linguaggio-corpo-e-rito-per-il-teatro-digitale-del-lac
Un progetto destinato a durate (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
4 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
18 ore

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
22 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
1 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
1 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
1 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
1 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
1 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
1 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Gallery
Culture
1 gior

‘Queer’, la diversità di genere è in mostra a Berna

Sono molti gli esempi di fluidità di genere e il Museo di storia naturale vi dedica una eposizione lunga un anno
Video
Culture
2 gior

Gran Premio svizzero d’arte a Descombes, Eppstein e Suter

L'architetto, la curatrice e l'artista destinatari del riconoscimento, consegnato a Basilea il 20 settembre prossimo insieme ai Premi svizzeri d'arte
Lac
2 gior

Condemi, lavoro registico tra linguaggio, spazio e sguardo

Per Lingua Madre, le ‘capsule per il futuro’ del Lac, la terza parte sarà online sabato 10 aprile dalle 9. A colloquio con il regista.
Culture
2 gior

Orizzonti filosofici online con Massimo Reichlin

La coscienza, tra senso morale e ragion pratica nel secondo appuntamento di martedì 13 aprile alle 20 in Zoom
Covid e Cultura
2 gior

Taskforce Cultura: 'Miglioramenti, ma permangono problemi'

Modifiche all'Ordinanza Covid Cultura soddisfano per semplificazioni e retroattività, ma scudo protettivo senza risposte e timori per i tempi di attribuzione Ipg.
Società
2 gior

Pandemia? E torna di moda... l'Hula Hoop

Il popolare attrezzo-giocattolo è tornato alla ribalta negli ultimi mesi: combatte lo stress, fa bene all'umore ed è adatto per fare attività fisica
Spettacoli
20.02.2021 - 15:430

Linguaggio, corpo e rito per il teatro digitale del Lac

Carmelo Rifici e Paola Tripoli presentano il progetto ‘Lingua madre’, un modo per riflettere sul senso del teatro e della società

Si intitola “Lingua madre”, sottotitolo “Capsule per il futuro”, ed è un teatro senza teatro, un modo per portare su digitale non gli spettacoli che in questi mesi non possono andare in scena, ma gli interrogativi e i temi che una certa idea di teatro affronta. Ideatori di questo progetto sono il direttore artistico del Lac Carmelo Rifici e la direttrice artistica del Festival internazionale del teatro Fit Paola Tripoli, ai quali abbiamo fatto alcune domande per capire qualcosa di più di “Lingua madre” che al momento è solo uno scarno sito internet – www.luganolac.ch/lingua-madre –, un ricco manifesto artistico e l’annuncio che i primi contenuti saranno disponibili da marzo.

La scena digitale

«Come direttore artistico di un centro come il Lac – di racconta Rifici – sentivo l’esigenza di non lasciare che questo tempo potesse passarci davanti senza porci nuove domande, senza lasciarci niente».
Punto fermo: evitare la semplice riproposizione online di produzioni teatrali che in streaming non possono che perdere «la tridimensionalità del teatro».
Il Lac si è quindi mosso pensando nuovi contenuti: da una parte due collaborazione con la Rsi, per il progetto “Arti liberali” e per due nuovi produzioni, lo ‘Zoo di vetro’ e ‘Macbeth’ rivisti in modo «più interessante e più giusto per il mezzo, ripensandoli per la regia televisiva».
Dall’altra parte, “Lingua madre”. «Avendo scelto di non percorrere la via più semplice, cioè mettere online dei contenuti teatrali già prodotti o da produrre, ci siamo chiesti quale potesse essere la strada giusta» spiega Paola Tripoli. «Innanzitutto confrontarci con cosa è la tecnologia oggi: senza una visione ipercritica o di subordinazione, ma mettendoci in una condizione di conoscenza».
Ragionare quindi su «delle forme chiaramente legate alla possibilità di essere guardate, lette o ascoltate in digitale, nate per il digitale senza avere alcuna pretesa di diventare forma teatrale» sottolinea Rifici.
Non ci sarà, o almeno non ci sarà necessariamente, una trasposizione teatrale: “Lingua madre” «non è un progetto utilitaristico che mira ad avere qualcosa da portare sul palco del Lac», anche se i risultati – tecnici e tematici – delle sperimentazioni in corso si vedranno certamente, visto che il progetto «ci sta dando la possibilità di immaginare molto, di allargare molto alcuni orizzonti». Ma restano delle visioni «che non funzionerebbero su un palcoscenico: sono state immaginate per permettere a questi linguaggi di non essere schiavizzati dalla tecnologia ma di utilizzarla a loro favore» conclude Rifici.

Un comitato editoriale, un manifesto, tre concetti

Il progetto nasce da Carmelo Rifici e Paola Tripoli, ma coinvolge molte più persone. Innanzitutto il comunicato editoriale, che include Angela Dematté, che accompagna il lavoro di Rifici da tempo; Riccardo Favaro, finalista al Premio Riccione e recente vincitore del Premio Scenario; Francesca Sangalli, autrice legata alla scrittura televisiva e
radiofonica e Lorenzo Conti che si occupa di curatela e formazione nel campo della danza contemporanea. E poi le maestranze del Lac, numerosi artisti vicini al centro culturale e al Fit.
Partendo da un manifesto in dieci punti. Ma, precisa subito Rifici, senza intenti ideologici, anzi: il testo è da intendersi come «un prontuario di intenti che il progetto vuole avere, per slegarsi dall’ideologia di una presa di posizione del rapporto tra tecnologia e cultura, non per realizzare dei prodotti ma per fare una vera e propria ricerca di linguaggio e di pensiero».
Ricerca su temi già affrontati dal teatro e che la pandemia ha riproposto con nuove prospettive e una rinnovata urgenza. «A che punto siamo del nostro linguaggio, come il linguaggio è cambiato negli ultimi anni di fronte alla digitalizzazione che avanza verso l’intelligenza artificiale, come il corpo risponde a questi nuovi impulsi, come il corpo ha risposto alla negazione degli ultimi mesi, come i riti sono cambiati negli ultimi mesi quando la pandemia ha mostrato una fragilità del mondo» elenca Rifici.
Linguaggio, corpo, rito: su questi concetti sono stati coinvolti i vari autori coinvolti. «Ognuno – spiega Tripoli – li ha elaborati in un lavoro di insieme per decidere la forma ideale per quel progetto. È come uno spettacolo teatrale: è il regista che decide la forma; in questo caso c’è una primogenitura che è quella dell’autore che si lega a noi due curatori e a un processo creativo allargato».

Una ventina di progetti

“Lingua madre” sarà quindi composto da un certo numero di sperimentazioni – al momento sono una ventina quelle in lavorazione –, che saranno disponibili sul sito internet del Lac, come un percorso di esplorazione per i fruitori. Produzioni audiovisive su testi scritti non per il teatro ma per il digitale, documentari per il web, contenuti audio. «Nei giorni scorsi – ci spiega Rifici – Camilla Parini e Alessio Maria Romano hanno finito di girare alcune pillole di quello che noi abbiamo chiamato ‘poesia anatomica’: poesie scritte dai nostri autori legate al corpo, a come il corpo si tramuta».
Contenuti audio, tipo podcast? «Li abbiamo chiamati ‘Paesaggi sonori’ perché sono qualcosa di diverso: siamo partiti da dei testi pensati per performance teatrali e ci siamo interrogati su come fosse possibili ascoltarli, ci siamo interrogati sulla grammatica dell’ascolto» afferma Rifici. I due paesaggi sonori sono affidati a Trickster-p, Alan Alpenfelt e Zeno Gabaglio, partendo da due testi, uno di Manuela Infante e l’altro di Ahmed El Attar, due autori presenti nelle passate edizioni del Fit.
«El Attar aveva fatto un lavoro molto innovativo di messa in scena teatrale – spiega Tripoli – con una composizione di testi raccolti attraverso diversi media; a sua volta Alan Alpenfelt sta lavorando con El Attar in maniera molto innovativa e si scopriranno questi contenuti attraverso una sorta di mappa che poi andrà sul web, affinché questo progetto sonoro diventi anche visivo».
Un altro progetto, di cui si occupa Paola Tripoli, riguarda la memoria, «Vogliamo abbandonare quella sorta di racconto colonizzante per cui siamo sempre noi a raccontare le altre realtà: l’obiettivo è scegliere dei luoghi confrontati con la censura politica oppure semplicemente dimenticati dal mercato dell’arte e dare uno spazio non ai grandi artisti che tutti conoscono, ma agli outsider, agli indipendenti affinché ci possano raccontare di prima mano le difficoltà che incontrano, o la loro visione sui tre temi del manifesto».
Quanto è destinato a durare “Lingua madre”? «Non ne ho idea. Caricheremo nella piattaforma i primi progetti, ma potrà continuare in parallelo quando – speriamo presto – potremo almeno in parte ricominciare in presenza» risponde Rifici. «È un progetto che secondo me ha senso continuare a fare. Ma bisognerà vedere se sarà possibile: in questo momento il Lac è a nostra completa disposizione, quando la stagione riprenderà no, ma spero che si troverà una forma per andare avanti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved