specchiarsi-nel-mediterraneo-per-conoscersi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
3 ore

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
3 ore

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
16 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
17 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
20 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
21 ore

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
1 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
1 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
1 gior

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
1 gior

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
2 gior

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
10.10.2021 - 16:23

Specchiarsi nel Mediterraneo per conoscersi

Si chiama ‘Volti, storie e destini di un mare in mezzo alle terre’ ed è una serie di incontri che sta per prendere il via al Liceo di Lugano 2

Distesa d’acqua contornata dalle coste di tre continenti e punteggiata da centinaia di piccole e grandi isole dal clima temperato; tavoliere di incontro e scontro fra i popoli fin dai tempi antichi; contenitore di storie, memorie e speranze giunte con i loro protagonisti a riva, restituite alla spiaggia come ossi di seppia o sepolte per sempre tra i sedimenti degli abissi. Il Mediterraneo, ben più che un semplice spazio geografico, evoca innumerevoli scenari e trame anche in forte contrasto fra loro, ai quali sono intrecciati sogni, bisogni, ambizioni e tragedie della società in cui viviamo e del passato che l’ha resa tale. È un viaggio alla scoperta dei suoi molteplici aspetti quello a cui invita “Mediterraneo - Volti, storie e destini di un mare in mezzo alle terre”, serie di iniziative sull’arco di un biennio, rivolte agli studenti liceali e aperte al pubblico, che si inseriscono nella tradizione dei cicli tematici organizzati da diversi anni dal Liceo cantonale di Lugano 2 (Lilu2). «La filosofia di fondo di queste proposte culturali è di offrire ai nostri studenti l’occasione di confrontarsi ed entrare in dialogo con voci e approcci diversi rispetto a quelli dei loro professori su questioni e problematiche che riguardano la società – spiega Andrea Martignoni, docente di storia e coordinatore, insieme a Matteo Ferrari, della Commissione cultura del Lilu2 –. Ci piace pensare alla scuola come a una finestra aperta sul mondo che permette una risonanza e una permeabilità tra ciò che si impara in aula e quanto avviene fuori dai suoi muri». Fra i percorsi tematici proposti in passato ci sono ad esempio quello sul rapporto tra natura e cultura, e quello incentrato sulla figura femminile come protagonista in diversi settori, dalla politica allo sport, dalla scienza alla letteratura, che tra le diverse relatrici ha portato a Lugano – in collaborazione con PiazzaParola – la scrittrice Dacia Maraini.

Fra attualità e storia

Il ciclo che sta per prendere avvio il 12 ottobre – spiega Martignoni – nasce dalla constatazione che il Mediterraneo, su cui la Svizzera non ha uno sbocco, è comunque parte essenziale del nostro panorama politico e culturale, come dimostra la sua presenza quasi quotidiana sui mezzi di informazione. «Da una parte il dramma dei migranti che attraversano il mare e che spesso vi trovano la morte interroga la questione della tutela dei diritti umani, della politica di accoglienza e di respingimento europea che fatica a dimostrare la sua coerenza e manca d’umanità. Dall’altra, il tema della cosiddetta “nuova via della seta”, che porta a interpellarsi sul ruolo e sui nuovi investimenti della Cina nei luoghi cardine del Mediterraneo. Già solo riallacciandoci a questi due argomenti che ritmano l’attualità si capisce come il Mediterraneo permetta di tematizzare problematiche essenziali del nostro mondo contemporaneo incrociando gli sguardi di molteplici discipline. Senza poi dimenticare la millenaria storia che lo caratterizza».

In sintonia con questa visione sono previsti diversi appuntamenti di natura trasversale. Fra l’elenco degli invitati troviamo lo storico Paolo Grillo che parlerà del Mediterraneo medievale; lo psichiatra e psicanalista Graziano Martignoni che terrà una conferenza su follia e Mediterraneo; lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari che interverrà sul cibo e le culture mediterranee. «Toccheremo anche altri aspetti – rivela Martignoni – quali la storia della scienza e il suo sviluppo nell’area mediterranea, le musiche del Mediterraneo, la storia delle migrazioni di ieri e di oggi». Si tratta delle prime tappe di un itinerario ricco di spunti che promette di impreziosirsi ulteriormente nei prossimi due anni.

Polifonia di nomi, culture, identità

Ad aprire il ciclo martedì 12 ottobre, alle 20.30 nella biblioteca del liceo a Savosa, sarà Paolo Campione, professore di antropologia e direttore del Museo delle culture di Lugano, con un incontro pubblico seguito il giorno successivo da uno riservato agli studenti di alcune classi liceali. «Il nostro primo ospite cercherà di mettere l’accento sull’aspetto pluridimensionale del Mediterraneo, uno spazio fisico fatto di acqua e terre, ma che si è anche sempre tradotto sul piano ideologico e culturale». Come si legge nella locandina di presentazione dell’evento, il Mediterraneo ha sempre avuto più nomi: “Mare nostrum” per l’antica Roma, “mare in mezzo alle terre” per il Medioevo, “lago turco” per il Rinascimento, “mare superiore” per gli egizi e i sumeri, “mare bianco” per gli arabi, “grande mare” per la tradizione ebraica. Appellativi che restituiscono il suo carattere polifonico dato dall’essere “formidabile crocevia di popoli, lingue, culture, religioni, uomini e donne, merci e saperi, realtà ed immaginario”, indica il testo. «Proprio da qui si può partire per ragionare sul Mediterraneo come carrefour e crogiolo di civiltà, di costruzioni identitarie e di logiche di potere, come un luogo dell’anima, tra la paura dell’ignoto e la curiosità per l’immenso – valuta Martignoni –. A nostro parere affrontare questo tipo di letture e interpretazioni è cruciale in un presente in cui è forte la tentazione di produrre narrazioni identitarie chiuse ed esclusive aggrappandosi a radici che si pretendono immutabili da sempre. Lavorare sul Mediterraneo permette di capire che la cultura è qualcosa di dinamico e in movimento, che si riconforma in continuazione attraverso incontri e contatti di vario tipo. E che ognuno di noi partecipa attivamente a trasformarla e trasmetterla in forme sempre rinnovate e sorprendenti». Una prospettiva che può far ondeggiare il baricentro personale, ma al contempo – ed è questo l’auspicio – indurre il desiderio di gettare lo sguardo oltre le colonne d’Ercole del proprio mare interiore, “per seguir virtute e canoscenza”.

Ai partecipanti sarà richiesto un certificato Covid (dai 16 anni) o un test con risultato negativo. Confermare la propria presenza per e-mail all’indirizzo andrea.martignoni@edu.ti.ch. Per maggiori informazioni: www.lilu2.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea martignoni conferenze liceo lugano 2 mediterraneo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved