laRegione
il-mio-nome-e-greta-thunberg
Greta Thunberg (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
9 ore

Le forze di Marta Margnetti in mostra al Masi

Palazzo Reali ospita l’esposizione ‘e improvvisamente scossa da una forza’ dell’artista ticinese vincitrice del Premio Manor 2020
Spettacoli
1 gior

'Suoni al buio' al Dimitri e al Foce, in sicurezza

L'esperienza sensoriale che ha girato il mondo torna il 12 dicembre a Verscio e il 13 a Lugano.
Spettacoli
1 gior

'Prisencolinensinainciusol', e il Molleggiato sbanca Twitter

Tre milioni e 100 mila visualizzazioni, più di 135 mila like, decine di migliaia di retweet e commenti da tutto il mondo, da Hollywood alla Silicon Valley
Scienze
1 gior

Le Alpi centrali crescono di 80 cm a millennio

Parte della catena alpina cresce più rapidamente di quanto si eroda, confutando l'idea che sollevamento ed erosione fossero in equilibrio
Scienze
1 gior

Il rumore degli aerei aumenta il rischio di morte per infarto

È già noto che l'inquinamento fonico cronico comporta un alto rischio di cardiopatia ischemica. Ora tocca agli aeroplani di notte.
Spettacoli
2 gior

Addio a Daria Nicolodi, con Dario Argento nella vita e nei film

Attrice e sceneggiatrice, madre di Asia, ha lavorato con il regista romano in molti dei suoi film storici, da 'Profondo rosso' a 'Opera'
Jazz
2 gior

Frank Salis, due concerti in tutta intimità

Al Sociale domani, venerdì 27 novembre alle 20.45, e al Gatto sabato 28 novembre alle 20.30. Tanto caribbean jazz e una Christmas song
Cult
2 gior

'Vacanze di Natale', il cinepanettone diventa libro

Il libro ripercorre la gestazione e la realizzazione di una pellicola entrata ormai nell'olimpo dei cult
Il caso
2 gior

Fare la spesa in modo sexy: è bufera sulla Rai

Proteste sui social e nel mondo politico per un tutorial che spiega come fare la spesa in modo sensuale, andato in onda a 'Detto Fatto'
Castellinaria
3 gior

Nonostante la nebbia. Nonostante Paskaljevic

Fuori concorso a Castellinaria l'ultimo film del regista e sceneggiatore serbo: un non sempre convincente dramma psicologico sui minori non accompagnati
Cinema
3 gior

Jennifer Grey su Patrick Swayze: 'Insostituibile'

L'attrice parla del sequel di 'Dirty Dancing', che la vedrà di nuovo nei panni di Frances 'Baby' Houseman, ma senza l'attore morto nel 2009.
Musica
3 gior

'Tra jazz e nuove musiche', in radio e in streaming

Primo appuntamento giovedì 26 novembre alle 21 negli studi di Lugano-Besso, in collaborazione con Jazz in Bess, con il trio Feigenwinter-Oester-Pfammatter
Musica
3 gior

Mina: esce 'Italian Songbook', la prima di sei antologie

Il primo capitolo è stato presentato da Massimiliano Pani, produttore 'della più famosa sconosciuta d'Italia', come la chiama lui.
Spettacoli
3 gior

Molestie alla Rsi, Canetta: procedure interne da migliorare

Il direttore sulle 32 segnalazioni di comportamenti impropri: capire perché non siano emerse prima ‘è il grande tema’
Musica
3 gior

Andrea Bignasca, vecchio lupo di mare

Un altro singolo, ‘Most Times’ aspettando l'album, ‘Keep Me From Drowning’, in cui il songwriter è 'un po' marinaio e un po' naufrago' (tra il Ticino e l'Atlantico)
Televisione
3 gior

Molestie Rsi, già 32 segnalazioni: indagherà un'istanza esterna

Si moltiplicano i comportamenti impropri segnalati al sito appositamente allestito. Il direttore Maurizio Canetta: 'Anche un solo caso, sarebbe già di troppo'
Musica
3 gior

'Electro Acoustic Room', il microfono come microscopio

Per il secondo appuntamento, venerdì 27 novembre alle 18.30, l'Aula Magna del Conservatorio ospita il 'Nano-Cosmos' della compositrice Ana Dell'Ara-Majek.
Arte
3 gior

Capolavori per tutte le tasche: Wopart è 'Virtual Fair'

Sono 400 esemplari, 'esposti' alla Fiera internazionale di Lugano dedicata prevalentemente a opere d’arte su carta. Che si apre giovedì 26 novembre alle 15.
Lirica
3 gior

'La Magia del Natale', ad Arbedo con Bonomi-Cattaneo-Greppi

Il concerto lirico, che ha nel suo programma i brani sacri e i canti natalizi più amati, si tiene domenica 6 dicembre alle 17 nella Chiesa di San Giuseppe
Spettacoli
24.10.2020 - 14:000

Il mio nome è Greta Thunberg

In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).

Se sei un’attivista convinta e non prendi gli aerei per via dell’impatto ambientale dei voli e l’Onu t'invita a New York a parlare davanti ai grandi della terra, attraversare l’Atlantico in barca a vela è scelta magari bizzarra, decisamente bizzarra, ma coerente. ‘I am Greta’, il documentario di Nathan Grossman su Greta Thunberg nei cinema ticinesi da oggi, ha il suo prologo qui, nella traversata a impatto zero del settembre 2019, e qui torna alla fine della storia. In mezzo, un ritratto discreto e non prevaricante – rispettoso del sogno ecologista – della quotidianità della giovane svedese a partire dal giorno esatto in cui nasce il fenomeno Greta, lei di spalle al Parlamento una mattina del 2018 a Stoccolma: “Mi chiamo Greta, ho quindici anni e sciopererò qui fino alle elezioni”. Una passante le chiede se si stiano fermando in tanti e lei risponde: “Per ora tre”. Dopo un anno, a scendere in piazza saranno sette milioni di persone in un giorno, il più grande sciopero in favore dell’ambiente mai tenutosi nella storia di questo malandato e nemmeno troppo tondo pianeta. Un raduno da far sembrare Woodstock un concerto di liscio, e dall'età media decisamente inferiore.

’Non direi che ne soffro, ce l’ho e basta’

Presentato fuori concorso a Venezia 77 lo scorso 3 settembre, atteso on demand su Hulu per il prossimo 13 novembre, il documentario di Grossman ritrae Greta Thunberg mentre silenziosa, riflessiva, isolata, in buffe e liberatorie danze solitarie o abbracciata ai suoi animali, coltiva il suo progetto in modo maniacale; e allo stesso tempo, fuori campo come in un’estensione dei suoi diari, Greta parla in prima persona dell’emergenza climatica, parla di sé, del suo bisogno di routine, del mutismo selettivo, del rifiuto del cibo e dei trascorsi d'infanzia di norma riservati ai ‘weirdo’, i non invitati alle feste di compleanno perché non convenzionali (loro, non le feste) che poi fanno la storia (quelli come Forrest Gump, Giacomo Leopardi, Janis Joplin e tutti i nerd che ci hanno salvato dalla noia esistenziale).

Quando non è Greta a parlare della Sindrome di Asperger – “Non direi che ne soffro, ce l’ho e basta”, risponde al giornalista Corrado Formigli nel mezzo di un’intervista poi trasmessa da La7 – è il padre Svante a raccontare della memoria fotografica della figlia, della bulimia da informazioni 'climatiche', e di tutta l'attenzione che deve esserle dedicata. Durante i viaggi per l'Europa e per il mondo, è lui – che per alcuni ha la colpa grave di potersi permettere di non lavorare il tempo necessario per accompagnarla – che le ricorda di alimentarsi, di chiudere il MacBook Air sul quale prepara i suoi discorsi (da sola) e di riposarsi. È lui che la supporta, ma non decide per lei.


Verso Katowice

Le toilette del mondo secondo Junker

Greta non è solo la ragazzetta col broncio. Si spende in sorrisi nell’incontro di Parigi con Emmanuel Macron, ancor più nel convegno durante il quale il lussemburghese Jean-Claude Junker, ex-presidente dell’Unione Europea, propone di salvare il pianeta regolando gli scarichi delle toilette di tutto il mondo. “Non so nemmeno perché mi abbiano invitata, forse per mettersi in mostra”, commenta tra sé e sé la ragazzina, conclusione alla quale arrivano di norma tutti i ragazzini svegli, quelli meno svegli un po’ dopo. Ma ci arrivano. Qua e là nel documentario, a schernire la giovane, ci sono anche Trump, Bolsonaro, Putin e tutto il negazionismo alternato alle immagini del pianeta che ansima. 

Greta è anche la teenager che nel giardino di casa, tra i suoi amati cani, apprende di essere un “tesoro mediatico con l’Asperger”, una che “il copione glielo scrive la mamma”, Greta “depressa, ansiosa e infelice”, Greta “stronzetta, egoista e moralista”. E si fa una risata. Poi, buia, racconta le minacce di morte estese alla famiglia tutta, forse anche ai suoi cani, ai pranzi vegani, alla cuffia e alla sciarpa che non sono nuovi e al suo cartello scritto a mano.


Quotidianità

’Lunedì nessuno saprà più chi sei’

A chi non è mai stata simpatica la ragazzetta col broncio, quella che “Io dovrei essere a scuola”, quella che “Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia”, quella che “Come osate?”, gridato in faccia agl'incravattati delle Nazioni Unite in un discorso che ha fatto storia, non starà simpatica nemmeno dopo questo ritratto onesto, chiarificatore, intimo quanto basta, generoso nel senso di ‘non palloso’, che ritrae i giorni di fuoco e quelli di pace di un’eroina suo malgrado, più bronci che sorrisi per scelte non sue e nemmeno dei suoi genitori, costretta da un impulso-passione-ossessione a fare molto di più di quel che non le va di fare – mangiare alla mensa della scuola insieme ad altre persone, per esempio – ovvero calarsi tra ali di folla che gridano il suo nome e che pretendono il massimo del contatto fisico. “Tirate fuori i vostri telefonini e condividete!”, postava Greta nei giorni del COP24 di Katowice, quando chiamata dalla politica a parlare alla politica, all’ennesimo selfie, diceva senza broncio al padre: “Ma ci sono i paparazzi!”. E il padre: “Stai tranquilla. Arriverà lunedì e nessuno saprà più chi sei”.

A Katowice, ‘bigiando’ la scuola e parlando alle facce smarrite di chi sembra sopportare una serie di ovvietà, riferendosi ai suoi coetanei Greta dice “Immaginate cosa potremmo fare tutti insieme, se solo lo volessimo veramente”. Ecco, ‘I am Greta’ non ha particolari pretese storiche o stilistiche, è bello ed è forte come quella frase, è semplice perché è un documentario. Un documentario che probabilmente non cambierà il mondo, ma che però potrebbe cambiare noi e i nostri figli. E non è poco. Per tutto il resto, c’è ‘Unposted’ di Chiara Ferragni.


'Immaginate cosa potremmo fare tutti insieme, se solo lo volessimo veramente' (Keystone)

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved