GOLUBIC V. (SUI)
ZHANG S. (CHN)
06:15
 
STL Blues
5
NAS Predators
3
fine
(2-2 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
2
2. tempo
(3-0 : 0-2)
maneskin-al-potere-e-rock-contro-le-stonature
‘Zitti e buoni’ (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
9 ore

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
10 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
11 ore

‘Traditi dagli ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
11 ore

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
11 ore

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
12 ore

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
12 ore

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
15 ore

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
Jazz in Bess
18 ore

Suisse Diagonales Jazz, Lombardi & Salis prima dei Mohs

Secondo appuntamento ticinese del festival svizzero: alle 20.30 i 30 anni di sodalizio dei due ticinesi; alle 22 il quartetto capitanato da Kysk e Valazza
Culture
18 ore

‘Shoah, tempo e memoria’, concerto-lettura per non dimenticare

Mercoledì 26 gennaio alle 19.15 alla Biblioteca di Bellinzona, pianoforte e voce narrante aspettando la giornata della memoria
Musica
18 ore

Riccardo Minasi guida l’Osi in Auditorio

Giovedì 20 gennaio alle 20.30 allo Stelio Molo, il violinista e direttore d’orchestra in un concerto incentrato sul romanticismo tedesco
Società
1 gior

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
1 gior

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
1 gior

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Culture
1 gior

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani
Musica
3 gior

La versione di Fiorella spiegata a Locarno

Sabato 2 aprile al Palaexpo Fevi, la tappa ticinese del tour di Fiorella Mannoia che prende il nome dal programma Rai.
Spettacoli
3 gior

Santoro SOLOinscena al Foce per ‘Edgar Allan Horror Poe’

Mercoledì 19 gennaio alle 19, con musiche dal vivo di Claudia Klinzing, Emanuele Santoro nel recital dedicato al grande autore statunitense
Culture
3 gior

‘Novecento’ di Baricco è la prima opera letteraria Nft

L’Nft (Non-Fungibile Token) è un certificato che attesta la proprietà e la provenienza di un asset digitale.
Scienze
3 gior

C’è vapore acqueo sul pianeta sosia di Nettuno

La scoperta, che porta la firma del celebre telescopio spaziale Hubble, potrebbe aiutare a ricostruire l’origine di TOI 674b, misterioso mondo alieno
Fumetti
3 gior

Tre milioni e 360mila dollari per una pagina di Spider-Man

Disegnata da Mike Zeck per il numero 8 di “Secret Wars” del 1984, presenta la prima apparizione dell’Uomo Ragno con il costume nero. Aggiudicata a Dallas.
Video
Musica
3 gior

La 97enne discepola di Rachmaninoff incide un album

Ruth Slenczynska fu enfant prodige. A 97 anni diventa una delle artiste più longeve: è in attività da oltre 90 anni.
Spettacoli
3 gior

Le canzoni di Sanremo: tanto amore, tanto ballo e una poesia

Le abbiamo ascoltate a Milano. Su ‘Lettera di là dal mare’ di Massimo Ranieri parte l’applauso; il resto (Morandi, Elisa, Mahmood) dignitosamente segue
Spettacoli
3 gior

Lella Costa al Sociale nel segno di Franca Valeri

Martedì 18 gennaio per la rassegna com.x ‘La vedova Socrate’ scritto dalla grande signora del teatro italiano scomparsa nel 2020
Spettacoli
3 gior

Morto il chitarrista e compositore Angelo Gilardino

Originario di Asigliano in provincia di Vercelli, aveva 80 anni
Spettacoli
3 gior

Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen

La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms
Scienze
3 gior

Archeologia, luce sulla preistoria dal Tibet

In un sito preistorico nella prefettura di Ngari ritrovati reperti risalenti a 8-10mila anni fa
Pensiero
3 gior

La storia delle pseudoscienze per conoscere la scienza

L’approccio storico è importante per restituire al discorso scientifico quella complessità che da sempre lo ha caratterizzato, scrive Marco Ciardi
Culture
4 gior

Premio urbanistico Wakker alla diversità di Meyrin

Il comune dell’agglomerato ginevrino ha vinto la 51ª edizione del premio assegnato da Patrimonio svizzero
Spettacoli
4 gior

Il 18esimo Steps è ‘un inno al mondo della danza svizzera’

Svelato il programma della 18a edizione del festival di danza del Percento culturale Migros. Tappe ticinesi in maggio al Lac e al Cinema Teatro di Chiasso
Culture
4 gior

Bari: è morta Chiara Samugheo, la fotografa delle dive

Nella sua lunga carriera, immortalò donne famose: da Liz Taylor a Monica Vitti, da Shirley MacLane a Sophia Loren, Claudia Cardinale, Gina Lollobrigida
Spettacoli
4 gior

Cocciante: ‘Non credevano in Notre Dame de Paris e sono 20 anni’

Presentata a Milano l’edizione del 20esimo, con l’autore delle musiche a raccontare la genesi di un’opera da 15 milioni di spettatori. A giugno al Lac
L’intervista
4 gior

E nella confusione, Balasso fa Ruzante

Due parole (anche tre) sul caos mediatico e un balzo nella campagna pavana del Cinquecento di Angelo Beolco, domani a Chiasso, sabato e domenica a Locarno
Scienze
4 gior

Il cervello quando parliamo con noi stessi

Ricercatori ginevrini sono riusciti a identificare alcuni segnali prodotti in questa circostanza, aprendo nuovi orizzonti per interfacce uomo-macchina
Spettacoli
4 gior

È morta Ronnie Spector, icona anni ’60 con le Ronettes

Fra i successi del gruppo formato con la sorella maggiore Estelle Bennett e la cugina Nedra Talley, ‘Be My Baby’, colonna sonora del film ‘Dirty Dancing’
Culture
5 gior

Rete Uno tiene, Radio 3i scende, Radio Ticino sale

E Teleticino sopra il 2 per cento per la prima volta. Lo dicono i rilevamenti di Mediapulse su spettatori e ascoltatori di tv e radio in Svizzera
Culture
5 gior

‘Ciak si parte!’, il viaggio e la ferrovia in cinque film

Dal prossimo 19 gennaio fino al 23 febbraio, quale evento collaterale alla mostra ‘Treni fra arte, grafica e design’, in corso al m.a.x. museo di Chiasso.
Monte verità
5 gior

‘Le nostre odissee’ nel decennale degli Eventi letterari

Partendo da Joyce, nel centennale del suo ‘Ulysses’, tornano a svolgersi in primavera, dal 7 al 10 aprile, sempre sulla celebre collina dell’utopia
Sogno o son Festival
 
08.03.2021 - 06:100
Aggiornamento : 12:24

Måneskin al potere, è rock contro le stonature

Sanremo 2021, chi ha vinto e chi ha perso. ‘Pare che cantare bene sia un crimine’, dice Ermal Meta. Lui, Orietta e i vincitori sono alcuni degli antidoti.

“Mi fa sperare che la musica che piace a me, quella dei dinosauri, del rock, non sia definitivamente morta, anche perché l’unica speranza che abbiamo noi anziani è di tornare a vedere un concerto, e di solito andiamo a vedere concerti di personaggi straordinari che però hanno settant’anni: va bene che sono immortali, ma anche per loro, prima o poi, arriva il momento”. Sbobiniamo parole del rockettaro Antonio Ornano, comico ligure svegliatosi ieri mattina con la sorpresa: il rock ha sbancato il 71esimo Festival della Canzone Italiana; ‘Zitti e buoni’, con tutte le sue benedette parolacce e il carico di glam (nulla a che vedere con l’Achille Lauro sanguinante, sia chiaro), è la rappresentazione dei Måneskin al potere. La band romana esplosa in X Factor, e per questo di giovedì con il coach Manuel Agnelli in ‘Amando’ dei Cccp – ha fatto alzare l’orchestra dalle sedie per uno dei brani più diversamente sanremesi della storia delle diversità. Ornano, i Måneskin, li definirebbe – così come in estate definiva gli AC/DC – “dei magnifici tamarri”.

Ma la frase di questo Festival è un’altra: «Pare che cantare bene sia un crimine, che non vada più di moda». L’ha pronunciata Ermal Meta ieri mattina nella conferenza stampa conclusiva. Non è un rammarico per la vittoria sfumata – «Sono contento che un pezzo senza effetti speciali come il mio (‘Un milione di cose da dirti’, canzone giunta terza, ndr) abbia ottenuto un tale risultato» – ma una risposta a chi gli chiedeva di definirsi: «Sono un cantante, devo saper cantare».

Il problema, a nostro parere, non è l’Autotune, software per l’intonazione della voce capace d’intonare gli incapaci, proibito a Sanremo in tale funzione ma ammesso “come effetto”. «C’è una grande confusione», dice Achille Lauro nella sua unica apparizione pubblica al di fuori del palco. «Non è solo un correttore, ma una scelta stilistica, come il distorsore per la chitarra». Cita i Daft Punk, Travis Scott. «Non si tratta solo di correzione, è una sfera più grande». E a suo modo – guardando a Cher in ‘Believe’, ma ricordandosi che pur col distorsore, la chitarra dev’essere accordata – la riflessione può anche essere corretta. Salvo che nessuno gli chiede di Fasma (‘Parlami’), i non luoghi della non musica, soltanto lui, l’Autotune e il respiro di Roberto da Crema. Il problema, dicevamo, non è l’Autotune ma far cantare il melodico ai rapper, affidare loro pezzi di canzoniere italiano per fare curriculum (“Ha cantato Tenco”, “ha cantato Vasco”, “ha cantato Dalla”).

“Una volta, se stonavi, non mettevi più piede su quel palco”, aveva motivato in settimana le sue perplessità Dario Salvatori, storico della manifestazione. Perplessità sugli ‘urlatori’ Random e Aiello (dove ‘urlatori’, un tempo, viaggiava di pari passo con ‘intonati’), l’estraniante Gio Evan (“è un poeta”, scrivono di lui, ma la poesia non presuppone necessariamente il canto), i pur onesti Coma_Cose, Fedez per metà senza Autotune (il risultato sulla prima strofa è lì da sentire), e quel simpaticone di Bugo, naturalmente, giustificato dai suoi maestri, non tutti esattamente dei diapason. Ma con un discorso a parte da farsi (segue, più in là).

Chi ha vinto

Ci si metta anche che sanno cantare, hanno vinto le quattro Nuove Proposte, incluso Davide Shorty, mosca bianca giunta seconda come tutti giovani sui quali scommettiamo ogni anno (successe con i da noi intervistati Mirkoeilcane nel 2019 e Tecla Insolia nel 2020). Hanno vinto (anche Premio Lucio Dalla) Colapesce Dimartino, bravi anche prima di ‘Musica leggerissima’, per i quali il valore del brano batte la voce così-così (nemmeno Samuele Bersani brilla per intonazione, ma ha scritto ‘Giudizi universali’ e può cantare come gli pare). Ha vinto Ermal Meta (anche Premio Giancarlo Bigazzi per la migliore composizione musicale) che ti legge dentro e quasi dà fastidio, ma sa cos’è scrivere una canzone, alternanza di concetti semplici per dare spazio a quelli più profondi, pietruzze e macigni: «Una canzone è una strada cosparsa di pietre – diceva in settimana – dove le pietre sono le parole. Se inciampi ogni due per tre non arriverai mai alla fine. Se invece ci sono pietre su cui puoi camminare, e qualcuna più grande su cui puoi inciampare, ce la puoi fare». È quanto accade in ‘Un milione di cose da dirti’, ballad classica, non banale.

Ha vinto la radiofonica Rappresentante di Lista (‘Amare’), e ha vinto la signora Orietta Berti, che dal confronto con gli stonati esce come Aretha Franklin al concorso di Voci Nuove di Gatteo Mare. A proposito di Romagna: hanno vinto gli Extraliscio, che ancor prima di ‘Bianca luce nera’, di giovedì con ‘Rosamunda’, festeggiavano il folk romagnolo con tanto di chitarra roteante (grazie di esistere, Exrtraliscio). Tra gli ospiti ha vinto Ornella Vanoni, e hanno vinto tutti coloro i quali hanno scritto o lavorato per lei, dagli autori della ‘mala’ a Jannacci, da Antônio Carlos Jobim e Chico Buarque fino a Francesco Gabbani e Pacifico. L’Ornella che a 86 anni manda fuori l’orchestra è perdonabile (meno lo è Neffa, che insieme all’orchestra, di giovedì, mandava fuori anche Noemi su una canzone scritta da lui). Hanno vinto Loredana Bertè, Elodie, Negramaro a onorare Dalla in ‘4/3/1943’ nel giorno del suo compleanno, e Umberto Tozzi, dal repertorio che non è solo ‘Ti amo’. La classifica non premia il ‘Cuore amaro’ di Gaia; le radio lo faranno. Nemmeno premia ‘Il farmacista’ di Max Gazzè, formula ritmica già sentita, che provi a ricordartela e ti viene in mente ‘Sotto casa’. Ma avercene.

Vince Willie Peyote, denuncia un po’ logorroica, ma ampiamente retribuita (Premio della Critica intestato a Mia Martini). Vince la trap-evolution di Madame (Premio Sergio Bardotti al miglior testo per ‘Voce’), già intoccabile come Bob Dylan e Achille Lauro: il labiale è utile per comprenderne il testo, il mondo della trap l’ha già scaricata per troppo mainstream, ma la signora Caselli pare averci visto giusto. E hanno vinto i Måneskin: lo abbiamo detto?

E chi no

Da un punto di vista prettamente contabile, quello di Francesca Michielin e di Fedez non è un trionfo. L’endorsement Instagram della moglie Chiara Ferragni, un potenziale bacino elettorale di 23 milioni di follower (“Votate Fede e Franci, sto leggendo tutte le vostre stories e vi amo!”) basta solo a portare il brano dal 21esimo posto (voto Demoscopica, stampa e orchestra) al secondo. E se ‘Chiamami per nome’ non fa esplodere il pallottoliere, la colpa forse non è tutta dell’influencer, ma pure della canzone.

Non ha vinto Francesco Renga, che paga le molte dissonanze di ‘Quando trovo te’. Lontana Noemi, che sbandiera la sua ‘Metamorfosi’ (nuovo album e status esistenziale) e poi si presenta sul palco con ‘Glicine’, una copertina di Linus (dopo una settimana di soliloqui sull’io interiore che fa dimagrire). Non vince Annalisa, spinta giù nel televoto da un brano, ‘Dieci’, non all’altezza delle sue potenzialità.

Nemmeno Bugo ha vinto, forse perché la sua ‘E invece sì’ (24esima) è andata a sbattere contro ‘Sincero’, il 2020 con (poi senza) Morgan. E qui sta l’attenuante: «Vedere che ancora, dopo un anno, io parlo di musica e torna quell’argomento (Morgan, appunto, ndr), e mi sta bene che quell’argomento abbia cambiato la mia vita, dimostra che per qualcuno la mia musica non è importante», chiosava di sabato il Bugatti in streaming dal suo albergo. Poche ora prima, sul social: “Mi dispiace che si continui a chiedere dove sia Bugo. Bugo è qui, io sono qui, non sono mai andato via. Mi sono solo allontanato dalla pazzia e dall’opportunismo. Forse questo non fa notizia, né click, ma questo sono io. Non sono il più intonato di tutti, ma di certo sono più sincero di molti”.

Non ha vinto nemmeno Alessandra Amoroso: per cantare ‘Una notte in Italia’ di Ivano Fossati, più bella dell’inno nazionale, serve prima un’autorizzazione dei Beni Culturali. E non basta essere intonati.

Titoli di coda

Giornalisti ed esorcisti

Sanremo, cinque giorni effimeri se si parla di gossip, non se si parla di musica, che gli italiani fanno bene da molto tempo così come assai bene fanno lo spettacolo televisivo in diretta. Amadeus e Fiorello, lo spettacolo, lo hanno onorato, rendendo puntualmente conto di una situazione di totale emergenza, compresa da tutti non oltre la prima flessione negli ascolti di un’Italia che, evidentemente, non aveva la testa per il varietà. Flessione che per certa stampa è significato poter tornare a fare le pulci a tutto e a tutti come se non ci fosse una pandemia, chiedendo – come nel calcio – il nome del successore prima che la stagione sia finita e magari la lista dei Big del 2022 (con ordine di uscita sul palco).

«È un periodo in cui la gente nemmeno sa se riuscirà a mettere un pasto in tavola, non lo dimentichiamo. Se m’invitano a una festa, io ci vado e ballo sui tavoli solo se sono felice», diceva il direttore artistico non più tardi di giovedì. Sorda, la terra dei commissari tecnici e degli esperti di Festival è tornata Terra dei cachi: «Nella mia vita ho fatto le saghe di piazza, ho lavorato nelle discoteche mezze deserte, ma lavorare davanti al nulla è qualcosa che non auguro a nessuno», ha ripetuto Amadeus nell’ultimo incontro coi media, in un clima aziendale riassunto in: «Ringrazio chi non voleva fare questo Festival e che in questo momento si sta mettendo delle medaglie sul petto», dice Claudio Fasulo, Rai Uno. Amadeus che, senza frecciatine, lascia facendo i complimenti ai cantanti, all’orchestra, ai suoi autori e al «più grande uomo di spettacolo, mio fratello Rosario Fiorello».

Il mattatore non le manda a dire: «Mai una sala stampa è stata così bella come quest’anno. È un format che la Rai deve proteggere: voi lì belli seduti, tutti a massacrare Amadeus». E poi: «Leggo che qualcuno che parla di flop: 14 milioni sono un flop?». A chiudere: «Il pubblico non serve per l’ego: ti guida, ti dice se ti devi fermare, se devi cambiare argomento. Nelle prime due puntate abbiamo cercato la quadra, e poi ci siamo inventati un mestiere: fare gli spettacoli per nessuno. Credo che questo ci vada riconosciuto». L’Amministratore delegato Rai Fabrizio Salini, di lì a poco, chiederà il ‘triplete’: «Amadeus e Fiorello si meritano l’applauso di quella sala». La sala piena.

Vade retro Achille

Mentre su Sanremo calano le prime ombre della sera (cit. Nick Carter), il Festival non è ancora finito: “L’umanità sta attraversando un periodo caratterizzato dal dolore e dalla sofferenza a causa della pandemia e sul palco dell’Ariston si è raggiunto un livello di dissacrazione, di blasfemia e di vilipendio della fede cattolica davvero inaccettabile”. A parlare, dall’aldiqua, è l’Associazione internazionale esorcisti guidata da padre Francesco Bamonte, che attacca le “esibizioni che hanno leso la sensibilità e il credo di milioni d’italiani e dei fedeli di tutto il mondo”. Achille Lauro non è menzionato direttamente, ma è dei suoi ‘quadri’ che si parla.

Quanta positività, quanto umorismo: forse stiamo recuperando la normalità. Per il bene di Sanremo, che per noi finisce qui. Come Miss Italia.


Achille Lauro, ‘C'est la vie’ (Keystone)

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved