i-segreti-del-mestiere-buon-cinema-ticinese-compreso-haber
A sinistra, Massimiliano Motta; a destra, Alessandro Haber (© Rough Cat)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
12 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
12 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
15 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
17 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
17 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
17 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
18 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
21 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
21 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
1 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 gior

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
1 gior

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
1 gior

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
Spettacoli
1 gior

Giornate di Soletta, in attesa dei premi

Ultimi giorni del festival del cinema svizzero. Abbiamo visto il documentario del ticinese Tommaso Donati e ‘Une histoire provisoire’ di Romed Wyder
Spettacoli
1 gior

Tv, è morto lo studioso e autore Paolo Taggi

Da ‘Domenica In’ e il ‘Gioco del mondo’ a importanti lavori teorici sulla televisione. Il ricordo di Domenico Lucchini, direttore del Cisa
Musica
2 gior

Swiss Diagonales Jazz continua a Biasca e Olivone

MusiBiasca annuncia: sabato 29 gennaio, la Casa Cavalier Pellanda recupera Sauter&Schläppi e presenta Sc’ööf; domenica 30 all’Osteria Centrale, Tie Drei
Società
2 gior

Morto lo stilista Thierry Mugler

Autore, fra l’altro, dei corsetti di Madonna e degli abiti di Sharon Stone, è morto all’età di 73 anni per cause naturali
Cinema
2 gior

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
2 gior

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
Castellinaria
18.11.2019 - 06:000
Aggiornamento : 07:08

'I segreti del mestiere', buon cinema ticinese (compreso Haber)

Incontro con il grande attore italiano, che al film concede uno dei suoi proverbiali cammeo, e con parte del cast del primo lungometraggio di Andreas Maciocci

Prima di cominciare: Alessandro Haber è vivo e vegeto e ieri ha parlato del suo cammeo in ‘I segreti del mestiere’, primo e riuscito lungometraggio del ticinese Andreas Maciocci, in anteprima assoluta nella fredda domenica di Castellinaria. E con Haber ha parlato con ‘laRegione’ buona parte del cast italo-bulgaro-ticinese del bel film prodotto dalla Rough Cat di Nicola Bernasconi e girato nel Mendrisiotto. Esaurita da tempo la bufala della sua presunta morte, creata ad arte per il lancio promozionale per uno show Rai che ha divertito i molti e indignato pochi aridi di black humor, l’attore italiano era a Bellinzona anche per ritirare il Premio Castellinaria, conferitogli “per la sua capacità di dare umanità anche ai personaggi più cupi”, parole del direttore artistico Giancarlo Zappoli (cfr. laRegione dello scorso martedì).

«A tutti i personaggi, mi permetto di dire» ci tiene a specificare Haber, per il quale – sarà che non è nato attore, ma già personaggio, come ribadito in altra sede – l’incontro di ieri è stato spettacolo aggiunto già dall’entrata al Palaexpo e negli interventi a margine dei colleghi, riportati in sintesi per troppa, irresistibile, coloritura (ma è consentito immaginare). Quando si parla di questo premio, però, l’attore sceglie toni più contenuti: «La motivazione mi ha commosso. Io non scelgo mai ruoli banali. Cerco di dare spessore anche al piccolo ruolo, che ha un passato, un futuro e un presente. Anche se sono partecipazioni, chiedo sempre che questo personaggio abbia un senso. Mi è sufficiente anche un giorno di lavoro, ma se il personaggio che mi viene dato ha un potenziale, allora vale la pena di giocare. Perché non si vince sempre con un poker e anche in questo mestiere puoi diventare bellissimo anche con una semplice coppia». E aggiunge: «Chi ha scritto la motivazione ha capito, ha osservato, per questo tengo a questo premio particolarmente. Ma sai quante targhe ricevo che poi butto via? Dovrei avere un appartamento solo per le targhe. E invece ho capito che questo premio ha una storia. E poi mi sono trovato bene, tutte persone carine sul set».

In un Ticino non da cartolina

‘I segreti del mestiere’ è la storia di Samuel, o Sam (Massimiliano Motta), quindicenne del Mendrisiotto che è riuscito a dirottare all’interno dei suoi disegni i turbamenti tipici dell’adolescenza, la sua naturale introversione e il bisogno di comunicare. Il dialogo (virtuale) più profondo avviene con un personaggio da lui stesso creato, Aline, ragazzina che è il suo opposto quanto a sicurezza e determinazione (nei disegni di Antoine Deprez, animati da Gaston Dupuy e Miljana Milikovic). Nella calda estate ticinese che accompagna la bocciatura al primo anno di liceo, il ragazzino mette insieme tutti i risparmi e assolda l’investigatore privato di origini balcaniche Drago (Christo Jivkov), fuggito dalla guerra e ora gestore di un pub cittadino con la fidanzata Morena (Caterina Bertone): è proprio a Drago che Samuel chiede di dare un senso a un dubbio che lo tormenta e la cui soluzione aprirà una porta sul doloroso passato della sua famiglia; porta che conduce a una ‘stanza’ rimasta chiusa anche per il volere del padre Fabio (Fausto Maria Sciarappa).

«La cosa che mi ha avvicinato al progetto – spiega il regista nel quantificare il vissuto confluito nella pellicola – è stato il rapporto padre-figlio. Da una il piccolo artista chino sul suo quadernetto a disegnare e dall’altra parte il classico padre giacca, cravatta e “Devi studiare”». Tra gli input personali c’è anche il rapporto con i coetanei, «il momento in cui ti senti fuori dalle tue acque, o il primo grande amore», che ha un dolce culmine nel viaggio in motorino guidato da Giulia (l’esordiente Elisa Cavallo). Non del tutto personale è invece l’aver girato tra Mendrisio e il confine con l’Italia, destinazione finale di una storia ipotizzata a Lugano, trasferita più a sud «per evitare la classica cartolina ticinese» e perché «il luogo era fondamentale per raccontare il viaggio che il protagonista intraprende. Il treno, a livello visivo e sonoro, rientra più volte all’interno del film». E comunque (lo pensano anche i The Vad Vuc) «Chiasso, al di là che possa sembrare grigia, ha angoli interessanti, e ci sono cresciuto».

Sogna ragazzo sogna

Il film di Maciocci ha gli occhi malinconici di Massimiliano Motta. «Trovarlo non è stato facile. Abbiamo incontrato tanti ragazzini, sia qui che in italia. Lui è comparso all’ultimo casting di Milano, in una scuola di teatro dove ai candidati era richiesto di aspettare il proprio turno vicino a un magazzino di vestiti. Lui ci è entrato, in quel magazzino, e si è scelto dei vestiti e un cappello. Ho detto a Nicola (Bernasconi, ndr) che era quello giusto».

Il “per la prima volta sullo schermo” che appare nei credits non deve ingannare. Perché, paradossalmente, per il 16enne nei panni non semplici del protagonista, all’esordio davanti alla macchina da presa, il difficile non è stato reggere l’intero film in mezzo a un cast di professionisti, sostiene lui, ma produrre con l’aiuto del padre il video-provino per essere ammesso al casting. «A sette anni ho deciso che devo vincere l’Oscar», mette in chiaro le cose Massimiliano (Haber: «Io l’ho deciso a sei»); una scuola di teatro, qualche spettacolo fuori sede, poi la grande occasione, «e mi ci sono buttato».

Preso atto che prima di ieri Massimiliano non aveva visto il film (Haber: «Hanno cancellato tutte le tue scene, adesso c’è una voce fuori campo»), da grande Max vuole fare l’attore puntando al Mastroianni de ‘La dolce vita’ («Avrei voluto conoscere Sylvia») o al McGregor di ‘Trainspotting’. «Vi aspettavate ‘Harry Potter’ o gli ‘Avengers’ vero?’, ironizza Sciarappa, che del giovane attore garantisce sullo status di cinefilo.

Motta tiene botta alla pregevole interpretazione di papà Fabio (tra cinema, teatro e tv lo si apprezza anche in ‘La meglio gioventù’ e ‘Romanzo criminale’), a quelle di Arianna Scommegna, Soraya Sala e di Jivkov, già ne ‘Il mestiere delle armi’ di Ermanno Olmi e ‘La passione di Cristo’ di Mel Gibson e ‘Il ragazzo invisibile’ di Salvatores (tra gli altri), che alla produzione ticinese tesse ulteriori lodi: «Mi sono trovato a casa perché mi è stato possibile lavorare con italiani all’interno di tempistiche e organizzazione tedesche. Nicola e Andreas sanno che da dieci anni a questa parte non mi ero mai sentito in famiglia come qui (Haber: «E poi sono arrivato io e ha cambiato idea»).

La valigia del cantante

Potrebbe bastare, per dire di quest’opera in cui il ‘filato’ diventa tessuto dall’ottima trama e col finale che passa indenne prima la ‘prova groppone’ (nel senso che sull’epilogo non si può certo fare gli insensibili di turno) e poi la ‘prova sorpresa’ (nel senso poetico del termine). Ma l’ultima domanda è per l’Haber cantante, che nel 2004 si produceva in una sontuosa raccolta di canzoni che per titolo portava il suo cognome e nella quale interpretava anche ‘La valigia dell’attore’, scritta per lui da Francesco De Gregori: «Per ora farò il mio primo concerto importante il 6 dicembre alla Sala Petrassi del Parco della Musica a Roma» conclude Haber. «Sono contento perché anche recitare è musicalità, ma interpretare musica è appagante. Certo, a teatro il personaggio ha una sua evoluzione, cresce solo dopo la ricerca e mesi di prove. La canzone, invece, è un’apostrofo, è come fare l’amore (edulcorato, ndr), ma quei quattro-cinque minuti d’amore devono avere un senso. Quando faccio ‘Margherita’, per esempio, la gente mi dice: “Finalmente l’ho capita!” (Riccardo Cocciante è avvisato...).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved