un-racconto-anarchico-e-poetico-tra-teatro-e-musica
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi
6 min

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
52 min

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
4 ore

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
15 ore

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
16 ore

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
16 ore

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
17 ore

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
19 ore

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
19 ore

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
23 ore

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
Arte
1 gior

Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis

Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
1 gior

JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022

Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
1 gior

Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento

Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
1 gior

Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo

Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
1 gior

Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi

Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
Scienze
1 gior

Sensore biodegradabile sottopelle rileverà efficacia farmaci

Più sottile di un francobollo, biocompatibile e bioriassorbibile. Aprirà la strada a nuove procedure cliniche e diagnostiche
04.03.2021 - 18:05

Un racconto anarchico e poetico tra teatro e musica

Arianna Scommegna dal Cinema Teatro di Chiasso proporrà in streaming il suo spettacolo dedicato al cantautore Piero Ciampi. Il giorno della finale di Sanremo…

Un’anima disperata ma dotata di grande fascino e ironia: così Arianna Scommegna ci presenta Piero Ciampi, tra i grandi autori e interpreti della canzone italiana che molti hanno dimenticato, un po’ per il suo essere fuori dalle regole, un po’ perché la morte l’ha portato via, ad appena 45 anni, nel 1980. A Ciampi, alle sue canzoni e alle sue poesie è dedicato lo spettacolo ‘… e bastava una inutile carezza a capovolgere il mondo’ la quale l’attrice ha lavorato nell’ultimo anno e che sabato 6 marzo aprirà la rassegna ‘2 teatri in salotto’ organizzata dal Cinema teatro di Chiasso e dal Teatro di Locarno. L’appuntamento, in streaming sui siti www.centroculturachiass o.ch e www.teatrodilocarno.ch, è per le 20.30

Arianna Scommegna, chi era Piero Ciampi e perché dedicargli uno spettacolo?

Piero Ciampi, per vie traverse, ha sempre attraversato la mia vita. Io sono figlia d’arte: mio padre è un cantante, Nicola di Bari, per cui fin da piccola ho sempre ascoltato le canzoni di Ciampi, mio padre ne ha anche cantata una, ‘Io e te, Maria’. Questo cantautore mi è sempre stato vicino: anche quando ho iniziato l’attività teatrale, con la mia compagnia, c’era sempre la presenza di alcuni suoi testi, di alcune sue canzoni. È come un filo rosso che ha attraversato la mia storia, pur essendo una figura molto lontana da me perché Piero Ciampi è stato un uomo dall’anima disperata, anarchica sotto tanti punti di vista. Realizzare questo spettacolo è stato liberatorio: Ciampi è come una presenza che mi ha sempre accompagnato e che a un certo punto ho voluto guardare in faccia.

Alla fine le ragioni, quando uno inizia a fare un percorso per arrivare a uno spettacolo, sono sempre diverse e strane: parti da un’intuizione che è come una fiamma che ti senti dentro.

Guardarlo in faccia attraverso i suoi testi che costituiscono lo spettacolo.

Sì. Per raccontare quest’uomo abbiamo scelto di usare solo le sue parole. Ciampi ha avuto una vita particolare, legata anche all’alcol, una vita se vogliamo un po’ dissoluta, ma sinceramente non desideravo raccontare la sua storia con aneddoti, anche “piccanti”, della sua vita. La cosa più forte che ho sentito è il suo animo poetico rispetto al dolore, la profondità dei sentimenti che lui racconta nelle sue canzoni.

Certo, sono testi in realtà un po’ al limite: quando ascolti alcune sue canzoni sembrano solo molto tristi, ma noi abbiamo tirato fuori la grande ironia di cui era capace. Era una persona capace di grande fascino e di una forte allegria: era un animo contrastato e di tutto questo suo dolore abbiamo voluto tirare fuori la parte più folle. Per questo abbiamo scelto solo i testi delle sue canzoni e un paio di sue poesie – perché ha scritto anche delle poesie, oltre alle sue canzoni che sono delle poesie.

È un cantautore poco conosciuto: qualcuno magari ha presente il nome, conosce uno o due brani. Ci piaceva quindi l’idea di poter restituire le sue parole, anche non cantante.

In scena ci sarà però una musicista.

Sì, Giulia Bertasi, una straordinaria fisarmonicista che mi accompagna da almeno una decina d’anni, insieme abbiamo fatto diversi spettacoli e abbiamo lavorato anche a riarrangiare alcune canzoni di Ciampi.

Abbiamo scelto questa strada, di partire dai testi, perché ci permette di rendere le sue parole non soltanto legate alla melodia di una canzone ma come se fossero dei versi poetici o dei racconti. Quello che viene fuori è, in realtà, un flusso di coscienza: i testi sono legati uno all’altro per analogie, per colori, per situazioni e danno uno spaccato di questo straordinario uomo.

La vita di Ciampi non sarà raccontata, nello spettacolo?


No, non c’è nessuna narrazione esterna che spiega chi fosse Piero Ciampi. Solo le sue parole, come se fosse un suo monologo, un testo unico dove a volte i brani vengono, come accennato, riarrangiati: abbiamo riscritto delle partiture musicali o messo degli arrangiamenti sotto altri brani. Combinazioni nuove e originali di queste poesie, perché alla fine sono dei testi poetici.

Quando è nato questo spettacolo?

Abbiamo avuto di mezzo questo anno terribile… lo spettacolo ha iniziato a nascere nell’estate del 2019; l’estate scorsa abbiamo avuto la possibilità di fare un paio di serate all’aperto, ma la forma definitiva deve ancora venir fuori. Avremmo dovuto debuttare nell’autunno del 2020 al Teatro Gerolamo ma è stato tutto chiuso prima.

E sabato sarà in streaming.

Non sono una fanatica dell’online, ma se adesso è l’unico mezzo per far sentire una voce, utilizziamolo. Non siamo nella situazione di poter portare online anche solo in minima parte uno spettacolo dal vivo, ma essendo essendo legati alla musica e alla poesia penso che il risultato possa essere fruibile anche così. Non servono grandi scenografie, si tratta di ascoltare queste parole, di lasciarsi accogliere dalla musica e dal canto – come una serata di Sanremo. Ma nessuna ambizione di sostituire il teatro con il video.

A proposito di Sanremo: si andrà in streaming la sera della finale.

Non è una scelta mia, però visto che c’è: perché no? Ognuno seguirà quello che vorrà: non penso di poter entrare in competizione con Sanremo, però sarà bizzarro portare nella stessa serata Ciampi che mai sarebbe andato a Sanremo e mai forse lo avrebbero invitato, così anarchico, così lontano da quel mondo… 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arianna scommegna cinema teatro piero ciampi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved