nuove-proposte-sanremo-gaudiano-non-ho-vinto-da-solo
Gaudiano (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
7 ore

Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo

Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele
Settimane Musicali
8 ore

Il weekend di ‘Piemontesi & Friends’, un anno dopo

La formula che nel 2020 consentì di dare continuità al Festival torna dal 24 al 26 settembre nella chiesa del Collegio Papio di Ascona con sei concerti
Spettacoli
17 ore

Terence Hill sveste la tonaca, ultimo ciak per ‘Don Matteo’

Dopo oltre 250 episodi, a più di 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, la serie di Rai 1 dà l’addio al volto più popolare
Culture
1 gior

Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’

Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
1 gior

TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni

È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
Arte
1 gior

Premi svizzeri d’arte e di design, c’è anche Sonnenstube

Il collettivo itinerante di Lugano è tra i vincitori, nella categoria Critica, edizione e mostre, dei riconoscimenti consegnati durante Art Basel
Streaming
1 gior

‘The Ferragnez - La serie’ su Amazon Prime Video

La quotidianità di Fedez e Chiara Ferragni tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021 in otto episodi in arrivo a dicembre
Arte
1 gior

Nove ‘Picasso’ ceduti alla Francia dalla figlia Maya

Sei dipinti, due sculture e un taccuino appartenuto al gigante della pittura. Le opere saranno presentate integralmente al pubblico a partire da aprile 2022
Spettacoli
1 gior

Agli Emmy Awards trionfano ‘The Crown’ e ‘Ted Lasso’

La saga della Royal Family premiata come migliore serie drammatica, primo riconoscimento nella categoria per Netflix
Musica
2 gior

Esce ‘Outsider’, l’album solista di Roger Taylor dei Queen

Nato durante il lockdown, è dedicato ‘a tutti gli outsider, quelli che si sentono lasciati in disparte’
Cinema
2 gior

A ‘Belfast’ di Kenneth Branagh il Toronto Film Festival

Scritto nelle prime settimane di lockdown, è ‘un ritorno a casa’. Premio del pubblico sezione Midnight Madness alla Palma d’oro di Cannes Titane di Julia Ducournau
Culture
2 gior

Premio Chiara alla carriera a Mario Botta

L’architetto ticinese riceverà il riconoscimento il 10 ottobre al Teatro Sociale di Luino
Spettacoli
2 gior

Stefano Knuchel sulle tracce di Hugo Pratt

‘Hugo in Argentina’ del regista locarnese, un inaspettato ritratto del creatore di Corto Maltese
Spettacoli
2 gior

Miglior canzone di sempre, Aretha supera Dylan e Beatles

La bibbia del rock, Rolling Stone, aggiorna la sua storica classifica dei 500 brani migliori dopo 17 anni e cambia le carte in tavola
Sogno o son Festival
06.03.2021 - 12:230

Nuove Proposte Sanremo, Gaudiano: 'Non ho vinto da solo'

Primo con ‘Polvere da sparo’ dedicata al padre: 'Ho riacceso il telefono e ho capito'. Con lui, in streaming, Shorty e Wrongonyou: 'Ci siamo cantati a vicenda'.

Ventinove anni, foggiano, si chiama Luca Gaudiano ed è più brevemente detto Gaudiano. È il vincitore delle Nuove Proposte del Sanremo 2021 con ‘Polvere da sparo’, brano dedicato al padre Ciro, scomparso due anni fa e al quale è andata la dedica della vittoria, nella diretta televisiva di ieri. «È ancora difficile da realizzare. Quando ho riacceso il telefono mi sono accorto che non avevo vinto da solo». Brano dal testo tutt'altro che leggero – “Perché tutto quello che mi resta è una domanda polvere da sparo in un solo colpo da spararmi nella testa“, perché “se guardo oltre le nuvole io non trovo ragione“ – Gaudiano ha messo la canzone davanti a sé: «È nata dalla verità, credo che sia il motivo per il quale tante persone si sono legate alla mia storia, e vi si sono riconosciute». Musicalmente parlando, l'up tempo della canzone, «il contrasto con la storia che ho raccontato è stato ricercato, non volevo sottolinearla con ulteriore drammaticità, ho voluto che il significato fosse trasportato da un altro tipo di pulsione». Una parola ai colleghi: «C'era un'atmosfera bellissima. Siamo arrivati a ieri sera dopo un percorso lunghissimo che ha creato un rapporto di amicizia fra di noi. Sono legato alle loro canzoni, le ho cantate insieme agli altri dietro il palco. Siamo arrivati tutti e quattro fino in fondo, allo sprint finale, ed eravamo felici tutti e quattro».

Non è collegato Folcast (Daniele Folcarelli da Roma), con l’hendrixiana ‘Scopriti’, una delle canzoni migliori di tutta la manifestazione, anche per il suo rimandare, quanto basta, a ‘Shameless’ di Billy Joel, vecchio brano il cui il pianista di Long Island fa egli stesso il verso a Hendrix, e quindi tutto è equamente e nobilmente suddiviso. C'è Davide Shorty, invece, incontrato qualche giorno fa, e a un passo dalla vittoria con ‘Regina’: «È un grandissimo onore per me – dice Shorty – avere ricevuto un riconoscimento legato al nome di uno dei cantautori che amo di più (Premio Lucio Dalla assegnato dalla Sala Stampa Radio Web Tv, ndr). Avere fatto una tale esperienza, averla condivisa con un cast di tale livello, è un onore. Credo che la musica, anche in un contesto di competizione, dovrebbe andare sempre oltre la gara. La competizione è con noi stessi». Definisce la gara, così come fatto da Wrongonyou, altro finalista, «un percorso di formazione, un'esperienza che ti mette alla prova, ancor più in un contesto di socialità mancata. Mi sono divertito e sono felicissimo di essere salito su un palco nel momento in cui il palco manca così tanto». Per parlare del suo funk-pop-jazz che attinge dai ritmi del mondo cita Pino Daniele, Fabio Concato, Tenco «affascinato col jazz», mescolati «con l'hip hop, cultura che mi ha sempre affascinato. Spero che in Italia ci possa essere spazio per qualcosa di musicalmente più complesso, in nome dell'equilibrio con le soluzioni più semplici. Sono contento di poter essere un'alternativa».

Il percorso di formazione, si diceva, anticipato da Wrongonyou, piazzato ma non vincente con ‘Lezioni di volo’: «No ho mai vissuto questa esperienza come un punto d'arrivo. Ho cercato di prepararmi per quel che verrà dopo». E il dopo è ‘Sono io’, album in uscita. Suo il Premio Mia Martini Sezione Nuove proposte assegnato dalla Sala Stampa: «Un mio collega di etichetta, Diodato, l'ha vinto, e così Malika e tanti altri. Entro in una cricca molto importante». Gli manca il contatto col pubblico e annuncia i concerti del prossimo 29 novembre a Milano e del 4 dicembre a Roma. «Sono contento si sia fatto Sanremo, anche per dare un'occasione a chi è rimasto dietro le quinte». Chiudendo, da romano, con un «daje!», chiede una cortesia: «Se è un sogno, non svegliatemi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved