laRegione
Nuovo abbonamento
la-costellazione-chiara-dubey
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 ore

'Maestra e donna franca'

Un ritratto di Franca Valeri, spentasi oggi all'età di cent'anni. E il ricordo di Ippolita Baldini, che è anche un po' figlia sua.
Spettacoli
16 ore

Buon viaggio a due Grandi della scena

Renato Reichlin, ex direttore del Teatro Sociale di Bellinzona, ricorda Franca Valeri e Gianrico Tedeschi
Pensiero
20 ore

Cliocast, la storia si ascolta (per ora non in italiano)

Nasce il podcast del portale professionale elvetico per scienze storiche, con contenuti in francese e tedesco, "ma pronti al trilinguismo"
Spettacoli
21 ore

Gli Usa vogliono copiare Eurosong

Mentre l'Eurovision Song Contest attende Rotterdam, negli Stati Uniti ci si prepara per The American song contest
Spettacoli
23 ore

È morta Franca Valeri, sora Cecioni e signorina snob

Aveva da poco compiuto cent'anni. È celebre per le sue caricature intelligenti e critiche, e fu tra le prime donne della commedia italiana
Culture
1 gior

Brevi cronache notturne, tra territori e poesia

Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
1 gior

Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz

Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
1 gior

Donne, voi siete il cinema

'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
1 gior

La malinconia della vita cavalca i pardi

Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
1 gior

Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa

Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
1 gior

Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'

Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
2 gior

Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening

La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Culture
3 gior

Il giro del mondo dei Pardi di domani

CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno
Locarno 2020
3 gior

E Marcello Mastroianni chiese a Franco Piavoli...

A colloquio con l'attore Primo Gaburri, nella Locarno che l'applaudì nel 2002 in un film profetico: 'Sì, in anticipo sull'emergenza migranti offre una soluzione'.
Scienze
3 gior

Svelato mistero rettile con supercollo del Monte San Giorgio

Il tanistrofeo, trovato come fossile sul Monte San Giorgio, era un animale acquatico: è la conclusione cui giunge una ricerca dell'Università di Zurigo
Culture
3 gior

Covid-19, la crisi colpisce i musei statunitensi

Buchi milionari nei bilanci e forti tagli al personale per le più importanti istituzioni museali degli Usa
Scienze
3 gior

Il coronavirus si trasmetterebbe poco nelle scuole

La conferma arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health. Lo studio è stato svolto in Australia
Scienze
3 gior

Nell'uomo moderno tracce di Dna di un ignoto progenitore

Lo affermano ricercatori americani. ‘Vari rami dell'albero genealogico umano si sono incrociati più volte, e prima di quanto ipotizzato finora’.....
Società
3 gior

Alla scoperta della cultura Walser nei Grigioni

L'Associazione grigionese dei Walser festeggia i dieci anni con un sentiero tematico
Scienze
3 gior

Il sonno REM influenza il comportamento alimentare

Lo indica uno studio condotto sui topi dall'Università di Berna e dall'Inselspital.
Scienze
3 gior

I chili di troppo pesano sull'attività del cervello

Funzioni cerebrali e flusso sanguigno si riducono, rivela uno studio. Le persone sovrappeso od obese sono maggiormente a rischio di Alzheimer.
Festival del Film
4 gior

Locarno 2020: il Festival 'che sa adattarsi' è cominciato

Al GranRex la 'benedizione' di Solari, Hinstin, Bertoli, Stöckli e Moret. Online, dall'Oregon, Kelly Reichardt: il suo 'First Cow' sta aprendo l'edizione n.73.
Spettacoli
4 gior

L’Osi riparte con la Nona. Di Dvořàk

Il 28 e 29 agosto l’Orchestra della Svizzera italiana si esibirà nella piazza del Lac con la celebre Sinfonia dal Nuovo mondo
Scienze
4 gior

Alla ricerca di risposte sui meteoriti marziani

Scienziati cinesi indagano sul pianeta rosso studiandone gli 'scarti'
Culture
4 gior

Addio a Sergio Zavoli, principe del giornalismo italiano

Innovatore del giornalismo italiano, dalla radio alla tv fino a diventare presidente della Rai, e infine politico, Zavoli aveva 96 anni
Ognuno a casa sua
14.04.2020 - 19:320

La costellazione Chiara Dubey

Anteprime dall'album 'Constellations', classico e pop (nel senso più nobile del termine). Il concerto d’esordio è saltato, ma noi ci siamo andati lo stesso...

Nei giorni in cui la musica è ferma, ci siamo introdotti nella 'bolla del tempo' dell'artista ticinese ('Ognuno a casa sua', sesta puntata).

“Un quintetto d’archi, una pianista, l’elettronica, una voce e un violino davanti; e dietro, e insieme, un gruppo di giovani vicini al diploma o appena diplomati provenienti dai conservatori di Lugano e Zurigo. Un concerto anche visual, fatto di cieli stellati, di volte celesti che ruotano, di supporto a un album di rara bellezza intitolato ‘Constellations’. Alla fine, il lungo applauso di locarnesi e non locarnesi, e poi tutti a casa con la copia fisica di un album che vale la pena di toccare con mano”. Questo è quanto avremmo probabilmente scritto su laRegione di lunedì 13 aprile se sabato scorso si fosse tenuto il concerto di Chiara Dubey, saltato per i noti motivi che ci costringono a guardare la musica dalle nostre finestre virtuali, e che hanno costretto lei a riscriversi l’immediato futuro.

«Nei momenti immediatamente successivi a quello che è successo, la delusione è stata grande» ci racconta Chiara, tornata in Svizzera dopo un anno di studi (Master in canto) londinesi. «Preparavo da tempo il debutto, ero felice. Mi ero organizzata da sola una serie di concerti, la promozione e ho dovuto cancellare tutto. Ma ho provato a girare a mio favore la situazione approfittando del tempo concesso per approfondire certi argomenti».

‘Egregi signori’

Un passo indietro, per spiegare “certi argomenti”. “Egregi signori, mi chiamo Chiara Dubey e sono una cantante e compositrice ticinese”. In molti sanno chi è, ma nella sua e-mail in cui annuncia, in prima persona, l’esistenza di un disco – d’esordio – e di un tour, non si spendono nomi, rimandi e agganci tipici da ufficio stampa. “Per questi concerti mi sono messa in gioco come booking agent e sto gestendo tutto io” scrive Chiara, così che dall’e-mail non ci arriva il personaggio, ma la musicista. «Perché sono una musicista, non un personaggio. E sono ancora all’inizio di tutto. Mi sforzo, è importante, se devo costruire questa carriera devo farmi pubblicità, e non c’è nessuno che lo fa per me». Riuscendo nell’intento di farsi pubblicità senza realmente farsene. Semplicemente, informando.

Tornando alla quarantena, e tornando a “certi argomenti”: «Non essendo molto brava con social media e marketing, in questi giorni sto leggendo libri che possano essere utili alla mia attività. E poi ho scritto cose nuove, ho cercato di usare questa enorme bolla del tempo per migliorare cose che so di dover migliorare». E tra un argomento e l’altro, l’ascolto casalingo della musica: «Prevalentemente musica strumentale, soprattutto quella di artisti nordici come Ólafur Arnalds, Jóhann Jóhannsson, Max Richter, fredda, molto cinematica. Immagino si percepisca».

Non solo pop, non solo classica

‘Constellations’ viene quasi interamente dai Powerplay Studios di Zurigo; voce e pianoforte, invece, dall’Idee und Klang di Basilea, sede di mix e mastering; tutto quasi interamente svizzero, ad eccezione di ‘A quiet place’, primo estratto registrato a Londra e orchestra d’archi a Budapest. Dentro l'album, tutto quanto affascina Chiara Dubey, musicalmente parlando: «L’elettronica, la classica, il violino…». Ampio spazio si prendono – dilatati, senza ansie produttive ­– gli strumentali: lo splendido crescendo di ‘Aurora Borealis’ (chissà come sarà dal vivo), in cui è suono il rumore dei martelletti del pianoforte quasi prima della singola nota; la tensione in ‘Departure’ e ‘Light’; poco dopo l'inizio, un piccolo capolavoro chiamato ‘Age’ uscito dal tempo. ‘Age’ (Età), momento chiave di un ascolto come lo sarebbe di un film.

Perfettamente integrato è il pop, nell’accezione nobile del termine, anticipato dalla traccia uno ‘Find time’, uscita un mese fa. Venerdì sarà pubblico il video di ‘The Hunt’, terzo estratto da questo lavoro. Uno di quei prodotti di classe che all’Eurovision Song Contest spiccherebbero nella categoria “Ristretta cerchia di cose che non hanno bisogno del raggio laser”. Nell’’Egregi signori’ di cui scrivevamo sopra, nemmeno un cenno all’Eurovision Song Contest, tre tentativi e tanta visibilità. Assenza d’informazione da ricondurre al basso profilo, e non al rinnegare: «So di non essere il tipo da Eurovision, ma sono state per me tutte esperienze costruttive, insegnamenti. Un modo per imparare a stare sui palchi importanti, ad affrontare la tensione. L’ho presa come una formazione».

‘The Hunt’ sembra incarnare il progetto di Chiara, fondere tutti gli elementi di cui dispone, inclusa la voce – strumento a tutti gli affetti – per trovare un suo ingrediente personale. «La mia personalità musicale è fatta di molti lati. Sono musicista classica, che è un lato che non posso tralasciare, anche se spesso mi è stato detto di lasciar perdere, che è una nicchia, che non paga, invitandomi a concentrarmi sul pop commerciale. Ma mi sono resa conto che cercando di costruire un prodotto per il mercato, per le radio, non mi sento soddisfatta di me stessa».

Mal di Londra

Chiara Dubey è cresciuta in Ticino, dov'è rimasta fino alla fine del liceo; poi Zurigo, il Conservatorio, e dopo sei anni, prima di tornare a Zurigo, i dodici mesi a Londra, dove è restato il suo compagno. «Sarei rimasta più a lungo, ma ho deciso di prendermi il tempo per costruire mattone per mattone questo percorso legato al disco e ai concerti, e di tornare in Svizzera. Qui c’è la mia famiglia e ho anche qualche contatto in più. A Londra sono un granello di sabbia sopra una spiaggia». Ma, ammesso esista la versione alternativa a quello d'Africa, Chiara ha il mal di Londra: «È una città che ispira, è piena di cultura e vivacità. Lì ho imparato a capire come funziona l’industria musicale, cosa cercare, come proporsi in questo settore. È stata una lezione soprattutto dal punto di vista del business». Ci sarebbe anche il mal di Svizzera: «L’aria pulita, l’acqua e il latte buoni. La qualità di vita di Londra ha purtroppo poco a che vedere con la Svizzera e con il Ticino. Ma resta una città entusiasmante».

Cose più grandi

Insomma, Alla fine, quel concerto che a Locarno non c’è stato noi abbiamo provato a immaginarcelo. Ora si tratta di attendere l’11 settembre, nuova data di uscita dell’album, confidando in altre anticipazioni. Il 10 settembre, giorno del suo 27esimo compleanno, dovrebbe esserci per Chiara un primo concerto ticinese; poi Basilea, Londra e la Svizzera francese, in divenire. Se le condizioni lo permetteranno, la data dell’11 aprile sarà recuperata il 3 di ottobre. E quando il concerto ci sarà davvero, allora «sarà la rappresentazione dell’album. Suoneremo per invitare la gente a uscire dalla quotidianità. Succede, e a me in particolare, quando si guardano le stelle sdraiati sull’erba e la mente va oltre la ripetitività, la frenesia, la pressione. Verso cose più grandi».

p.s. Anche la grafica di ‘Constellations’ è di Chiara Dubey. «Volevo evitare di risultare la solita rompiscatole agli occhi del grafico, quella che vuole curare tutti gli aspetti. Così ho preferito fare da sola». E se in questo momento ci sta leggendo il grafico, avrà poco da dire.

'The Hunt', link per 'salvataggio' su Spotify: https://smarturl.it/chiaradubey-thehunt
Sito ufficiale: www.chiaradubey.com

© Regiopress, All rights reserved