ULTIME NOTIZIE Culture
Società
5 ore

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
10 ore

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
12 ore

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
16 ore

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
19 ore

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
23 ore

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
3 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
02.03.2021 - 18:37

Locarno riflette sulla cultura online con Nicola Lagioia

Lo scrittore, e direttore del Salone del libro di Torino, sarà ospite il 27 marzo di L'immagine e la parola

di Ivo Silvestro
locarno-riflette-sulla-cultura-online-con-nicola-lagioia
Nicola Lagioia (foto Chiara Pasqualini)

Nicola Lagioia sarà il protagonista dell’ottava edizione di ‘L’immagine e la parola’, l’evento primaverile del Locarno film festival che quest’anno sarà un po’ diverso dal solito: un’edizione ridotta a un solo giorno e tutta online che avrà luogo sabato 27 marzo con ospite, appunto, lo scrittore italiano. Dopo l’annullamento all’ultimo dell’edizione 2020 «volevamo dare un segnale positivo, dire a tutti che il Festival c’è e che stiamo tutti lavorando per una nuova edizione» ci spiega la curatrice Daniela Persico.

La situazione pandemica non permette di aprire al pubblico il GranRex e la necessità di un evento fruibile online – «ma per noi non è una novità: le masterclass con gli artisti ospiti sono quasi sempre state online» – si è unita al bisogno di riflettere «su quanto è importante la cultura oggi, su e come tutti noi dopo un anno di pandemia ci stiamo abituando a un altro tipo di fruizione degli eventi culturali». Perché se da una parte non si vuole perdere «quello che è l’evento dal vivo, lo scambio che arriva in un evento in cui è importante la presenza e l’incontro», dall’altra bisogna fare i conti con una situazione incerta ancora a lungo e con mutate abitudini del pubblico.

Partendo da queste riflessioni si è scelto come ospite Nicola Lagioia, vincitore del premio Strega nel 2015 con ‘La ferocia’. Uomo di lettere con una particolare sensibilità per il cinema, le due anime di ‘L’immagine e la parola’: «Lagioia non solo è uno di quegli scrittori appassionati di cinema che ritroviamo nei suoi romanzi, ma ha anche lavorato con il cinema: ha scritto di cinema, è stato selezionatore per la Mostra del cinema di Venezia» spiega Persico. Come Emmanuel Carrère e Edoardo Albinati, ospiti di passate edizioni, Lagioia è romanziere perfetto per essere messo in dialogo con l’universo cinematografico. Ma sarà ospite anche in qualità di direttore del Salone del libro di Torino, evento di importanza internazionale che ha dovuto ripensare le sue attività online e come tutte le fiere ha di fronte a sé grandi incertezze. «Ci sembrava importante aprire un dialogo tra lui e il nuovo direttore del Festival di Locarno Giona Nazzaro su quello che sarà il futuro di questi eventi culturali». Sarà questo il tema dell’incontro previsto sabato 27 alle 16 dal titolo, che riprende quello dell’ultimo romanzo di Lagioia, ‘La città dei vivi. Reinventare la creazione e la programmazione culturale’. Evento, come detto, in streaming, ma lo scrittore sarà fisicamente presente a Locarno – si fermerà in Ticino qualche giorno per partecipare ad alcune trasmissioni della Rsi – e sarà anche possibile non solo seguire in streaming la discussione, ma anche porre domande. «Quest’anno che l’online è l’unico mezzo per fruire eventi culturali, abbiamo investito e migliorato la parte tecnica» ci spiega Persico. «Ma il nostro obiettivo rimane tornare in presenza, anche per poter organizzare i workshop con i giovani registi sul territorio in collaborazione con il Cisa e la Ticino Film Commission». Workshop impossibili da tenere, quest’anno, ma una collaborazione dedicata ai cineasti rimane: il neodirettore del festival Giona Nazzaro e il neodirettore della Ticino Film Commission Niccolò Castelli prenderanno parte a una tavola rotonda sui festival online, per comprendere vantaggi e svantaggi di questa soluzione.

A ‘L’immagine e la parola’ non mancherà il cinema: si approfitterà dell’evento per lanciare la retrospettiva del festival dedicato ad Alberto Lattuada. Della sua ricca ed eterogenea filmografia verrà proposto – online sul sito del festival, dalle 20 a mezzanotte del 27 marzo – ‘La spiaggia’ del 1954, film ispirato a un fatto realmente accaduto e frutto, al pari dell’ultimo romanzo di Lagioia in cui viene ricostruito il delitto del giovane Luca Varani, di un’attenta analisi delle dinamiche sociali del periodo e delle ricadute del pregiudizio sulle condotte individuali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved