berlinale-2021-all-avventura-sperando
Appuntamento a giugno (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
52 min

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
1 ora

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
1 ora

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
1 ora

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
1 ora

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
1 ora

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
2 ore

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
L'intervista
3 ore

Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig

La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
4 ore

Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)

‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
4 ore

Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker

L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
8 ore

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
10 ore

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
14 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
1 gior

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
1 gior

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
1 gior

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
1 gior

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Cinema
16.02.2021 - 16:04
Aggiornamento: 17:03
di Ugo Brusaporco

Berlinale 2021, all'avventura sperando

Con sei film svizzeri in Concorso, da febbraio scivola a giugno, mese in cui nacque nel 1951. Rassegna stile-Locarno, meno titoli importanti, meno assembramenti

Mariette Rissenbeek, managing director, e Carlo Chatrian, direttore artistico, alla guida della Berlinale 2021, si trovano ad affrontare una delle avventure più importanti per la storia di un Festival, quello di Berlino, nato in un’altra grave emergenza, storica. Era il 1951, la città ancora distrutta, con evidenti segni di una guerra tragica che ancora si trascinava in quella che era diventata un’isola occidentale nel mondo sovietico Berlino. Settant’anni dopo c’è una pandemia a segnare il destino d’Europa e Berlino cerca ancora una rinascita attraverso il Festival, che da anni si svolge a Febbraio, ma che quest’anno scivola in quel giugno in cui era nato nel 1951. Era il 6, e sullo schermo c’era ‘Rebecca’ di Alfred Hitchcock, un film del 1940, e ad accompagnare il film c’era la diva Joan Fontaine per far invidia a quelli di Berlino Est e ai sovietici. E quest’anno, le luci del Festival, Covid permettendo, si accenderanno ufficialmente dal 9 al 20 giugno, in un’edizione in cui il pubblico vedrà tutti i film, sapendo subito – e questa è un’altra novità – chi sono i vincitori, in quanto le giurie sono già al lavoro e altre cose stanno presto per avvenire: come il Film Market, il Berlinale Talents e il World Cinema Fund che si tengono in live streaming dal prossimo primo marzo al 5 dello stesso mese. Una scelta resa possibile dalla minor attrazione degli eventi: non si devono dimenticare i 330mila biglietti venduti lo scorso anno per capire l’impossibilità di farlo ora.

In sei dalla Svizzera

Intanto Berlino resta una bella vetrina per il cinema mondiale di cui approfitta anche il cinema svizzero con ben sei film presenti in varie sezioni. A cominciare da ‘Tides’ di Tim Fehlbaum, film di fantascienza, storia di un’astronauta rimandato sulla Terra da un nuovo pianeta, nella prestigiosa sezione Berlinale Special dove sarà a confronto con ‘Best Sellers’, opera d’esordio di Lina Roessler con il mitico Michael Caine, con ‘The Mauritanian’ di Kevin Macdonald con Jodie Foster e anche, tra gli altri, con l’italiano ‘Per Lucio’, film che Pietro Marcello ha dedicato a Lucio Dalla. Incontriamo nella sezione  Encounters film un’altra produzione svizzera, ‘Azor’ di Andreas Fontana con Fabrizio Rongione, film su un banchiere coinvolto nelle turbolenze politiche della dittatura militare in Argentina, di cui già si parlava a Locarno. Nella stessa sezione ancora, ‘Das Mädchen und die Spinne’ degli svizzeri Ramon Zürcher e Silvan Zürcher, che lo annunciano come “una ballata poetica sul cambiamento e la caducità”. Ancora nella stessa sezione si annuncia interessante ‘Hygiène sociale’ del canadese Denis Côté. Dalla Svizzera sbarcano ancora nella sezione ufficiale cortometraggi ‘Deine Strasse’ di Güzin Kar, al Forum l’inquietante ‘Taming the Garden’ di Salomé Jashi, già passato al Sundance Film Festival, film sulla distruzione ambientale e il suo peso sulla vita, sulla civiltà sull'essere umano. Ancora un film elvetico, nella sezione Generations, la sezione per i ragazzi: è ‘La Mif’ (The Fam) di Fred Baillif, un film di cui si sentirà parlare visto che tratta temi di stretta attualità, a cominciare dal ruolo della donna nella nostra società.

In gara per l'Orso d'Oro

La International Jury della Berlinale 2021, guidata da  Mohammad Rasulof (Iran) e composta da registe e registi vincitrici e vincitori degli Orsi d'oro degli ultimi anni, comprende Nadav Lapid (Israele), Adina Pintilie (Romania), Ildikó Enyedi (Ungheria), Gianfranco Rosi (Italia) e Jasmila Žbanić (Bosnia and Herzegovina). Dovrà scegliere il nuovo Orso d'oro tra quindici titoli: il francese ‘Albatros’ di Xavier Beauvois, con Victor Belmondo nipote di un mito come il nonno Jean-Paul Belmondo; ‘Babardeală cu bucluc sau porno balamuc’ del rumeno Radu Jude, un film che parte da un clip porno girato da un insegnante, immagini che segnano il suo futuro; ‘Fabian oder Der Gang vor die Hunde’ di Dominik Graf, una difficile storia d’amore nella Berlino del 1931; ‘Ghasideyeh gave sefid’ di Behtash Sanaeeha e Maryam Moghaddam, film iraniano su una madre con una figlia sorda, devastata nell'apprendere che il marito è stato giustiziato ingiustamente un anno prima; ‘Guzen to sozo’ di  Ryusuke Hamaguchi, storia inattesa di un triangolo amoroso; ‘Herr Bachmann und seine Klasse’ di Maria Speth, un film documentario sulle difficoltà della scuola di oggi con esigenze interrazziali; ‘Ich bin dein Mensch’ di Maria Schrader, ambientato nella Berlino del futuro; l’atteso ‘Inteurodeoksyeon’ di Hong Sangsoo, storia di libertà giovanile ambientata in Berlino; ‘Memory Box’ di Joana Hadjithomase Khalil Joreige, storie di tre donne libanesi trasferitesi in Canada; ‘Nebenan’, film d'esordio dell'attore Daniel Brühl, un omaggio alla contraddizione della Berlino del XXI secolo; ‘Petite Maman rance’ della talentuosa Céline Sciamma che torna ai suoi temi preferiti, i bambini e i riti di passaggio con un gioco di magico realismo; ‘Ras vkhedavt, rodesac cas vukurebt?’ di Alexandre Koberidze, una possibile storia d'amore nella Georgia di oggi; ‘Rengeteg - mindenhol látlak’ dell’ungherese Bence Fliegauf, seguito di ‘Forest’, film presentato qui a Berlino nel 2003 dallo stesso autore; ‘Természetes fény’ di Dénes Nagy, storia ambientata nell’Ungheria invasa dal Terzo Reich. A chiudere la lista dei film in Concorso, ‘Una Película de Policías’ del messicano Alonso Ruizpalacios, film ambientato a Mexico City con protagonista un ufficiale di polizia.

Sulla carta, un concorso sullo stile locarnese per una Berlinale forse attenta a evitare titoli importanti per paura di ulteriori assembramenti. Questo però pone ancor più in evidenza il ruolo dei Festival nei confronti delle varie piattaforme televisive, sempre più attente al mai tramontato star system.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berlinale orso d'oro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved