laRegione
il-dizionario-minimo-della-pandemia-al-teatro-sociale
ULTIME NOTIZIE Culture
Rsi
3 ore

Molestie: il sindacato parla a Le Temps, la Rsi 'deplora'

Maria Chiara Fornari, giornalista Rsi, dallo scorso 9 dicembre alla testa della sezione ticinese del Sindacato Svizzero dei Media: 'Donne umiliate e screditate'
Spettacoli
4 ore

Addio a Roberto Brivio, con Nanni Svampa membro dei Gufi

Il ricordo di Cochi Ponzoni, Flavio Oreglio, Enrico Beruschi e molti altri, orfani di ‘un vero pilastro del cabaret italiano da lui fondato’.
Musica
5 ore

Tra Londra e il Ticino, Leti torna con 'Oltre’

A Eurosong 2012 era Laetitia (‘The Big Picture’). Ora un nuovo singolo con videoclip annesso, un viaggio ‘verso me stessa’.
Culture
5 ore

Addio a Jean Graton, papà di Michel Vaillant

Il creatore dell'intrepido pilota è morto a Bruxelles all'età di 97 anni. La lunga storia a fumetti era iniziata nel 1957 sulla rivista Tintin
Covid e Cultura
7 ore

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'
Spettacoli
7 ore

Soletta, cinque confuse storie sul cervello

In corsa per il Prix de Soleure, abbiamo visto il documentario di Jean-Stéphane Bron sull’intelligenza artificiale
Spettacoli
9 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
12 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
16 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
1 gior

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
2 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
2 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
3 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
3 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
3 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Spettacoli
13.01.2021 - 11:520
Aggiornamento : 12:50

Il ‘dizionario minimo’ della pandemia al Teatro Sociale

Flavio Stroppini ci racconta il progetto ‘Semplici parole’: 250 termini per dare un senso a questi strani giorni. E per riempire il vuoto dei teatri

‘Stordimento’, ‘Incertezza’, ‘Non’, ‘Reinventarsi’. Sono alcune delle 250 parole che, domani giovedì 14 gennaio dalle 18 alle 23, riempiranno un vuoto: quello del Teatro Sociale di Bellinzona, chiuso come gli altri luoghi di cultura, che con la performance in streaming ‘Semplici Parole’ sfrutterà il web per essere comunque vicino al proprio pubblico; ma anche il vuoto di senso di questa pandemia.

“Per te, tutto questo, che parola è?” è la domanda che Flavio Stroppini e i suoi collaboratori hanno posto, raccogliendo un migliaio di risposte. Ne sono state selezionate, appunto, 250: a ognuna di essere Stroppini dedicherà un minuto o poco più, leggendole e raccontandole in streaming.

La performance verrà trasmessa sulle pagine Facebook di @sempliciparole2020@nucleomeccanico@teatrosociale@casadellaletteratura; sui canali YouTube di
Nucleo Meccanico, del Teatro Sociale Bellinzona e della Casa della Letteratura oltre che sul nostro sito internet.

Flavio Stroppini: parliamo di ‘Semplici parole’, ma forse conviene partirà da un’immagine: quella della medusa che vediamo rappresentare questo progetto.

C’è il riferimento al mito, ovviamente, e la medusa è un animale che vediamo fluttuare con leggerezza, vediamo la bellezza dei suoi movimenti. Ma la medusa è anche un animale velenoso, il tocco può essere letale. Le meduse non si toccano tra di loro, sembrano comunità ma vivono in un modo che sembra molto il nostro in questo periodo: cercano la vicinanza, cercano la leggerezza, ma se toccano possono diventare carnefici.

E le meduse vivono come noi tra queste onde di grafici, di informazioni, di continue nuove domande su quello che succederà.

Le meduse sono trascinate da questa corrente di grafici e informazioni; noi vorremmo riuscire a nuotare, a trovare o dare un senso. Il teatro può aiutarci?

Sì: il teatro in questo momento deve cercare di raccontare quel che ci sta succedendo. Non con uno sguardo giornalistico, ma con uno sguardo artistico: deve farci riflettere su quello che stiamo vivendo, su quello che siamo, dare la possibilità di creare comunità, di creare interazione tra le persone. Io la penso come Majakovskij: l’arte non è lo specchio cui riflettere il mondo, ma il martello con cui forgiarlo.

Attraverso un linguaggio comune che mi pare essere il tema di Semplici parole.

In un periodo in cui ognuno dice la sua a volte non ascoltando gli altri, l’idea è cercare di ascoltarci, dando una parola a ognuno e cercando di riflettere su queste parole. Il mio è uno dei miliardi di possibilità di linguaggio comune. Se tutti facessimo questo lavoro di ascolto, forse le cose andrebbero meglio, saremmo un po’ più uniti.

250 parole. C’è un motivo dietro questo numero?

Secondo alcuni studi, 250 è il numero di parole necessarie per potersela cavare, per sopravvivere in qualsiasi luogo in cui si parla una lingua diversa dalla nostra. Il minimo indispensabile per riuscire a comunicare, fare la spesa, andare in giro.

Sono arrivate le parole isolate o anche delle descrizioni?

Il lavoro di raccolta è stato molto interessante e infatti una rivista di etnografia digitale farà uscire uno studio. Le parole sono arrivate “a bolle”, a seconda della situazione e del tipo di restrizioni che stavamo vivendo. Nei periodi più difficili, in molti oltre alla parola ci tenevano a spiegare, a ragionare sul perché hanno scelto proprio quella parole.
E anche sulla difficoltà di trovare una parola sola: nei momenti diciamo più leggeri, più tranquilli, era facile, ma nei periodi più difficili si avvertiva la necessità di spiegare perché certe parole erano state escluse.

C’è stata qualche parola particolarmente importante?

Una in particolare no: tutte, nel loro percorso, mi hanno fatto riflettere su spezzoni di realtà che non avevo considerato. Sono le storie, i concetti che stanno dietro ogni parola, anche la più banale: la persona che ha scritto ‘Lidl’ alla fine sta raccontando qualcosa. Io ho pensato alla difficoltà di trovare lievito e carta igienica, alle file davanti ai supermercati, a mia madre che non sapeva a che ora andare a fare la spesa per non trovare gente.

Il 14 queste parole saranno presentate in streaming.

Esatto: leggerò dei testi, racconterò brevemente queste parole. Sono anche previsti quattro interventi di un musicista, Andrea Manzoni, collegato da casa sua. Abbiamo anche deciso, tramite una cinquantina di webcam in giro per il mondo, di mostrare quello che sta accadendo mentre noi in un teatro a ridosso della Alpi stiamo cercando di creare questo linguaggio comune.

Perché andare proprio in teatro, a leggere queste parole?

Perché il teatro è il luogo in cui si crea comunità, e il Teatro Sociale come storia e come programmazione cerca proprio questo: il racconto della comunità.

Per affrontare questa pandemia le autorità hanno deciso di chiudere i teatri: è una scelta tosta, ma non la voglio criticare pur non capendola – penso che dovrebbero esserci le stesse regole per tutti, mentre quando andavo a fare le prove per lo spettacolo ‘Olocene’ al sabato vedevo il mercato aperto e, lo ammetto, mi giravano un po’ le scatole.
Il teatro è quindi il luogo dove si racconta quello che succede e l’immagine di un teatro vuoto è secondo me molto forte. È da quella immagine che si può iniziare a ricostruire qualcosa.

Adesso lo streaming online. E dopo? ‘Semplici parole’ potrebbe diventare uno spettacolo teatrale tradizionale, in presenza?

Difficile, perché è proprio strutturato per il web. Penso piuttosto a uno studio su quello che è successo: una volta che saremo tornati a una quotidianità più o meno normale sarà necessario riflettere su quello che è successo e mi piacerebbe studiare queste parole, studiare tutto quello che è stato fatto per cercare di capire.
Quindi sì, mi piacerebbe continuare a far vivere questo lavoro, ma non so ancora le modalità.

Il teatro continuerà a fare i conti con la pandemia, con questi strani giorni.

Abbiamo un migliaio di persone che hanno sentito l’esigenza di comunicare con noi. È un patrimonio di vicinanza che non vorrei perdere.

© Regiopress, All rights reserved