fusione-nucleare-grande-passo-degli-scienziati-britannici
Keystone
Il più grande reattore al mondo è in costruzione a Saint-Paul-Lez-Durance, nel Sud della Francia
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
4 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
7 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
8 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
9 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
10 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
12 ore

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
09.02.2022 - 16:40
Aggiornamento: 17:53
Ats, a cura de laRegione

Fusione nucleare, ‘grande passo’ degli scienziati britannici

Annunciata produzione record nel più grande reattore al mondo. Le autorità britanniche: la più chiara dimostrazione del potenziale di questo processo.

Abingdon – Scienziati nel Regno Unito hanno affermato mercoledì di aver prodotto più energia che mai attraverso la fusione nucleare. Un ulteriore passo verso la produzione di questa energia, vantata dai suoi sostenitori come pulita ed economica.

Alternativa alla fissione nucleare utilizzata nelle centrali attuali, la fusione nucleare mira a riprodurre ciò che accade nel cuore del sole. È considerata dai suoi sostenitori come l’energia del futuro, soprattutto perché produce pochi rifiuti – e molta meno radioattività che in una centrale convenzionale – e nessun gas a effetto serra.

Record più che raddoppiato

Un team di scienziati del Joint European Torus (Jet), il più grande reattore a fusione del mondo, situato vicino a Oxford, è riuscito a generare 59 megajoule di energia in dicembre, più che raddoppiando il precedente record stabilito nel 1997, secondo l’ente britannico per l’energia atomica. I risultati “sono la più chiara dimostrazione su scala globale del potenziale della fusione per fornire energia sostenibile”, ha scritto la Uk Atomic Energy Authority in un comunicato.

Il reattore a fusione tokamak del Jet, un’enorme camera magnetica a forma di ciambella, è il più efficiente al mondo. Nel suo cuore, i magneti superconduttori mantengono una piccola miscela di deuterio e trizio, degli atomi di idrogeno leggeri, riscaldati a temperature dieci volte superiori a quelle del centro del sole per creare plasma, permettendo ai nuclei di idrogeno di scontrarsi e fondersi in atomi di elio più pesanti, rilasciando un’energia colossale.

In quantità uguali, la fusione nucleare può produrre quattro milioni di volte più energia del carbone, del petrolio o del gas, pur essendo molto sicura.

Per cinque secondi

I risultati annunciati mercoledì mostrano la possibilità di creare energia di fusione per cinque secondi, non abbastanza per rendere il processo praticabile. Ma «se si può sostenere la fusione per cinque secondi, lo si può fare per cinque minuti, e poi per cinque ore» con future macchine più potenti, ha detto Tony Donne del consorzio EUROfusion. La «ricerca e l’innovazione fatte qui nel Regno Unito, in collaborazione con i nostri partner in tutta Europa, sta rendendo l’energia di fusione una realtà», ha dichiarato il sottosegretario di Stato per la scienza George Freeman.

I dati raccolti dagli scienziati di Oxford potrebbero rivelarsi preziosi per il reattore a fusione Iter, che è ancora più avanzato del Jet ed è in costruzione nel sud della Francia. Bernard Bigot, direttore generale del progetto internazionale Iter, ha accolto con favore i risultati britannici, dicendo che ora si stanno «avvicinando alla scala industriale» di produzione.

Agli ambientalisti non piace

La cooperazione internazionale sulla fusione è ampia perché, a differenza della fissione, non può essere usata come arma. Il progetto francese coinvolge Cina, Unione europea, India, Giappone, Corea del Sud, Russia e Stati Uniti. Iter tuttavia è criticato, in particolare dagli ambientalisti. Greenpeace lo considera un “miraggio scientifico” e “una voragine finanziaria”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia fusione nucleare oxford produzione reattore scienziati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved