ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
3 ore

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
8 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
10 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
11 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
21 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
1 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
1 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
1 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
1 gior

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
1 gior

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Culture e Società
13.07.2022 - 16:29
Aggiornamento: 16:57

‘Jafar Panahi libero’, lo chiede anche il Locarno Film Festival

E con lui, liberi gli omologhi iraniani Mohammad Rasoulof e Mostafa Aleahmad, arrestati per ‘incitamento ai disordini’ in seguito al crollo del Metropol

Ansa / Ats, a cura di Red.Cultura
jafar-panahi-libero-lo-chiede-anche-il-locarno-film-festival
Keystone
Nel 2010, dopo l’arresto

"Con incredulità e sgomento assistiamo a un nuovo, violentissimo attacco alla libertà d’espressione da parte del governo iraniano contro il cinema. La repressione della comunità cinematografica iraniana continua, in sfacciato disprezzo delle numerose voci di protesta provenienti dalla comunità internazionale". È la voce del Locarno Film Festival che – così come già fatto da Cannes, Venezia e Berlino – chiede "l’immediata scarcerazione dei registi arrestati e la fine di ogni forma d’intimidazione e violenza contro registi, artisti, intellettuali e creativi". Per ‘registi’ s’intende innanzitutto il 62enne Jafar Panahi, Pardo d’Oro nel 1997 a Locarno per ‘The Mirror’ (Lo specchio), ma anche Leone d’Oro in Laguna nell’anno Duemila con il film ‘Il cerchio’. Quella dell’ennesimo fermo dell’oggi 62enne regista è notizia fresca che risale allo scorso 11 luglio, avvenuta "dopo essersi recato alla procura di Teheran per avere aggiornamenti sul caso di un altro regista", come riferito dall’agenzia di stampa iraniana Mehr. Ma soltanto pochi giorni prima, l’8 luglio, era toccato agli omologhi Mohammad Rasoulof e Mostafa Aleahmad, arrestati e imprigionati in luogo sconosciuto per aver protestato contro la violenza nei confronti dei civili in Iran.


Keystone
Hana Saeidi, nipote di Panahi, ritira l’Orso d’Oro alla Berlinale del 2015

La torta

Mohammad Rasoulof era già stato oggetto di privazione della libertà di movimento e di lavoro sin dal 2017; colpa di ‘A Man of Integrity’, Premio Un Certain Regard al 70esimo Cannes. Sulla Croisette erano transitati anche ‘Manuscripts Don’t Burn’ (Premio Fipresci 2013) e ‘Goodbye’ (Miglior regia sempre all’interno di Un Certain Regard, anno 2011). Nel 2020, Rasolouf aveva vinto l’Orso d’Oro al Festival di Berlino con ‘There is No Evil’, ma non aveva potuto ritirarlo personalmente per il divieto di lasciare l’Iran. Lo stesso destino era toccato a Panahi, impossibilitato a recarsi in Germania a prendersi l’Orso d’oro che gli spettò per ‘Taxi’ (2015) e il premio per la migliore sceneggiatura a Cannes per ‘Three Faces’ (2018). Jafar Panahi fu arrestato nel 2010; la condanna a sei anni di carcere per il sostegno al movimento di protesta nato sull’onda della rielezione alla presidenza della Repubblica Islamica di Mahmud Ahmadinejad non ha fermato la sua produzione cinematografica, pressoché regolarmente bandita nel proprio Paese. In attesa del risultato d’appello del processo a suo carico, Panahi produsse un proprio video-diario fatto uscire da Teheran tramite un hard disk celato dentro una torta, fatta recapitare a Cannes dove fu presentato.

Il regista non ha mai risparmiato nulla al regime, in favore del racconto degli ultimi, di poveri e bambini, e della condizione femminile dell’odierno Iran. Con addosso un divieto lungo vent’anni di scrivere o dirigere film, con l’impossibilità di lasciare il Paese se non per cure mediche o per recarsi alla Mecca, e d’intrattenere relazioni con media iraniani e stranieri, Panahi ha continuato a vivere e a lavorare nel proprio Paese d’origine.


Keystone
Teheran, maggio 2022

I 10 piani del Metropol

"Non ci sono ancora informazioni sul motivo dell’arresto di Panahi, né sul suo legame con il caso Rasoulof o con altre persone arrestate la scorsa settimana", si legge ancora nel comunicato stampa della Mehr. Non è dunque chiaro se il primo si sia recato in Procura per sapere del secondo. L’arresto di Rasoulof e Aleahmad va ricondotto alla vicenda dell’edificio commerciale Metropol di Abadan, nella provincia di Khuzestan, dieci piani ancora in costruzione crollati lo scorso 23 maggio provocando la morte di 43 persone e un’ondata di accuse. Ai due registi s’imputano "l’incitamento ai disordini" e la "minaccia alla sicurezza psicologica della società" (fonte Irna, altra agenzia iraniana). In una lettera aperta, scritta in merito a quanto accaduto ad Abadan, un gruppo di cineasti iraniani con alla testa Rasoulof aveva chiesto alle forze di sicurezza di "deporre le armi" di fronte allo sdegno provocato da "corruzione, furto, inefficienza e repressione" che hanno accompagnato il crollo del Metropol.


Anno 2020, l’attrice Baran Rasoulof ritira l’Orso d’Oro per conto di Mohammad Rasoulof, in collegamento dall’Iran

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved