ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
1 ora

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
4 ore

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
6 ore

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
6 ore

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
6 ore

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
7 ore

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
8 ore

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
8 ore

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
09.05.2022 - 17:21
Aggiornamento: 17:39

Dalle sottovarianti di Omicron il rischio di ondate periodiche

Le sottovarianti di Omicron, come BA.2, BA.4 e BA.5, indicano che il virus sta cambiando. Le ondate, però, iniziano a essere più prevedibili

Ats, a cura de laRegione
dalle-sottovarianti-di-omicron-il-rischio-di-ondate-periodiche
Keystone

Le sottovarianti di Omicron, come BA.2, BA.4 e BA.5, sono la spia del fatto che il virus Sars-CoV-2 sta cambiando, al punto che potrebbe portare a ondate periodiche. Lo rilevano gli esperti sentiti da Nature, in un’analisi pubblicata sul sito della rivista.

Se le prime varianti, come Alfa, Delta e la stessa Omicron, erano molto diverse da quelle che le avevano precedute, le sottovarianti di Omicron hanno somiglianze di famiglia che permettono facilmente di ricostruirne l’origine, inoltre si diffondono più velocemente di quanto non facesse Omicron, potrebbero sfuggire più facilmente agli anticorpi e causare ondate periodiche, come sembrano attualmente fare in Sudafrica le sottovarianti BA.4 e BA.5, e in Nord America la BA.2.12.1.

Le nuove sottovarianti di Omicron potrebbero segnare il passaggio a ondate simili a quelle dei virus influenzali, anche ogni sei mesi, secondo l’ipotesi del biologo evoluzionista Tom Wenseleers, dell’Università Cattolica belga di Lovanio. Secondo il ricercatore non si possono nemmeno escludere "rimonte" di varianti che ora sembrano svanite, come la Delta.

Il Sudafrica potrebbe essere fra i primi Paesi a sperimentare la nuova ondata epidemica spinta da BA.4 e BA.5, come osserva la virologa Penny Moore, dell’Università del Witwatersrand, a Johannesburg. La buona notizia, prosegue, è che le ondate di Covid-19 cominciano a seguire percorsi prevedibili, con nuove ondate che periodicamente emergono dai ceppi in circolazione.

"Sono i primi segnali che il virus si sta evolvendo in modo diverso" rispetto a quanto faceva due anni fa, quando le varianti sembravano venire fuori dal nulla, dice il bioinformatico Tulio de Oliveira, dell’Università sudafricana Stellenbosch. I dati di Oliveira indicano che BA.4 e BA.5 sono comparse, rispettivamente, a metà dicembre 2021 e all’inizio di gennaio 2022. Entrambe ora sono responsabili dal 60 al 75% dei casi in Sudafrica, dove da marzo i nuovi casi sono aumentati dalla media di 1’200 a circa 5’000 al giorno.

Per il biologo evoluzionista Jesse Bloom, del centro di ricerca Fred Hutchinson di Seattle, non è chiaro se la maggiore capacità di diffondersi delle nuove sottovarianti si debba alla capacità di sfuggire più facilmente agli anticorpi. L’ipotesi è in linea con i dati del virologo Alex Sigal, del sudafricano Health Research Institute di Durban. L’attenzione è puntata sulla mutazione chiamata F486V, localizzata nella proteina Spike, con la quale il virus Sars-CoV-2 si aggancia alle cellule umane. La capacità di sfuggire agli anticorpi sta emergendo, infine, anche per la sottovariante BA.2.12.1, individuata in Nord America, secondo la ricerca coordinata dal virologo David Ho, della Columbia University a New York.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved