COL Avalanche
1
BOS Bruins
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
ginevra-cancro-molto-aggressivo-sconfitto-con-immunoterapia
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
28 min

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
9 ore

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
11 ore

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
16 ore

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
17 ore

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
1 gior

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
1 gior

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
1 gior

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
1 gior

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
1 gior

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
10.02.2021 - 17:390

Ginevra, cancro molto aggressivo sconfitto con immunoterapia

Una 41enne aveva sviluppato un tumore su un rene trapiantato ricevuto da un donatore. Il cancro è stato distrutto stimolando all'estremo il sistema immunitario

a cura de laRegione

Nuove prospettive nella lotta, non sempre vittoriosa, contro il cancro arrivano da un team dell'Università e dell'Ospedale universitario di Ginevra. Un tumore ai reni sviluppatosi su un organo trapiantato da un donatore, metastatizzato, per il quale alla paziente erano stati lasciati solo cinque mesi di aspettativa di vita, è stato sconfitto attaccandolo con una "spinta drammatica" ("dramatic boost") del sistema immunitario. La donna ha avuto salva la vita, e a distanza di sette anni sta bene e non presenta recidive: i risultati dello studio pubblicati sulla rivista Transplantation, dimostrano l'importanza dello sviluppo dell'immunoterapia. 

Un tumore molto aggressivo

Come spiega Raphaël Meier, ricercatore a Ginevra presso il Dipartimento di Chirurgia della Facoltà di Medicina e l'Ospedale universitario, la paziente, 41enne diabetica e in predialisi, era stata sottoposta a un trapianto rene-pancreas con un organo ricevuto da un donatore maschio di vent'anni. Questi trapianti, spiega Meier, permettono di migliorare la qualità di vita, ma presentano un problema di possibile insorgere di tumori a causa dei farmaci immunosoppressivi necessari ad evitare il rigetto dell'organo.

Il tumore, con metastasi nell'intestino, al fegato e ai polmoni, era stato scoperto nove anni dopo, operando immediatamente dopo aver notato un nodulo al rene durante il controllo annuale. "Questo tipo di tumore, chiamato cancro Bellini, ha un'aspettativa di vita di circa cinque mesi con il trattamento, è uno dei più aggressivi", dice Raphael Meier.
L'analisi del genotipo del tumore ha permesso poi di scoprire che esso era di origine virale e conteneva il cromosoma Y, ed era quindi di origine maschile, pertanto proveniva dal donatore.

Un triplo attacco con interleuchina 2

Data la causa e l'origine del tumore, gli scienziati si sono affidati a un trattamento potente per cercare di salvare questa donna. "Abbiamo optato per l'interleuchina 2. Questo trattamento si basa su una molecola che attiva il sistema immunitario in modo estremo", spiega Raphaël Meier. Tuttavia, questo trattamento è difficile da controllare e gli effetti collaterali sono numerosi e difficili da tollerare per il paziente, ed è per questo che non viene prescritto di routine. "Questo ci ha permesso di effettuare un triplo attacco che ha portato alla distruzione del tumore", continua Meier. Il sistema immunitario potenziato ha attaccato le cellule tumorali non-self, ovvero estranee all'organismo, in modo molto aggressivo. Inoltre, le cellule "ammazza-tumore" naturali erano particolarmente attive nella paziente. Infine, dato che la causa del tumore era di origine virale, i globuli bianchi specializzati nello sradicamento dei virus hanno spazzato via il cancro. La paziente ha sostenuto il trattamento per tre mesi, così che sei mesi dopo, non c'era più traccia del tumore e delle sue metastasi. "Tuttavia, è stata costretta a tornare in dialisi in quanto l'impossibilità di prendere i farmaci anti-rigetto le è costato il trapianto di rene e pancreas, ma dato che ora, sette anni dopo, non c'è più traccia di questo cancro aggressivo, un nuovo trapianto potrebbe ora essere preso in considerazione", dice Raphael Meier.


Immunoterapia, il futuro dei trattamenti oncologici?

Questo caso dimostra il ruolo essenziale del sistema immunitario nella gestione dei tumori. "La storia di questa donna ci ha mostrato che c'è sempre la speranza di una cura, anche quando sembra impossibile. Sottolinea il coraggio dei pazienti che lottano per sopravvivere, e, infine, osserva che la ricerca sulle immunoterapie deve continuare. L'angolo d'attacco giusto può permettere al nostro corpo di sconfiggere i tumori, e soprattutto di impedire che ricompaiano a distanza di anni", conclude Raphael Meier.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved