locarno-pro-e-il-futuro-del-cinema-con-markus-duffner
Markus Duffner (LFF)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
3 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
4 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
6 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
7 ore

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
9 ore

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
21 ore

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
22 ore

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
23 ore

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
23 ore

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
1 gior

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
1 gior

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
1 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
1 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
locarno film festival
25.12.2020 - 08:00

Locarno Pro e il futuro del cinema con Markus Duffner

Intervista al nuovo responsabile del settore del Festival dedicato ai professionisti

«Se il 2020 è stato un anno complesso, per il cinema, il 2021 non sarà più facile» ci ha spiegato Markus Duffner pensando alle sfide che lo attendono quale nuovo responsabile di Locarno Pro, il settore del Locarno film festival dedicato ai professionisti. Duffner succede a Valentina Merli, che aveva lasciato la guida di Locarno Pro negli scorsi mesi, e nel suo lavoro sarà affiancato dalla vice Sophie Bourdon, che si occupa anche della sezione Open Doors, e da Nadia Dresti che anni fa ha creato il settore e che rimane in qualità di consulente per l’internazionale. 

Cittadino tedesco, Duffner è nato e cresciuto in Italia, ha studiato alle Università di Urbino e Bologna, collabora già da tempo col festival. «Dal 2014 sono nel team di quello che erano gli Industry Days, poi diventati Locarno Pro: Nadia Dresti mi ha voluto al suo fianco per occuparmi prima del progetto ‘First Look’, dedicato alle produzioni in lavorazione ogni anno di una regione diversa». Poi una nuova iniziativa, ‘Match Me!’, «dedicata a produttori più giovani e con meno esperienze, per aiutarli a crescere a livello internazionale: è un’iniziativa di cui sono particolarmente orgoglioso». Nel 2020, anno della pandemia che tutto ha fermato, è arrivato ‘Heritage Online’, «un’idea nata parlando con vari ‘player’ dell’industria, sulla necessità di trovare nuove forme di distribuzione per i film “di patrimonio”, i classici che con il passaggio dai supporti fisici come dvd e blu-ray ai servizi di streaming rischiavano di avere vita difficile». Duffner sarà adesso responsabile di tutto Locarno Pro. «Conoscendo bene il festival e Locarno Pro, quando si è aperto il bando ho deciso di candidarmi: mi è sembrato il giusto proseguimento del mio percorso professionale».

In quali direzioni si dovrà muovere Locarno Pro, tenendo presenti le trasformazioni dell’industria legate alle piattaforme di streaming, e la tradizione del festival di scoprire cinematografie poco conosciute?

È uno scenario che dobbiamo studiare approfonditamente. Io ho anche fondato una piattaforma di video on demand (Spamflix, specializzata nei film ‘cult e avant-garde’, ndr), per cui sono vicino al mondo dello streaming e lo valuto una grandissima soluzione per film che non sono molto conosciuti a livello internazionale. In futuro, le piattaforme saranno al centro dell’attenzione ma non per sostituire le sale: quello non credo succederà, non è nelle intenzioni non solo delle sale, ma neanche delle grandi produzioni, nonostante i tempi complessi in cui ci troviamo.

Sale cinematografiche e streaming complementari?

Ne sono convinto, e soprattutto nel cinema di patrimonio, per questo abbiamo lanciato ‘Heritage Online’, ma è chiaro che si stanno muovendo molte cose, processi già in atto che la pandemia ha accelerato.

Ad esempio?

In Francia c’è l’intenzione di ridefinire la legge sul video on demand per chiedere alle piattaforme di contribuire al Cnc, il Centre National du Cinéma et de l’Image Animée che poi quelle risorse le ridistribuisce nelle produzioni. E soluzioni simili sono in discussione anche in altri Paesi. A Locarno Pro dovremo pure studiare lo sviluppo di queste nuove realtà che secondo me cambieranno non solo l’industria della distribuzione, ma anche della produzione se pensiamo che le grandi piattaforme sono dei veri e propri studios.

Più streaming a Locarno?

Il mondo dello streaming non va tenuto ai margini ma va incluso, perché i professionisti che vengono a Locarno potranno sicuramente trarre vantaggio dalla loro presenza. Il nostro scopo è fornire una piattaforma che proponga un’offerta più completa possibile ai film del festival.

Si è accennato ‘ai professionisti che vengono a Locarno’: è presto per dirlo, ma si spera in un Locarno Pro
in presenza nel 2021?

Appunto, è presto per dirlo e la decisione finale non spetterà neanche a noi ma dipenderà dalla situazione sanitaria e dalle restrizioni, ma posso dire che con ottimismo si lavora a un festival fisico. D’altra parte, come Locarno Pro intendiamo lavorare a una versione ibrida: i professionisti arriveranno ad agosto 2021 dopo più di un anno di eventi, festival e mercati virtuali, forse un po’ provati ma anche abituati a usufruire di strumenti online che ci permettono di allargare il nostro campo di azione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno film festival locarno pro markus duffner streaming
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved