laRegione
villi-hermann-incontro-online-alle-giornate-di-soletta
Rencontre con Villi Hermann (©Sabine Cattaneo)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
5 ore

Osi in streaming, il contrappunto al tempo della dodecafonia

Mercoledì in un Lac senza pubblico, Markus Poschner ha diretto la Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók e la Suite op. 4 di Richard Strauss
Spettacoli
10 ore

USA, truffava personaggi di Hollywood, ora è in manette

I raggiri, opera di un 41enne indonesiano e di suoi collaboratori, avvenivano grazie anche a imitazioni della voce.
Musica
13 ore

'Mai più come siamo ora': Led Zeppelin, il giorno dell'addio

Era il 4 dicembre 1980, e la morte di John Bonham a settembre fu il punto di non ritorno. Nemmeno un paio di discutibili ritorni ne ha mai scalfito il mito.
Spettacoli
22 ore

Leonardo, un’esperienza tra storia e invenzione

Presentata a Lugano la ‘Da Vinci experience’, mostra immersiva dedicata al genio rinascimentale. Dalla realtà virtuale ai modellini, spunta anche la bicicletta (che lui mai disegnò)
Letteratura
22 ore

La casa di Tolkien in vendita: i vip si mobilitano

'Si faccia un museo!'. E una campagna internazionale di crowdfunding è partita nella speranza di preservare il luogo in cui nacque la saga di tutte le saghe.
Spettacoli
23 ore

Riapre la Royal Albert Hall, e saranno 150 anni

Ottimisticamente, Eric Clapton, Patti Smith e i Beach Boys sono i nomi già annunciati per festeggiare il secolo e mezzo di uno dei templi di Londra
Musica
1 gior

All'asta le chitarre di Van Halen (anche la Frankenstrat)

Tre esemplari usati dal chitarrista scomparso in ottobre battuti per complessivi 422mila dollari: 231 solo per l'iconica Kramer personalizzata,
Spettacoli
12.11.2020 - 11:000
Aggiornamento : 19:18

Villi Hermann, incontro (online) alle Giornate di Soletta

Omaggio al cineasta ticinese alla 56ª edizione del festival del cinema svizzero. Che, tutto online, introduce un nuovo premio: Opera prima

Edizione tutta online, per la 56ª edizione delle Giornate di Soletta: il festival del cinema svizzero, in streaming dal 20 al 27 gennaio, manterrà le principali sezioni e anzi introduce un nuovo premio: "Opera prima", destinato alle prime realizzazioni nelle varie sezioni, voluto per sostenere il giovane cinema svizzero. Altra novità di questa edizione, la sezione "A l’atelier" dedicata alla creazione cinematografica, con incontri e discussioni organizzati in collaborazione con partner nuovi e vecchi, sia svizzeri sia internazionali.

Un'edizione online, sperando nelle sale

"Negli ultimi mesi abbiamo preparato la 56ª edizione sotto forma di edizione ibrida, in presenza e online. Con l'evolversi della pandemia e le misure di protezione decise dalla Confederazione e dal Cantone di Soletta, il programma online da 'gamba libera' è diventata 'gamba d'appoggio'" ha spiegato la direttrice Anita Hugi. Se a gennaio la situazione lo permetterà, vi saranno delle proiezioni in sala, anche se alcune delle strutture tradizionalmente allestite non saranno in ogni caso aperte.

Tutti i film saranno disponibili sulla piattaforma a pagamento delle Giornate di Soletta, inclusi i programmi speciali come 'Rencontre' e 'Focus'. Confermati anche i premi: dal Prix de Soleure a quello Du Public. Saranno inoltre mantenute le discussioni dopo le proiezioni così come gli incontri collaterali. "La presenza online offrirà forse l'opportunità di rivolgersi a un pubblico che non conosce ancora le Giornate di Soletta o il cinema svizzero", spera Anita Hugi.

Un omaggio a Villi Hermann

Il programma speciale "Rencontre" sarà dedicato a Villi Hermann. Per più di mezzo secolo, il produttore e regista ticinese è il marchio di fabbrica del cinema svizzero.

Le Giornate di Soletta presenteranno la prima retrospettiva in Svizzera del suo lavoro, inclusi i suoi primi film che sono stati digitalizzato. "Il nostro cinema deve parlare di noi: Villi Hermann ha sempre seguito questa linea guida" ha dichiarato Anita Hugi. "Come regista, ritiene che il suo compito sia proporre un intervento poetico e un dialogo con l'arte; come produttore, quello di cercare nuovi talenti e prenderli sotto la sua ala. Non posso immaginare un ‘Rencontre’ migliore di rendere accessibile il multiforme lavoro di Villi Hermann".

© Regiopress, All rights reserved