goldoni-e-l-opera-tra-necessita-e-virtu
Monumento di Goldoni a Campo san Bartolomeo (Didier Descouens)
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
3 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
17 ore

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
21 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
1 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
1 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
1 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
1 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
1 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
1 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Spettacoli
27.02.2021 - 17:410

Goldoni e l’opera, tra necessità e virtù

Il padre della commedia moderna e il teatro musicale, “il più grande, il più fastidioso e il più pericoloso degli imbarazzi”

 A un’ottantina assommano i libretti d’opera di Carlo Goldoni, scritti per vari compositori (da Vivaldi a Haydn, da Galuppi a Mozart). Se importante fu la riforma a cui sottopose il teatro, non meno importante si dimostra la svolta che i suoi testi per musica rappresentano nell’ambito dell’evoluzione dell’opera comica italiana. Benché a tale ruolo fosse in un certo senso trascinato per necessità (nelle sue ‘Memorie’ rivela come i profitti della commedia fossero insignificanti in Italia e come non ci fosse che l’opera teatrale a permettere di guadagnare), vi troviamo lo stesso impegno e la stessa direzione di ricerca riscontrabili nelle sue commedie.

La fortuna dell’intermezzo napoletano dominante nei primi decenni del Settecento faceva infatti da pendant alla commedia dell’arte nel suo assetto primitivo. I caratteri vi corrispondevano a “maschere”, almeno nel senso di tratti unidimensionali destinati a incamminare l’azione a senso unico. Goldoni coglie nel libretto, destinato a sposarsi con la musica, quegli aspetti di umanizzazione dei caratteri che la musica stessa consente in un gioco di ammiccamenti, di sottintesi, di ritrosia. Questo intendeva l’Abate Galliani quando nel 1771 scriveva a Madame D’Epinay: “Non illudetevi, l’opera napoletana non arriverà mai in Francia. Voi forse potrete amare le opere comiche italiane, come ‘La buona figliola’, ma non quelle napoletane”.

Tratta dal fortunato romanzo di Samuel Richardson, ‘Pamela or Virtue Rewarded’, diventata anche personaggio emblematico del suo teatro (‘Pamela nubile’, ‘Pamela maritata’), ‘La buona figliola’ è uno dei libretti chiave del secolo, scritto nel 1756 da Goldoni per la musica di Egidio Romualdo Duni. Per fare colpo dovette però attendere quattro anni, quando Niccolò Piccinni ne ricavò un’opera che inaugurò in musica il filone larmoyant. Era la scoperta dei piccoli sentimenti, che si contrapponeva alle grandi passioni dell’opera seria, a tracciare un confine tra un’aristocrazia al tramonto e una borghesia emergente che ancorava il suo senso di realtà alla quotidianità del sentire, a una visione domestica della vita. Cecchina, la “buona figliola”, riscattata alla fine dell’opera per il fatto di scoprirsi figlia di gente nobile, rimane legata alla vicenda per la sua condizione di serva, valorizzata nell’umanità del sentimento, nella finezza e nella profondità dei propositi.

D’altra parte, dalla sfaccettatura del sentimento che non si presenta più emblematicamente come caratterizzazione del ruolo ma che si articola in espressioni secondarie financo contrapposte, nasce tra i personaggi un intreccio di relazioni e conseguente un moto che sta alla base della dinamica musicale che porterà ai grandi finali mozartiani. In altre parole se ‘Le nozze di Figaro’ di Mozart non sono spiegabili senza le virtualità del libretto di Lorenzo Da Ponte, Lorenzo Da Ponte non è spiegabile senza l’esempio che all’azione e al linguaggio dei suoi personaggi fornirono i libretti di Goldoni.

L’importanza che ebbe per Goldoni l’opera in musica è testimoniata dalla commedia ‘L’impresario delle Smirne’ (1760), in cui sono messe in scena le manie, gli spropositi, le illusioni dei protagonisti del macchinoso apparato di produzione. Ecco come nella relativa prefazione è descritta la figura dell’impresario:
“Io ho conosciuto in Italia molti e molti impresari di opera in musica: ho molto scritto per loro in serio ed in buffo, e posso parlarne con fondamento. Alcuni fanno gl’impresari per una specie di necessità, e sono quelli che possedendo qualche teatro, per profittare della rendita considerabile di un tal fondo, fanno andare l’impresa per loro conto, e sovente vi rimettono, oltre il profitto de’ palchetti qualch’altra parte del patrimonio. Altri lo fanno per un’inclinazion generosa di divertir se stessi ed il pubblico, e questi ci rimettono più degli altri. Vi sono di quelli che si lasciano indurre a farlo dalle lusinghe di un’amabile virtuosa, la quale, non trovando chi voglia darle il posto di prima donna, induce l’amico ed il protettore a prendere sopra di sé l’impresa di un’opera, e lo sagrifica alla sua vanità ed al suo interesse. Molti lo fanno, sedotti dalla lusinga dell’utile, alla persuasione di quelli che fanno i sensali di tal genere di marcanzia, e danno a loro ad intendere, che non vi è danaro meglio investito, in tempo che non vi è danaro più sicuramente perduto. Altri finalmente lo fanno per disperazione, non avendo niente da perdere, e colla speranza di guadagnare, e se le cose van male, s’impossessano della cassetta, piantano l’impresa, e lasciano i musici nell’imbarazzo.

Tutte queste differenti qualità d’impresari convengono in una cosa sola: grandi e piccoli, ricchi e poveri, generosi o venali, tutti accordano, e provano e si lamentano, che un’impresa d’opera in musica è il più grande, il più fastidioso e il più pericoloso degli imbarazzi”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved