laRegione
doudna-e-charpentier-un-nobel-per-l-editing-genetico
Jennifer A. Doudna ed Emmanuelle Charpentier nel 2017 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
7 ore

Da Jean Arp a Nesto Jacometti

Si chiama ‘Nesto Jacometti, editore’ ed è un insieme di piccole mostre di grandi autori aperto al Museo Casorella di Locarno
Arte
17 ore

Addio ad Alfiero Nena, scultore

Autore dell'unica opera contemporanea presente, nella basilica romana di Santa Maria del Popolo, donò un monumento ad Amatrice, colpita dal terremoto del 2016
Spettacoli
17 ore

Jazz (in Bess) e nuove musiche: Samuel Blaser

Il trombonista svizzero presenta 'Early in the morning', tributo al blues in programma mercoledì 28 ottobre alle 21.
Musica
17 ore

A dicembre 'Paul McCartney III', l'album del lockdown

Cinquant'anni dopo l'addio ai Beatles, il nuovo disco di Sir Paul in linea col minimalismo creativo imposto dal Covid-19.
Spettacoli
19 ore

Taskforce Culture: 'Ok restrizioni, ma gli aiuti siano chiari'

L'organismo che riunisce rappresentanti di diverse associazioni culturali svizzere chiede chiarezza e regole unitarie: 'In pericolo artisti e imprese'.
Fotografia
19 ore

Vincenzo Vicari dentro la cronaca, al Palacongressi

Mercoledì 28 ottobre, incontro pubblico sul fotografo del 'Ticino che cambia'
Spettacoli
19 ore

Adieu Jean-Claude Pasche, anche noto come Bernabé

È deceduto all'età di 80 anni il fondatore dell'omonimo e celebre Café-Théâtre di Servion, nel Canton Vaud.
Culture
20 ore

Al vignettista Chappatte il Premio Fondation pour Genève

Tra le motivazioni, 'la sua capacità di toccare le persone e di farle pensare, trascendendo i confini e le lingue'.
infodemia
22 ore

No, la Svizzera non nega la rianimazione agli anziani

Lo strano caso di una bufala circolata. E le vere direttive, non solo svizzere, per il triage in caso finiscano i letti in terapia intensiva
Scienze
07.10.2020 - 18:560

Doudna e Charpentier, un Nobel per l’editing genetico

Le due ricercatrici hanno messo a punto la tecnica che taglia-incolla il Dna

La loro è stata una rivoluzione che in pochissimi anni ha trascinato con sé tutte le scienze della vita, ha aperto la strada a cure per molte malattie e per ottenere piante più resistenti, è perfino arrivata nello spazio per aiutare l'uomo a resistere meglio alle radiazioni.

Per la prima volta, due donne dividono il premio più ambito dai ricercatori di tutto il mondo. Il merito di Emmanuelle Charpentier (52 anni), direttore dell'Istituto Max Planck per le Scienze dei patogeni, e Jennifer A. Doudna (56 anni), dell'Università della California a Berkeley è stato di avere scoperto la tecnica chiamata Crispr/Cas9 (Clustered Regularly Interspaced Short Palindromic Repeats), uno degli strumenti più potenti oggi nelle mani dell'ingegneria genetica.

Può infatti essere utilizzato con uno strumento di altissima precisione per modificare il Dna di animali, piante e microrganismi. La Fondazione Nobel non ha dubbi sull'impatto rivoluzionario della tecnica, che "ha portato le Scienze della vita in un'epoca nuova".

Come spesso è accaduto nella storia della scienza, anche la scoperta della Crispr è avvenuta quasi per caso. Tutto era cominciato dalle ricerche di Emmanuelle Charpentier sul batterio Streptococcus pyogenes, responsabile di infiammazioni nell'uomo, in particolare con la scoperta di un frammento del patrimonio genetico utilizzato dal microrganismo come arma per combattere i virus.

La scoperta viene pubblicata nel 2011 e già Charpentier pensa a possibili sviluppi. Obiettivi ambiziosi, per realizzare i quali sono indispensabili le competenze di un'esperta di biochimica come Doudna. Le due si mettono così al lavoro per ricostruire in provetta l'arma del batterio e poi semplificarla per farne uno strumento facile da utilizzare.

Nel 2012 sono pronte le forbici molecolari capaci di tagliare la molecola della vita, il Dna, e di farlo con precisione, in un determinato sito. Era subito chiaro che riuscire a tagliare il Dna in modo preciso avrebbe significato poter riscrivere il codice della vita.

Da allora le applicazioni della Crispr/Cas9 si sono susseguite in tutto il mondo come una valanga, contribuendo ad aprire nuove vie per la cura di molte malattie, da alcune forme di tumore alla fibrosi cistica, fino ad avvicinare il sogno di curare le malattie ereditarie.

Non sono mancate le polemiche e i timori etici che più volte, negli anni, hanno portato gruppi di scienziati a chiedere moratorie internazionali sugli usi più delicati dal punto di vista etico, come quelli sugli embrioni umani.

Non sono mancate nemmeno le battaglie legali, dopo che l'ufficio brevetti degli Stati Uniti si era espresso a favore del Broad Institute, l'istituto di ricerca del Massachusetts Institute of Technology (Mit) e dell'Università di Harvard, al quale riconosceva la paternità della tecnica per modificare il Dna nelle cellule umane, mentre l'Università della California a Berkeley ne rivendicava a sua volta la paternità.

Molte altre domande di brevetto sono state poi depositate da ricercatori e aziende per particolari applicazioni della Crispr. Motivo di più per considerare il Nobel alle due biochimiche una sorta di lieto fine al di là di ogni polemica, in nome di quella che Charpentier aveva chiamato "la bellezza della Crispr".
 
 

© Regiopress, All rights reserved