sanremo-maneskin-la-nostra-canzone-anti-festival
Foto di famiglia in un interno (Maneskin Facebook Official)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
11 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
11 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
14 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
16 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
16 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
16 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
17 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
20 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
20 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Sogno o son Festival
07.03.2021 - 13:370

Sanremo: Måneskin, 'la nostra canzone anti-Festival'

'Vincere così è un segnale', dice la band. Polemica per l'endorsement elettorale di Chiara Ferragni. Fedez: ‘Cosa vi aspettavate, se non che supportasse suo marito?

«Andate lì e spaccategli il c*** e portate questo premio in Italia», dice loro con sobrietà Ermal Meta, terzo classificato. I Maneskin rappresenteranno l'Italia all'Eurovision Song Contest 2021: «Sì, non vediamo l'ora». L'applauso della sala stampa globale che in collegamento streaming raggiunge l'hotel dei vincitori è convinto. «Rendersi conto di aver vinto il Festival con questo pezzo – definito dai suoi autori, nell'incontro con i media di sabato, “anti-Sanremo” – ci ha fatto rendere conto di aver fatto qualcosa d'importante». Nella conferenza stampa che conclude la cinque giorni di musica vinta dalla band romana con il rock, anche pesante, di ‘Zitti e buoni’ (una canna, detto in sintesi), i quattro si passano la palla: «Il mio pianto non è la rivincita di X Factor (secondi, ndr) – dice il frontman Damiano – perché quella situazione l'abbiamo assorbita subito. Il pianto è che io sono un essere umano, provo delle emozioni». E ancora: «In quattro anni siamo passati dal suonare per strada e nei ristoranti a vincere Sanremo. Questo ci dimostra di poter credere in noi stessi lontani dai commenti e le imposizioni esterne. L'intralcio più grosso è stato essere una band, che non facilita le cose all'inizio del cammino. Per questo è una vittoria doppia».

‘Zitti e buoni’, per Thomas Raggi, chitarra, «era la perfetta rappresentazione del nostro sound attuale, il perfetto apripista per il disco che arriverà. Era anche anticonvenzionale, ma questo arriva in secondo piano. Abbiamo portato la nostra identità e per questo siamo stupiti del risultato, non ci aspettavamo una ricezione del genere da parte del pubblico. È qualcosa di diverso da quanto si vede a Sanremo, la risposta ci dice che c'è curiosità ed entusiasmo per quello che facciamo». Victoria De Angelis, bassista, descrive l'evoluzione dei Maneskin: «Come accade per tutte le persone, ci siamo evoluti. Siamo cresciuti con un backgorund molto ‘under’, i nostri genitori ci hanno aiutati con ascolti come i Rage Against The Machine e altra musica. E poi siamo stati a Londra, abbiamo visto una cultura molto salda, il tour ci ha fatto apprezzare l'impatto live, analogico. Lì abbiamo visto tanti gruppi che ci hanno influenzato, ma c'è stata un'evoluzione naturale che viene anche dallo studio del nostro strumento. È stata un'esperienza fica». 

Re dei social e premi d'autore

«È normale che si supportino a vicenda, se hanno tanti follower è merito del lavoro di entrambi. Sostanzialmente è successo anche nella nostra famiglia», intesa come fan base». Così i Maneskin in risposta alla domanda indirizzata a Fedez sull'apporto di Chiara Ferragni, moglie, che ha chiamato alle armi su Instagram i suoi seguaci per portare la coppia Michielin-Fedez e la canzona ‘Chiamami per nome’ dal 21esimo posto al secondo. La risposta non è immediata, il re dei social è imprigionato nel segnale non ottimale del suo hotel: «Ci sono state altre scalate, come quella di Madame», commenta il Ferragnez. «Mi pare una polemica abbastanza sterile, cosa potevate aspettarvi da mia moglie se non supportare suo marito? E poi ha fatto delle stories divertenti...».

Altre voci. Colapesce Dimatrino: «Siamo contenti, ci ha fatto piacere ricevere il Premio Lucio Dalla, il nostro cantautore preferito». Willie Peyote, Premio della Critica Mia Martini: «Posso dire solo grazie, non ho tante parole». Le poche parole, di entrambi, riguardano la consegna dei riconoscimenti: «Erano sopra un tavolino di plastica, ci hanno detto che non saremmo saliti sul palco. Ls consegna poteva essere organizzata meglio, si tratta comunque un premio importante», dicono i siciliani. «Più che brutto, è stato triste», quota Peyote: «Che ce l'abbia dato la stage manager come fosse una cosa presa al supermercato non è stato bellissimo». A margine Ieri ho visto la D'Urso che condivideva il pezzo, dunque ho conferma che il pezzo non sia facile da capire». La Rai: «Dispiace anche a noi, normalmente questo premio veniva consegnato dai rispettivi titolari del premio, quest'anno non consegnabile in presenza». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved