piu-dolci-meno-sport-tra-i-bimbi-cresce-la-covibesity
Keystone
La pandemia ha modificato le abitudini alimentari dei bambini
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
50 min

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 ora

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 ora

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
2 ore

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
2 ore

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
7 ore

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
11 ore

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
12 ore

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
12 ore

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Musica
13 ore

Matt Elliott a Chiasso, un ritorno

Visto e ascoltato in passato allo Spazio Lampo, mercoledì 1° giugno all’ex bar Mascetti
22.10.2021 - 19:18
Aggiornamento : 19:36

Più dolci, meno sport: tra i bimbi cresce la Covibesity

I pediatri lanciano l’allarme: in Italia quattro bambini su dieci hanno peggiorato l’alimentazione. Sette consigli per ripristinare sani stili di vita

Roma – L’aumento di peso è andato di pari passo con la pandemia. Negli Usa è raddoppiato l’incremento dell’indice di massa corporea rispetto al periodo pre-Covid, mentre in Italia circa 4 bambini su 10 hanno modificato le proprie abitudini alimentari. A lanciare l’allarme nei confronti della ‘Covibesity’, termine comparso in letteratura scientifica per descrivere l’aggravamento dei tassi di obesità dovuto al confinamento causato dal Covid, è la Società Italiana di pediatria (Sip). E proprio dai pediatri arriva un manifesto con sette consigli per ripristinare sani stili di vita messi a dura prova in quasi due anni di pandemia.

A confermare quello che più esperti nei mesi scorsi avevano già segnalato sono i numeri. Secondo uno studio dei Cdc (Centers for Disease Control and Prevention) statunitensi, condotto su oltre 432mila bambini e ragazzi tra 2 e 19 anni, il tasso di incremento dell’indice di massa corporea (che misura il rapporto tra peso e altezza) è raddoppiato rispetto al periodo pre-pandemico, mentre la percentuale di bambini e ragazzi obesi in un anno è passata dal 19,3% al 22,4%. E chi era già in sovrappeso lo è diventato ancora di più, ‘guadagnando’ oltre mezzo kg al mese, un ritmo di crescita che in 6 mesi significa 3-4 kg in più, più del doppio di quello che dovrebbe essere il giusto aumento di peso.

Abitudini alimentari modificate

Per i bambini e gli adolescenti italiani, che già prima della pandemia registravano tassi di sovrappeso pari al 20,4% e di obesità pari al 9,4%, il quadro non cambia. Studi hanno dimostrato come il 40% dei bambini ha modificato le proprie abitudini alimentari durante la pandemia, il 27% ha mangiato di più, incrementando il consumo di snack (60,3%) e succhi di frutta (14%). Di contro, complice la didattica a distanza, è aumentato di circa 5 ore al giorno il tempo passato davanti a uno schermo nei bambini tra 6 e 18 anni. A essere peggiorati con la pandemia anche i disturbi dell’alimentazione, cresciuti del 30%.

“Alla luce di questo scenario diventa ancora più importante promuovere una corretta alimentazione. Perché l’epidemia dilagante di obesità infantile, aggravata dalla pandemia, è più silenziosa ma altrettanto pericolosa di quella generata dal Covid-19”, afferma Annamaria Staiano, presidente Sip e professoressa ordinaria di pediatria all’Università Federico II di Napoli.

I sette consigli

Per contrastare questa tendenza la Sip aderisce al progetto “Non siete soli” di Eni Foundation, distribuendo agli 11’000 pediatri che aderiscono alla società scientifica un poster con sette consigli da tenere a mente. Innanzitutto, consumare cinque pasti al giorno, ovvero due spuntini oltre ai tre pasti principali, e consumare almeno cinque pasti alla settimana in famiglia per promuovere l’adozione di sane abitudini. Non saltare la prima colazione: farlo porta a un consumo di alimenti eccessivo nelle ore successive. Limitare alimenti da fast food, snack a elevato contenuto energetico, ricchi in grassi saturi, zuccheri raffinati e sale. Limitare le bevande zuccherate e attenzione, inoltre, alle porzioni degli alimenti, che devono essere corrette in base all’età.

Infine, incoraggiare un’attività fisica giornaliera di intensità moderata-vigorosa per almeno 60 minuti e limitare il tempo speso davanti agli schermi, specialmente durante i pasti. Ultimo ma non ultimo, non sottovalutare il ruolo della dieta mediterranea: ricca di frutta verdura e legumi, caratterizzata da un consumo moderato di pesce, uova, pollame e prodotti caseari abbinato a un ridotto consumo di carne rossa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alimentazione bambini covibesity pandemia pasti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved