattivante, dicevi. Guardando alle hit della sua Orchestra, Casadei evidentemente sapeva bene come scrivere qualcosa di accattivante...

Casadei era uno che sapeva prendere spunto dai cliché del genere e dar loro il valore aggiunto. La sua musica non ha mai rivoluzionato il genere, ma era il genere con dentro un pizzico d'intuizione, sempre ricco di un potenziale comunicativo bello e vincente.

Gli Extraliscio a Sanremo hanno acceso un riflettore su tutti i pregiudizi attiratisi dal liscio, genere erroneamente relegato in un girone B che non fa onore alla professione del musicista...

Per suonare il liscio bisogna essere strumentisti con gli attributi. Il rigore, la precisione, il minimalismo che serve per suonarlo è una scuola di disciplina che molti colleghi musicisti non comprendono. Si vede un bassista che fa poche note, per fare un esempio, e si pensa che quel bassista non sia in grado di suonarne di più, di note. In realtà, l'intesa tra basso e batteria in un gruppo di liscio è fondamentale per reggere la piramide armonica dell'insieme. Ricordo che quelli dell'Orchestra Casadei si fecero ascoltare la loro versione di ‘September’ degli Earth Wind & Fire, dimostrando come fossero in grado di suonare musica suprema e poi tenersi un passo indietro nelle performance dal vivo, lasciando la scena a clarinettisti e fisarmonicisti, ai solisti dalla tecnica mirabile. Una scuola da non sottovalutare. Credo che snobbare il liscio in musica sia come snobbare il fumetto in letteratura, campo in cui esiste una dignità di genere che non viene sempre compresa appieno, come se il fumetto fosse poca roba e invece ci sono sceneggiatori supremi e poi c'è Moebius che disegna. Per il liscio vale la stessa cosa.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eelst raoul casadei rimini tapes rocco tanica sanremo terra dei cachi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved