nuove-proposte-sanremo-gaudiano-non-ho-vinto-da-solo
Gaudiano (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
12 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
12 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
15 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
17 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
17 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
17 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
18 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
21 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
21 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
1 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Sogno o son Festival
06.03.2021 - 12:230

Nuove Proposte Sanremo, Gaudiano: 'Non ho vinto da solo'

Primo con ‘Polvere da sparo’ dedicata al padre: 'Ho riacceso il telefono e ho capito'. Con lui, in streaming, Shorty e Wrongonyou: 'Ci siamo cantati a vicenda'.

Ventinove anni, foggiano, si chiama Luca Gaudiano ed è più brevemente detto Gaudiano. È il vincitore delle Nuove Proposte del Sanremo 2021 con ‘Polvere da sparo’, brano dedicato al padre Ciro, scomparso due anni fa e al quale è andata la dedica della vittoria, nella diretta televisiva di ieri. «È ancora difficile da realizzare. Quando ho riacceso il telefono mi sono accorto che non avevo vinto da solo». Brano dal testo tutt'altro che leggero – “Perché tutto quello che mi resta è una domanda polvere da sparo in un solo colpo da spararmi nella testa“, perché “se guardo oltre le nuvole io non trovo ragione“ – Gaudiano ha messo la canzone davanti a sé: «È nata dalla verità, credo che sia il motivo per il quale tante persone si sono legate alla mia storia, e vi si sono riconosciute». Musicalmente parlando, l'up tempo della canzone, «il contrasto con la storia che ho raccontato è stato ricercato, non volevo sottolinearla con ulteriore drammaticità, ho voluto che il significato fosse trasportato da un altro tipo di pulsione». Una parola ai colleghi: «C'era un'atmosfera bellissima. Siamo arrivati a ieri sera dopo un percorso lunghissimo che ha creato un rapporto di amicizia fra di noi. Sono legato alle loro canzoni, le ho cantate insieme agli altri dietro il palco. Siamo arrivati tutti e quattro fino in fondo, allo sprint finale, ed eravamo felici tutti e quattro».

Non è collegato Folcast (Daniele Folcarelli da Roma), con l’hendrixiana ‘Scopriti’, una delle canzoni migliori di tutta la manifestazione, anche per il suo rimandare, quanto basta, a ‘Shameless’ di Billy Joel, vecchio brano il cui il pianista di Long Island fa egli stesso il verso a Hendrix, e quindi tutto è equamente e nobilmente suddiviso. C'è Davide Shorty, invece, incontrato qualche giorno fa, e a un passo dalla vittoria con ‘Regina’: «È un grandissimo onore per me – dice Shorty – avere ricevuto un riconoscimento legato al nome di uno dei cantautori che amo di più (Premio Lucio Dalla assegnato dalla Sala Stampa Radio Web Tv, ndr). Avere fatto una tale esperienza, averla condivisa con un cast di tale livello, è un onore. Credo che la musica, anche in un contesto di competizione, dovrebbe andare sempre oltre la gara. La competizione è con noi stessi». Definisce la gara, così come fatto da Wrongonyou, altro finalista, «un percorso di formazione, un'esperienza che ti mette alla prova, ancor più in un contesto di socialità mancata. Mi sono divertito e sono felicissimo di essere salito su un palco nel momento in cui il palco manca così tanto». Per parlare del suo funk-pop-jazz che attinge dai ritmi del mondo cita Pino Daniele, Fabio Concato, Tenco «affascinato col jazz», mescolati «con l'hip hop, cultura che mi ha sempre affascinato. Spero che in Italia ci possa essere spazio per qualcosa di musicalmente più complesso, in nome dell'equilibrio con le soluzioni più semplici. Sono contento di poter essere un'alternativa».

Il percorso di formazione, si diceva, anticipato da Wrongonyou, piazzato ma non vincente con ‘Lezioni di volo’: «No ho mai vissuto questa esperienza come un punto d'arrivo. Ho cercato di prepararmi per quel che verrà dopo». E il dopo è ‘Sono io’, album in uscita. Suo il Premio Mia Martini Sezione Nuove proposte assegnato dalla Sala Stampa: «Un mio collega di etichetta, Diodato, l'ha vinto, e così Malika e tanti altri. Entro in una cricca molto importante». Gli manca il contatto col pubblico e annuncia i concerti del prossimo 29 novembre a Milano e del 4 dicembre a Roma. «Sono contento si sia fatto Sanremo, anche per dare un'occasione a chi è rimasto dietro le quinte». Chiudendo, da romano, con un «daje!», chiede una cortesia: «Se è un sogno, non svegliatemi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved