NY Rangers
3
PHI Flyers
0
2. tempo
(2-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
0
Seattle Kraken
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
3
COL Avalanche
0
1. tempo
(3-0)
OTT Senators
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
la-scuola-e-l-erosione-dell-autorita-un-convegno-per-parlarne
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
5 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
7 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
10 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
10 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
13 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
13 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Società
 
25.11.2021 - 18:050
Aggiornamento : 18:27

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat

Tra autorità e libertà, si terrà domani il primo convegno di Essere a scuola, un’associazione di recente fondazione che ha come scopo promuovere una visione non settoriale della scuola, rivolgendosi non solo agli “addetti ai lavori” ma alla società in generale.
L’appuntamento di sabato all’Auditorium dell’Usi a Lugano sarà strutturato in due momenti: al mattino a partire dalle 9.30, dopo l’introduzione dei membri di comitato Claudio Mésoniat e Fabio Camponovo, vi saranno gli interventi di due studiosi: Eirick Prairat, professore di filosofia dell’educazione all’Università della Lorena e lo psicoanalista Umberto Galimberti. Nel pomeriggio, invece, vi saranno gli interventi di alcuni docenti e di un rappresentante dei genitori che presenteranno la loro esperienza.
Abbiamo posto alcune domande a Eirick Prairat, il cui intervento si intitola ‘L’autorità dell’insegnante oggi’.

Professor Prairat, il suo discorso è incentrato sul concetto di autorità che, oggi, ha una connotazione parzialmente negativa, rimandando all’autoritarismo, all’abuso di potere. Lei che cosa intende?

L’autorità è un’arte di guidare, di accompagnare. Quella dell’educatore, del professore è una autorità – con la a minuscola – che è lì per aiutare l’allievo, il “nuovo arrivato” come diceva la filosofa Hannah Arendt, a domare quelle Autorità – con la A maiuscola – che sono la Cultura, le Opere, il Saper Fare, la Conoscenza... Mi piace quanto afferma il filosofo inglese John Locke: l’insegnante è colui che “apre delicatamente la scena del mondo”. E se c’è una parola da sottolineare in questa bella frase è il piccolo avverbio “delicatamente”: delicatamente l’insegnante rende la cultura accessibile; delicatamente rende i codici e le usanze familiari; delicatamente, rende il mondo vicino e leggibile. L’autorità è l’iniziazione, l’autorità è un invito a entrare nel mondo. In questo senso, l’autorità ha poco a che fare con l’autoritarismo.

Questo modello dell’autorità è compatibile con una pedagogia incentrata sullo studente e sull’attività pratica?

Certamente, perché non c’è insegnamento, non c’è educazione senza l’esercizio di una qualche forma di autorità. Educare è autorizzare. Autorizzare a crescere, a imparare, a sbagliare, a sperimentare, a scoprire… E crescere è sentirsi autorizzati, sentirsi gradualmente e progressivamente autorizzati. Ciò che i moderni detrattori dell’autorità dimenticano è questa verità antropologica essenziale e decisiva: non ci autorizziamo mai da soli a essere contemporanei al mondo. La questione pro o contro l’autorità è un falso dibattito.
Quello che dobbiamo capire è che l’autorità dell’insegnante sta cambiando. In passato, era sufficiente avere il titolo di professore per essere riconosciuto come un’autorità. Oggi l’appartenenza istituzionale conta ancora, certo, ma non è più sufficiente. Sono anche necessarie la competenza nell’arte dell’insegnamento e la capacità di farsi valere dal punto di vista etico. L’autorità di domani sarà un’autorità etica. Nei miei lavori affermo che l’etica dell’insegnamento deve basarsi su tre virtù: la giustizia, la benevolenza e il tatto. Sì, il tatto: è una piccola virtù, quasi invisibile, ma è essenziale. Avere tatto significa sapersi adattare alla situazione particolare in cui si vive. Il tatto è la virtù di come si fanno le cose, di come si dicono. È la preoccupazione di non danneggiare la relazione. L’autorità non è dunque un modo di comandare, ma un’arte di mettere in moto, di coinvolgimento nel senso dello psicologo americano Jerome Bruner.

Un tempo a educare erano solo famiglia e scuola. Oggi, con vecchi e nuovi media, la situazione è più complessa: questo “pluralismo educativo” gioca un ruolo in quello che lei chiama “erosione dell’autorità”?

Effettivamente penso che vi sia un’erosione dell’autorità dei professori. Preferisco parlare di erosione piuttosto che di crisi perché quest’ultima rimanda a una dimensione di urgenza mentre l’idea di erosione fa riferimento a una temporalità più lenta. E l’erosione dell’autorità degli insegnanti si sta svolgendo lentamente, da tre o quattro decenni a questa parte. È importante capire che non viviamo in società in cui l’autorità tende a scomparire ma, al contrario, in società in cui le forme di autorità si moltiplicano. Autorità della moda, del consumo, delle reti sociali, della pubblicità… Come si vede, la scuola è esposta a una concorrenza formidabile che spesso è una concorrenza sleale perché queste autorità sono autorità senza volto. Non parlerei tuttavia di “pluralismo educativo” perché spesso si tratta di autorità che spacciano anche falsità.

In questo nuovo contesto, quale pensa sia il ruolo della scuola?

La scuola ha tre missioni principali, tutte alla pari: non si può dire che una sia più importante delle altre. La prima è quella di trasmettere la conoscenza e la cultura. Trasmettere un patrimonio, potremmo dire. La seconda missione è quella di formare un cittadino, un ‘homo politicus’, colui che metterà il suo grano di sale nei dibattiti pubblici e politici. Da qui l’importanza del pensiero critico in un’epoca di fake news e teorie della cospirazione. Già da diversi decenni, negli Stati Uniti degli psicologi cognitivi di rilievo (R. Ammirati, M. Bond, G. Gigerenzer, K. Landfield, S.O. Lilienfeld, B.A. Mellers…) insistono perché nelle scuole si introducano dei programmi di pensiero critico. Perché le nostre società sono tanto società della conoscenza quanto società della disinformazione. Lo vediamo ogni giorno con la crisi sanitaria che stiamo vivendo.
Infine, le scuole devono preparare gli studenti a entrare in un mondo del lavoro che cambia, che è in ogni caso molto più instabile di quanto non fosse fino a poco tempo fa. Le scuole non sono mai state così importanti e noi dobbiamo proteggerle e dar loro i mezzi per compiere le loro missioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved