tumore-alla-prostata-terapia-piu-efficace-con-la-flora-batterica
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
5 ore

Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati

In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Opera
14 ore

Carmen bifronte, fra nozione operistica e nozione letteraria

L’opera più fortunata di Georges Bizet è un punto fermo nei suoi successori per essere l’opera realista per antonomasia
Culture
17 ore

Ci sono ancora biglietti disponibili per Castle On Air

A Castelgrande di Bellinzona i concerti di Sangiovanni, Achille Lauro, Mahmood ed Elisa
Culture
17 ore

Si apre l’Ascona Music Festival con il ‘Duo Cattaneo’

La tredicesima edizione, con un tributo a César Franck, inizia venerdì 8 nella chiesa del Collegio Papio
Arte
17 ore

Ivan Turetskyy a Chiasso per la ricostruzione dell’Ucraina

Opere dell’artista sono esposte al Palazzo municipale, allo Spazio Officina, alla Biblioteca e al m.a.x museo fino al 24 luglio
Culture
17 ore

Mattia Bertoldi presenta ‘Il coraggio di Lilly’ a Bellinzona

Lo scrittore ticinese autore del romanzo storico sarà alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 26 luglio alle 18.30
Culture
17 ore

I dialetti e la loro poliedricità con Walter Arnold

‘Chilometro zero’: dialetti, miti, leggende e teatro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona venerdì 22 luglio alle 18.30
Arte
17 ore

‘Esci dall’atelier ed entra nel cubo’, il legno in ogni forma

La mostra dell’Associazione svizzera degli scultori del legno prosegue fino al 13 luglio nella Piazza di Palazzo Franscini
Scienze
19 ore

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
Spettacoli
20 ore

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
1 gior

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
1 gior

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
1 gior

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
1 gior

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
08.10.2021 - 09:04
Aggiornamento: 10:52

Tumore alla prostata, terapia più efficace con la flora batterica

Dallo Ior di Bellinzona una ricerca sugli effetti del microbiota su uno dei trattamenti più utilizzati per la neoplasia. Intervista al professor Andrea Alimonti

In salute come in malattia, il microbiota è sempre con noi: i batteri che vivono nel nostro intestino aiutano il corpo nelle sue funzioni biologiche, dall’assimilazione del cibo al funzionamento del sistema immunitario, e può anche aiutare o al contrario ostacolare alcune terapie. «L’assunzione di farmaci può portare alla cosiddetta “disbiosi”, una alterazione del microbiota in cui prevalgono batteri “cattivi” la cui attività è per noi dannosa» ci spiega Andrea Alimonti, professore all’Università della Svizzera italiana e responsabile del laboratorio di ricerca in oncologia molecolare all’Istituto oncologico di ricerca (Ior) di Bellinzona.

Il suo gruppo di ricerca, in collaborazione con l’Institute of Cancer Research di Londra, ha appena pubblicato sulla prestigiosa rivista ‘Science’ un lavoro su come il microbiota possa influenzare una delle terapie più utilizzate per trattare il tumore alla prostata, la deprivazione degli androgeni.

Il tumore alla prostata cresce grazie al testosterone: se si abbassano i livelli di questo ormone prodotto nei testicoli e nelle ghiandole surrenali, le cellule tumorali non crescono più. «È dagli anni Sessanta che si usa questa terapia con i pazienti che hanno un tumore alla prostata. Purtroppo una buona parte di questi pazienti a un certo punto diventa resistente al trattamento». Lo studio ‘Commensal bacteria promote endocrine resistance in prostate cancer through androgen biosynthesis’, pubblicato come detto su ‘Science’, riconduce questa resistenza alla flora batterica. «Abbiamo rilevato che in questi pazienti aumenta la presenza di alcune specie batteriche “cattive” che prendono dei precursori degli androgeni dagli alimenti e li trasformano in testosterone che entra in circolazione: in pratica con questi batteri l’intestino si comporta come un altro testicolo». Questa fonte addizionale di testosterone riduce l’efficacia della terapia.

Le possibili terapie

Si tratta della prima ricerca che mette in luce questo meccanismo, ma l’importanza di questo lavoro riguarda anche le possibili terapie. «Abbiamo dimostrato che, negli animali, una terapia antibiotica che elimina questi batteri “cattivi” aiuta la terapia di deprivazione degli androgeni. E ora le autorità britanniche e svizzere hanno approvato un protocollo sull’uomo, per verificarne l’efficacia». Non essendoci nuovi farmaci da sperimentare, l’approvazione definitiva di questa terapia potrebbe arrivare in tempi relativamente rapidi.

Gli antibiotici potrebbero quindi evitare l’insorgenza di questa resistenza, ma rischiano di eliminare anche parte della flora batterica “buona” e qui arriva una seconda strada aperta dello studio «tutta all’interno del microbiota» spiega Alimonti. «Non abbiamo solo trovato dei batteri “cattivi” che producono androgeni, ma anche alcuni “buoni” che inibiscono l’attività di quelli “cattivi”». L’idea è arrivare a produrre dei probiotici, in pratica una pillola da dare ai pazienti per far aumentare la presenza nell’intestino di questi batteri “buoni”. «Lo sviluppo di un probiotico è più semplice di quello di un farmaco, ma per farlo ci serve la collaborazione di un’industria farmaceutica, magari ticinese».

C’è poi una terza applicazione terapeutica. «Abbiamo preso dei campioni fecali da settanta pazienti sottoposti alla terapia e abbiamo scoperto che chi ha tre batteri “cattivi” non risponde alla terapia, mentre chi ha tre batteri “buoni” risponde meglio alla terapia. Analizzando il Dna abbiamo ottenuto l’impronta genetica di questi batteri e se i risultati saranno confermati da studi più grandi, un semplice test ci permetterà di prevedere chi risponderà alla terapia e chi no».

L’importanza del microbiota

L’importanza del microbiota è campo di studi relativamente recente e sempre più importante – la Fondazione Balzan ha da poco attribuito un premio alle ricerche in questo settore, andato allo statunitense Jeffrey Gordon – e sono numerosi gli studi che cercano di correlare alterazioni della flora batterica a varie condizioni. «L’oncologia – ci spiega Alimonti – è uno dei settori in cui questa ricerca è più sviluppata, con solide ricerche ad esempio su come il microbiota possa influenzare l’efficacia dell’immunoterapia. Questo perché, purtroppo, i tumori come anche le malattie infettive permettono di capire meglio se il microbiota ha un’influenza su una terapia, perché se questa non funziona il paziente rischia di morire in breve tempo. Un eventuale effetto sulla depressione o sull’autismo è più difficile da dimostrare». E lo stessa vale anche per un eventuale effetto preventivo del microbiota sull’insorgere di tumori: quello che la ricerca ha trovato è una relazione tra flora batterica e l’efficacia di una specifica terapia. «È possibile che ci sia un effetto preventivo dei batteri “buoni” sullo sviluppo di tumori alla prostata» ci spiega Alimonti. «È un aspetto che sarebbe interessante indagare, ma per allestire uno studio preventivo, quindi su grandi numeri e per un certo periodo di tempo, servono finanziamenti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrea alimonti ior bellinzona microbiota
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved