la-transiberiana-che-porta-il-banco-a-chiasso
Vittorio Nocenzi e il Banco del Mutuo Soccorso oggi a Maroggia da 'Tondo Music' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
50 min

Ci sono ancora biglietti disponibili per Castle On Air

A Castelgrande di Bellinzona i concerti di Sangiovanni, Achille Lauro, Mahmood ed Elisa
Culture
1 ora

Si apre l’Ascona Music Festival con il ‘Duo Cattaneo’

La tredicesima edizione, con un tributo a César Franck, inizia venerdì 8 nella chiesa del Collegio Papio
Arte
1 ora

Ivan Turetskyy a Chiasso per la ricostruzione dell’Ucraina

Opere dell’artista sono esposte al Palazzo municipale, allo Spazio Officina, alla Biblioteca e al m.a.x museo fino al 24 luglio
Culture
1 ora

Mattia Bertoldi presenta ‘Il coraggio di Lilly’ a Bellinzona

Lo scrittore ticinese autore del romanzo storico sarà alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 26 luglio alle 18.30
Culture
1 ora

I dialetti e la loro poliedricità con Walter Arnold

‘Chilometro zero’: dialetti, miti, leggende e teatro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona venerdì 22 luglio alle 18.30
Arte
1 ora

‘Esci dall’atelier ed entra nel cubo’, il legno in ogni forma

La mostra dell’Associazione svizzera degli scultori del legno prosegue fino al 13 luglio nella Piazza di Palazzo Franscini
Scienze
3 ore

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
Spettacoli
4 ore

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
23 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
1 gior

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
1 gior

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
1 gior

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
1 gior

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
2 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
2 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
2 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
2 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
2 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
2 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
2 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
3 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
3 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
3 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
3 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
4 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
4 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
4 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
L'intervista
10.01.2020 - 21:32
Aggiornamento: 11.01.2020 - 01:22

La 'Transiberiana' che porta il Banco a Chiasso

Intervista a Vittorio Nocenzi, fondatore del Banco del Mutuo Soccorso, e a Tony D'Alessio, erede di Di Giacomo. La storica band del prog stasera al Cinema Teatro

Espletate le pratiche doganali di chi passa il confine con gli strumenti, ieri da ‘Tondo’ era il giorno del Banco del Mutuo Soccorso, al piano di sopra del tempio del vinile a Maroggia per presentare il concerto che si tiene questa sera alle 20.30 a Chiasso, nel Cinema Teatro che per una sera diventa – restando ai luoghi sacri – santuario del rock progressivo non solo italiano. Il più brevemente detto Banco, ‘santificato’ internazionalmente dalla Manticore Records (etichetta degli inglesi Emerson, Lake & Palmer), si afferma tra il ‘72 e il ‘73 con il trittico o trilogia ‘Darwin!’, ‘Io sono nato libero’ e l’album di debutto chiamato amichevolmente ‘salvadanaio’ per via della copertina. Il ritorno, ‘Transiberiana’, nel 2019 a poco più di venticinque anni dall’ultimo album in studio (‘13’) e dopo un’eternità dall’esordio che portava il loro nome. Il salvadanaio torna sulla facciata di questo nuovo concept incentrato sul viaggio, arrivato sino a noi, band al completo.

Lo dice Leonardo

Nella sala che va via via riempiendosi, Vittorio Nocenzi, (pianoforte, tastiere, voce), storico fondatore del Banco, siede al centro tra l’abbastanza storico Filippo Marcheggiani (chitarra elettrica, nel gruppo da più di vent’anni), Nicola Di Già (chitarra ritmica, non da poco), Fabio Moresco (batteria, ex Metamorfosi), Marco Capozi (basso, già Balletto di Bronzo) e Tony D’Alessio (voce, erede senza emulazioni dello scomparso Francesco Di Giacomo, vedi sotto).

Chiasso arriva giusto nel mezzo di un tour durante il quale la band sta riabbracciando il proprio pubblico. Ma non parlate a Nocenzi di ritorno: «I ritorni non mi sono mai piaciuti, non esprimono forza, ma nostalgia. E la ‘nostalgie’, detto alla tedesca, è una celebrazione di sconfitta. Credo che il prog non se ne sia mai andato». Non chiedetegli nemmeno se il prog sia o sia stato, come qualcuno disse, “il rock che va all’università”; perché, se anche fosse un complimento, lui detesta le etichette. «Capisco che siano una necessità per comunicare, ma la musica va ascoltata e non catalogata in generi, che sono ostacoli alla libera circolazione delle idee musicali e non hanno mai fatto del bene alla musica. La musica non si comunica scrivendo, ma ascoltandola e facendola».

Dunque, se proprio si deve definire il prog, allora potrebbe essere «quella parte del rock che rifiutava i cliché per sperimentare, rinnovarsi, accettare le sfide della curiosità e della conoscenza. Innazitutto tramite la composizione e fregandosene delle strutture obbligate. La musica è di più, è toccare il culo alle nuvole». E se la definizione non bastasse, c’è Da Vinci: «Leonardo diceva che “la pittura è mirabile scienza, la musica è sua sorella perché è figurazione dell’invisibile”. Sono le immagini del cuore, della parte spirituale che tendiamo a deridere. E parlo da laico. È l’anima, o chiamatela come vi pare, è lo spazio che include sogni, idee, progetti, senza i quali non esiste l’uomo».

La bellezza degli inciampi

C’è una regola che ha portato a ‘Transiberiana’: «Ho detto subito che era proibito imitare il Banco. Già dopo il successo dei primi tre album, ci imponemmo dei paletti: non rifare mai le stesse cose. La regola vale ancora». Nocenzi racconta che a Como si è comprato la sua prima cuffia da passeggio. Con quella ha riascoltato quest’ultimo lavoro dopo mesi. «Bello o brutto, ditelo voi. Quello che so è che l’ho trovato vero, ispirato, riconducibile al linguaggio usato dal Banco in cinquant’anni ma profondamente rinnovato. Il miracolo viene dall’averlo condiviso con questa band umanamente speciale».

Sul disco (e in generale sul prog) ci sarebbe anche una lezione sulla bellezza degli inciampi, sui tempi dispari, quelli «che ti tengono sospeso, non come i quattro quarti dell’Oktoberfest, o quelli che ti rincoglioniscono i discoteca». Per i meno esperti basti che ‘Transiberiana’ è «rock perché muscolare, per l’elettrico dei suoni, ma la scrittura è da musica sinfonica dell’Ottocento». E poi ci sono «la memoria del jazz, della musica popolare», e «la natura di concept tipica del prog, l’opposto della compilation di canzoni», da cui «la stessa libertà di un libro: ogni brano è un capitolo dello stesso racconto».

L’assenza di paletti per il Banco ha riguardato anche la svolta degli anni ‘80, nel rispetto per la musica leggera (“Bisogna capire se è leggera perché vuota o perché fa stare bene”, disse un tempo Nocenzi): «Mi ricorda di uno dei tanti delitti che ho commesso nella mia ormai lunga vita (ride, ndr). Non è il genere che garantisce la qualità della musica. È la qualità dell’ispirazione di chi la scrive che ne garantisce la qualità. Non mi metto la giacca della domenica e divento automaticamente Alain Delon. Se hai la pancia, l’avrai pure con la giacca della domenica». E quindi «quando scegliemmo di scrivere canzoni, fu una scelta epocale e drammatica. Pensammo a lungo se fosse il caso di passare da ‘Il giardino del mago’ a ‘Paolo Pa’. Capisco oggi i fan talebani che gridarono al tradimento. Ma avevamo percepito il cambiamento del modo di comunicare».

L’ultimo dei Mohicani

‘Transiberiana’ è un lavoro autobiografico. «Ed è giusto così» continua Nocenzi. «Sono ancora qui a parlare di musica dopo 5’500 concerti e mi sento un uomo privilegiato. L’ultimo privilegio che mi è stato dato è che dopo aver perso due compagni di vita speciali, il destino mi ha regalato il recupero del rapporto con mio fratello (Gianni Nocenzi, nel Banco fino al 1984, ndr) e lo scoprire nel mio terzo figlio, Michelangelo, il mio alter ego musicale».

I compagni che non ci sono più sono Francesco Di Giacomo, morto nel 2014, e Rodolfo Maltese, nella band da ‘Io sono nato libero’ fino al 2015. E quando Nocenzi parla di destino, si riferisce anche all’emorragia che lo colpì, nello stesso annus horribilis che riguardò Maltese e dalla quale si riprese dopo un coma. Guarda i compagni di viaggio e dice di non avere l’euforia di Bruce Willis in ‘Unbreakable’, unico sopravvissuto al disastro aereo: «Mi sento l’ultimo dei Mohicani, ma ho la fortuna di avere incontrato loro, e una famiglia che mi segue da sempre. Vedi intorno che si sono spente tante luci, vedi sull’iphone i numeri degli amici che non ci sono più. E l’idea di morire, devo confessarti che non mi gratifica affatto. Quando succederà lo dico subito, pensatemi parecchio incazzato. Perché sono innamorato della bellezza».

Martina e il nonno musicista

Alla fine, mettici che quelli di Tondo Music sanno cos’è un meet&greet coi fan, mettici che Nocenzi si concede a tutti (nel senso nobile del concetto), quando tutto è concluso c’è spazio per copie autografate e anche per la piccola Martina, che – complice il babbo, occhi di chi di prog si è cibato a pranzo e a cena – tiene in mano il grosso vinile insieme al fratellino per tutta la conferenza stampa e una volta al cospetto di nonno Banco gli fa ascoltare in anteprima assoluta i suoi sforzi di poetessa. Il selfie che ne consegue è quello del creatore di musica senza tempo (nel senso di minutaggio, anche) e la generazione dei tre minuti e trenta che stanno diventando sempre meno. Ma che forse qualcosa in più della musica, ieri, ha capito.

---

Tony D’Alessio: ‘Sul palco porto Francesco e le sue parole’

È stato “la grande voce del prog italiano”, quella che si ricorda quando si parla di Demetrio Stratos e viceversa. Francesco Di Giacomo morì su una strada della provincia romana, alla guida della sua automobile in una notte di febbraio di quasi sei anni fa. Antidivo, carismatico, era l’immagine e la penna del Banco per gran parte dei testi. Sin dagli inizi, dall’incontro con Vittorio Nocenzi durante il Festival Pop di Caracalla del 1971. Chi oggi ne fa le veci, con l’umiltà dei grandi, è il campano Tony D’Alessio, arrivato a ‘Transiberiana’ partendo dal metal, passando per X-Factor con gli Ape Escape per sobbarcarsi un impegno non da poco.

«Più che di eredità, più che di responsabilità – spiega Tony alla ‘Regione’ – parlerei di onore. Ero amico e fan di Francesco, c’incontrammo la prima volta nel 1996». Il destino, che già si era messo di mezzo con Di Giacomo, si mise poi di mezzo con Nocenzi e, indirettamente, pure con D’Alessio: «Dopo la morte di Francesco, Vittorio mi disse che mi avrebbe chiamato e invece, il tempo di fare il primo concerto, si sentì male. Pensai che fosse tutto finito. Quando ero pronto a mettere una pietra sopra a un sogno, a gennaio del 2015, mi arriva una telefonata: era Vittorio, che non solo era uscito dal coma, ma era presente e lucidissimo. Di lì a poco mi annunciò agli altri».

Solo il tempo di prendere le misure – «La mia più grande difficoltà era smettere di piangere mentre studiavo i suoi brani, mentre cantavo le sue parole» – e ora Tony porta sul palco Francesco ogni volta: «Lo porto dentro di me, lui e lei sue parole, così come lo sento attraverso il suono della sua chitarra acustica, che suona ancora Filippo Marcheggiani». E lo fa con un’accortezza: «L’ultima delle mie intenzioni è quella di fargli il verso, mai mi è venuto in mente di fare la sua imitazione. Sarebbe una cosa di cattivo gusto. Sarebbe come imitare mio padre che non c’è più. Poi se qualcuno trova somiglianze in quello che faccio, la cosa mi riempie soltanto di gioia». Francesco Di Giacomo in pillole, per finire: «Quando penso a lui penso a una grande anima con un grande sorriso, e a una sensibilità decisamente fuori dal comune. Una di quelle anime che hanno il potere di cambiare il mondo». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved