ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
6 ore

Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij

La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
11 ore

Perché il fascismo è nato in Italia

È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
19 ore

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
22 ore

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
22 ore

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
1 gior

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
Scienze
1 gior

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
teatro
1 gior

L’ambiente e il futuro del pianeta raccontato da ‘The Children’

Il testo di Lucy Kirkwood sarà di scena al Sociale l’8 e il 9 dicembre. Nel fine settimana gli spettacoli ‘Doppio taglio’ e ‘Bentornato Babbo Natale’.
Spettacoli
1 gior

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli, con la Compagnia Finzi Pasca e il Teatro Paravento, e il concerto punk
Società
1 gior

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
1 gior

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Sogno o son Festival
07.03.2021 - 13:37

Sanremo: Måneskin, 'la nostra canzone anti-Festival'

'Vincere così è un segnale', dice la band. Polemica per l'endorsement elettorale di Chiara Ferragni. Fedez: ‘Cosa vi aspettavate, se non che supportasse suo marito?

sanremo-maneskin-la-nostra-canzone-anti-festival
Foto di famiglia in un interno (Maneskin Facebook Official)

«Andate lì e spaccategli il c*** e portate questo premio in Italia», dice loro con sobrietà Ermal Meta, terzo classificato. I Maneskin rappresenteranno l'Italia all'Eurovision Song Contest 2021: «Sì, non vediamo l'ora». L'applauso della sala stampa globale che in collegamento streaming raggiunge l'hotel dei vincitori è convinto. «Rendersi conto di aver vinto il Festival con questo pezzo – definito dai suoi autori, nell'incontro con i media di sabato, “anti-Sanremo” – ci ha fatto rendere conto di aver fatto qualcosa d'importante». Nella conferenza stampa che conclude la cinque giorni di musica vinta dalla band romana con il rock, anche pesante, di ‘Zitti e buoni’ (una canna, detto in sintesi), i quattro si passano la palla: «Il mio pianto non è la rivincita di X Factor (secondi, ndr) – dice il frontman Damiano – perché quella situazione l'abbiamo assorbita subito. Il pianto è che io sono un essere umano, provo delle emozioni». E ancora: «In quattro anni siamo passati dal suonare per strada e nei ristoranti a vincere Sanremo. Questo ci dimostra di poter credere in noi stessi lontani dai commenti e le imposizioni esterne. L'intralcio più grosso è stato essere una band, che non facilita le cose all'inizio del cammino. Per questo è una vittoria doppia».

‘Zitti e buoni’, per Thomas Raggi, chitarra, «era la perfetta rappresentazione del nostro sound attuale, il perfetto apripista per il disco che arriverà. Era anche anticonvenzionale, ma questo arriva in secondo piano. Abbiamo portato la nostra identità e per questo siamo stupiti del risultato, non ci aspettavamo una ricezione del genere da parte del pubblico. È qualcosa di diverso da quanto si vede a Sanremo, la risposta ci dice che c'è curiosità ed entusiasmo per quello che facciamo». Victoria De Angelis, bassista, descrive l'evoluzione dei Maneskin: «Come accade per tutte le persone, ci siamo evoluti. Siamo cresciuti con un backgorund molto ‘under’, i nostri genitori ci hanno aiutati con ascolti come i Rage Against The Machine e altra musica. E poi siamo stati a Londra, abbiamo visto una cultura molto salda, il tour ci ha fatto apprezzare l'impatto live, analogico. Lì abbiamo visto tanti gruppi che ci hanno influenzato, ma c'è stata un'evoluzione naturale che viene anche dallo studio del nostro strumento. È stata un'esperienza fica». 

Re dei social e premi d'autore

«È normale che si supportino a vicenda, se hanno tanti follower è merito del lavoro di entrambi. Sostanzialmente è successo anche nella nostra famiglia», intesa come fan base». Così i Maneskin in risposta alla domanda indirizzata a Fedez sull'apporto di Chiara Ferragni, moglie, che ha chiamato alle armi su Instagram i suoi seguaci per portare la coppia Michielin-Fedez e la canzona ‘Chiamami per nome’ dal 21esimo posto al secondo. La risposta non è immediata, il re dei social è imprigionato nel segnale non ottimale del suo hotel: «Ci sono state altre scalate, come quella di Madame», commenta il Ferragnez. «Mi pare una polemica abbastanza sterile, cosa potevate aspettarvi da mia moglie se non supportare suo marito? E poi ha fatto delle stories divertenti...».

Altre voci. Colapesce Dimatrino: «Siamo contenti, ci ha fatto piacere ricevere il Premio Lucio Dalla, il nostro cantautore preferito». Willie Peyote, Premio della Critica Mia Martini: «Posso dire solo grazie, non ho tante parole». Le poche parole, di entrambi, riguardano la consegna dei riconoscimenti: «Erano sopra un tavolino di plastica, ci hanno detto che non saremmo saliti sul palco. Ls consegna poteva essere organizzata meglio, si tratta comunque un premio importante», dicono i siciliani. «Più che brutto, è stato triste», quota Peyote: «Che ce l'abbia dato la stage manager come fosse una cosa presa al supermercato non è stato bellissimo». A margine Ieri ho visto la D'Urso che condivideva il pezzo, dunque ho conferma che il pezzo non sia facile da capire». La Rai: «Dispiace anche a noi, normalmente questo premio veniva consegnato dai rispettivi titolari del premio, quest'anno non consegnabile in presenza». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved