il-londinese-davide-shorty-regina-per-diventare-re
Davide Shorty (foto: Alberto Romano)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
12 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
12 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
15 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
17 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
17 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
17 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
18 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
21 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
21 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Sogno o son Festival
04.03.2021 - 19:270

Il londinese Davide Shorty, ‘Regina’ per diventare re

Si è guadagnato la finale di venerdì tra le Nuove Proposte. Ed è fresco di Premio Lunezia: 'Lusingato, premio battezzato da Fabrizio De André, tra i miei idoli'

Abbiamo un fiuto per il secondo posto. Intervistammo Mirkoeilcane, che nel 2018 arrivò secondo e poi si prese gli altri premi; e Tecla Insolia nel 2019, data vincente dal sito Rai, poi abbassata di un gradino nessuno sa perché, in luogo di un Gassmann che nessuno sa più chi è e che quest’anno non c’è. E invece Tecla sarà Nada nella fiction Rai. Ci abbiamo provato quest’anno intervistando la Nuova proposta (ma molto più Big di qualche Big) Davide Shorty, che dal sole di Palermo, nell’abbastanza lontano 2012, si trasferì sotto la pioggia di Londra per capire, e forse lui l’avrà capito, come mai le tendenze della musica si decidono tutte lì. La distanza non gl’impedì (a Palermo, del passato remoto si fa ampio uso) di essere terzo a X Factor nel 2015, di registrare ‘Terapia di gruppo’ nel 2018 coi Funk Shui Project (incluso Showcase Rsi) coi quali, un anno dopo, pubblicò ‘La soluzione’. Collaborazioni con Daniele Silvestri, Roy Paci, l’ex giudice e amico Elio, e arriviamo al tempo presente.

Davide Shorty parla dall’albergo, felice del Premio Lunezia, il cui scopo è la valorizzazione musicalletteraria delle canzoni italiane. È «lusingato, perché premio battezzato da Fabrizio De André, uno dei suoi idoli. «Mi sento destabilizzato, non me lo aspettavo, è la prima volta che ricevo un riconoscimento ufficiale». A Sanremo, puntellata di soul, funk e tradizione italiana, Shorty canta ‘Regina’, che poi (Sanremo gossip) è la sua ex Céline Lancini e non per questo non può apparire nel video della canzone: «Nessuno avrebbe potuto fare un lavoro migliore del suo per rappresentare se stessa, esempio di donna forte». L’amore modellato in amicizia, oggi, chiude il cerchio con una collaborazione artistica che include lei, ed è «ispirata da lei». ‘Regina’, canzone, sta su ‘fusion.’, album in minuscolo e col punto, anticipato dal 5 marzo in poi da ‘fusion a metà’, mezzo album in avanscoperta, tanto per gradire: «Fusion inteso non come genere musicale, ma come fusione di culture, sonorità, generi, emozioni. La diversità è una grandissima ricchezza che andrebbe celebrata sempre». Per quel che riguarda il minuscolo, «è il contrario delle frasi urlate col caps lock (maiuscolo, ndr), è lo stare tranquilli, il canalizzare energie, attitudine che serve molto di più alla comunicazione».

Ne ha visti di palchi, lo Shorty, ma che si trova a Sanremo l’ha capito soltanto quando c’è arrivato: «Mi sono detto, ecco, quello è davvero Amadeus. È qualcosa che non so spiegare, è un’emozione bellissima, un’occasione da vivere appieno, specialmente in un momento del genere. Sanremo è anche un messaggio per far capire che si può fare musica in sicurezza». E con tutte le paure del caso: «Non sono una macchina, essere imperfetti consente di trovare l’equilibrio».

Sul divano alle spalle di Shorty c’è una Telecaster. È un tassello della sensazione che si prova quando sul palco dell’Ariston non c’è soltanto l’interprete, ma anche il musicista: «Non ho mai studiato in maniera accademica e così dedita, strimpello un po’ tutto, chitarra, basso e pianoforte, ho nozioni sufficienti che mi vengono dai tanti ascolti di jazz». E quindi tutto passa da lui, quando arriva la musica. Nemmeno Sanremo gli ha fatto perdere il controllo del proprio lavoro. Ma per ‘fusion.’, inteso come disco, s’è messo tutto intero nelle mani di Tommaso Colliva, un Grammy coi Muse e ai comandi tanta musica italiana che conta: «È stata una lezione per me capire di dover lasciare la produzione a Tommaso. Conosco il suo lavoro, mi sono affidato a lui. In questo bisogna lasciarsi portare dal flusso. Prima che esecutori, bisogna essere buoni ascoltatori». E ad ascoltarlo c’era certamente Elio, che su Sanremo poteva dare consigli: «Mi ha detto di divertirmi, innanzitutto. E poi mi ha detto di cadere. Mi ha detto di Gianni Boncompagni, di quando suggerì a Gianni Morandi d’inciampare, così la gente si sarebbe ricordata di lui». Non l’ha fatto Shorty, perché ha paura della scala di Sanremo. E nemmeno si è vestito da Rockets.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved