ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
5 ore

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
13 ore

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
1 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
1 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
1 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
1 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
1 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
1 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
2 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
2 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
2 gior

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
Scienze
2 gior

Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione

In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
2 gior

Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno

Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
2 gior

Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’

Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Culture
3 gior

Percorsi manzoniani a LaFilanda

Quattro domeniche parlando di Promessi Sposi a partire dal 2 ottobre a Mendrisio
laR
 
25.04.2022 - 05:30

Crescere oltre i generi

Al festival Generando un viaggio culturale attraverso i movimenti trans, femministi e Lgbt+ per scoprire qualcosa in più di sé stessi e crescere

crescere-oltre-i-generi
Keystone

Un racconto fatto di orme e di passi. Le orme sono quelle lasciate da chi, durante gli anni addietro, è stato militante all’interno di quei gruppi e movimenti che hanno fatto la storia dei diritti civili. Un sentiero segnato da lotte, ostacoli, pregiudizi e momenti difficili per giungere fino ai giorni nostri. E poi ci sono i passi, quelli che farà chi è interessato a ripercorre tale via durante i due incontri organizzati da Chiara Spata, attivista per i diritti umani, ricercatrice indipendente e docente di storia culturale dei movimenti Lgbt+ e studi di genere e Porpora Marcasciano, sociologa, scrittrice, Consigliera comunale a Bologna e storica attivista trans.

"Due passi per crescere", è un evento – in programma a Generando, festival che ha come scopo quello di favorire un dialogo sul tema del genere – che in sé ne racchiude ben due: una conferenza, fissata per venerdì 29 aprile alle 18.30 presso la sala polivalente del Campus Supsi di Viganello e un atelier, dove poter mettersi in gioco, che si svolgerà il giorno dopo, sabato 30 aprile alle 10 allo spazio Intrecci 121, in via Franscini 14 a Mendrisio.

Questione di lingua? No, non solo

Il titolo di questa mini serie di incontri è molto insolito ed è proprio da qui che Chiara Spata inizia a raccontare: «Perché proprio la parola ‘crescere’? Perché vuole essere un augurio, quello di crescere insieme come società civile, di andare in una direzione inerente alle identità di genere e non solo, perché già la parola ‘identità’ apre uno scenario ben più ampio di un gruppo ristretto di persone come lo è la comunità Lgbt+. L’identità è un qualcosa che, a mio modo di vedere, riguarda tutti e tutte. È un evento aperto alla cittadinanza, a chi sa già e a chi invece ne sente parlare per la prima volta – racconta Spata, per poi continuare –. L’intento è quello di decostruire i pregiudizi, che stanno alla base di ogni discriminazione e di fornire gli strumenti per capire cosa c’è dietro a un determinato pregiudizio. E ciò passa anche attraverso il linguaggio. Sia io che Porpora durante la conferenza useremo termini da cosiddetti "addetti ai lavori" ma ci occuperemo di spiegare ogni singolo vocabolo, in modo tale da rendere il discorso comprensibile a tutti. Spesso è questo il maggior problema: le tematiche di genere sono ‘scritte’ e ‘parlate’ in un modo ancora poco comprensibile alla gente».

Delle volte navigare in nuovi neologismi grammaticali come l’uso dell’asterisco e dello schwa (la cui grafia è quella di una ‘e’ capovolta) o trovarsi davanti a frasi come "linguaggio inclusivo" o ancora distinguere fra vari orientamenti sessuali e di genere può risultare complicato per chi non ha sufficienti nozioni.

«Oggi si parla molto di ‘genere’. Da una parte la cosa è buona ma dall’altra si nota come non tutti sappiano veramente che cosa significhi e ancora adesso viene confuso con la sessualità di una persona. La fluidità di genere fa parte dell’essere umano da sempre, sebbene la società e la medicina abbiano – a fasi alterne nella Storia – incasellato ciò nella logica binaria eteronormativa. La lingua no, la lingua cambia nel tempo e nello spazio ed è per questo che è necessario fare un lavoro di alfabetizzazione, ovvero educare maggiormente la popolazione non solo nei comportamenti ma anche nel linguaggio e nell’apprendere di più rispetto alla propria cultura. Quando si parla del mondo Lgbt+ la mente ricade subito sull’aspetto biologico, ma c’è tutto un aspetto culturale che non va sottovalutato, anzi», afferma Spata.

L’attivismo tra ieri e oggi, fra Svizzera e Italia

E se si parla di cultura dei diritti umani e di politica fatta dal basso, non si può non pensare anche alla militanza che, dagli anni Sessanta in poi, ha caratterizzato l’humus è dato linfa vitale alle lotte di rivendicazione dei diritti civili e sociali delle nostre società occidentali. Ci sono delle differenze fra l’attivismo in Svizzera, in Ticino e quello invece della vicina Penisola?

«Sì. L’Italia, così come anche la Spagna, ha avuto una storia di militanza molto più lunga e articolata rispetto alla Svizzera e soprattutto al Ticino. A Bologna, culla anche di un certo pensiero anticonformista e antifascista, i movimenti Lgbt+, femministi e non solo hanno potuto fare rete. Non a caso Porpora fa base proprio a Bologna, dove negli anni 70 è stata tra le fondatrici del Mit (movimento identità trans), per molti anni ha ricoperto la carica di vicepresidente dell’Osservatorio nazionale dell’identità di genere e ha ideato e messo appunto la strategia di riduzione del danno mirata al mondo della prostituzione, coordinandone uno specifico della Regione Emilia Romagna. Porpora rappresenta un pozzo di storia immenso – comincia a spiegare l’attivista –. La Svizzera pur non avendo avuto tale cronistoria è comunque riuscita a ottenere molto negli ultimi anni. Basti solo pensare che, nello stesso giorno in cui qui passava la legge che consentiva di facilitare il cambio di nome per le persone in transizione sui propri documenti, al Senato italiano si stava assistendo alla scena più brutta della politica italiana: l’affossamento del Ddl Zan (legge simile contro la transfobia invece è passata in Svizzera il 9 febbraio del 2020)».

Per quanto concerne il Ticino invece si fa ancora fatica a parlare di movimenti in difesa dei diritti. Vi sono però associazioni come Imbarco Immediato e, da un paio di anni, come confermatoci da Spata, un piccolo gruppo di ragazzi e ragazze in transizione.

«Quello che vorrei è che ci fosse un cambio di paradigma. C’è la necessità di comprendere che il sistema binario legato al sesso e al genere è un costrutto socioculturale e non un assunto naturale. Certo, il tutto facendo un passo alla volta».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved