nina-sara-e-gli-invisibili-ermal-meta-nella-tribu-urbana
Ermal Meta (foto: Emilio Timi)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Adam Ben Ezra, un fenomeno del contrabbasso

Appuntamento al Teatro del Gatto di Ascona con l’artista acclamato da critica e pubblico che mescola con ingegno sonorità dell’Occidente e dell’Oriente
Spettacoli
3 ore

Addio a James Michael Tyler, il Gunther di ‘Friends’

L’attore interprete del ruolo del manager della caffetteria Central Perk nella serie tv è morto a 59 anni per un cancro alla prostata
Culture
15 ore

Cinque giovani svizzeri tra le vene aperte dell’Argentina

Partiti alla volta del Sudamerica, hanno fondato il gruppo Campo Abierto per promuovere la diversità culturale. Parola al ticinese Alessio De Gottardi
Spettacoli
17 ore

Con l’Osi a Parigi, ‘città dell’eterna giovinezza’

Applausi interminabili per un’esecuzione che ha unito il mestiere di orchestrali di lungo corso con lo stupore di studenti di Conservatorio
Società
17 ore

Sono oltre 4,5 miliardi gli utenti dei social media nel mondo

Il totale globale cresce al ritmo di un milione di nuove registrazioni al giorno. Nel 2022 il 60% della popolazione del pianeta avrà un account social
Spettacoli
19 ore

Al Sociale data supplementare per ‘Se la va la gh’ha i röd’

Biglietti a ruba: lo spettacolo della Compagnia teatrale Flavio Sala avrà una replica in più il prossimo fine settimana
Scienze
21 ore

Mendrisio, si va su Marte col professor Domenico Giardini

L’incontro con il geofisico italiano si inserisce nel ciclo ‘Emergenza Terra. Abitare, costruire, pensare un futuro sostenibile’ promosso dalla Supsi
Pensiero
21 ore

A Chiasso ‘Frenesia di progresso fra Otto e Novecento’

La conferenza del professor Gerardo Rigozzi, proposta dal Circolo ‘Cultura insieme’, condurrà in un viaggio tra Belle Époque, Positivismo e Futurismo
Scienze
22 ore

L’impatto dell’ambiente costruito sulla salute e il benessere

All’Usi lezione per il ciclo ‘Cultura e salute’. Con l’architetto Mario Botta, il salutogenic designer Alan Dilani e l’oncologa Gillessen Sommer
L'intervista
1 gior

Nocenzi e il Banco, tutto il senso dell’essere ‘Nati liberi’

A colloquio con Vittorio Nocenzi, padre fondatore, che da Tondo a Maroggia ha presentato la biografia della band (piccola lezione di musica segue)
Spettacoli
2 gior

Le eroine della commedia di Bindu de Stoppani

‘40enni in salita’, girato in Val di Blenio, avrà un’anteprima all’Iride di Lugano e poi sarà trasmesso dalla Rsi
Scienze
2 gior

Più dolci, meno sport: tra i bimbi cresce la Covibesity

I pediatri lanciano l’allarme: in Italia quattro bambini su dieci hanno peggiorato l’alimentazione. Sette consigli per ripristinare sani stili di vita
Culture
2 gior

Morto Bernard Haitink, celebre direttore d’orchestra

Ha guidato diverse tra le più grandi orchestre del mondo. Aveva 92 anni
Culture
3 gior

Quando la cultura fa bene alla salute

Enzo Grossi ha aperto il corso che l’Università della Svizzera italiana ha attivato per i futuri medici, sette incontri aperti a tutti
La recensione
3 gior

‘Mein Fritz, il mio Leo’ al Sociale, buona la prima

Anche quando i temi si fanno questioni, e i pesi si fanno macigni, Saltamacchia e Traversi ne reggono il peso con padronanza e leggerezza
Scienze
3 gior

Il Covid è una malattia stagionale, influiscono freddo e umido

Lo rivela un’analisi dell’Istituto di Barcellona per la salute globale. Maggiori tassi di trasmissione associati alle temperature e umidità più basse
Spettacoli
3 gior

Al Lux di Massagno il primo Ticino Archeofilm

Nel 35esimo anno di attività, l’Associazione Archeologica Ticinese organizza la prima edizione della sua rassegna di documentari a carattere archeologico
Arte
3 gior

Sotto il segno di A.R. Penck

Si apre domenica 24 ottobre la retrospettiva di Mendrisio dedicata all’artista tedesco
Netflix
4 gior

Su Change.org una petizione per fermare ‘Squid Game’

Arriva dalla Fondazione Carolina, Onlus dedicata a Carolina Picchio, la prima vittima acclarata di cyberbullismo in Italia
Musica
4 gior

‘Ho sognato pecore elettriche’, la PFM in un mondo di androidi

Ispirato al romanzo di Philip K. Dick, da cui ‘Blade Runner’, è il nuovo album della storica band italiana, presentato al Museo della Scienza di Milano
Spettacoli
4 gior

Problemi di salute per Céline Dion, tour posticipato

La cantante canadese soffre di ‘gravi e persistenti spasmi muscolari’. Cancellate le prime date di Las Vegas
Spettacoli
4 gior

Da ‘Santo Piacere’ a ‘Building Bridges’, il weekend del Sociale

SI parte di giovedì con Giovanni Scifoni, si continua di sabato con Marie-Caroline Hominal e, in serata, coi musicisti dal mondo
Società
4 gior

Entrare nei musei svizzeri costa sempre di più

Fino a 92 franchi a famiglia. Lo sostiene K-Tipp, che segnala pure tre modi per risparmiare sull’entrata
Jazz Cat Club
5 gior

Adam Ben Ezra, il contrabbasso tra Oriente e Occidente

Lunedì 25 ottobre alle 20.30 al ‘Gatto’ di Ascona, intrigante appuntamento con il poliedrico artista israeliano, che fa del suo strumento un’orchestra
Aspettando Sanremo
 
25.02.2021 - 19:580

Nina, Sara e gli invisibili: Ermal Meta nella ‘Tribù urbana’

Al Festival con una ballad, ‘Un milione di cose da dirti’, e dal 12 marzo l'album: ‘È il movimento dell’umanità, importante come il sangue che circola’

‘No satisfaction’ si fa sentire, il brano di Sanremo ancora no. Ma è questione di giorni. Il già vincitore di Festival Ermal Meta, nel frattempo, presenta ‘Tribù urbana’, l’album che le contiene entrambe (dal 12 marzo su etichetta Mescal). «Non mi aspetto di andare lì a fare una scorpacciata», garantisce Ermal. «Ci vado perché, in questo momento, l’Ariston è l’unico palco sul quale si può fare musica dal vivo».

Tre anni fa, la coppia rinominata Metamoro o Morometa vinceva il Festival della Canzone Italiana con ‘Non mi avete fatto niente’, uno dei sei episodi di Ermal in Riviera, incluse le esperienze negli Ameba 4 (2006, ‘Rido… forse mi sbaglio’) e ne La fame di Camilla (2010, ‘Buio e luce’). Ora è la volta di una canzone d'amore: «L’ho scritta tre anni fa, era da poco iniziata la mia carriera da solista e la mia vita era piena di piccole e grandi scosse d’assestamento. Emotivamente in trappola, l’unica cosa che potevo fare era scrivere. Mi sono messo in gioco parlando con qualcuno che in quel momento non c’era». Sono i dieci minuti di gestazione di ‘Un milione di cose da dirti’, il brano in gara a Sanremo, un testo «vomitato in maniera istantanea» dentro «una canzone d’amore verticale, che parte da terra, cerca di salire e non sai dove va a finire». Che non è «né un ‘e vissero felici e contenti’ e nemmeno un ‘è finita così’».

‘Un milione di cose da dirti’ è la prima ballad di Meta a un Festival: «Non mi sento un pesce fuor d’acqua se per caso, dopo ‘Vietato morire’ e ‘Non mi avete fatto niente’, qualcuno mi voleva ancora lì a generare quel tipo di risposta. Sembra che le canzoni d’amore stiano solo a Sanremo, ma non vale per me, io di canzoni d’amore ne ho scritte tante». Amore da cantarsi all’Ariston senza pubblico: «Fa strano a Sanremo, platea appassionata, almeno sino a una certa ora. Ma in questa edizione il ruolo più difficile sarà quello dei due conduttori, che dovranno parlare per ore davanti alle sedie vuote. Noi cantanti, invece, tre minuti e mezzo e poi ce ne andiamo...».

Nella serata delle cover, giro di boa del giovedì introdotto da Tony Renis nel 2004, Meta si presenta con il monolite ‘Caruso’, malgrado giovedì prossimo sia il 4 marzo di ‘4/3/1943’ dello stesso Dalla, nata ‘Gesubambino’, cambiata nel titolo perché irrispettosa, ‘sfoltita’ dalla censura del Sanremo 1971: «Mi ha fatto notare la corrispondenza di date la mia fidanzata qualche settimana fa». Lui, comunque, ha scelto ‘Caruso’ perché «era la canzone che tutti mi avevano sconsigliato di fare, e io per natura vado contro i consigli, anche quelli piu saggi. Magari sbaglierò, ma mi ci voglio misurare. Non con Lucio Dalla, ma con questa canzone. Perché con Lucio Dalla è impossibile confrontarsi».

Ermal tifa Napoli, più che attaccante si sente mediano («Cito un mio collega»), tra Messi («Si nasce») e Gattuso («Si diventa») sceglie Gattuso («Ha sollevato la Coppa del Mondo, la volontà batte il talento») e omaggerà ‘Caruso’ con la Napoli Mandolin Orchestra, ensemble di 12 mandolinisti ridotti a 4 per questioni di sicurezza: «Ne ho registrato una take piano e voce, l’ho mandata a Diego Calvetti – che per lui, all'Ariston, dirigerà l'orchestra, ndr – e gli ho chiesto un arrangiamento degno della grandezza della canzone. Ho suggerito dei mandolini, che per me sono la napoletanità, e ho chiesto che fossero di Napoli. È stato lui a parlarmi della Napoli Mandolin Orchestra. Molto gasato, ho detto sì». Sebbene la canzone napoletana non sia il suo brodo primordiale, Ermal sente un legame molto forte con la città: «Sono albanese, ma la prima volta che ci sono stato mi sono sentito a casa, non so perché. Credo che Napoli sia una rappresentazione della nazione. E chi non capisce Napoli, anche musicalmente, non può capire l'Italia intera».

‘Nina e Sara’

‘Tribù urbana’, il nuovo album, si apre con un inno da stadio, ‘Uno’: «Di solito m’immagino di scrivere sul palco, stavolta ho fatto il contrario, mettendomi in platea, nei panni del pubblico, che ai concerti ci va soprattutto per cantare. E ho scritto anche cose da cantare a squarciagola». A metà tra synth-pop e cantautorato, lungo ‘Tribù urbana’ l’orecchio si ferma su di un brano che avrebbe vinto questo e qualsiasi altro Festival a mani basse: la 16enne Nina ama la coetanea Sara, malgrado la madre (“Tu non sai veramente cosa voglia dire, ti sei sposata soltanto per riparare, per difendere me dalle lingue amare”): «Mi fa una tristezza infinita parlarne. Per quel che riguarda i sogni, oggi andiamo su Marte, siamo mille anni luce avanti. Su quello che conta, invece, sulla libertà individuale, siamo fermi al Medioevo». Ambientata nell’estate immaginaria di un sud Italia del 1987, «ma la storia vera è del 1997», ‘Nina e Sara’ è vita vissuta: «A 16 anni avevo una fidanzatina, un’anima in pena della quale non ero in grado di capire cosa avesse, e nemmeno lei era in grado di spiegare; ci lasciammo e dopo 2-3 anni la ritrovai felice, fidanzata con una ragazza. A 16 anni, il tabù era talmente forte che non riusciva nemmeno ad ammettere a sé stessa che amava le ragazze, per la rabbia si faceva del male da sola. D'altra parte, la società non le aveva dato strumenti per comprendere che non stava facendo nulla di sbagliato. C’è una strada molto, molto lunga da percorre da questo punto di vista». In un’immagine che, dichiaratamente, viene da ‘Anna e Marco’ di Lucio Dalla, alla fine Nina e Sara “le hanno viste insieme”. Una dice all’altra: “La felicità non te la posso garantire, ma la tristezza te la posso risparmiare”.

Il movimento dell'umanità

In ‘Tribù urbana’ c’è posto anche per ‘Gli invisibili’, quelli che “vedi quasi sempre sullo sfondo” e che magari un giorno “salveranno il mondo”. «Di sentirmi invisibile, e di esserlo, mi è successo per anni. Quando ero autore per altri interpreti mi faceva strano ascoltare le interviste di miei colleghi in cui raccontavano com’era nata quella determinata canzone, quando in realtà l’avevo scritta io, e di com’era nata loro non sapevano nulla. La cosa mi faceva sentire parecchio invisibile». Aggiustando il tiro: «Nessuno ha detto nulla di male, perché non ero io a cantarle. Era solo che volevo dare faccia e voce alla mia musica».

‘Tribù urbana’ ha un piccolo sussulto autobiografico in una ermalmetiana ‘Che fantastica storia è la vita’: come in Venditti, ne ‘Il destino universale’ sfilano Yusuf che “ha 15 anni”, “il deserto sulla pelle” e “davanti agli occhi un grande mare”; sfila Tommaso che “ha 40 anni e tre bocche da sfamare ma si affoga nei bicchieri”. Sfila anche Ermal che “ha 13 anni e non vuole morire”: «È il movimento dell’umanità, che è importante, è come il sangue che circola. Io che ho lasciato la mia terra a 13 anni ne sono la testimonianza. Non sapevo cosa avrei fatto, ma sapevo che dovevo andare via per un bene più importante».

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved