tra-sburoni-e-froilain-in-memoria-di-raoul-casadei
(Wikimedia Commons)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
8 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
9 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
10 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
14 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
14 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
15 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
13.03.2021 - 18:340
Aggiornamento : 14.03.2021 - 10:01

Tra sburoni e froilàin, in memoria di Raoul Casadei

Un romagnolo trapiantato in Ticino scrive due pensierini su quel mondo di liscio e balere, che suona sempre come un bel ritorno

C’è un Casadei in sé e un Casadei in me. Sul Casadei in sé non mi esprimo, perché di musica non me ne intendo. Il Casadei in me invece si intreccia col ricordo di mio nonno, completo verde-marron e mocassino da professionista, insieme elegante e démodé quando montava sulla sua Lancia Beta per andare in balera. Sugli altri sedili salivano gli amici della Casa del Popolo e della lotta partigiana, sul cruscotto c’erano forse una copia dell’Unità, un pacchetto di Mundial e il barattolo delle pillole per l’angina, ecstasy decisiva per non perdere neanche una mazurka. Un mondo fatto di rasature mentolate e calze di nylon, forme generose e valzerini, l’orchestra in giacca rossa con la fisarmonica che ondeggia e che ammicca. Le voci cantano storie improbabili strascicando le esse, leggende di tedesche strappacuore e mare d’inverno.

Poi uno cresce, certe cose se le dimentica, il profumo del dopobarba svanisce, i nonni muoiono. Si diventa adolescenti, ovvero teste di cazzo, e il liscio lo si rifiuta come una cianfrusaglia ridicola: sentiamo i cantautori e il punk noi, mica lo zumpappà. “Corre la locomotiva” e “blitzkrieg bop”, non “la bella straniera mi è rimasta nel cuore”, “nella sabbia è nato un fiore nel mio cuore un grande amore”, “vorrei tornare dalla mia bella al casolare”. Al massimo va bene il folk, senza sapere che è folk anche il liscio, dipende dalle orecchie che usi per ascoltarlo. Ricordo il fastidio, in altre regioni e Paesi, nel venir sempre associato con Romagna Mia, senza pensare che togliendo quella ci conoscono quasi solo per Mussolini, parallelo assai meno lusinghiero.

Mi ci sono voluti anni per riconciliarmi col liscio e con tutto quel che ha incarnato Casadei, con quella faccia lì e i modi allegri d’una Romagna un po’ dolce un po’ “sburona”. Un posto dove il sangiovese si beve in bicchieri bassi che pesano più del tavolo, ma quando si va a ballare ci si lecca da damerini, perché siamo gente di campagna ma anche di mare, alle turiste diciamo “froilàin” e “alle zusammen”, insomma non siamo mica “venuti giù con la piena”.

Fondamentale, nel mio percorso di recupero e disintossicazione dalle velleità adolescenziali, è stato il mio approdo al Bagno Zara di Cesenatico, coi suoi ombrelloni verdi e gialli e una fedeltà inamovibile alla linea del liscio. Quando si fa sera, il bagno si svuota un po’ e allora vai con lo stereo a palla. Parte Raoul, uno che basta pronunciarne il nome per sentire la polvere e la ghiaia su un viale di campagna. Le ombre si allungano, la passerella – verdegialla anche quella – punta verso il mare. Ezio e l’Ornella, che non sono ragazzini ma in quel momento non lo diresti, spazzano via la sabbia come se con quella scopa ci stessero ballando.

Potrebbe sembrare un piacere da fighetto in vacanza, il divertissement di chi certe cose le sa vedere solo con le lenti dell’ironia e dello snobismo. Son passato anche da lì, ma via quella buccia e si arriva a un altro modo di sentire il liscio, che fa tutt’uno col semplice fatto di rivedere volti familiari e ritornare a casa: è tutta una questione di tenerezza, mi sa. Poi d’accordo, Casadei non sarà Strauss. Ma a noi “pataca” va bene anche così.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved