ave-maria-marco-santilli-tra-sacro-e-pop
'Cerco di rimanere a galla, si capisce?'
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
4 sec

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
3 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
11 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
2 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
2 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
2 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
2 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
2 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
2 gior

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
2 gior

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Musica
20.02.2021 - 17:48

'Ave Maria', Marco Santilli tra sacro e pop

Un testo negativo che gira in testa e un desiderio 'sacro' portatore di un testo in latino: la commistione è fatta. E pure l'intervista.

Questa è la storia dell’incontro tra il sacro e un rispettabilissimo profano, quella musica classificabile nella categoria ‘pop’, termine fatto a brandelli per il suo contenere, oggi, tutto e il contrario di tutto. Pop che sopravvive nelle sue forme di sintesi di più arti musicali, anche complesse, rese sì commestibili ma non meno belle. Tutto il preambolo per dire che Marco Santilli – usiamo termini da Masterchef – ha cucinato una sua versione dell ‘Ave Maria’ in latino su letto di ballad pop con piano, voce e una sfumata di archi sintetici. E il piatto, sin dalla prima riga, è riuscito. «La melodia frullava nella mia testa da circa un anno, senza un testo. Un giorno, mentre nuotavo, le parole si sono fatte strada, molto negative, personali», spiega Santilli. Quel testo, probabilmente, si sarebbe impossessato della melodia se non fosse accaduto quello che nelle note accompagnatorie del brano è definito “un fatto strano”. Ben venga l’idea costante del musicista di comporre un giorno una messa, «penso sempre sia un ottimo modo per guadagnarmi il paradiso, per questa mia fede che ogni tanto vacilla», spiega autoironico.

Galeotta fu la Messa

Autoironia a parte: «Nel chiedermi di quanti movimenti fosse generalmente composta la messa dei compositori classici, capito per caso sul testo dell’Ave Maria in latino e vi trovo una corrispondenza, salvo l’aggiunta di qualche melismo, tra il testo sacro e la mia linea melodica. L’ho vista come una folgorazione, o un segno dall’alto, la si veda come si vuole». Il destino, o altro, vuole che testo sacro si sia portato via la negatività iniziale, «dandomi serenità in questo periodo buio». Al contrario di quanto accade di norma al Santilli che compone, abituato a cominciare dalla musica, «questa volta è stato il testo a venire a cercare me, a differenza dal procedere delle altre esperienze. Dopo le incognite date dal decidere di unire il latino con questa melodia, ho pensato che potessero coesistere. A mio parere è anche una questione d’abitudine».

Il background classico e il piede (inteso come clarinetto) ben piantato nel jazz non impediscono a Santilli di spendersi in una ballad pop con tutti i sacri crismi: «Non me lo impediscono e mi piace, eccome. La formazione classica è durata tanti anni e non la propongo più dal vivo, bastano già il mio essere strumentista jazz e il canto, due mondi che in era di classificazioni imposte crea difficoltà, ma io sono esattamente queste due cose». E comunque, «c’è del buono in pressoché ogni stile». E dunque, nessuna remora: «Per nulla. C’è questa tendenza a dire “Se fai una cosa non puoi fare l’altra”. Ho un amico pianista jazz e violinista classico cui hanno detto “Ora devi deciderti”. Perché mai, dico io. Posso fare entrambe le cose». Ma se proprio si volesse il Santilli jazz, allora c’è quello con Ivan Tribolla il 13 aprile alla Rsi in streaming per ‘Musica viva’, con una ‘Ave Maria’ in salsa ‘CheRoba’, duo acustico.

Liric-pop, perché no

Il Santilli pop è uno che, comunque, fa i suoi distinguo. Visto che il tema è caldo: «Sanremo porta con sé molte chiacchiere. Fossero le canzoni una in fila all'altra, allora sì. Non ho detto che non lo guarderò, perché qualcosa mi toccherà ascoltare di riflesso, andando a trovare mia madre. Ma negli ultimi anni ho fatto un po’ fatica. Mi è mancata la melodia, e la lingua italiana si presterebbe al suo massimo utilizzo. A volte m’interrogo su alcune composizioni immortali degli anni ’70, mi chiedo quanto di ciò che a Sanremo passa oggi poi resta nel tempo. E – da arrangiatore – sfrutterei l’orchestra di più. E mi chiedo anche in quale modo potrà svolgersi quest’anno». E in verità, ce lo stiamo chiedendo pure noi. Sempre restando al pop, la siffatta preghiera di Santilli bene starebbe anche in formato liric-pop, commistione tra lirica e leggera che esiste un po’ da sempre, ancor più da Mario Del Monaco ad Andrea Bocelli: «Specialmente per questo brano, in base alle tonalità mi piacerebbe pubblicare sul mio sito le note. Come fece Stanislao Gastaldon, autore di una di quelle romanze di fine Ottocento che tutti cantano, ‘Vorrei baciar i tuoi capelli neri…’ – ‘Musica proibita’, ndr – che pubblicò le note per soprano e pianoforte, per tenore e chitarra e altre molteplici combinazioni. Senza esagerare, mi piacerebbe fosse applicabile a più soluzioni. E, perché no, anche a voci liriche».

Sportivi d'élite

Abbiamo incontrato Santilli nel pomeriggio dell'ulteriore stop ai teatri. Vogliamo davvero tornare sull'argomento? «Che dire, se non che come musicista indipendente sono da sempre abituato a trovare soluzioni, a inventare, a reinventarmi adattandomi ai cambiamenti, flessibile e con le antenne ‘attente’. Come l’anno scorso, continuo più che altro a seminare». Detto del 13 aprile, in maggio, nei Powerplay Studios di Maur (ZH), Santilli terminerà il seguito pop di ‘Tempi passati’, album d'esordio datato 2017. Salvo imprevisti, sull'altro fronte, inciderà il concept ‘Sujazzstiva’ (il secondo dopo ‘La Stüa’, anno 2017 anch'esso) con il suo nonetto, una coproduzione con Srf2 attesa un anno fa e rimandata per ovvie questioni pandemiche. Come si evince dalla foto principale – “Cerco di rimanere a galla, si capisce?”, scrive Marco nell'inviarla – Santilli è uno sportivo: «In attesa di tornare a suonare, cerco di mantenermi in forma sui clarinetti e con la voce, in quanto come musicisti professionisti si è pure sportivi di élite» (chapeau).


La copertina

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ave maria jazz marco santilli pop sacro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved