MIN Wild
2
NAS Predators
5
2. tempo
(0-3 : 2-2)
CHI Blackhawks
2
Detroit Red Wings
5
2. tempo
(1-1 : 1-4)
locarno-pro-e-il-futuro-del-cinema-con-markus-duffner
Markus Duffner (LFF)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore

Cinque giovani svizzeri tra le vene aperte dell’Argentina

Partiti alla volta del Sudamerica, hanno fondato il gruppo Campo Abierto per promuovere la diversità culturale. Parola al ticinese Alessio De Gottardi
Spettacoli
7 ore

Con l’Osi a Parigi, ‘città dell’eterna giovinezza’

Applausi interminabili per un’esecuzione che ha unito il mestiere di orchestrali di lungo corso con lo stupore di studenti di Conservatorio
Società
8 ore

Sono oltre 4,5 miliardi gli utenti dei social media nel mondo

Il totale globale cresce al ritmo di un milione di nuove registrazioni al giorno. Nel 2022 il 60% della popolazione del pianeta avrà un account social
Spettacoli
9 ore

Al Sociale data supplementare per ‘Se la va la gh’ha i röd’

Biglietti a ruba: lo spettacolo della Compagnia teatrale Flavio Sala avrà una replica in più il prossimo fine settimana
Scienze
11 ore

Mendrisio, si va su Marte col professor Domenico Giardini

L’incontro con il geofisico italiano si inserisce nel ciclo ‘Emergenza Terra. Abitare, costruire, pensare un futuro sostenibile’ promosso dalla Supsi
Pensiero
12 ore

A Chiasso ‘Frenesia di progresso fra Otto e Novecento’

La conferenza del professor Gerardo Rigozzi, proposta dal Circolo ‘Cultura insieme’, condurrà in un viaggio tra Belle Époque, Positivismo e Futurismo
Scienze
12 ore

L’impatto dell’ambiente costruito sulla salute e il benessere

All’Usi lezione per il ciclo ‘Cultura e salute’. Con l’architetto Mario Botta, il salutogenic designer Alan Dilani e l’oncologa Gillessen Sommer
L'intervista
1 gior

Nocenzi e il Banco, tutto il senso dell’essere ‘Nati liberi’

A colloquio con Vittorio Nocenzi, padre fondatore, che da Tondo a Maroggia ha presentato la biografia della band (piccola lezione di musica segue)
Spettacoli
1 gior

Le eroine della commedia di Bindu de Stoppani

‘40enni in salita’, girato in Val di Blenio, avrà un’anteprima all’Iride di Lugano e poi sarà trasmesso dalla Rsi
Scienze
2 gior

Più dolci, meno sport: tra i bimbi cresce la Covibesity

I pediatri lanciano l’allarme: in Italia quattro bambini su dieci hanno peggiorato l’alimentazione. Sette consigli per ripristinare sani stili di vita
Culture
2 gior

Morto Bernard Haitink, celebre direttore d’orchestra

Ha guidato diverse tra le più grandi orchestre del mondo. Aveva 92 anni
Culture
2 gior

Quando la cultura fa bene alla salute

Enzo Grossi ha aperto il corso che l’Università della Svizzera italiana ha attivato per i futuri medici, sette incontri aperti a tutti
La recensione
3 gior

‘Mein Fritz, il mio Leo’ al Sociale, buona la prima

Anche quando i temi si fanno questioni, e i pesi si fanno macigni, Saltamacchia e Traversi ne reggono il peso con padronanza e leggerezza
locarno film festival
25.12.2020 - 08:000

Locarno Pro e il futuro del cinema con Markus Duffner

Intervista al nuovo responsabile del settore del Festival dedicato ai professionisti

«Se il 2020 è stato un anno complesso, per il cinema, il 2021 non sarà più facile» ci ha spiegato Markus Duffner pensando alle sfide che lo attendono quale nuovo responsabile di Locarno Pro, il settore del Locarno film festival dedicato ai professionisti. Duffner succede a Valentina Merli, che aveva lasciato la guida di Locarno Pro negli scorsi mesi, e nel suo lavoro sarà affiancato dalla vice Sophie Bourdon, che si occupa anche della sezione Open Doors, e da Nadia Dresti che anni fa ha creato il settore e che rimane in qualità di consulente per l’internazionale. 

Cittadino tedesco, Duffner è nato e cresciuto in Italia, ha studiato alle Università di Urbino e Bologna, collabora già da tempo col festival. «Dal 2014 sono nel team di quello che erano gli Industry Days, poi diventati Locarno Pro: Nadia Dresti mi ha voluto al suo fianco per occuparmi prima del progetto ‘First Look’, dedicato alle produzioni in lavorazione ogni anno di una regione diversa». Poi una nuova iniziativa, ‘Match Me!’, «dedicata a produttori più giovani e con meno esperienze, per aiutarli a crescere a livello internazionale: è un’iniziativa di cui sono particolarmente orgoglioso». Nel 2020, anno della pandemia che tutto ha fermato, è arrivato ‘Heritage Online’, «un’idea nata parlando con vari ‘player’ dell’industria, sulla necessità di trovare nuove forme di distribuzione per i film “di patrimonio”, i classici che con il passaggio dai supporti fisici come dvd e blu-ray ai servizi di streaming rischiavano di avere vita difficile». Duffner sarà adesso responsabile di tutto Locarno Pro. «Conoscendo bene il festival e Locarno Pro, quando si è aperto il bando ho deciso di candidarmi: mi è sembrato il giusto proseguimento del mio percorso professionale».

In quali direzioni si dovrà muovere Locarno Pro, tenendo presenti le trasformazioni dell’industria legate alle piattaforme di streaming, e la tradizione del festival di scoprire cinematografie poco conosciute?

È uno scenario che dobbiamo studiare approfonditamente. Io ho anche fondato una piattaforma di video on demand (Spamflix, specializzata nei film ‘cult e avant-garde’, ndr), per cui sono vicino al mondo dello streaming e lo valuto una grandissima soluzione per film che non sono molto conosciuti a livello internazionale. In futuro, le piattaforme saranno al centro dell’attenzione ma non per sostituire le sale: quello non credo succederà, non è nelle intenzioni non solo delle sale, ma neanche delle grandi produzioni, nonostante i tempi complessi in cui ci troviamo.

Sale cinematografiche e streaming complementari?

Ne sono convinto, e soprattutto nel cinema di patrimonio, per questo abbiamo lanciato ‘Heritage Online’, ma è chiaro che si stanno muovendo molte cose, processi già in atto che la pandemia ha accelerato.

Ad esempio?

In Francia c’è l’intenzione di ridefinire la legge sul video on demand per chiedere alle piattaforme di contribuire al Cnc, il Centre National du Cinéma et de l’Image Animée che poi quelle risorse le ridistribuisce nelle produzioni. E soluzioni simili sono in discussione anche in altri Paesi. A Locarno Pro dovremo pure studiare lo sviluppo di queste nuove realtà che secondo me cambieranno non solo l’industria della distribuzione, ma anche della produzione se pensiamo che le grandi piattaforme sono dei veri e propri studios.

Più streaming a Locarno?

Il mondo dello streaming non va tenuto ai margini ma va incluso, perché i professionisti che vengono a Locarno potranno sicuramente trarre vantaggio dalla loro presenza. Il nostro scopo è fornire una piattaforma che proponga un’offerta più completa possibile ai film del festival.

Si è accennato ‘ai professionisti che vengono a Locarno’: è presto per dirlo, ma si spera in un Locarno Pro
in presenza nel 2021?

Appunto, è presto per dirlo e la decisione finale non spetterà neanche a noi ma dipenderà dalla situazione sanitaria e dalle restrizioni, ma posso dire che con ottimismo si lavora a un festival fisico. D’altra parte, come Locarno Pro intendiamo lavorare a una versione ibrida: i professionisti arriveranno ad agosto 2021 dopo più di un anno di eventi, festival e mercati virtuali, forse un po’ provati ma anche abituati a usufruire di strumenti online che ci permettono di allargare il nostro campo di azione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved