laRegione
Nuovo abbonamento
la-costellazione-chiara-dubey
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
8 ore

Fellini e la letteratura al Boschetto Parco Ciani

Sabato 26 settembre, giornata per il centenario della nascita del grande regista organizzata dall'Istituto di studi italiani e dalla Città di Lugano.
Culture
9 ore

Forrest Gump è orfano: addio allo scrittore Winston Groom

Dall'iconico romanzo, sei premi Oscar. L'autore del personaggio reso immortale da Tom Hanks è morto in Alabama all'età di 77 anni.
Arte
13 ore

‘What’s New?’ e Josephsohn, al Masi si torna a vedere l’arte

Il nuovo allestimento della Collezione Olgiati e le sculture dell’artista svizzero Hans Josephsohn completano l'offerta del Museo d’arte della Svizzera italiana
Libri
13 ore

Le 'Incursioni nella contemporaneità' di Roberto Falconi

Edito da Salvioni, il volume abbraccia le recensioni 2014-2019. Lunedì 21 settembre al Liceo di Bellinzona, ospite Jean-Jacques Marchand
Scienze
1 gior

Catturato l'ultimo respiro di una stella

Rilevato con il radiotelescopio Alma il 'vento' che soffia attorno ai cirpi celesti che invecchiano
Scienze
1 gior

La Terra ha la febbre: è l'estate più calda mai registrata

Il periodo tra giugno e agosto 2020 ha superato le stagioni torride del 2019 e del 2016. Lo fanno notare i climatologi statunitensi
Musica
1 gior

Jimi Hendrix, a 50 anni dalla morte il mito sfida il futuro

L'ultima notte, e un mistero che resta aperto. La tecnica mostruosa, i contratti capestro e l'avvicinamento al jazz. In quattro anni rivoluzionò la musica.
Cinema
1 gior

Jiří Menzel: per fare un film serve un 'cane bianco che abbaia'

Un ricordo del 'regista cecoslovacco della Nová Vlná', scomparso nella sua Praga. Il vuoto incolmabile di un autore onesto nel suo dire Cinema.
Arte
1 gior

Mact/Cact chiude con 'Des Nebels' del duo Parapluie

È aperta fino al 13 dicembre la mostra di Andrée Julikà Tavares e Gianluca Monnier, al lavoro anche sul nuovo documentario 'Holy Highway', girato in India..
Spettacoli
1 gior

Emigrazione e radici: 'Trilogia di Belgrado' al Teatro Foce

Venerdì 18 e sabato 19 settembre, il testo di Biljana Srbljanovic nella versione del Centro Artistico Mat, con la regia di Mirko D'Urso.
Società
1 gior

Harry compie gli anni, ma la famiglia reale 'cancella' Meghan

Il messaggio della regina, diffuso dall'account di Buckingham Palace, mostra il solo principe in primo piano mentre sorride alla nonna Elisabetta II.
Arte
2 gior

Alberto Nessi in memoria dei caduti del Covid-19

Presentazione, giovedì 17 settembre a Lugano, di ‘Minimalia’, nuova raccolta di poesie dell'autore ticinese
Spettacoli
2 gior

‘Edelweiss Revolution’, non è mai troppo tardi per lottare

La rivoluzione di alcuni “reduci” del Sessantotto nel convincente finto documentario Fred Baillif
Culture
2 gior

Émilie Plateau e la giustizia in un fumetto

Intervista all'autrice di ‘Nera. La vita dimenticata di Claudette Colvin’, ospite di Storie Controvento e Babel
Arte
2 gior

Monografica di Donatello Laurenti fino al 10 ottobre

A Lugano, nel Porticato della Biblioteca Salita dei Frati, una significativa selezione d'incisioni recenti dell’artista ticinese
Spettacoli
2 gior

Addio a Liliana Feldmann, 'la voce di Milano'

Si è spenta all'età di 94 a Brusimpiano. Recitò coi grandi del teatro e della tv. Doppiò Geraldine Page e Jeanne Moreau.
Figli delle stelle
2 gior

Lamborghini: dopo Elettra, Ginevra ('Scorzese', come il regista...)

Ginevra Lamborghini, 'Scorzese' - ★☆☆☆☆ - È tutto vero, debutta un'altra rampolla di famiglia (la stella è alla memoria di Etta James)
Scienze
2 gior

Drastico aumento di bimbi nati morti durante la pandemia

A causa della riduzione delle cure in gravidanza il tasso dei bimbi deceduti in grembo si è notevolmente incrementato
Musica
2 gior

Naomi Berrill per il ritorno di Jazz in Bess

Per la riapertura, sabato 19 settembre la violoncellista e pluristrumentista di origini irlandesi porta il suo nuovo 'Suite Dreams'.
Musica
2 gior

Ventiquattr'ore di musica rossocrociata

Venerdì 18 settembre si celebra la Giornata della musica svizzera e le sedici reti radiofoniche Ssr saranno rigorosamente 'local'.
Musica
2 gior

'Manicomi' come nuovo: i Des Sfroos, 25 anni dopo

Rimasterizzato negli studi della Rsi lo storico album. Quindici tracce nelle quali ritrovare Anna, Lo Sconcio, Zia Luisa, Nonu Aspis e tanti altri
Arte
2 gior

Renzo Ferrari, il 'Corona Diary' a Viganello

Tra ironia e visionarietà, un diario quotidiano del vivere alla Galleria La Colomba fino al 10 ottobre 2020
Settimane Musicali
2 gior

Ton Koopman: 'Bach? Non era certo il quinto evangelista'

La star della musica barocca, di ritorno ad Ascona dopo l'esibizione del 2018, di scena per due giorni alle Settimane Musicali
Musica
2 gior

77 Bombay Street riprogrammati al Foce il 12 marzo 2021

È la nuova data per ascoltare dal vivo i quattro fratelli Matt, Joe, Esra e Simri-Ramon, inizialmente previsti il 31 ottobre.
Culture
2 gior

La Casa della Letteratura riparte nel segno di Alice Rivaz

La rilettura de 'La pace degli alveari' in programma il 24 settembre a Lugano, con Markus Hediger, Sabrina Campolongo e Jasmin Mattei.
Ognuno a casa sua
14.04.2020 - 19:320

La costellazione Chiara Dubey

Anteprime dall'album 'Constellations', classico e pop (nel senso più nobile del termine). Il concerto d’esordio è saltato, ma noi ci siamo andati lo stesso...

Nei giorni in cui la musica è ferma, ci siamo introdotti nella 'bolla del tempo' dell'artista ticinese ('Ognuno a casa sua', sesta puntata).

“Un quintetto d’archi, una pianista, l’elettronica, una voce e un violino davanti; e dietro, e insieme, un gruppo di giovani vicini al diploma o appena diplomati provenienti dai conservatori di Lugano e Zurigo. Un concerto anche visual, fatto di cieli stellati, di volte celesti che ruotano, di supporto a un album di rara bellezza intitolato ‘Constellations’. Alla fine, il lungo applauso di locarnesi e non locarnesi, e poi tutti a casa con la copia fisica di un album che vale la pena di toccare con mano”. Questo è quanto avremmo probabilmente scritto su laRegione di lunedì 13 aprile se sabato scorso si fosse tenuto il concerto di Chiara Dubey, saltato per i noti motivi che ci costringono a guardare la musica dalle nostre finestre virtuali, e che hanno costretto lei a riscriversi l’immediato futuro.

«Nei momenti immediatamente successivi a quello che è successo, la delusione è stata grande» ci racconta Chiara, tornata in Svizzera dopo un anno di studi (Master in canto) londinesi. «Preparavo da tempo il debutto, ero felice. Mi ero organizzata da sola una serie di concerti, la promozione e ho dovuto cancellare tutto. Ma ho provato a girare a mio favore la situazione approfittando del tempo concesso per approfondire certi argomenti».

‘Egregi signori’

Un passo indietro, per spiegare “certi argomenti”. “Egregi signori, mi chiamo Chiara Dubey e sono una cantante e compositrice ticinese”. In molti sanno chi è, ma nella sua e-mail in cui annuncia, in prima persona, l’esistenza di un disco – d’esordio – e di un tour, non si spendono nomi, rimandi e agganci tipici da ufficio stampa. “Per questi concerti mi sono messa in gioco come booking agent e sto gestendo tutto io” scrive Chiara, così che dall’e-mail non ci arriva il personaggio, ma la musicista. «Perché sono una musicista, non un personaggio. E sono ancora all’inizio di tutto. Mi sforzo, è importante, se devo costruire questa carriera devo farmi pubblicità, e non c’è nessuno che lo fa per me». Riuscendo nell’intento di farsi pubblicità senza realmente farsene. Semplicemente, informando.

Tornando alla quarantena, e tornando a “certi argomenti”: «Non essendo molto brava con social media e marketing, in questi giorni sto leggendo libri che possano essere utili alla mia attività. E poi ho scritto cose nuove, ho cercato di usare questa enorme bolla del tempo per migliorare cose che so di dover migliorare». E tra un argomento e l’altro, l’ascolto casalingo della musica: «Prevalentemente musica strumentale, soprattutto quella di artisti nordici come Ólafur Arnalds, Jóhann Jóhannsson, Max Richter, fredda, molto cinematica. Immagino si percepisca».

Non solo pop, non solo classica

‘Constellations’ viene quasi interamente dai Powerplay Studios di Zurigo; voce e pianoforte, invece, dall’Idee und Klang di Basilea, sede di mix e mastering; tutto quasi interamente svizzero, ad eccezione di ‘A quiet place’, primo estratto registrato a Londra e orchestra d’archi a Budapest. Dentro l'album, tutto quanto affascina Chiara Dubey, musicalmente parlando: «L’elettronica, la classica, il violino…». Ampio spazio si prendono – dilatati, senza ansie produttive ­– gli strumentali: lo splendido crescendo di ‘Aurora Borealis’ (chissà come sarà dal vivo), in cui è suono il rumore dei martelletti del pianoforte quasi prima della singola nota; la tensione in ‘Departure’ e ‘Light’; poco dopo l'inizio, un piccolo capolavoro chiamato ‘Age’ uscito dal tempo. ‘Age’ (Età), momento chiave di un ascolto come lo sarebbe di un film.

Perfettamente integrato è il pop, nell’accezione nobile del termine, anticipato dalla traccia uno ‘Find time’, uscita un mese fa. Venerdì sarà pubblico il video di ‘The Hunt’, terzo estratto da questo lavoro. Uno di quei prodotti di classe che all’Eurovision Song Contest spiccherebbero nella categoria “Ristretta cerchia di cose che non hanno bisogno del raggio laser”. Nell’’Egregi signori’ di cui scrivevamo sopra, nemmeno un cenno all’Eurovision Song Contest, tre tentativi e tanta visibilità. Assenza d’informazione da ricondurre al basso profilo, e non al rinnegare: «So di non essere il tipo da Eurovision, ma sono state per me tutte esperienze costruttive, insegnamenti. Un modo per imparare a stare sui palchi importanti, ad affrontare la tensione. L’ho presa come una formazione».

‘The Hunt’ sembra incarnare il progetto di Chiara, fondere tutti gli elementi di cui dispone, inclusa la voce – strumento a tutti gli affetti – per trovare un suo ingrediente personale. «La mia personalità musicale è fatta di molti lati. Sono musicista classica, che è un lato che non posso tralasciare, anche se spesso mi è stato detto di lasciar perdere, che è una nicchia, che non paga, invitandomi a concentrarmi sul pop commerciale. Ma mi sono resa conto che cercando di costruire un prodotto per il mercato, per le radio, non mi sento soddisfatta di me stessa».

Mal di Londra

Chiara Dubey è cresciuta in Ticino, dov'è rimasta fino alla fine del liceo; poi Zurigo, il Conservatorio, e dopo sei anni, prima di tornare a Zurigo, i dodici mesi a Londra, dove è restato il suo compagno. «Sarei rimasta più a lungo, ma ho deciso di prendermi il tempo per costruire mattone per mattone questo percorso legato al disco e ai concerti, e di tornare in Svizzera. Qui c’è la mia famiglia e ho anche qualche contatto in più. A Londra sono un granello di sabbia sopra una spiaggia». Ma, ammesso esista la versione alternativa a quello d'Africa, Chiara ha il mal di Londra: «È una città che ispira, è piena di cultura e vivacità. Lì ho imparato a capire come funziona l’industria musicale, cosa cercare, come proporsi in questo settore. È stata una lezione soprattutto dal punto di vista del business». Ci sarebbe anche il mal di Svizzera: «L’aria pulita, l’acqua e il latte buoni. La qualità di vita di Londra ha purtroppo poco a che vedere con la Svizzera e con il Ticino. Ma resta una città entusiasmante».

Cose più grandi

Insomma, Alla fine, quel concerto che a Locarno non c’è stato noi abbiamo provato a immaginarcelo. Ora si tratta di attendere l’11 settembre, nuova data di uscita dell’album, confidando in altre anticipazioni. Il 10 settembre, giorno del suo 27esimo compleanno, dovrebbe esserci per Chiara un primo concerto ticinese; poi Basilea, Londra e la Svizzera francese, in divenire. Se le condizioni lo permetteranno, la data dell’11 aprile sarà recuperata il 3 di ottobre. E quando il concerto ci sarà davvero, allora «sarà la rappresentazione dell’album. Suoneremo per invitare la gente a uscire dalla quotidianità. Succede, e a me in particolare, quando si guardano le stelle sdraiati sull’erba e la mente va oltre la ripetitività, la frenesia, la pressione. Verso cose più grandi».

p.s. Anche la grafica di ‘Constellations’ è di Chiara Dubey. «Volevo evitare di risultare la solita rompiscatole agli occhi del grafico, quella che vuole curare tutti gli aspetti. Così ho preferito fare da sola». E se in questo momento ci sta leggendo il grafico, avrà poco da dire.

'The Hunt', link per 'salvataggio' su Spotify: https://smarturl.it/chiaradubey-thehunt
Sito ufficiale: www.chiaradubey.com

© Regiopress, All rights reserved