DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
2
fine
(4-6 : 7-6 : 3-6)
BENCIC B. (SUI)
VONDROUSOVA M. (CZE)
12:45
 
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
BARTY A./PEERS J.
12:00
 
marche-du-film-di-cannes-il-virtuale-piace
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
22 min

Festival di narrazione, di Arzo 'e d'altrove'

Dal 19 al 22 agosto, la 21esima edizione si svolge anche a Meride e Tremona. Sul sito ufficiale della manifestazione l'intera proposta
Libri
57 min

Minimalismo ticinese di Andina e Custer

‘Tessiner Horizonte – Momenti Ticinesi’ (Rotpunktverlag), fusione bilingue tra racconti e schizzi del paesaggio montano in uscita il 3 agosto
Arte
19 ore

L’Arco di Trionfo come immaginato da Christo e Jeanne-Claude

Iniziati i lavori di impacchettamento secondo le indicazioni lasciate dalla coppia di artisti. L’opera sarà visibile dal 18 settembre al 3 ottobre
Spettacoli
20 ore

Shakira rischia il processo per frode fiscale

La somma contestata alla cantante sarebbe stata evasa tra il 2012 e il 2014 quando secondo le autorità l'artista aveva già fissato la residenza fiscale in Spagna
Culture
1 gior

Roberto Calasso, l'editoria come passione

Le sue narrazioni concepite come un ciclo, le scelte editoriali esclusive e grandi: un ricordo dell'editore di Adelphi, scomparso a Milano all'età di 80 anni.
Musica
1 gior

Gli ZZ Top perdono il bassista Dusty Hill, morto a 72 anni

L'ultimo saluto della band sui social: 'Saremo per sempre legati a quel Blues Shuffle in C. Ci mancherai moltissimo, amigo'
Teatro
1 gior

Lazzi di Luzzo 'à la carte' e in tour

La colonia teatrale per adolescenti ha prodotto il suo lavoro per la 31esima edizione, incentrato sull'accoglienza e sull'incontro. Tutte le date.
Cinema
1 gior

'Caves', documentario sulla Svizzera centrale a Venezia 78

Il filmato di 19 minuti sulla speleologa e alpinista nidvaldese Lea Odermatt è l'unica produzione svizzera selezionata per il Concorso VR Expanded.
Scienze
1 gior

Una nuova specie di muschio scoperta nei pressi del Martinsloch

La Schistidium foraminis-martini è di colore marrone e cresce soprattutto sulle rocce calcaree. Rintracciata in due soli altri luoghi, in Svizzera e in Austria
Arte
1 gior

Fiabe, leggende e racconti del Grigionitaliano in un calendario

È il ‘Calendario d’Artista 2022’, mostra che s'inaugura sabato 31 luglio alle 16 alla Galleria Spazio28 arte contemporanea di San Bernardino
Culture
2 gior

Fazioli e Bernasconi dietro le vetrine di Paradeplatz

Per un anno i due autori sono andati a Zurigo per raccontare di un luogo andando al di là della faccia abusata delle cose
Culture
2 gior

Addio a Roberto Calasso, l'editore di Adelphi

Nato a Firenze nel 1941, lo scrittore ed editore aveva da poco compiuto ottant'anni ed era malato da tempo
Spettacoli
29.06.2020 - 16:310

Marchè du film di Cannes, il virtuale piace

Festival cinematografico annullato, ma il tradizionale mercato del film si è tenuto, con successo, online

Si è chiusa con risultati che gli organizzatori dicono “superiori a ogni aspettativa” l'edizione più difficile e stimolante del tradizionale Marché du Film che dal 1959 accompagna il Festival di Cannes e dal 1979 ha letteralmente "messo le tende" dentro e intorno all'imponente Palais du Festival sulla Croisette.

Accettata la sfida dell'emergenza sanitaria e l'impossibilità di riunire in Costa Azzurra la comunità cinematografica mondiale, il direttore del Mercato Jerome Paillard ha realizzato in tempi record un “mercato online” con l'intento di fidelizzare anche via internet compratori, venditori, agenzie nazionali e industrie del settore audiovisivo. Le cifre rese note parlano di 10mila partecipanti iscritti (a prezzi di favore), 1200 film presentati sulla piattaforma Cinando, 300 stand virtuali (tra cui quello la Spagna che si è guadagnato il premio per il più inventivo ed elegante), 40mila spettatori nelle sale virtuali organizzate appositamente.

“Sono andati bene anche gli incontri, le conferenze, i panel da noi proposti – commenta Paillard – ma il dato più significativo riguarda i commenti ricevuti. In tutti ho letto la sensazione di aver vissuto cinque giorni frenetici e vitali, capaci di riprodurre il sentimento speciale che si prova venendo a Cannes. Sono stati incontri fitti di progetti, compravendite, contratti, scoperte anche se il settore che più ha risentito del momento è quello del cinema indipendente, quello che si rivela e diventa un caso grazie al festival”.

La sfida è la stessa che caratterizza tutte le manifestazioni cinematografiche dell'anno: dove sia impossibile celebrare il rito festivaliero "in presenza", può la virtualità della rete supplire e produrre risultati almeno comparabili? Dopo la Berlinale di febbraio in cui tutti si muovevano ancora ignari del contagio, uno dopo l'altro i festival di primavera sono stati chiusi o hanno tentato goffi trasferimenti online, validi solo (e non sempre) per le rassegne di cortometraggio. Dalla New York di Tribeca a Locarno, dalle incertezze sulla Mostra di Venezia fino alla selezione tutta virtuale del direttore di Cannes, si è assistito a un vero terremoto in questo campo, oscillante tra rinvii e chiusure forzate e tentativi di fare dell'emergenza un'opportunità di rinnovamento. Ecco perché il buon esito del “Mercato online”, prolungato fino a domenica da un pool di venditori specialmente americani, indica strade utili anche per il futuro.

Jerome Paillard non si sbilancia sul prossimo anno e anzi auspica un ritorno in forze dal vivo ma ammette: “La dimensione virtuale è una soglia dalla quale non si torna indietro. Si tratta di combinare la forza delle due esperienze per avere uno strumento più duttile. Del resto la gran parte degli iscritti al Marché anche oggi continua a usare la nostra piattaforma di Cinando tutto l'anno".

Tra i titoli più gettonati di questi ci sono ovviamente alcune tra i più attesi del l“abel Cannes”, ovvero i film che il direttore Fremaux ha annunciato come virtualmente selezionati: il commovente ‘Anothe Round’ di Thomas Vinterberg, la fresca rivelazione francese ‘Gagarin’, il nuovo lavoro di François Ozon ‘L'estate dell'85’, ma anche un nuovo titolo di Pablo Larrain, ‘Spencer’ dedicato alla principessa triste, Lady Diana, con Kirsten Stewart nel ruolo principale e l'inglese ‘Mothering Sunday’ con Olivia Colman (‘La favorita’) e Colin Firth.

A sorpresa però sono alcuni blockbuster americani, prodotti da compagnie satelliti delle major, ad avere avuto la maggiore attrattiva. È tornato d'attualità l'ormai favoleggiato ‘Ferrari’ di Michael Mann sul Re di Maranello; è stato conteso a cifre importanti ‘Armageddon Time’ di James Gray che torna nello spazio dopo ‘Ad Astra’ in compagnia di Oscar Isaac, Robert De Niro, Donald Sutherland, Anne Hathaway e Cate Blanchett.

“Con la svolta di questo mercato – dice il produttore spagnolo Antonio Saura – si inaugura di fatto un mercato aperto tutto l'anno. Venezia dovrebbe offrirci l'opportunità di ritrovare lo spirito originale di un festival, ma già l'appuntamento di Toronto si annuncia ibrido e ridotto nei numeri. Molti troveranno più conveniente restare in ufficio e collegarsi via internet. Per questo la Croisette 2021 sarà l'appuntamento da non mancare. Lì capiremo se siamo entrati in una nuova era o se è possibile recuperare fino in fondo la tradizione”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved