Basilea
1
Apoel
0
fine
(1-0)
Lask Linz
2
Az Alkmaar
0
fine
(1-0)
FC Porto
1
Bayer Leverkusen
3
fine
(0-1)
Gent
1
Roma
1
fine
(1-1)
Istanbul Basaksehir
4
Sporting Cp
1
fine
(2-0 : 1-1 : 1-0)
Malmo Ff
0
Vfl Wolfsburg
3
fine
(0-1)
Espanyol
3
Wolverhampton
2
fine
(1-1)
Sevilla
0
Cfr 1907 Cluj
0
1. tempo
(0-0)
Manchester Utd
1
Club Brugge
0
1. tempo
(1-0)
Celtic
0
FC Copenhagen
0
1. tempo
(0-0)
Ajax
1
Getafe
1
1. tempo
(1-1)
Inter
1
Ludogorets
1
1. tempo
(1-1)
Arsenal
0
Olympiakos Piraeus
0
1. tempo
(0-0)
Benfica
1
Shakhtar Donetsk
1
1. tempo
(1-1)
Basilea
EUROPA LEAGUE
1 - 0
fine
1-0
Apoel
1-0
 
 
22'
MATIC UROS
1-0 FREI FABIAN
38'
 
 
 
 
55'
JENSEN MIKE
 
 
63'
EFREM GIORGOS
 
 
76'
VOUROS PRAXITELIS
ISUFI ELIS
81'
 
 
 
 
86'
DE VINCENTI TOMAS
MATIC UROS 22'
38' 1-0 FREI FABIAN
JENSEN MIKE 55'
EFREM GIORGOS 63'
VOUROS PRAXITELIS 76'
81' ISUFI ELIS
DE VINCENTI TOMAS 86'
Missed Penalty for APOEL at 74th minute by DE VINCENTI TOMAS.
First leg (3-0), agg (4-0).
Venue: St.
Jakob Park.
Turf: Natural.
Capacity: 37,944.
Referee: Pavel Kralovec (CZE).
Assistant referees: Ivo Nadvornik (CZE), Tomas Mokrusch (CZE).
Fourth official: Miroslav Zelinka (CZE).
Video Assistant Referee: Pawel Gil (POL).
Assistant Video Assistant Referee: Bartosz Frankowski (POL).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Lask Linz
EUROPA LEAGUE
2 - 0
fine
1-0
Az Alkmaar
1-0
 
 
24'
WIJNDAL OWEN
WIESINGER PHILIPP
37'
 
 
1-0 RAGUZ MARKO
44'
 
 
2-0 RAGUZ MARKO
50'
 
 
FILIPOVIC PETAR
63'
 
 
WIESINGER PHILIPP
88'
 
 
WIJNDAL OWEN 24'
37' WIESINGER PHILIPP
44' 1-0 RAGUZ MARKO
50' 2-0 RAGUZ MARKO
63' FILIPOVIC PETAR
88' WIESINGER PHILIPP
First leg (1-1), agg (3-1).
Venue: TGW Arena.
Turf: Natural (Hybrid Pitch).
Capacity: 7,870.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
FC Porto
EUROPA LEAGUE
1 - 3
fine
0-1
Bayer Leverkusen
0-1
 
 
10'
0-1 ALARIO LUCAS
ZE LUIS ANDRADE
33'
 
 
OLIVEIRA SERGIO
36'
 
 
URIBE MATEUS
42'
 
 
 
 
43'
BENDER LARS
 
 
50'
0-2 DEMIRBAY KEREM
MARCANO IVAN
54'
 
 
 
 
57'
0-3 HAVERTZ KAI
1-3 MAREGA MOUSSA
65'
 
 
 
 
67'
DEMIRBAY KEREM
 
 
69'
WEISER MITCHELL
NAKAJIMA SHOYA
76'
 
 
PEPE KEPLER
82'
 
 
 
 
82'
AMIRI NADIEM
SOARES TIQUINHO
85'
 
 
ALARIO LUCAS 0-1 10'
33' ZE LUIS ANDRADE
36' OLIVEIRA SERGIO
42' URIBE MATEUS
BENDER LARS 43'
DEMIRBAY KEREM 0-2 50'
54' MARCANO IVAN
HAVERTZ KAI 0-3 57'
65' 1-3 MAREGA MOUSSA
DEMIRBAY KEREM 67'
WEISER MITCHELL 69'
76' NAKAJIMA SHOYA
82' PEPE KEPLER
AMIRI NADIEM 82'
85' SOARES TIQUINHO
First leg (1-2), agg (2-5).
Venue: Estadio Dragao.
Turf: Natural.
Capacity: 50,033.
Referee: Istvan Kovacs (ROU).
Assistant referees: Vasile Florin Marinescu (ROU), Ovidiu Artene (ROU).
Fourth official: Marius Avram (ROU).
Video Assistant Referee: Marco Di Bello (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ovidiu Haţegan (ROU).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Gent
EUROPA LEAGUE
1 - 1
fine
1-1
Roma
1-1
1-0 DAVID JONATHAN
25'
 
 
BEZUS ROMAN
28'
 
 
 
 
29'
1-1 KLUIVERT JUSTIN
 
 
42'
VERETOUT JORDAN
DEPOITRE LAURENT
50'
 
 
 
 
62'
SPINAZZOLA LEONARDO
KUMS SVEN
83'
 
 
MOHAMMADI MILAD
90'
 
 
ODJIJA-OFOE VADIS
90'
 
 
25' 1-0 DAVID JONATHAN
28' BEZUS ROMAN
KLUIVERT JUSTIN 1-1 29'
VERETOUT JORDAN 42'
50' DEPOITRE LAURENT
SPINAZZOLA LEONARDO 62'
83' KUMS SVEN
90' MOHAMMADI MILAD
90' ODJIJA-OFOE VADIS
First leg (0-1), agg (1-2).
Venue: Ghelamco Arena.
Turf: Natural (Mixto Hybrid Grass Technology).
Capacity: 20,000.
Referee: Jose Maru00eda Sanchez (ESP).
Assistant referees: Raul Cabanero (ESP), Roberto Alonso (ESP).
Fourth official: Pablo Gonzalez Fuertes (ESP).
Video Assistant Referee: Carlos del Cerro Grande (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Xavier Estrada Fernandez (ESP).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Istanbul Basaksehir
EUROPA LEAGUE
4 - 1
fine
2-0
1-1
1-0
Sporting Cp
2-0
1-1
1-0
1-0 SKRTEL MARTIN
31'
 
 
 
 
34'
WENDEL MARCUS
ALEKSIC DANIJEL
37'
 
 
 
 
42'
VIETTO LUCIANO
2-0 ALEKSIC DANIJEL
45'
 
 
 
 
68'
2-1 VIETTO LUCIANO
CLICHY GAEL
71'
 
 
EPUREANU ALEXANDRU
74'
 
 
KAHVECI IRFAN
81'
 
 
3-1 VISCA EDIN
90'
 
 
4-1 VISCA EDIN
119'
 
 
31' 1-0 SKRTEL MARTIN
WENDEL MARCUS 34'
37' ALEKSIC DANIJEL
VIETTO LUCIANO 42'
45' 2-0 ALEKSIC DANIJEL
VIETTO LUCIANO 2-1 68'
71' CLICHY GAEL
74' EPUREANU ALEXANDRU
81' KAHVECI IRFAN
90' 3-1 VISCA EDIN
119' 4-1 VISCA EDIN
First leg (1-3), agg (5-4).
ISTANBUL BASAKSEHIR AET.
Venue: Basaksehir Fatih Terim Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 17,300.
Referee: Antonio Mateu Lahoz (ESP).
Assistant referees: Pau Cebrian Devu00eds (ESP), Roberto del Palomar (ESP).
Fourth official: Josu00e9 Luis Munuera Montero (ESP).
Video Assistant Referee: Alejandro Hernandez (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Inigo Prieto (ESP).
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Malmo Ff
EUROPA LEAGUE
0 - 3
fine
0-1
Vfl Wolfsburg
0-1
RIEKS SOREN
5'
 
 
 
 
41'
0-1 BREKALO JOSIP
 
 
65'
0-2 GERHARDT YANNICK
 
 
69'
0-3 VICTOR JOAO
 
 
84'
BROOKS JOHN
5' RIEKS SOREN
BREKALO JOSIP 0-1 41'
GERHARDT YANNICK 0-2 65'
VICTOR JOAO 0-3 69'
BROOKS JOHN 84'
First leg (1-2), agg (1-5).
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Espanyol
EUROPA LEAGUE
3 - 2
fine
1-1
Wolverhampton
1-1
 
 
6'
TRAORE ADAMA
1-0 CALLERI JONATHAN
16'
 
 
 
 
22'
1-1 TRAORE ADAMA
SANCHEZ VICTOR
40'
 
 
 
 
56'
KILMAN MAX
2-1 CALLERI JONATHAN
57'
 
 
 
 
63'
GIBBS-WHITE MORGAN
VARGAS MATIAS
66'
 
 
CALLERI JONATHAN
66'
 
 
 
 
79'
2-2 DOHERTY MATT
3-2 CALLERI JONATHAN
90'
 
 
TRAORE ADAMA 6'
16' 1-0 CALLERI JONATHAN
TRAORE ADAMA 1-1 22'
40' SANCHEZ VICTOR
KILMAN MAX 56'
57' 2-1 CALLERI JONATHAN
GIBBS-WHITE MORGAN 63'
66' VARGAS MATIAS
66' CALLERI JONATHAN
DOHERTY MATT 2-2 79'
90' 3-2 CALLERI JONATHAN
First leg (0-4), agg (3-6).
Venue: RCDE Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 40,500.
Referee: Marco Guida (ITA).
Assistant referees: Matteo Passeri (ITA), Giorgio Peretti (ITA).
Fourth official: Fabio Maresca (ITA).
Video Assistant Referee: Maurizio Mariani (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ciro Carbone (ITA).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Sevilla
EUROPA LEAGUE
0 - 0
1. tempo
0-0
Cfr 1907 Cluj
0-0
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Manchester Utd
EUROPA LEAGUE
1 - 0
1. tempo
1-0
Club Brugge
1-0
 
 
23'
DELI SIMON
1-0 FERNANDES BRUNO
27'
 
 
DELI SIMON 23'
27' 1-0 FERNANDES BRUNO
First leg (1-1).
Venue: Old Trafford.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 74,994.
Referee: Serdar Gu00f6zu00fcbuyuk (NED).
Assistant referees: Charles Schaap (NED), Jan de Vries (NED).
Fourth official: Allard Lindhout (NED).
Video Assistant Referee: Jochem Kamphuis (NED).
Assistant Video Assistant Referee: Bas Nijhuis (NED).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Celtic
EUROPA LEAGUE
0 - 0
1. tempo
0-0
FC Copenhagen
0-0
AJER KRISTOFFER
16'
 
 
16' AJER KRISTOFFER
First leg (1-1).
Venue: Celtic Park.
Turf: Natural.
Capacity: 60,411.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Ajax
EUROPA LEAGUE
1 - 1
1. tempo
1-1
Getafe
1-1
 
 
5'
0-1 MATA JAIME
1-1 PEREIRA DANILO
10'
 
 
PEREIRA DANILO
11'
 
 
 
 
11'
SORIA DAVID
 
 
28'
ARAMBARRI MAURO
MATA JAIME 0-1 5'
10' 1-1 PEREIRA DANILO
11' PEREIRA DANILO
SORIA DAVID 11'
ARAMBARRI MAURO 28'
First leg (0-2).
Venue: Johan Cruyff Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 54,990.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Inter
EUROPA LEAGUE
1 - 1
1. tempo
1-1
Ludogorets
1-1
DAMBROSIO DANILO
22'
 
 
 
 
26'
0-1 CAULY OLIVEIRA
1-1 BIRAGHI CRISTIANO
31'
 
 
22' DAMBROSIO DANILO
CAULY OLIVEIRA 0-1 26'
31' 1-1 BIRAGHI CRISTIANO
No spectators due to corona virus quarantine.
First leg (2-0).
Venue: San Siro.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 80,018.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Arsenal
EUROPA LEAGUE
0 - 0
1. tempo
0-0
Olympiakos Piraeus
0-0
 
 
20'
BA OUSSEYNOU
BA OUSSEYNOU 20'
First leg (1-0).
Venue: Emirates Stadium.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 60.260.
Referee: Davide Massa (ITA).
Assistant referees: Filippo Meli (ITA), Alberto Tegoni (ITA).
Fourth official: Piero Giacomelli (ITA).
Video Assistant Referee: Michael Fabbri (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Stefano Alassio (ITA).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Benfica
EUROPA LEAGUE
1 - 1
1. tempo
1-1
Shakhtar Donetsk
1-1
1-0 PIZZI LUIS
9'
 
 
2-0 DIAS RUBEN
12'
 
 
9' 1-0 PIZZI LUIS
12' 2-0 DIAS RUBEN
First leg (1-2).
Venue: Estadio do Sport Lisboa e Benfica.
Turf: Natural.
Capacity: 65,200.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 21:33
Vittorio Nocenzi e il Banco del Mutuo Soccorso oggi a Maroggia da 'Tondo Music' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
1 gior
Dentro gli appunti di Javier Zabala, intimità rivelata
BERLINALE
2 gior
Da Hillary alle Favolacce, una lunga giornata di film
Culture
2 gior
Lorenzo Bianconi, la musica guardata negli occhi
Berlinale
2 gior
'Schwesterlein', un grande film svizzero illumina Berlino
Culture
3 gior
Locarno Festival: Vision Award Ticinomoda a Ryuichi Sakamoto
Cinema
3 gior
Berlinale, di un lungo weekend restano lacrime salate
Culture
5 gior
Immersi nel libro di Trickster-p
Momenti di lettura
5 gior
‘Celebrity’, prima del folle finale
Culture
5 gior
Il Leopardi tornato dall'oblio
Spettacoli
6 gior
Berlinale, per sognare un mondo migliore
Arte
6 gior
Marcello Togni, street photography parigina in mostra a Cureglia
Spettacoli
6 gior
Alla Berlinale si sogna con Salinger
Arte
6 gior
Ancora in tema di verità
Spettacoli
1 sett
Apre la Berlinale di Chatrian, settant'anni e tutto cambia
Scienze
1 sett
Clima e obesità minacciano i bambini nel mondo
Culture
1 sett
Teatro San Materno, collezione primavera-estate 2020
Arte
1 sett
Quell'architetto che sfidò la simmetria
Spettacoli
1 sett
Morta Sonja Ziemann, star del cinema tedesco
Culture
1 sett
Le grandi (e giovani) speranze degli Eventi letterari
Spettacoli
1 sett
È morto Flavio Bucci
Musica
1 sett
Addio al Dj e produttore Andrew Weatherall, 'un titano'
Società
1 sett
Verbier, principe danese cade e si ferisce
Società
1 sett
Svizzera, la 'bionda' accende sempre meno
Culture
1 sett
Glauco Mauri, i Karamazov di figlio in padre
Scienze
1 sett
Finlandia, la danza degli orsetti
Culture
1 sett
Harrison Ford è pronto a rivestire i panni di Indiana Jones
Figli delle stelle
1 sett
Gabbani, nel giallo dipinto di giallo (ma vale anche il blu)
L'intervista
1 sett
77 Bombay Street, e Lugano 'goes acoustic'
Culture
1 sett
Guida ticinese per l'associazione svizzera liutai e archettai
L'intervista
10.01.2020 - 21:320
Aggiornamento : 11.01.2020 - 01:22

La 'Transiberiana' che porta il Banco a Chiasso

Intervista a Vittorio Nocenzi, fondatore del Banco del Mutuo Soccorso, e a Tony D'Alessio, erede di Di Giacomo. La storica band del prog stasera al Cinema Teatro

Espletate le pratiche doganali di chi passa il confine con gli strumenti, ieri da ‘Tondo’ era il giorno del Banco del Mutuo Soccorso, al piano di sopra del tempio del vinile a Maroggia per presentare il concerto che si tiene questa sera alle 20.30 a Chiasso, nel Cinema Teatro che per una sera diventa – restando ai luoghi sacri – santuario del rock progressivo non solo italiano. Il più brevemente detto Banco, ‘santificato’ internazionalmente dalla Manticore Records (etichetta degli inglesi Emerson, Lake & Palmer), si afferma tra il ‘72 e il ‘73 con il trittico o trilogia ‘Darwin!’, ‘Io sono nato libero’ e l’album di debutto chiamato amichevolmente ‘salvadanaio’ per via della copertina. Il ritorno, ‘Transiberiana’, nel 2019 a poco più di venticinque anni dall’ultimo album in studio (‘13’) e dopo un’eternità dall’esordio che portava il loro nome. Il salvadanaio torna sulla facciata di questo nuovo concept incentrato sul viaggio, arrivato sino a noi, band al completo.

Lo dice Leonardo

Nella sala che va via via riempiendosi, Vittorio Nocenzi, (pianoforte, tastiere, voce), storico fondatore del Banco, siede al centro tra l’abbastanza storico Filippo Marcheggiani (chitarra elettrica, nel gruppo da più di vent’anni), Nicola Di Già (chitarra ritmica, non da poco), Fabio Moresco (batteria, ex Metamorfosi), Marco Capozi (basso, già Balletto di Bronzo) e Tony D’Alessio (voce, erede senza emulazioni dello scomparso Francesco Di Giacomo, vedi sotto).

Chiasso arriva giusto nel mezzo di un tour durante il quale la band sta riabbracciando il proprio pubblico. Ma non parlate a Nocenzi di ritorno: «I ritorni non mi sono mai piaciuti, non esprimono forza, ma nostalgia. E la ‘nostalgie’, detto alla tedesca, è una celebrazione di sconfitta. Credo che il prog non se ne sia mai andato». Non chiedetegli nemmeno se il prog sia o sia stato, come qualcuno disse, “il rock che va all’università”; perché, se anche fosse un complimento, lui detesta le etichette. «Capisco che siano una necessità per comunicare, ma la musica va ascoltata e non catalogata in generi, che sono ostacoli alla libera circolazione delle idee musicali e non hanno mai fatto del bene alla musica. La musica non si comunica scrivendo, ma ascoltandola e facendola».

Dunque, se proprio si deve definire il prog, allora potrebbe essere «quella parte del rock che rifiutava i cliché per sperimentare, rinnovarsi, accettare le sfide della curiosità e della conoscenza. Innazitutto tramite la composizione e fregandosene delle strutture obbligate. La musica è di più, è toccare il culo alle nuvole». E se la definizione non bastasse, c’è Da Vinci: «Leonardo diceva che “la pittura è mirabile scienza, la musica è sua sorella perché è figurazione dell’invisibile”. Sono le immagini del cuore, della parte spirituale che tendiamo a deridere. E parlo da laico. È l’anima, o chiamatela come vi pare, è lo spazio che include sogni, idee, progetti, senza i quali non esiste l’uomo».

La bellezza degli inciampi

C’è una regola che ha portato a ‘Transiberiana’: «Ho detto subito che era proibito imitare il Banco. Già dopo il successo dei primi tre album, ci imponemmo dei paletti: non rifare mai le stesse cose. La regola vale ancora». Nocenzi racconta che a Como si è comprato la sua prima cuffia da passeggio. Con quella ha riascoltato quest’ultimo lavoro dopo mesi. «Bello o brutto, ditelo voi. Quello che so è che l’ho trovato vero, ispirato, riconducibile al linguaggio usato dal Banco in cinquant’anni ma profondamente rinnovato. Il miracolo viene dall’averlo condiviso con questa band umanamente speciale».

Sul disco (e in generale sul prog) ci sarebbe anche una lezione sulla bellezza degli inciampi, sui tempi dispari, quelli «che ti tengono sospeso, non come i quattro quarti dell’Oktoberfest, o quelli che ti rincoglioniscono i discoteca». Per i meno esperti basti che ‘Transiberiana’ è «rock perché muscolare, per l’elettrico dei suoni, ma la scrittura è da musica sinfonica dell’Ottocento». E poi ci sono «la memoria del jazz, della musica popolare», e «la natura di concept tipica del prog, l’opposto della compilation di canzoni», da cui «la stessa libertà di un libro: ogni brano è un capitolo dello stesso racconto».

L’assenza di paletti per il Banco ha riguardato anche la svolta degli anni ‘80, nel rispetto per la musica leggera (“Bisogna capire se è leggera perché vuota o perché fa stare bene”, disse un tempo Nocenzi): «Mi ricorda di uno dei tanti delitti che ho commesso nella mia ormai lunga vita (ride, ndr). Non è il genere che garantisce la qualità della musica. È la qualità dell’ispirazione di chi la scrive che ne garantisce la qualità. Non mi metto la giacca della domenica e divento automaticamente Alain Delon. Se hai la pancia, l’avrai pure con la giacca della domenica». E quindi «quando scegliemmo di scrivere canzoni, fu una scelta epocale e drammatica. Pensammo a lungo se fosse il caso di passare da ‘Il giardino del mago’ a ‘Paolo Pa’. Capisco oggi i fan talebani che gridarono al tradimento. Ma avevamo percepito il cambiamento del modo di comunicare».

L’ultimo dei Mohicani

‘Transiberiana’ è un lavoro autobiografico. «Ed è giusto così» continua Nocenzi. «Sono ancora qui a parlare di musica dopo 5’500 concerti e mi sento un uomo privilegiato. L’ultimo privilegio che mi è stato dato è che dopo aver perso due compagni di vita speciali, il destino mi ha regalato il recupero del rapporto con mio fratello (Gianni Nocenzi, nel Banco fino al 1984, ndr) e lo scoprire nel mio terzo figlio, Michelangelo, il mio alter ego musicale».

I compagni che non ci sono più sono Francesco Di Giacomo, morto nel 2014, e Rodolfo Maltese, nella band da ‘Io sono nato libero’ fino al 2015. E quando Nocenzi parla di destino, si riferisce anche all’emorragia che lo colpì, nello stesso annus horribilis che riguardò Maltese e dalla quale si riprese dopo un coma. Guarda i compagni di viaggio e dice di non avere l’euforia di Bruce Willis in ‘Unbreakable’, unico sopravvissuto al disastro aereo: «Mi sento l’ultimo dei Mohicani, ma ho la fortuna di avere incontrato loro, e una famiglia che mi segue da sempre. Vedi intorno che si sono spente tante luci, vedi sull’iphone i numeri degli amici che non ci sono più. E l’idea di morire, devo confessarti che non mi gratifica affatto. Quando succederà lo dico subito, pensatemi parecchio incazzato. Perché sono innamorato della bellezza».

Martina e il nonno musicista

Alla fine, mettici che quelli di Tondo Music sanno cos’è un meet&greet coi fan, mettici che Nocenzi si concede a tutti (nel senso nobile del concetto), quando tutto è concluso c’è spazio per copie autografate e anche per la piccola Martina, che – complice il babbo, occhi di chi di prog si è cibato a pranzo e a cena – tiene in mano il grosso vinile insieme al fratellino per tutta la conferenza stampa e una volta al cospetto di nonno Banco gli fa ascoltare in anteprima assoluta i suoi sforzi di poetessa. Il selfie che ne consegue è quello del creatore di musica senza tempo (nel senso di minutaggio, anche) e la generazione dei tre minuti e trenta che stanno diventando sempre meno. Ma che forse qualcosa in più della musica, ieri, ha capito.

---

Tony D’Alessio: ‘Sul palco porto Francesco e le sue parole’

È stato “la grande voce del prog italiano”, quella che si ricorda quando si parla di Demetrio Stratos e viceversa. Francesco Di Giacomo morì su una strada della provincia romana, alla guida della sua automobile in una notte di febbraio di quasi sei anni fa. Antidivo, carismatico, era l’immagine e la penna del Banco per gran parte dei testi. Sin dagli inizi, dall’incontro con Vittorio Nocenzi durante il Festival Pop di Caracalla del 1971. Chi oggi ne fa le veci, con l’umiltà dei grandi, è il campano Tony D’Alessio, arrivato a ‘Transiberiana’ partendo dal metal, passando per X-Factor con gli Ape Escape per sobbarcarsi un impegno non da poco.

«Più che di eredità, più che di responsabilità – spiega Tony alla ‘Regione’ – parlerei di onore. Ero amico e fan di Francesco, c’incontrammo la prima volta nel 1996». Il destino, che già si era messo di mezzo con Di Giacomo, si mise poi di mezzo con Nocenzi e, indirettamente, pure con D’Alessio: «Dopo la morte di Francesco, Vittorio mi disse che mi avrebbe chiamato e invece, il tempo di fare il primo concerto, si sentì male. Pensai che fosse tutto finito. Quando ero pronto a mettere una pietra sopra a un sogno, a gennaio del 2015, mi arriva una telefonata: era Vittorio, che non solo era uscito dal coma, ma era presente e lucidissimo. Di lì a poco mi annunciò agli altri».

Solo il tempo di prendere le misure – «La mia più grande difficoltà era smettere di piangere mentre studiavo i suoi brani, mentre cantavo le sue parole» – e ora Tony porta sul palco Francesco ogni volta: «Lo porto dentro di me, lui e lei sue parole, così come lo sento attraverso il suono della sua chitarra acustica, che suona ancora Filippo Marcheggiani». E lo fa con un’accortezza: «L’ultima delle mie intenzioni è quella di fargli il verso, mai mi è venuto in mente di fare la sua imitazione. Sarebbe una cosa di cattivo gusto. Sarebbe come imitare mio padre che non c’è più. Poi se qualcuno trova somiglianze in quello che faccio, la cosa mi riempie soltanto di gioia». Francesco Di Giacomo in pillole, per finire: «Quando penso a lui penso a una grande anima con un grande sorriso, e a una sensibilità decisamente fuori dal comune. Una di quelle anime che hanno il potere di cambiare il mondo». 

© Regiopress, All rights reserved