NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
VAN Canucks
01:00
 
mina-quei-favolosi-anni-ottanta
Tanti auguri (anche dalla Fonoteca svizzera)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
4 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
6 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
7 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
7 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
8 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
9 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
9 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
12 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
13 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
14 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
14 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
15 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
1 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
2 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
3 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
3 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
3 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
3 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
3 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
L’intervista
3 gior

Il Maestro e Di Battista (jazz e cinema in ‘Morricone Stories’)

Sabato 27 novembre il Cinema Teatro di Chiasso ospita Stefano Di Battista col progetto dedicato a Morricone: tutto ebbe inizio a Roma, qualche anno fa...
Spettacoli
3 gior

Olga, tra ginnastica e politica in sala il film di Elie Grappe

Dal Festival di Cannes alla candidatura svizzera agli Oscar, il giovane regista racconta di un’atleta ucraina in esilio durante la rivoluzione
Teatro
4 gior

‘Misericordia’ di Emma Dante al San Materno

Sabato 27 e domenica 28 novembre ad Ascona la storia di Anna, Nuzza, Bettina e Arturo, nello spettacolo dell’attrice, regista e drammaturga italiana
Spettacoli
4 gior

Max Lazzarin al Murrayfield Pub

Venerdì 26 novembre dalle 22 a Chiasso, il nuovo progetto del pianista e cantante
Spettacoli
4 gior

Lugano esiste: Ermal Meta al Palacongressi il 20 marzo 2022

In radio da venerdì 26 novembre col nuovo singolo ‘Milano non esiste’, il cantautore è atteso in Ticino con l’anno nuovo
Video
Musica
4 gior

Freaky Farm, in direzione ostinata e rotante

‘Coupled Spins’ è il titolo del nuovo brano della coppia Christian Schwarz-Marco Kohler, accompagnato da un bel volo a planare girato in Namibia
Culture
4 gior

Carine Bachmann alla guida dell’Ufficio federale della cultura

Nominata oggi dal Consiglio federale, sostituirà Isabelle Chassot (Alleanza del Centro), eletta al Consiglio degli Stati per il canton Friburgo
Video
Musica
4 gior

Calicantus, ‘Somebody to love’ tra Losone e Montreux

È ‘una botta di vita’ il tributo del coro diretto da Mario Fontana a Freddie Mercury, del quale oggi ricorrono i trent’anni dalla morte
Scienze
4 gior

La sonda Dart è in viaggio, cercherà di deviare un asteroide

Una lunga missione planetaria di oltre 10 milioni di chilometri in 11 mesi per colpire e deviare la traiettoria di un oggetto di 170 metri di diametro
Arte
4 gior

Arte in Ticino, una mostra tra Nord e Sud, tra Otto e Novecento

L’allestimento della collezione del Museo d’arte della Svizzera italiana al Lac apre una finestra su un periodo artisticamente e socialmente particolare
Musica
4 gior

Freddie Mercury: trent’anni dopo, lo show continua

Morì il 24 novembre del 1991 dopo un testamento, suo e dei Queen, intitolato ‘Innuendo’. Poi, ulteriormente alimentata da Hollywood, l’immortalità
Arte
5 gior

Wopart 2021: 9mila visitatori e un milione di vendite

Bilancio positivo per la fiera di opere d’arte su carta che si è tenuta a Lugano dal 19 al 21 novembre
Musica
5 gior

‘I’m outta lockdown’: Anastacia a Locarno il 29 settembre 2022

Al Fevi un’artista da 30 milioni di dischi per la tappa di un tour che attraverserà l’Europa. Prevendita aperta su biglietteria.ch
Spettacoli
5 gior

Kevin Spacey deve 31 milioni ai produttori di ‘House of cards’

Lo ha stabilito un arbitrato. La Mrc imputa all’attore, fra l’altro, il danno economico per lo stop alla serie dopo lo scandalo delle molestie
Musica
23.03.2020 - 08:370
Aggiornamento : 09:17

Mina, quei favolosi anni ottanta

laRegina spegne le candeline. Gli esordi, l'addio, la trasformazione: breve storia di un’assenza quanto mai presente (con l'aiuto di Massimo Luca)

Tra le prime e ad oggi più riuscite creazioni partorite dall’umorismo anti-contagio ce n’è una in cui si chiede che il governo italiano affidi a Mina l’incarico di produrre un tutorial su come si resta in casa. La Tigre di Cremona – il soprannome arriverebbe dalla foto scattata da Angelo Faliva che nel 1959 la ritrae con un tigrotto in braccio, il Circo Togni era in città – compie 80 anni il 25 marzo senza il rischio delle commemorazioni da ‘Ma che fine ha fatto?’. Basti l’album ‘Mina Fossati’ a cavallo di quest’anno funesto, ottimo diversivo per contaminare con la grande canzone italiana le nostre quattro sempre più claustrofobiche mura.

Idealmente, la carriera pubblica di Mina Anna Maria Mazzini – nata a Busto Arsizio, cresciuta a Cremona, anche nota nel giro dei musicisti come ‘Mazzini’ – inizia e termina in Versilia: nel 1958 a Marina di Pietrasanta, alla ‘Bussola’ di Sergio Bernardini, la 18enne che sale sul palco dopo il cubano Don Marino Barreto è un fiume in piena di vocalità e ritmo che le vengono dall’ascoltare le grandi voci e la musica che conta; la 38enne che il 23 agosto del 1978 al Lido di Camaiore scenderà dal palco del ‘Bussoladomani’ dello stesso Bernardini, al termine di undici concerti che dovevano essere quindici (colpa, forse, di un’infezione polmonare) è una donna in fuga dall’assedio mediatico.

Con una tournée negli Stati Uniti alle porte e che mai ci sarà, Mina avrebbe confessato alla giornalista Natalia Aspesi di essere “stanca di essere braccata dalla stampa e dai fotografi. Voglio essere me stessa”. Gli amici raccontano: “Era assalita dalla gente, i fotografi non avevano alcun rispetto nemmeno quand’era incinta”. Così, per fuggire all’isterismo e magari anche per quella cosa che ai grandi talenti riesce tutto facile e dopo un po’ si annoiano, la donna in carne e ossa diventa concept grafico in più di quaranta album trasformandosi in – citando a caso – aliena per ‘Maeba’ (2018), donna barbuta per ‘Salomè’ (1981), palestrata per ‘Rane supreme’ (1987), picassiana per ‘Ti conosco mascherina’ (1990), boteriana per ‘Caterpillar’ (l’anno dopo), fino alla forma di cartoon Disney per il Christmas album del 2013. Un'assenza quanto mai presente.

'Com’è bello avere più di vent’anni, che favola: ti rendi conto di ciò che ti passa sotto le mani' (24 agosto 1978)

“Trovate qualcuno che da 42 anni non si esibisce dal vivo, non fa promozione ed è primo in classifica”, diceva il figlio e produttore artistico Massimiliano Pani due anni fa, quando nel quarantennale dell’ultimo concerto raccontava la madre vista dal vivo: “Una sberla di emozioni, tutta subito e senza bis”. Una giovane Platinette – all’anagrafe Mauro Coruzzi, tessera numero 4 del Mina Fan Club – così ricorda quella notte nel libro ‘Mina per neofiti’ di Aldo Dalla Vecchia: “Piangevamo tutti, come se avessimo la consapevolezza che fosse un addio. Un particolare che non scorderò mai sono le sue gocce di sudore. Quando girava la testa, partivano come raffiche di proiettili”. Giusto il tempo, all’alba del giorno dopo, di accontentare gli inviati di Radio Taranto per l’ultima intervista concessa e poi solo parzialmente autorizzata – “Com’è bello avere più di vent’anni, che favola: ti rendi conto di ciò che ti passa sotto le mani” – e da lì in avanti solo dischi. Tanti. Milioni.

Qua e là, senz’avvisare, improvvisate telefoniche – “Ero qui a casa, mi stavo lavando i capelli. Volevo rendere omaggio a un grande”, salutando Fausto Leali ospite nel 1996 alla televisione svizzera – e cinquanta storici minuti di video per ‘Mina in studio’, anno 2001; fino alla foto intitolata ‘Madre e mio fidanzato che guardano video di gangsta rapper venezuelani’ postata dalla figlia Benedetta sulla sua pagina Instagram, con la cantante sul divano, di spalle, e il Mina Fan Club che digita “Regalaci un sogno: una diretta Instagram per il tuo 80esimo compleanno!”. Di questi tempi, sperare e attendere non costa nulla.

‘Fare sesso è un’attività giocosa e prevista dalle regole della natura’

Cinque applausi a scena aperta per l’esordio al Festival di Sanremo del 1960 dove Mina, sulla scia dei singoli ‘Nessuno’ e ‘Tua’, giunge dando scandalo, vuoi per le foto in bikini, vuoi per la risposta data a un cronista destinata a fare scalpore: “Fare sesso è un’attività giocosa e prevista dalle regole della natura”. Arriverà settima, per tornare l’anno successivo (e poi mai più) coi riflettori puntati addosso, tanto che il settimanale L’Europeo – racconta Gigi Vesigna nel libro ‘Vox Populi’ – invierà Oriana Fallaci ad intervistarla. Mina dirà la sua su Fidel Castro – “Mi fa semplicemente impazzire: so che ha accoppato un sacco di gente e che è un simpatico”– su Maometto – “Che nome carino. Se un giorno avrò un figlio lo chiamerò Maometto” – con la libertà di chi, a Mario Soldati che in un’intervista tv le chiedeva quali fossero le sue letture, ribadiva di leggere solo Paperino.

Simbolo dell’emancipazione femminile, il legame sentimentale con l’attore Corrado Pani, già sposato, fece tremare le fondamenta dell’Italia puritana e scomodare il Vaticano. Gli amanti del gossip conosceranno senz’altro il percorso che porta sino al cardiochirurgo cremonese attuale marito, con il quale la cantante ha vissuto tra Brescia (dal 1997 al 2007) e, definitivamente, Lugano, due città dove ognuno si fa più o meno gli affari suoi.

“È per la musica quello che De Niro è per la recitazione” ha detto di lei Liza Minnelli; per Mia Martini, nei concerti del ’78 Mina non era inferiore ad Aretha Franklin. “Quando cantò ‘La canzone di Marinella’ – raccontava Fabrizio De André di quel singolo uscito nel 1968 – determinò la mia vita. Scrivevo canzoni da anni e non avevo risultati pratici. Avevo quasi deciso di finire gli studi in legge per diventare un pessimo avvocato. Con i proventi Siae della canzone decisi di continuare a scrivere canzoni. Un bene, soprattutto per i miei virtuali assistiti”. Dice Faber a Vincenzo Mollica: “La voce di Mina è un miracolo. È come se abbia una memoria prenatale della musica. Quello di sapere prima di conoscere è il fenomeno tipico della genialità”.


Massimo Luca

Massimo Luca: ‘Buona la prima’ non è una leggenda

Gli album in cui suona sono ‘Mina®’ (1974), ‘Singolare’ (1976), ‘Uiallalla’ (1989). «Ho lavorato con Mina ai tempi in cui gli arrangiamenti li curava Pino Presti. Ho suonato in ‘L’importante è finire’, ‘Caravel’, ‘Sognando’, bellissima canzone di Don Backy. E anche anni dopo, chiamato dal figlio Massimiliano». Per laRegione, Massimo Luca accende il flashback che da ‘Mina Fossati’ torna indietro a ‘Mina Celentano’ (1998) passando per ‘Mina quasi Jannacci’ (1977) per arrivare fino a ‘Minacantalucio’ (1975), il primo dei suoi molti tributi ai grandi autori. E Luca, che di Battisti è stato la chitarra acustica da ‘I giardini di marzo’ a ‘Il mio canto libero’ e dintorni, suona nel celebre duetto televisivo del 1975, un crescendo indimenticabile di nove minuti netti che da ‘Insieme’ arriva sino a ‘Emozioni’.

Roma, Teatro delle Vittorie, 23 aprile 1972: «Noi musicisti con Lucio Battisti partimmo la notte del 22 in vagone letto per arrivare nella Capitale alle 8.30 del mattino. In treno, io con la chitarra e Gianni Dall’Aglio con le bacchette a picchiare sui sedili di velluto provammo l’incastro delle canzoni dateci da Lucio, che viaggiava da solo in uno scompartimento singolo. Mettemmo insieme quel medley in base alle tonalità, in modo che fossero scorrevoli. A Roma, nel pomeriggio, ci fu solo un rapido check tecnico. Mina passò davanti ai camerini, mise dentro la testa e chiese “Andate bene le prove?”. Io risposi: “Tutto fantastico, stai tranquilla”. Anni dopo mi scusai per questa bugia bianca. In realtà una prova non ci fu mai». C'è un particolare che il chitarrista ama citare: «Su ‘Io e te da soli’, Mina improvvisò dei controcanti in tonalità altissima, simulando la parte dei violini nel disco. Un’invenzione istantanea, tanto per valorizzare l’idea che fossimo di fronte a mostri sacri e non ad artisti qualunque».

'Era una che conosceva il rigore, come tutti i grandi, e se c’era qualcosa di storto lo sapevi subito da lei'

I ricordi di Massimo Luca coprono un altro capitolo musicale d’Italia. «La registrazione de ‘L’importante è finire’ fu un’evento memorabile per me. Entrai in studio, vidi una specie di lavatrice con i tasti colorati e chiesi a Pino Presti cosa fosse. Mi disse: “È una batteria elettronica. Adesso dovrete suonare insieme, voi due”. Era il 1974 e per me fu l’ingresso in una nuova dimensione. Era il primo seme di quello che accade oggi, il registrare uno alla volta, una pista per volta». Successe nella cosiddetta ‘Basilica’, chiesa sconsacrata e studio di Mina in via Santa Sofia a Milano. «Ebbe bellissime parole per il mio lavoro e per quello di tutti. È sempre stata molto affettuosa quando le cose erano fatte bene. Perché quando erano fatte male non te lo mandava a dire. Conosceva il rigore, come tutti i grandi, e se c’era qualcosa di storto lo sapevi subito da lei».

E se qualcuno ancora credesse che si tratti di leggenda metropolitana: «Negli anni Settanta, lei arrivava sempre all’ultimo momento, preceduta da questa fama del ‘buona la prima’: prendeva il microfono, cantava e la prima esecuzione era già di un’eccellenza fuori dal comune. Spesso i fonici s’inventavano problemi tecnici, “Dai Mina, facciamone un’altra perché non ero pronto coi livelli!”, sapendo che a lei dava fastidio che bastasse quel poco che aveva cantato. Il fatto è che eravamo già di fronte a un monumento nazionale, o mito, leggenda, comunque la si voglia chiamare».

Buon compleanno dalla Fonoteca nazionale svizzera

Chiudiamo col regalo virtuale della Fonoteca nazionale svizzera, che su www.fonoteca.ch pubblica tutte le informazioni dell’intera discografia di Mina, conservata negli archivi di Lugano. Il ‘biglietto d’auguri’ è il seguente: “Salvaguardiamo e valorizziamo il patrimonio sonoro svizzero. Accanto alle voci di Giuseppe Motta e di Henri Guisan, alle incisioni discografiche di Ernest Ansermet e di Arthur Honegger, alle voci di Francesco Chiesa, Alberto Giacometti o Ferdi Kübler, agli album di George Gruntz e Franco Ambrosetti non potevano mancare le registrazioni della grande cantante che da anni ha scelto la Svizzera come sua residenza. Tanti auguri Mina”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved