ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
1 ora

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
8 ore

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
1 gior

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
1 gior

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
2 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
2 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
2 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
2 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
2 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
2 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
2 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
2 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
3 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Sogno o son Festival
06.03.2021 - 12:23

Nuove Proposte Sanremo, Gaudiano: 'Non ho vinto da solo'

Primo con ‘Polvere da sparo’ dedicata al padre: 'Ho riacceso il telefono e ho capito'. Con lui, in streaming, Shorty e Wrongonyou: 'Ci siamo cantati a vicenda'.

nuove-proposte-sanremo-gaudiano-non-ho-vinto-da-solo
Gaudiano (Keystone)

Ventinove anni, foggiano, si chiama Luca Gaudiano ed è più brevemente detto Gaudiano. È il vincitore delle Nuove Proposte del Sanremo 2021 con ‘Polvere da sparo’, brano dedicato al padre Ciro, scomparso due anni fa e al quale è andata la dedica della vittoria, nella diretta televisiva di ieri. «È ancora difficile da realizzare. Quando ho riacceso il telefono mi sono accorto che non avevo vinto da solo». Brano dal testo tutt'altro che leggero – “Perché tutto quello che mi resta è una domanda polvere da sparo in un solo colpo da spararmi nella testa“, perché “se guardo oltre le nuvole io non trovo ragione“ – Gaudiano ha messo la canzone davanti a sé: «È nata dalla verità, credo che sia il motivo per il quale tante persone si sono legate alla mia storia, e vi si sono riconosciute». Musicalmente parlando, l'up tempo della canzone, «il contrasto con la storia che ho raccontato è stato ricercato, non volevo sottolinearla con ulteriore drammaticità, ho voluto che il significato fosse trasportato da un altro tipo di pulsione». Una parola ai colleghi: «C'era un'atmosfera bellissima. Siamo arrivati a ieri sera dopo un percorso lunghissimo che ha creato un rapporto di amicizia fra di noi. Sono legato alle loro canzoni, le ho cantate insieme agli altri dietro il palco. Siamo arrivati tutti e quattro fino in fondo, allo sprint finale, ed eravamo felici tutti e quattro».

Non è collegato Folcast (Daniele Folcarelli da Roma), con l’hendrixiana ‘Scopriti’, una delle canzoni migliori di tutta la manifestazione, anche per il suo rimandare, quanto basta, a ‘Shameless’ di Billy Joel, vecchio brano il cui il pianista di Long Island fa egli stesso il verso a Hendrix, e quindi tutto è equamente e nobilmente suddiviso. C'è Davide Shorty, invece, incontrato qualche giorno fa, e a un passo dalla vittoria con ‘Regina’: «È un grandissimo onore per me – dice Shorty – avere ricevuto un riconoscimento legato al nome di uno dei cantautori che amo di più (Premio Lucio Dalla assegnato dalla Sala Stampa Radio Web Tv, ndr). Avere fatto una tale esperienza, averla condivisa con un cast di tale livello, è un onore. Credo che la musica, anche in un contesto di competizione, dovrebbe andare sempre oltre la gara. La competizione è con noi stessi». Definisce la gara, così come fatto da Wrongonyou, altro finalista, «un percorso di formazione, un'esperienza che ti mette alla prova, ancor più in un contesto di socialità mancata. Mi sono divertito e sono felicissimo di essere salito su un palco nel momento in cui il palco manca così tanto». Per parlare del suo funk-pop-jazz che attinge dai ritmi del mondo cita Pino Daniele, Fabio Concato, Tenco «affascinato col jazz», mescolati «con l'hip hop, cultura che mi ha sempre affascinato. Spero che in Italia ci possa essere spazio per qualcosa di musicalmente più complesso, in nome dell'equilibrio con le soluzioni più semplici. Sono contento di poter essere un'alternativa».

Il percorso di formazione, si diceva, anticipato da Wrongonyou, piazzato ma non vincente con ‘Lezioni di volo’: «No ho mai vissuto questa esperienza come un punto d'arrivo. Ho cercato di prepararmi per quel che verrà dopo». E il dopo è ‘Sono io’, album in uscita. Suo il Premio Mia Martini Sezione Nuove proposte assegnato dalla Sala Stampa: «Un mio collega di etichetta, Diodato, l'ha vinto, e così Malika e tanti altri. Entro in una cricca molto importante». Gli manca il contatto col pubblico e annuncia i concerti del prossimo 29 novembre a Milano e del 4 dicembre a Roma. «Sono contento si sia fatto Sanremo, anche per dare un'occasione a chi è rimasto dietro le quinte». Chiudendo, da romano, con un «daje!», chiede una cortesia: «Se è un sogno, non svegliatemi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved