la-scuola-e-l-erosione-dell-autorita-un-convegno-per-parlarne
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
7 ore

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
8 ore

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
8 ore

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
14 ore

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
21 ore

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
1 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
1 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
1 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
1 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
1 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
1 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
2 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
2 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
2 gior

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
3 gior

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
3 gior

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
3 gior

Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso

Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
laR
 
25.11.2021 - 18:05
Aggiornamento : 18:27

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Tra autorità e libertà, si terrà domani il primo convegno di Essere a scuola, un’associazione di recente fondazione che ha come scopo promuovere una visione non settoriale della scuola, rivolgendosi non solo agli “addetti ai lavori” ma alla società in generale.
L’appuntamento di sabato all’Auditorium dell’Usi a Lugano sarà strutturato in due momenti: al mattino a partire dalle 9.30, dopo l’introduzione dei membri di comitato Claudio Mésoniat e Fabio Camponovo, vi saranno gli interventi di due studiosi: Eirick Prairat, professore di filosofia dell’educazione all’Università della Lorena e lo psicoanalista Umberto Galimberti. Nel pomeriggio, invece, vi saranno gli interventi di alcuni docenti e di un rappresentante dei genitori che presenteranno la loro esperienza.
Abbiamo posto alcune domande a Eirick Prairat, il cui intervento si intitola ‘L’autorità dell’insegnante oggi’.

Professor Prairat, il suo discorso è incentrato sul concetto di autorità che, oggi, ha una connotazione parzialmente negativa, rimandando all’autoritarismo, all’abuso di potere. Lei che cosa intende?

L’autorità è un’arte di guidare, di accompagnare. Quella dell’educatore, del professore è una autorità – con la a minuscola – che è lì per aiutare l’allievo, il “nuovo arrivato” come diceva la filosofa Hannah Arendt, a domare quelle Autorità – con la A maiuscola – che sono la Cultura, le Opere, il Saper Fare, la Conoscenza... Mi piace quanto afferma il filosofo inglese John Locke: l’insegnante è colui che “apre delicatamente la scena del mondo”. E se c’è una parola da sottolineare in questa bella frase è il piccolo avverbio “delicatamente”: delicatamente l’insegnante rende la cultura accessibile; delicatamente rende i codici e le usanze familiari; delicatamente, rende il mondo vicino e leggibile. L’autorità è l’iniziazione, l’autorità è un invito a entrare nel mondo. In questo senso, l’autorità ha poco a che fare con l’autoritarismo.

Questo modello dell’autorità è compatibile con una pedagogia incentrata sullo studente e sull’attività pratica?

Certamente, perché non c’è insegnamento, non c’è educazione senza l’esercizio di una qualche forma di autorità. Educare è autorizzare. Autorizzare a crescere, a imparare, a sbagliare, a sperimentare, a scoprire… E crescere è sentirsi autorizzati, sentirsi gradualmente e progressivamente autorizzati. Ciò che i moderni detrattori dell’autorità dimenticano è questa verità antropologica essenziale e decisiva: non ci autorizziamo mai da soli a essere contemporanei al mondo. La questione pro o contro l’autorità è un falso dibattito.
Quello che dobbiamo capire è che l’autorità dell’insegnante sta cambiando. In passato, era sufficiente avere il titolo di professore per essere riconosciuto come un’autorità. Oggi l’appartenenza istituzionale conta ancora, certo, ma non è più sufficiente. Sono anche necessarie la competenza nell’arte dell’insegnamento e la capacità di farsi valere dal punto di vista etico. L’autorità di domani sarà un’autorità etica. Nei miei lavori affermo che l’etica dell’insegnamento deve basarsi su tre virtù: la giustizia, la benevolenza e il tatto. Sì, il tatto: è una piccola virtù, quasi invisibile, ma è essenziale. Avere tatto significa sapersi adattare alla situazione particolare in cui si vive. Il tatto è la virtù di come si fanno le cose, di come si dicono. È la preoccupazione di non danneggiare la relazione. L’autorità non è dunque un modo di comandare, ma un’arte di mettere in moto, di coinvolgimento nel senso dello psicologo americano Jerome Bruner.

Un tempo a educare erano solo famiglia e scuola. Oggi, con vecchi e nuovi media, la situazione è più complessa: questo “pluralismo educativo” gioca un ruolo in quello che lei chiama “erosione dell’autorità”?

Effettivamente penso che vi sia un’erosione dell’autorità dei professori. Preferisco parlare di erosione piuttosto che di crisi perché quest’ultima rimanda a una dimensione di urgenza mentre l’idea di erosione fa riferimento a una temporalità più lenta. E l’erosione dell’autorità degli insegnanti si sta svolgendo lentamente, da tre o quattro decenni a questa parte. È importante capire che non viviamo in società in cui l’autorità tende a scomparire ma, al contrario, in società in cui le forme di autorità si moltiplicano. Autorità della moda, del consumo, delle reti sociali, della pubblicità… Come si vede, la scuola è esposta a una concorrenza formidabile che spesso è una concorrenza sleale perché queste autorità sono autorità senza volto. Non parlerei tuttavia di “pluralismo educativo” perché spesso si tratta di autorità che spacciano anche falsità.

In questo nuovo contesto, quale pensa sia il ruolo della scuola?

La scuola ha tre missioni principali, tutte alla pari: non si può dire che una sia più importante delle altre. La prima è quella di trasmettere la conoscenza e la cultura. Trasmettere un patrimonio, potremmo dire. La seconda missione è quella di formare un cittadino, un ‘homo politicus’, colui che metterà il suo grano di sale nei dibattiti pubblici e politici. Da qui l’importanza del pensiero critico in un’epoca di fake news e teorie della cospirazione. Già da diversi decenni, negli Stati Uniti degli psicologi cognitivi di rilievo (R. Ammirati, M. Bond, G. Gigerenzer, K. Landfield, S.O. Lilienfeld, B.A. Mellers…) insistono perché nelle scuole si introducano dei programmi di pensiero critico. Perché le nostre società sono tanto società della conoscenza quanto società della disinformazione. Lo vediamo ogni giorno con la crisi sanitaria che stiamo vivendo.
Infine, le scuole devono preparare gli studenti a entrare in un mondo del lavoro che cambia, che è in ogni caso molto più instabile di quanto non fosse fino a poco tempo fa. Le scuole non sono mai state così importanti e noi dobbiamo proteggerle e dar loro i mezzi per compiere le loro missioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autorità scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved