ULTIME NOTIZIE Culture
Progetto Babel
1 ora

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
4 ore

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
6 ore

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
16 ore

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
17 ore

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
23 ore

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior

‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)

Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior

Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare

Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior

‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure

Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
Culture
1 gior

Con le ‘Locarno Short Weeks’ un mese di cortometraggi

Dal 1º al 28 febbraio quinta edizione online di uno degli spin-off del Locarno Film Festival più amati dal pubblico, con più proposte e offerta on demand
La recensione
1 gior

Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani

Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
2 gior

Shirin Neshat dalla terra dei sogni

Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
2 gior

‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi

Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
Cinema
2 gior

Oscar, 11 nomination per ‘Everything Everywhere All at Once’

In testa gli universi alternativi della coppia Kwan-Scheinert. Segue ‘Gli spiriti dell’isola’. Spielberg vede la terza statuetta; John Williams la sesta
Musica
2 gior

Focus György Ligeti, l’omaggio congiunto di Lugano

Dal 1° febbraio al 24 novembre 2023, LuganoMusica, l’Osi, 900presente e I Vesperali uniti nel tributo al grande compositore ungherese
Arte
2 gior

Crollo nell’Arena di Verona: ‘Danno irreversibile’

I danni causati dal cedimento del basamento della stella cometa, all’interno della struttura, sono stimati in centinaia di migliaia di euro
Lac
2 gior

Noa per la Memoria, Teresa Mannino per ‘Il giaguaro’

Giovedì 26 gennaio, grande musica con la cantante israeliana. Sabato 28 e domenica 29 gennaio, il ‘one woman show’ dell’artista siciliana
Spettacoli
2 gior

Gabriele Lavia al Lac con ‘Il berretto a sonagli’

Tra i più efficaci interpreti pirandelliani, in veste di attore e regista sul palco luganese questa sera, martedì 24, e domani, mercoledì 25 gennaio
Giornate del Cinema
3 gior

I Giacometti: Soletta festeggia gli artisti grigionesi

Alla 58esima edizione del festival, incontriamo la regista Susanna Fanzun: ‘Ho voluto realizzare un film che potesse essere visto da tutti’
09.05.2019 - 06:00
Aggiornamento: 13.10.2019 - 17:16

L'era del castigo

Intervista a Roy Garré, giudice del tribunale penale federale e storico del diritto, sulla giustizia riparativa

di Ivo Silvestro
l-era-del-castigo
Roy Garré (©Ti-Press)

La giustizia riparativa trova sempre maggior spazio, sia nei convegni – l’Istituto di diritto dell’Usi ne ha organizzato uno lo scorso novembre (vedi correlati) e un secondo nei giorni scorsi – sia nei tribunali e nelle carceri. Tuttavia se in molti Paesi europei la giustizia riparativa è istituzionalizzata e sostenuta dalla politica – seppure con risultati discontinui, come sottolineato martedì all’Usi da Brunilda Pali dell’Università di Lovanio –, in Svizzera possiamo al più parlare di “frammenti”, come da titolo dell’intervento di Roy Garré, giudice del Tribunale penale federale e storico del diritto.

Roy Garré, perché è così difficile parlare di giustizia riparativa?
Nel suo intervento diceva che viviamo nell’era del castigo…

Sì, citavo Didier Fassin che nel suo libro ‘Punire, una passione contemporanea’ scrive che nell’ultimo decennio “il mondo è entrato in un’era del castigo: le infrazioni alla legge vengono sanzionate con sempre maggiore severità. Tale tendenza non è direttamente correlata, come dimostrano tutti gli studi internazionali, ad alcun incremento della criminalità e della delinquenza”.

Insomma, punire è considerato un fine in sé stesso, più che un mezzo.

Questa è la tesi di Fassin. Per quanto mi concerne io mi rifaccio a Seneca e Platone: puniamo per prevenire nuovi reati e per stigmatizzare in maniera adeguata e giusta il crimine. C’è quindi una componente retributiva che è giusta – e che si manifesta nella durata della pena: più un reato è grave, più la pena è lunga – e c’è la prevenzione: evitare che la persona in questione commetta altri reati (prevenzione speciale) e che altre persone commettano reati simili (prevenzione generale).

Per cui – e arriviamo così alla giustizia riparativa – altri mezzi per stigmatizzare e prevenire sono i benvenuti.

Certo. Intanto è importante sottolineare che la giustizia riparativa non è alternativa ma complementare a quella punitiva tradizionale di cui non viene assolutamente messa in discussione l’importanza.

In che misura è complementare?

Non si mette in discussione l’obbligatorietà dell’azione penale e si presuppone il consenso delle parti, cioè del reo e della vittima che possono in qualsiasi momento interrompere il percorso intrapreso.

Ma possono esserci delle conseguenze sul procedimento penale.

Questo dipende dalle varie declinazioni della giustizia riparativa: ci sono Stati in cui può portare a un alleviamento della pena, a una pena condizionale o – penso al diritto penale minorile svizzero – all’abbandono del procedimento. Dipende dalle scelte legislative.

In Svizzera abbiamo due strumenti, la conciliazione e la mediazione.

La conciliazione esiste sia a livello minorile sia – a determinate condizioni – di giustizia degli adulti e resta all’interno del paradigma giudiziario. La mediazione, che esiste solo a livello minorile, invece ne esce: il magistrato può, se le parti sono d’accordo, incaricare un mediatore, una terza persona esterna al mondo giudiziario. Ci sono esperienze molto positive, ad esempio nel Canton Friborgo, di mediazione. E c’erano esperienze positive anche per il diritto penale degli adulti, prima dell’entrata in vigore del nuovo codice unificato di procedura penale.

Perché la mediazione, in Svizzera, non è prevista dalla procedura penale non minorile.

Era prevista nel progetto originale del Consiglio federale, con riscontri molto positivi nella procedura di consultazione. Poi, piuttosto a sorpresa, il parlamento non ha seguito queste proposte iniziali.

Come mai?

Le motivazioni portare nel dibattito sono essenzialmente due: finanziarie e di tipo federalista – non si voleva imporre ai Cantoni soluzioni di questo tipo. Penso che comunque dietro a queste ragioni ci sia uno scetticismo di base nei confronti della giustizia riparativa. Scetticismo che non trova riscontro nelle esperienze fatte in tantissimi Paesi europei dagli anni Ottanta in poi – e negli stessi Cantoni svizzeri in cui veniva praticata.

Quindi c’è una tradizione svizzera di giustizia riparativa?

Sì. Forzando un po’ le cose, la potremmo trovare nella volontà conciliativa dei conflitti intercantonali presente nei primi Patti federali. Ma senza voler andare così lontano, è presente nel pensiero del padre del codice civile svizzero, Eugen Huber, centrato molto sulla tradizione delle decisioni ‘nach Minne und Recht’, una forma di equità al di là delle forme giuridiche strette. Su questo tipo di giustizia più conciliativa che formalistico-legale abbiamo una lunghissima tradizione in Svizzera, risalente al tardo Medioevo. È un discorso che va al di là del penale e riguarda più in generale le alternative extragiuridiche alla risoluzione dei conflitti. Il penale è la forma più forte di intervento dello Stato però la logica che sta dietro è la stessa: ricomporre uno squilibrio che si è creato nel tessuto sociale.

La forma di intervento più forte, ma c’è la tendenza a ricorrere sempre più spesso al penale…

C’è effettivamente una proliferazione di normative penali all’interno di leggi speciali che potrebbero essere risolte con misure amministrative o di tipo civile. Per me il diritto penale dovrebbe concentrarsi sui beni giuridici fondamentali: la vita, l’integrità fisica, l’integrità sessuale, l’onore… Ci sono tutta una serie di condotte che non necessiterebbero dell’intervento del giudice penale – evitando anche di ingolfare la giustizia penale.

Ma spesso è la popolazione stessa a chiedere l’introduzione di nuovi reati – oltre che pene più severe.

Per quanto riguarda i nuovi reati, è chiaro che se ci sono comportamenti legati agli sviluppi tecnologici – ad esempio la cibercriminalità – che necessitano di nuove norme penali, sono il primo a dire che è importante colmare queste lacune. Anche se il codice penale è fatto talmente bene che molte fattispecie concepite tra Otto e Novecento restano valide anche nel mondo virtuale: un’ingiuria resta un’ingiuria detta verbalmente o sui social media. Per quanto riguarda il punitivismo della popolazione, bisogna sfatare un mito: ci sono studi molto interessanti che hanno confrontato giudici professionisti e persone prive di una formazione giuridica sulla pena da irrogare in casi concreti. E, salvo alcuni casi particolari, tendenzialmente la popolazione è meno severa dei giudici professionisti. Un conto è discutere al bar di un caso di cui si legge sul giornale; un altro ritrovarsi in un processo a giudicare un altro essere umano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved