laRegione
i-dubbi-mal-posti-di-roberto-ostinelli
Vediamoci chiaro
ULTIME NOTIZIE Culture
Rsi
3 ore

Molestie: il sindacato parla a Le Temps, la Rsi 'deplora'

Maria Chiara Fornari, giornalista Rsi, dallo scorso 9 dicembre alla testa della sezione ticinese del Sindacato Svizzero dei Media: 'Donne umiliate e screditate'
Spettacoli
4 ore

Addio a Roberto Brivio, con Nanni Svampa membro dei Gufi

Il ricordo di Cochi Ponzoni, Flavio Oreglio, Enrico Beruschi e molti altri, orfani di ‘un vero pilastro del cabaret italiano da lui fondato’.
Musica
5 ore

Tra Londra e il Ticino, Leti torna con 'Oltre’

A Eurosong 2012 era Laetitia (‘The Big Picture’). Ora un nuovo singolo con videoclip annesso, un viaggio ‘verso me stessa’.
Culture
5 ore

Addio a Jean Graton, papà di Michel Vaillant

Il creatore dell'intrepido pilota è morto a Bruxelles all'età di 97 anni. La lunga storia a fumetti era iniziata nel 1957 sulla rivista Tintin
Covid e Cultura
7 ore

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'
Spettacoli
7 ore

Soletta, cinque confuse storie sul cervello

In corsa per il Prix de Soleure, abbiamo visto il documentario di Jean-Stéphane Bron sull’intelligenza artificiale
Spettacoli
9 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
12 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
15 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
1 gior

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
2 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
2 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
3 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
3 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
3 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
3 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Società
25.12.2020 - 18:000

I dubbi mal posti di Roberto Ostinelli

Il controverso dottore olistico presenta una petizione per cambiare politica sanitaria sul Covid. Ma il dibattito merita di meglio

Il dottor Roberto Ostinelli, medico esperto in terapie bioenergetiche e quantistiche, cure olistiche e altre pratiche dal forte sospetto di pseudoscientificità, ha presentato una petizione al Consiglio di Stato per chiedere “una nuova e giustificata politica sanitaria” sulla pandemia.

È difficile non essere d’accordo sulla necessità di avviare “un dibattito politico etico e costruttivo”, mettendo in discussione i provvedimenti delle autorità, la comunicazione alla popolazione, l’informazione che i media hanno fatto e continuano a fare. Il problema è che allo stesso tempo è difficile essere d’accordo su tutto il resto del documento di una trentina di pagine presentato da Ostinelli, infarcite di inesattezze che è difficile decidere se attribuire a superficialità o malafede.

Se ne discutiamo qui, tuttavia, non è per difendere un non meglio precisato pensiero unico attaccando ogni voce contraria, ma al contrario proprio per creare spazio a quel dibattito “etico e costruttivo” che apparentemente sta a cuore anche a Ostinelli e agli altri firmatari della petizione. Per questo motivo non mi soffermerò tanto sulle affermazioni di Ostinelli, piuttosto sulle argomentazioni e le fonti da lui portate per sostenere queste affermazioni. Perché è lecito avere dubbi sull’effettiva utilità delle mascherine, sull’affidabilità dei test PCR (i cosiddetti tamponi) o sull’efficacia dei vaccini, così come è lecito interrogarsi sul ruolo preventivo della vitamina D. Ma sono tesi che andrebbero difese senza citare fonti che affermano l’esatto contrario di quel che si dice.

L’asimmetria della certezza

Prima di entrare nei dettagli, una premessa: nel documento di Ostinelli si nota una certa “asimmetria dei requisiti”.

Quanto prevede l’attuale strategia deve avere una certezza quasi assoluta, senza nessuna controindicazione o margine d’errore, mentre per le affermazioni di Ostinelli spesso non vengono neanche prese in considerazione spiegazioni alternative e magari neanche servono prove (come quando si attribuiscono all’uso delle mascherine gravi conseguenze psicosociali). Certo da una parte abbiamo delle proposte, dall’altra delle misure anche pesanti imposte della autorità: chiaro che in quest’ultimo caso si vogliano prove più solide. Aspettarsi certezze assolute è però un errore: bisogna convivere con l’incertezza, il che non significa la totale ignoranza di quel che potrebbe accadere, ma valutare possibili scenari e scegliere in base a quelli.

C’è anche una certa asimmetria per quanto riguarda i conflitti di interesse: mentre le questioni economiche dietro i test PCR e i vaccini dovrebbero farci sospettare della loro utilità, il giro d’affari, e di lobbying, che sta dietro i test e gli integratori per la vitamina D non viene neppure citato. (A scanso di equivoci: non sto affermando che Ostinelli tragga vantaggi economici diretti o indiretti indicando la vitamina D come terapia preventiva per il Covid).

Se queste sono prove

La documentazione di Ostinelli inizia col botto: “Il virus SARS-CoV-2 non è mai stato veramente isolato!”. La prova che smentirebbe le affermazioni di numerosi ricercatori quale sarebbe? Due documenti, uno della Commissione europea e l’altro dei Cdc statunitensi (i Centers for Disease Control and Prevention che per Ostinelli diventano Center, al singolare, ma lasciamo da parte le numerose sciatterie del testo) in cui si afferma che al momento non sono disponibili isolati del virus 2019-nCoV quantificati. Esatto: “al momento” (e ci si riferiva alle prime fasi della pandemia) e “quantificati”, quindi anche allora di isolati non quantificati di virus erano eccome disponibili.

Ostinelli prosegue affermando che non è neanche dimostrato che il virus provoca la malattia, dal momento che “i 4 postulati di Koch (…) non sono mai stati verificati”. Gentilmente fornisce anche un link a questi criteri teorizzati nell’Ottocento, una pagina di Wikipedia in cui si legge che “hanno evidenti limiti sperimentali”.

Ad ogni modo, pur non essendo mai stato isolato per Ostinelli, è certo che il nuovo coronavirus è stato realizzato in laboratorio. La prova in un singolo articolo che peraltro mette bene in chiaro fin dal titolo che “non esclude” l’origine artificiale. Siamo alla situazione dove una persona non esclude la possibilità di volerci sposare e noi iniziamo a mandare inviti.

Il documento prosegue poi con un’analisi della mortalità in Svizzera e a livello internazionale che prima afferma che il tasso di mortalità nel 2020 è addirittura più basso che negli anni passati, poi attribuisce il numero di morti per coronavirus alle politiche sanitarie dei “paesi più civilizzati”. Tralasciando l’espressione un po’ imperialista nei confronti di Paesi asiatici e africani, è vero che ci sono grosse differenze nella mortalità, ma ci sono anche altre spiegazioni possibili (e più convincenti pensando che test e mascherine sono parte della strategia in diversi Paesi asiatici), come la diversa struttura socioeconomica e anagrafica.

Arriviamo alle mascherine il cui uso sarebbe “controverso e forse dannoso”. Effettivamente, tutti ci ricordiamo che all’inizio della pandemia erano consigliate solo in particolari situazioni mentre adesso si è passati a raccomandazioni e obblighi più estesi. E del resto, viste tutte le variabili che sono in gioco (il tipo di mascherine, come vengono usate, in che situazioni) è difficile organizzare studi che abbiano conclusioni certe; ci si deve accontentare delle indicazioni che comunque emergono e basare sui dati a disposizione le politiche sanitarie. Da notare che a Ostinelli per sostenere la dannosità delle mascherine basta un semplice grafico con il numero dei contagi nei Paesi con o senza obbligo di mascherina.

Numero di contagi comunque non affidabile perché i test PCR presenterebbero grossi problemi. Che presentino dei limiti è cosa ben conosciuta (e presa in considerazione nelle campagna di test), che i dati siano “enormemente gonfiati” è un altro discorso, tra l’altro poco compatibile con i Paesi dove per certi periodi il tasso di test positivi era sotto l’1 per cento: ci fossero così tanti falsi positivi, dovremmo sempre avere percentuali alte. Anche qui, qualche problema con le fonti e Ostinelli a riprova dell’inutilità di fare tanti test perché poco affidabili, cita un articolo del ‘New York Times’ in cui si afferma che bisognerebbe aumentare il numero di test introducendo anche quelli rapidi nonostante siano meno affidabili.

L’inutilità di test e mascherine è controbilanciata dalla vitamina D il cui “potere preventivo, immunoregolatore” è dimostrato “senza ombra di dubbio” da decine di studi che Ostinelli elenca. Leggendo alcuni abstract, troviamo numerosi “ulteriori studi sono necessari” e qualche “non ci sono abbastanza prove”. Ci sono invece prove delle conseguenze per la salute dovute alla carenza di vitamina D, in genere sintetizzata dalla pelle esposta al sole. Il che può essere un problema, se si è chiusi in casa per il lockdown: per questo le autorità britanniche distribuiscono integratori, non perché aiuterebbe a prevenire il Covid come Ostinelli lascia intendere citando ‘Guardian’ e Bbc.

Il documento prosegue con i vaccini, dove la più che condivisibile richiesta di trasparenza sui dati delle sperimentazioni diventa motivo di diffidenza e per chiedere una moratoria. Tanto basta un po’ di vitamina D.

© Regiopress, All rights reserved