berlinale-quando-il-cinema-sa-emozionare
The First 54 Years – An Abbreviated Manual for Military Occupation by Avi Mograbi
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
10 ore

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
10 ore

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
10 ore

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
15 ore

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
17 ore

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
1 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
1 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
1 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
1 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
02.03.2021 - 17:59
Aggiornamento: 18:46
di Ugo Brusaporco

Berlinale, quando il cinema sa emozionare

Fuori concorso, la storia di un padre e una figlia di Jacqueline Lentzou e 54 anni di occupazione Israeliana nel j’accuse di Avi Mograbi

Difficile raccapezzarsi tra le centinaia di offerte di film in digitale che vengono offerti in questo gran calderone che è il non normale Festival di Berlino numero 71. Tra quanto abbiamo visto, due film si sono mostrati interessanti non solo per la potenza del tema trattato, ma per l'emozione che sono riusciti a trasmettere: ‘Selene 66 Questions’ (Luna 66 domande) di Jacqueline Lentzou e ‘The First 54 Years – An Abbreviated Manual for Military Occupation’ di Avi Mograbi, il primo nella nuova sezione Encounters l’altro nella più sperimentale e storica sezione della Berlinale, il Forum.

“Per me i film sono come i sogni, non quelli che facciamo, ma quelli che abbiamo. Oscuri, memorabili, teneri, intimi, privati, sorprendenti, aperti, assurdi. Un collage di emozioni plasmate in immagini e ricordi trasformati in presente” spiega Jacqueline Lentzou per dire di un film., il suo ‘Selene 66 Questions’ che sul dolore fonda la poesia del vivere. Al suo primo lungometraggio, la regista, che ha presentato i suoi importanti corti a Cannes, Locarno e ancora Berlino, ci porta all’interno di un rapporto familiare, quello tra una figlia e un padre, già segnato drammaticamente da un divorzio. Ora che il padre è stato colpito da una grave malattia debilitante la figlia decide di lasciare Parigi, dove aveva seguito la madre, per tornare in Grecia, dopo un’assenza di alcuni anni, e prendersi cura di lui. Per loro inizia un cammino di conoscenza e ri-conoscenza, un cammino di iniziazione a un rapporto che non era nato prima. Con leggera malinconia la regista narra i sentimenti, senza mai forzarli, aiutata in questo suo lavoro di cesello di anime da una giovane attrice di grande intensità, Sofia Kokkali nella parte della figlia, e da un grande Lazaros Georgakopoulos in quello del padre. Da sottolineare anche la bella fotografia di Konstantinos Koukoulios. Alla parola fine si resta ancora abbagliati da tanta umanità così raccontata.

Su un altro pianeta ci porta invece ‘The First 54 Years’, quasi un documentario scritto e diretto dall’esperto Avi Mograbi, uno abituato a frequentare i festival. Qui con tragico sarcasmo ci porta a riflettere su qual è il significato dell'occupazione militare e lo racconta attraverso le testimonianze dei soldati che l’hanno attuata. Avi Mograbi ci fornisce “un approfondimento su come funziona un'occupazione colonialista e sulla logica all'opera dietro quelle pratiche”. E per essere pratico utilizza i 54 anni di occupazione israeliana dei territori palestinesi della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Il risultato è un film agghiacciante più di un horror. È sangue che ti viene vomitato addosso con inaudita violenza. È la fredda analisi di un crimine che contiene tutti i crimini peggiori dell’umanità. Guardandolo ti costringe a pensare a quanto fanno Recep Tayyip Erdoğan coi suoi oppositori e i curdi, e Abdel Fattah al-Sisi e… bambini crudeli, dilettanti rispetto a quanto vediamo fatto dagli israeliani ai palestinesi. Avi Mograbi è grande, non gli interessa dire dei capi e delle loro malefatte, sono i soldati a parlare, quelli che ora sono popolo, e i nuovi lo diventeranno, ma con la divisa sono una nazione che occupa e domina con il terrore chi un tempo abitava libero quelle terre. Sono i gesti degli uomini verso altri uomini che disprezzano, verso i paria del mondo che hanno creato. L’atto di accusa mostra prove schiaccianti senza mai alzare la voce mantenendola decisa in questo J’accuse del nostro tempo. Questo è il cinema che serve per aprire gli occhi a un mondo che ama essere cieco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
avi mograbi berlinale cinema jacqueline lentzou
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved