laRegione
le-magie-della-politica-in-ricordo-di-giorgio-galli
Galli
ULTIME NOTIZIE Culture
Covid e Cultura
9 min

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'
Spettacoli
20 min

Soletta, cinque confuse storie sul cervello

In corsa per il Prix de Soleure, abbiamo visto il documentario di Jean-Stéphane Bron sull’intelligenza artificiale
Spettacoli
2 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
5 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
9 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
1 gior

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
2 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Società
03.01.2021 - 14:480

Le magie della politica. In ricordo di Giorgio Galli

Orazio Martinetti sullo storico, sociologo e politologo Galli scomparso nei giorni scorsi

Giorgio Galli (1928-2020) è stato un instancabile esploratore della galassia politica. Storico, sociologo e politologo, ha fornito rilevanti contributi in svariati campi, per approdare, negli ultimi anni della sua vita, all’analisi dei buchi neri in cui operano i poteri globali. Iniziò ad occuparsi dei partiti nel secondo dopoguerra: monografie sulle tre formazioni principali (Dc, Pci, Psi), per poi passare all’analisi dei meccanismi elettorali ed istituzionali. Sua la formula del «bipartitismo imperfetto», destinata ad ampia fortuna, in cui Galli illustrava l’eccezionalità del sistema politico italiano, una costellazione dominata dalla Dc e dal Pci che però – per ragioni interne ed esterne – non dava mai luogo ad una reale alternanza alla guida della repubblica. Seguirono saggi, sempre pubblicati dal Mulino, come ‘Il difficile governo’ (1972) e ‘Dal bipartitismo imperfetto alla possibile alternativa‘ (1975) in cui l’autore s’impegnava a prospettare una via d’uscita dai vicoli ciechi che paralizzavano l’Italia in quella fase. Se la Dc poteva rimanere incollata al potere – questa la tesi di Galli – era perché la maggior forza d’opposizione, il Partito comunista, non rappresentava veramente un’alternativa agli occhi dell’elettorato. Ai comunisti mancava la necessaria chiarezza, sia sul piano ideologico (a parole ancora rivoluzionari, eredi della tradizione leninista e gramsciana), sia sul piano politico (legame di ferro con l’Unione Sovietica). Era questa ambiguità a rendere impossibile il ricambio alla direzione del paese. Galli aveva sottolineato questo blocco già negli anni Cinquanta nella sua pionieristica storia del Pci: «la dipendenza dall’Urss – il legame di ferro – è sempre stata da me interpretata come un limite alla capacità del Pci di esprimere nella società italiana tutto il potenziale di rinnovamento (talvolta di tipo rivoluzionario e talaltra di tipo riformista) della classe operaia e dei ceti popolari, che hanno trovato nel Pci la loro principale rappresentanza politica».

Anche la stagione della lotta armata ebbe in Galli un osservatore attento e scevro di pregiudizi. In saggi come ‘Storia del partito armato 1968-1982’ (1986) e ‘Piombo Rosso’ (2004) mise in luce la subcultura della violenza maturata negli anni della contestazione giovanile, ma anche la corresponsabilità degli apparati di Stato deviati, le oscure manovre dei servizi, le complicità e i depistaggi. Uno scenario complesso e per molti versi imperscrutabile, che andava ben oltre lo scontro tra lo Stato e le Brigate Rosse: «il partito armato ha potuto resistere e riprendersi nelle varie fasi in parte perché l’insediamento sociale gli forniva quadri e retroterra logistico, ma anche perché, a causa della inadeguatezza del nostro sistema politico e della nostra classe di governo, non si realizzava l’aggregazione del consenso sufficiente a stabilizzare il sistema stesso».

Ma Galli pensava anche ad altro, non soltanto ai temi propri della politologia. La sua curiosità lo portò ad esempio ad occuparsi delle ideologie di destra in Europa, del potere militare, di Hitler e del nazismo magico, del rapporto tra politica ed esoterismo. Argomenti che sorpresero la comunità degli studiosi. Destò stupore, e anche qualche polemica, la decisione di ripubblicare nel 2002 il ‘Mein Kampf’ di Hitler: un testo che Galli considerava fondamentale per comprendere l’abisso di barbarie in cui la Germania era precipitata dopo il 1933: «Questa riedizione del ‘Mein Kampf’ – scrisse nella introduzione – ha dunque un triplice significato: il rifiuto etico-intellettuale di ogni tabù e di qualunque forma di censura; la storicizzazione di un testo la cui lettura deve rappresentare un imperituro monito; la denuncia di rimozioni e mistificazioni all’ombra delle quali si vorrebbero legittimare disinvolti quanto pericolosi revisionismi storiografici». L’ampia introduzione e le numerose note esplicative a piè di pagina non lasciavano alcun dubbio sulle intenzioni schiettamente scientifiche del curatore (a lungo vietata, La mia battaglia è stata infine ristampata anche in Germania nel 2016, due volumi muniti di un imponente apparato critico curato dall’Institut für Zeitgeschichte di Monaco-Berlino).

Anche il terzo campo che Galli esplorò con passione non mancò di sconcertare i colleghi cultori della materia: la rivalutazione delle culture tradizionali emarginate dalla rivoluzione scientifica del XVII secolo, ovvero l’astrologia, l’alchimia, la magia. Libri come ‘La magia e il Potere’ (2004), ‘Stelle rosse. Astrologia neo-illuminista a uso della sinistra’ (2006) ed ‘Esoterismo e politica’ (2010) fuoriuscivano dal solco degli approcci canonici: furono perciò catalogati come opere bizzarre ed eccentriche, frutto di una mente bislacca. Sfuggivano ai più gli intrecci sotterranei che Galli intendeva portare in superficie, ossia i rapporti tra storia e mito che nel Novecento, il secolo delle ideologie politiche funeste, avevano irretito le folle, trascinandole nel baratro. Un filone di ricerca originale, che tuttavia non fece breccia nelle riviste politologiche più blasonate della penisola.

© Regiopress, All rights reserved