ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
2 ore

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
2 ore

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
3 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
3 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
4 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
6 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
12 ore

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
14 ore

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
15 ore

‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza

Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Sanremo
23 ore

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
1 gior

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
2 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
2 gior

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
2 gior

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
2 gior

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
Spettacoli
2 gior

‘Dimenticando Gaber’ alla Cambusa di Locarno

L’attore e regista Emanuele Santoro, accompagnato dalla musica di Yara Mennel, propone un recital dei testi del cantautore meneghino, sabato 4 febbraio
l'intervista
22.11.2019 - 12:11

PFM al Lac: 'Noi e Faber, il diavolo e l'acqua santa'

A colloquio con Franz Di Cioccio, la storia della Premiata Forneria Marconi, domani sera a Lugano per cantare De André: ‘Fu l'abbraccio tra la poesia e il rock’.

pfm-al-lac-noi-e-faber-il-diavolo-e-l-acqua-santa
La storia backstage (© Guido Harari)

«“Tua madre ce l’ha molto con me perché sono sposato e in più canto”. Quando uno comincia un testo così ti rendi conto che ti scava dentro. La musica ha la dolcezza del basso senza tasti, in questo valzer molto ‘frusciante’ in cui a un certo punto ti ritrovi nell’aria un suono di campanelli che ti trascinano nel sogno infranto di due innamorati. Questa è la magia della musica applicata alla poesia di Fabrizio De André, e applicata in quel progetto. Ed è anche la forza di questo tour».

Il tour si chiama ‘PFM canta De André – Anniversary’ e arriva al Lac domani sera alle 20.30, per quello che è l’unico ticinese, ma non l’ultimo dei concerti di un 2019 da una data ogni tre giorni. Chi cita ‘Giugno ‘73’ è Franz Di Cioccio a nome della Premiata Forneria Marconi. «Supereremo i cento concerti in un anno importante, dedicato interamente a questo anniversario». Ovvero ai vent’anni dalla scomparsa di Fabrizio De André ma, ancor più direttamente, ai quaranta da un rivoluzionario album dal vivo intitolato per brevità ‘In concerto con PFM – vol.1’ che ha segnato la storia della discografia e della canzone d’autore italiana.

Sul palco della Sala Teatro del Lac, di quella formazione del gennaio 1979, oltre al cantautore genovese, mancheranno soltanto Roberto Colombo (oggi produttore, nonché marito, di Antonella Ruggiero) e Franco Mussida, che nel 2015 alla PFM aveva detto addio per troppi impegni lavorativi; insieme a Di Cioccio (voce, batteria, percussioni) e Patrik Djivas (basso), che ci sono sempre stati, e a Lucio Fabbri (violino, tastiera e chitarre, molto spesso), tornano per l’occasione l’ex tastierista Flavio Premoli e lo storico chitarrista di De André, Michele Ascolese. «È una delle cose belle accadute in Italia, e le cose belle non te le devi dimenticare. E noi la ricordiamo nel modo migliore».

Il Vermentino, 'droga libera sarda'

Si erano già incontrati ai tempi de ‘La buona novella’, lo chansonnier e i virtuosi. Ben prima del 1978, alla Villa dell’Agnata, nelle campagne di Tempio Pausania in Sardegna, residenza di De André. Il tour da trenta concerti nei palazzetti dello sport e nei teatri-tenda della Penisola, finito poi sul disco (e su di un secondo, un anno dopo), nasce quell’anno a casa di Faber. Si dice che molto si deve all’effetto del Vermentino: «Corrisponde a verità. Il Vermentino è un vino che mette d’accordo tutti. Anzi, non è un vino, è una droga libera sarda. Fabrizio si era ritirato, e Franz gli dice: “Non puoi fare questo”. Forse aveva deciso di riprendersi la sua libertà, forse perché da bambino aveva sempre sognato una vita di campagna. Io gli faccio la proposta indecente, gli dico che all’estero la musica è importante perché se in Italia fai un genere, gli altri ti sono nemici, mentre in America non c’è discriminazione».

‘L’ha fatto anche Dylan’

Digressione su come vanno le cose oltre oceano: «Jaco Pastorius, bassista dei Weather Report, che abbiamo conosciuto e frequentato durante i nostri tour americani, era un fan di Frank Sinatra, che per lui era il più grande cantante mai visto sulla Terra. Abbiamo conosciuto jazzisti pazzi per Johnny Cash. Lì non esiste discriminazione. Il country ha lo stesso rispetto di quanto abbiano il rock, il jazz, perché il rispetto è parte della cultura musicale americana». Fine della digressione. Tornando al Vermentino: «Dico a Fabrizio che Jackson Browne e gli Eagles hanno fatto una cosa così, lo stesso Bob Dylan con The Band, una collaborazione dalla quale Dylan è cambiato moltissimo, non era più soltanto quello con la chitarra, che raccontava». E poi, tanto di cappello a De André: «Ha avuto la grandezza di sposare questa follia, e noi gli abbiamo coltivato un terreno fertile su cui seminare nuove idee, senza preoccuparsi della musica, che non era più sottofondo ma uno strato emotivo che rendeva la parola dinamica».

La volpe e l’uva

De André come Dylan, come Browne; come Joni Mitchell, che proprio nel ’79 in ‘Mingus’ si sarebbe attorniata di jazzisti, e in ‘Shadows and Light’, un anno dopo, avrebbe portato in tour il suo repertorio rivisto da una band da sogno, con un giovane Pat Metheny, con Pastorius, Michael Brecker e altri grandi. Solo che in Italia, per quell’unione, di De André si arrivò a dire che era diventato commerciale. La PFM commerciale? Oggi viene da ridere: «Questo è sempre stato un derivato della favola della volpe e l’uva. Spesso i fan sono talmente sorpresi che invece di dire “Come mi ha sorpreso questa cosa”, pensando di fare brutta figura con qualcun altro, attaccano. Se fai ‘Il pescatore’, dove tutti quanti cantano “la la la là lalà lalà”, e quando dico tutti quanti dico 2’600 persone a Roma, non è mai una cosa commerciale. Devi emozionarli a tal punto che, se loro hanno voglia, cantano “la la la lalà lalà”, e se la cantano è solo perché hanno voglia di farlo. È facile dire che una cosa è commerciale. Prova un po’ a dirlo prima che accada».

Bomba atomica

Quella serie di concerti fu uno spartiacque per entrambi. Per la band di virtuosi che già si era ritagliata un posto nella storia del progressive rock (sono ancora gli unici italiani a girare sulla ‘Cruise to the Edge’, crociera che porta in giro Yes, Steve Hackett, Soft Machine e molti altri per il Golfo del Messico) e per lo chansonnier, non di meno: «Fabrizio – conclude Di Cioccio – ha capito che non c’era solo la poesia nella sua vita, che non bastava una chitarra per raccontarla. Ha capito che gli serviva qualcosa che solo una tournée rock ti può dare, una cosa con venticinque metri di palco, qualche tonnellata di strumenti e un pubblico davanti che ti devi conquistare tutte le sere. Ogni arrangiamento che abbiamo costruito per lui era per far risaltare la sua poesia. Prendi ‘Un giudice’, che nella versione pacata nell’Antologia di Spoon River (‘Non al denaro non all’amore né al cielo’, 1971, ndr) non esisteva. Qui lo strumento fa una specie di marameo, è provocatorio, è una bomba atomica, vale tutta la storia del protagonista della canzone». Ride, Di Cioccio: «Se tutto questo sia commerciale non lo so, ma so che è progettualità, è il rock che incontra la poesia, è il diavolo e l’acqua santa».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved