Danimarca
0
Finlandia
0
1. tempo
(0-0)
covid-19-una-madre-su-3-rischia-burnout
(Photo by Marcin Jozwiak on Unsplash)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
21 ore

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
23 ore

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
23 ore

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
1 gior

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
1 gior

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
1 gior

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
1 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
1 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
1 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
1 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
1 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Società
29.07.2020 - 10:230

Covid-19, una madre su 3 rischia burnout

Colpa del mito delal donna perfetta, secondo l'esperta Caroline Dayer che vede anche un peggioramento della situazione femminile dovuto al coronavirus

Una madre su tre è a rischio burnout, confrontata con il mito della donna perfetta veicolato da una pressione sociale che nasce dal neoliberismo: lo sostiene l'esperta Caroline Dayer, che vede anche un peggioramento della situazione femminile dovuto al coronavirus.

"Per le madri sussiste un obbligo alla perfezione", afferma in un'intervista diffusa stamani dalla radio RTS la ricercatrice in studi di genere ed esperta in prevenzione delle violenze e delle discriminazioni per il canton Ginevra. "Oggi una mamma deve lavorare, occuparsi dei figli, fare fitness, sempre con il sorriso", osserva Dayer. "Deve essere seducente e desiderabile, in linea con i cliché che le sono imposti". La pressione numero uno è comunque ancora quella della maternità, nonostante vi siano donne di varie età che non desiderano avere una famiglia, come peraltro succede agli uomini.

Secondo la 42enne non è comunque stato necessario aspettare le reti sociali per veder sorgere queste sollecitazioni. A suo avviso decisivo è il momento della socializzazione durante l'infanzia: importanti sono i messaggi a cui l'individuo è confrontato. La differenza fra maschi e femmine comincia lì e prosegue poi nel mondo del lavoro.

I social possono però effettivamente essere a doppio taglio. "Vi sono delle influencer che rimangono attaccate alle ingiunzioni sociali, ma se ne vedono anche molte altre che, al contrario, trasgrediscono agli stereotipi e rifiutano di piegarsi", sottolinea Dayer.

"Le donne sono costantemente sotto osservazione nella nostra società: in strada, in famiglia, nei contesti professionali, in tutte le sfere sociali vengono maggiormente scrutate", prosegue la specialista. Le madri poi lo sono ancora di più, perché vengono giudicate in base al modo in cui si comportano i figli: ragazzi troppo calmi o, al contrario, troppo agitati sono sempre problematici.

Stando alla ricercatrice di origine vallesana la concorrenza che si crea a livello familiare - la corsa a chi ha i figli più bravi o a chi ha organizza il compleanno più bello - "non deriva dalle mamme o dai padri, ma dall'era neoliberale che impone agli individui di dover essere performanti, raggiungendo sempre la perfezione". Si instaura quindi "una concorrenza completamente capitalista, perché bisogna sempre superare l'altro".

Le mamme rischiano l'esaurimento perché nelle maggior parte delle coppie è ancora la donna che si occupa interamente della casa, per poi andare anche al lavoro e, soprattutto, organizzare in generale l'insieme delle cose. Quest'ultimo aspetto provoca fra l'altro anche una pressione emozionale, perché è la mamma che deve fare in modo che tutti stiano bene in famiglia, rassicurando o intervenendo in altro modo.

Secondo Dayer la pandemia di coronavirus e il relativo confinamento hanno peggiorato ulteriormente la situazione. "Le donne che non hanno perso il lavoro - perché sono loro che erano maggiormente al fronte, con più tempi parziali e contratti a durata determinata - si sono viste veramente interessate da un rafforzamento dell'ineguaglianza di genere".

Questo è avvenuto principalmente in tre ambiti: lo spazio, perché nella maggior parte dei casi le donne hanno nelle abitazioni meno metri quadrati per sé rispetto agli uomini (necessari per lavorare bene e concentrarsi); il tempo, poiché hanno lavorato in media 4 ore in più al giorno, visto che si sono improvvisate per esempio maestre; e il tipo di attività: quelle più ingrate (pulire) sono riservate a loro.

Destinato ad espandersi, il telelavoro rischia quindi di costituire un passo indietro per le donne, mette in guardia l'esperta. "Bisogna sempre chiedersi quali sono le condizioni in cui si opera". Per alcune donne lo smart working può avere un impatto positivo, ma decisive sono le modalità di attuazione.

Nella visione di Dayer le donne devono avere a disposizione una loro stanza, in modo da poter separare bene professione e famiglia. Oggi esiste una "divisione sessualizzata del lavoro", una separazione in base al sesso che esiste nello spazio domestico e nel mondo professionale. Si tratta quindi di cogliere l'occasione "di ripensare un sistema sessista che interessa la casa, l'impiego e la strada".

"La Svizzera avrebbe tutto il vantaggio, in termini economici e di politica familiare e sociale, di imitare i paesi nordici", si dice convinta Dayer. "Serve un sistema politico, familiare di società che sia il più possibile egualitario".

© Regiopress, All rights reserved