WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
5
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-1)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
wasp-103b-il-pianeta-a-forma-di-palla-da-rugby
Il cielo scrutato da Cheops (CHaracterising ExOPlanets Satellite)
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
7 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
9 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
14 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
15 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
22 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
11.01.2022 - 15:520
Aggiornamento : 17:06

WASP-103b, il pianeta a forma di palla da rugby

Lo ha individuato il telescopio spaziale Cheops, grazie al lavoro di un team internazionale con partecipazione svizzera

a cura de laRegione

Grazie al telescopio spaziale Cheops, un team internazionale con partecipazione svizzera ha individuato un esopianeta a forma di pallone da rugby. Secondo il lavoro pubblicato sulla rivista ‘Astronomy & Astrophysics’, la causa di questa particolare conformazione è da ricercarsi nelle intense forze di marea. Sulla Terra, le maree sono principalmente generate dalla Luna e dalla sua forza gravitazionale. Essa provoca deformazioni nelle masse d’acqua e differenze di livello notevoli in numerosi luoghi, che però sono appena visibili dallo spazio. Lo stesso non si può dire per il pianeta WASP-103b, dove il fenomeno delle maree è estremo vista la prossimità con la stella attorno alla quale orbita. Questo esopianeta ci mette un solo giorno per ruotare intorno alla sua stella e le maree sono così potenti che lo deformano fino a farlo sembrare un pallone da rugby, scrivono in un comunicato congiunto le università di Ginevra e Berna.

Situato nella costellazione di Ercole, la quinta più grande del cielo, WASP-103b ha una taglia quasi doppia rispetto a Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare. La distanza dalla sua stella è circa 50 volte inferiore a quella Terra-Sole.

Dopo Hubble, l’alta precisione

I telescopi Hubble e Spitzer avevano già osservato in passato il pianeta. Tuttavia, è l’alta precisione di Cheops (CHaracterising ExOPlanets Satellite) che ha permesso agli scienziati di misurare il minuscolo segnale della deformazione dovuta alle maree, alla distanza siderale di oltre 2’800 anni luce. Gli esperti sono riusciti a trarre conclusioni non solo sulla forma del pianeta, ma anche sulla composizione. L’équipe internazionale è in effetti stata in grado di dedurre il cosiddetto “numero di Love” (dal nome del matematico britannico Augustus E.H. Love), che indica la ripartizione della massa e dà indizi sulla struttura interna.

Tale parametro è simile a quello di Giove, che è un gigante gassoso. Questo suggerisce che le strutture interne dei due pianeti siano comparabili, nonostante WASP-103b sia due volte più grande. Si può quindi immaginare, afferma, citata nella nota, Monika Lendl, professoressa del Dipartimento di astronomia dell’Università di Ginevra e co-autrice dello studio, che questo esopianeta sia “altamente gonfiato a causa del riscaldamento emanato dalla sua stella molto vicina e forse di altri meccanismi”.

L’incertezza riguardo al numero di Love resta comunque piuttosto alta, rendendo necessarie altre future osservazioni tramite Cheops – una missione congiunta dell’Agenzia spaziale europea e della Svizzera – e il telescopio spaziale James Webb, lanciato lo scorso 25 dicembre, per risolvere i misteri che attorniano WASP-103b.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved