tutti-sulla-stessa-barca-da-radio-caroline-a-radio-morcote-int
On air (© Radio Morcote International)
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
11 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
14 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
15 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
16 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
17 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
19 ore

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
1 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
2 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
2 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
2 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
2 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
2 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
2 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
2 gior

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
3 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
3 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
3 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
3 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
3 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
3 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
3 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
4 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
4 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
4 gior

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
Arte
4 gior

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia
Culture
4 gior

Alborghetti racconta i suoi ‘Corpuscoli di Krause’ al Ciani

L’incontro dedicato alla raccolta poetica del Premio svizzero di letteratura si svolgerà venerdì 1° luglio, alle 18, nell’ambito di Chilometro Zero
Spettacoli
4 gior

Osi Brass sull’alpe Foppa per la prima data di ‘be connected’

L’Orchestra della Svizzera italiana lancia una nuova rassegna in luoghi e modalità inediti. Domenica 3 luglio è la data inaugurale.
Ognuno a casa sua
23.04.2020 - 21:45
Aggiornamento: 24.04.2020 - 00:26

Tutti sulla stessa barca, da Radio Caroline a Radio Morcote Int.

Nei giorni dell'isolamento, nasce una nuova emittente. Conduce (con la Dany) lo storico Grant Benson, già a bordo della nave 'pirata' madre di tutte le radio rock

Sullo smartphone clicchi sullo streaming e ti ritrovi nel mezzo di 'Rich girl' di Hall & Oates e capisci che Radio Morcote International, due settimane di vita, trasmette musica e non musichette; al telefono ti risponde Grant Benson, che ti saluta come fossimo in diretta. Anche se non siamo in diretta, perché questo big della radio che della radio ha fatto la storia, si palesa agli ascoltatori tutte le sere dalle 18 alle 20 – insieme alla Dany che con lui condivide i giorni della reclusione – per un paio d'ore nate per gioco e diventate un appuntamento fisso per mettere alla prova la convivenza. O meglio, "per superare la crisi di coppia in quarantena", come recita il comunicato che cita Bruce Willis e Demi Moore sotto lo stesso tetto in nome delle figlie e altre irresistibili storie.

«È cominciato tutto un paio di settimane fa» racconta Grant. «Dany lavora nel settore marketing-eventi, io in quello radiofonico. Godevamo già prima del lockdown della possibilità di lavorare da casa e allo scoccare delle 18, in situazioni di normalità, nove morcotesi su dieci si ritrovavano nei bar. Non potendolo più fare, a quell'ora noi ci apriamo due birre e suoniamo due dischi. Così, francamente, è nata Radio Morcote International». Spiegato dalla Dany: «È stato un gioco tra noi due, per non accoltellarci. Io, dico la verità, non avevo mai fatto radio in vita mia, è tutta una novità . Ovviamente, non per lui...».


On air (© Radio Morcote International)

'I Love Radio Rock'

Il curriculum di Benson è un elenco di grandi emittenti: RTL 102.5, Radio 105, Radio NumberOne, Radio Montecarlo. Elenco che parte da Radio Caroline, in quegli anni Ottanta trascorsi ‘a bordo’ che lo riguardano direttamente. Radio Caroline è la prima radio pirata nata in Inghilterra nel 1964 per aggirare il monopolio musicale al tempo nelle mani della BBC, che in quegli anni aveva occhi (orecchie) soltanto per le grandi case discografiche. Infilandosi in un vuoto normativo britannico in materia di emittenti, Ronan O'Rahilly, giovane uomo d'affari inglese già “ribelle espulso dalla scuola per sette volte” (autodefinizione), acquistò una nave poi battezzata MV Caroline e da acque internazionali si mise a trasmettere i Beatles, gli Stones, The Who e tutto il resto della nascente scena rock ignorata dalla radio di Stato, aggirandone il divieto: boom di ascoltatori e plebiscito anche da parte di band e artisti, sebbene dalle trasmissioni questi non incassassero nemmeno mezza sterlina (ma vuoi mettere la pubblicità?). Il tutto, nel giro di un paio di anni, portò alla nascita di di un esercito di radio pirata (Radio London in testa) e a una lunga battaglia 'navale': una legge del 1967 le dichiarò tutte fuorilegge, ma Caroline continuò a trasmettere, portando il numero di ascoltatori da 7 a 20 milioni, costringendo la BBC a varare un canale dalle simili caratteristiche (Radio 1), fino ad arrivare – finalmente riconosciuta dal governo britannico su frequenze AM, ma non prima del 2017 – ai giorni nostri.

Il 20 aprile scorso, Radio Caroline ha perso il suo fondatore. Il sito di Benson ospita il ricordo di David Knopfler, fratello di Mark: “Radio Caroline è stata fondamentale nei primi giorni di vita dei Dire Straits, dandoci supporto nel periodo in cui ne avevamo veramente bisogno, e per quello gli saremo sempre grati”. E il ricordo di Grant, che tradotto per noi, di persona, è il seguente: «È difficile spiegare in modo esaustivo l'impatto che Radio Caroline ha avuto e ha sulla cultura britannica» spiega Grant. «In Gran Bretagna, Radio Caroline viene pronunciata allo stesso modo in cui si pronunciano The Beatles, Mary Quant, Carnaby Street, Swinging London, è una parte integrante del tessuto britannico e non credo di esagerare se dico che grand parte delle radio musicali a base di rock e di pop devono molto a Ronan O'Raighley. Non nego che quando ho saputo della sua scomparsa è stato come perdere un secondo padre o poco ci manca, è stato un duro colpo per me. Abbiamo lavorato insieme, mi ha dato tanti consigli».

Nel 2009, la storia di Radio Caroline è finita sul grande schermo con un buon numero di personaggi basati sui veri protagonisti di quell'epopea: 'I love Radio Rock' ('The Boat that Rocked', titolo originale) vede all'opera Kenneth Branagh, Philip Seymour Hoffman, Nick Frost, Bill Lighly e molti altri, diretti da Richard Curtis in una versione più o meno fedele di quella storia. «Eravamo tutti a bordo di una barca», racconta Grant. «Era una nave da mille tonnellate e a noi era chiesto di lavorare, in teoria, un mese sulla barca e una settimana off a terra. Ma stiamo parlando del Mare del Nord, non del Mediterraneo e nemmeno del Lago di Lugano, quindi non sempre le condizioni atmosferiche garantivano la barchetta a fare da spola. Spesso capitava di passare anche due o tre mesi di fila a bordo. Eravamo tutti lì, squadra tecnica, cuochi, marinai e disc jokey, tutti insieme appassionatamente. È stata una cosa speciale. Non nego che gran parte della mia carriera, forse il 99%, è dovuto a Radio Caroline. Tutte le volte che mi sono ritrovato a fare richiesta di lavoro, quell'esperienza mi ha sempre aperto le porte».

Sweet Home Morcote

Anche se «puramente casuale», l'acqua è elemento che torna nella storia di Grant: «Vivere a Morcote in questi giorni è una grande fortuna. Ci sentiamo imprigionati, ma in una gabbia d'oro. Penso a chi abita nei palazzi di Lugano, Bellinzona, e ancor più di Milano. Siamo dei privilegiati, e anche per questo, con questa radio, abbiamo voluto restituire qualcosa alla comunità. Sia a quella di Morcote che al Luganese, al Ticino per intero».

Tornando all'approccio, è sempre la Dany: «Effettivamente siamo noi in onda, non c'è nulla di preparato. Arriviamo lì e ce la raccontiamo un po'». Grant commenta: «Se quello che va in onda fosse preparato, sarebbe davvero triste...” (risate, di gusto). «Essendo nata come un gioco, e stiamo giocando tuttora – la palla passa a Grant – è nata un po' sui nostri gusti, ma abbiamo scoperto che la programmazione combaciava con il nostro pubblico.  Non siamo sicuramente in concorrenza con le emittenti locali, che sono anni luce davanti a noi. Ma abbiamo scoperto che forse, magari casualmente, abbiamo intercettato una fascia di ascolto non completamente servita delle emittenti attuali. Trasmettiamo rock, revival, golden oldies, anni '60 e '70, anche un po' di swing ogni tanto. Andiamo da Beatles a Gun 'n Roses a Frank Sinatra e stranamente le cose stanno bene insieme».


On air (© Radio Morcote International)

Ricominciamo

A Radio Morcote International regna una certa euforia da esordienti. Benson: «Un mio collega di Los Angeles ieri mi ha detto: “Sono vent'anni che non ti sento parlare in maniera così entusiasta del tuo lavoro”. Da bambino facevo la radio come forse hanno fatto tutti, nella camera da letto con il giradischi. L'unica differenza è che oggi esiste internet e quella radio che facevo nella cameretta, adesso la faccio per il mondo intero». La Dany: «Ci seguono dal Ticino, dall'Italia, dal Cile, dal Quatar, da Stati Uniti, Gran Bretagna, Sudafrica, Germania, Francia. Apparteniamo tutti a una comunità, che è quella di chi è costretto a restare in casa. Siamo tutti nella stessa barca – Dany la comunicatrice ha il concetto esatto – ed è una bella emozione sentirsi parte del tutto». Grant aggiunge: «Ho lavorato per parecchio tempo a Bergamo, per Radio Number One, che ha la sede nel centro città. So di diversi colleghi più molto giovani di me che se la sono vista brutta. Speriamo che il peggio sia passato...».

'Watch this space'

Sono giorni in cui la radio non è mai stata così 'di moda'. I giorni dei podcast, del ritorno – si dice in queste ore – del drive in: tutti al cinema, tutti ai concerti, ma ognuno nella sua auto come in 'American Graffiti', come in 'Happy Days'. «Leggevo un'indagine inglese – conclude Benson – sull'impennata dell'ascolto radiofonico in Inghilterra e, presumo, nel resto del mondo. La gente ha riscoperto vecchi media. Chissà quante di queste 'novità' ci porteremo nella cosiddetta 'Fase 2'. Vedo parecchi miei colleghi che fanno i loro programmi da casa. Nel bene e nel male, questa cosa ci ha insegnato qualcosa. E per dirla tutta, non avrei mai pensato che un giorno avrei detto che mi manca un po' la coda sull'A9 verso Como...». Meno alla Dany: “A me che 5 giorni su 7 facevo la coda, invece, no».

Domanda pop-rock, per concludere: progetti per il futuro, Grant? (e via di ironia british): «Vogliamo scalare tutti i media del Ticino, abbiamo fatto già un'offerta per acquisire laRegione, ma io punto alla Rsi, e solo per arrivare a Mediaset!». La Dany: «Pensavo che la nostra sarebbe stata una radio per gli amici e i parenti, per parlare con mia mamma, mandare i messaggi alle amiche. La cosa mi ha stupito talmente che faccio fatica a dirti che vorrei che questo isolamento smettesse». Chiude Benson: «La cosa ci è esplosa tra le mani. Ogni sera ci sono centinaia di persone collegate da tutto il mondo. A partire dalla comunità di ticinesi in Cile. Che dire, se non “Watch this space”, vediamo che succede, come diciamo in Inghilterra».

Radio Morcote International è su www.streamingv2.shoutcast.co/benson oppure su www.grantbenson.com

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved