il-senso-di-chiara-per-la-neve
'The Hunt', il video (YouTube)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
41 min

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
15 ore

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
18 ore

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
19 ore

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
19 ore

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
20 ore

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
23 ore

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
1 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
1 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Musica
04.05.2020 - 16:43

Il senso di Chiara per la neve

Nel video di 'The Hunt' i paesaggi invernali sono quelli del canton Glarona, ma pare la Scandinavia. Aspettando le 'Constellations' di Chiara Dubey (per intero).

Della bellezza del suo ‘Constellations’, e dell’auspicio che l’ascolto integrale dell’omonimo album sia esperienza concessa a tutti, avevamo detto in aprile annunciando l’uscita del singolo ‘The Hunt’, con leggero anticipo sull’uscita del relativo video. Del quale, dunque, parliamo oggi, rilanciando il lavoro di Chiara Dubey qui trasportato alle gelide temperature dicembrine di Klöntalersee, vicino a Näfels, nel canton Glarona, dov’è ambientato. «Volevamo un paesaggio dai colori freddi e siamo stati baciati dalla fortuna», racconta la cantautrice, album e concerti pronti prima dello stop imposto (il perché, da un paio di mesi a questa parte, è ampiamente noto e comune alla musica tutta). «Quel mattino nevicava e la temperatura si era abbassata tanto da gelare la superficie del lago, creando un paesaggio quasi artico. Non avremmo potuto sperare in uno scenario migliore». Per una come Chiara, a suo agio «quando la temperatura é tale da poter far crescere le piante di mango», ci è voluto del tempo per apparire disinvolta.

Girato in analogico per la volontà dei registi e produttori Mike Krishnatreya e Stefan Muggli di dare al video un tocco di «fuori dal tempo» – per i soli appassionati, ecco i dettagli tecnici: Kodak Vision Cinema Movie Film 7274 / 7217 e Arriflex SR3 / Bolex EBM – il risultato è assai più nordico delle longitudini del canton Glarona, in segno di continuità con la tradizione scandinava dalla quale Dubey attinge, interiorizza e rielabora. “La caccia (‘The Hunt’, ndr) è la nostra fame umana per sogni, ambizioni e tutto il resto. Non siamo mai veramente soddisfatti, la vita ha così tanto da offrire, e noi siamo affamati. Proprio come i lupi, cerchiamo e cacciamo, per mantenere le nostre anime vigili e i nostri occhi giovani”, scrive l’artista nelle note che accompagnano il video.

La donna-lupo che attraversa i quattro minuti e 36 secondi del video e che la affianca in questo femminile dualismo si chiama Angela Malina Weber e veste un originale outfit creato da Chiara – che del video ha curato la sceneggiatura – con stoffe, avanzi di pelliccia («Finta!») e vecchi indumenti della nonna scovati nell’angolo di un solaio. «Non sono né una stilista né una sarta, sono solo una testarda». Ma il risultato del video, così come quello dell’intero lavoro pronto a unirsi alla più generale ripartenza, ha convinto tutti. Anche chi scrive (www.chiaradubey.com).

Leggi anche:

La costellazione Chiara Dubey

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved