a-sanremo-i-beatles-avrebbero-cantato-yesterday
Correva l'anno 2016 (foto: Beatlesiani d'IItalia Associati)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

A Visions du réel la saga familiare di Rossellini

‘The Rossellinis’ una storia raccontata più con sentimento che con accortezza cinematografica da Alessandro Rossellini,, nipote del grande Roberto
Culture
5 ore

Online, da Roma, un incontro su Alice Ceresa

Giovedì 22 aprile alle 15.30, l'Istituto Svizzero ospita un incontro internazionale dedicato a una scrittrice che ha consacrato la sua opera alle donne.
Culture
7 ore

La Biblioteca cantonale riapre con i testi letterari greci

Giovedì 22 aprile alle 18, 'il libro nella sua dimensione materiale' nella videoconferenza con Stefano Martinelli Tempesta, Andrea Jahn e Paola Piffaretti
Spettacoli
9 ore

Pro Helvetia, sostegno per Finzi Pasca e Trickster-p

Annunciate 13 collaborazioni tra la fondazione svizzera per la cultura e Cantoni e Comuni a sostegno di gruppi indipendenti delle arti sceniche
Culture
12 ore

Ssr: nel 2020 perdita di 12,9 milioni di franchi

'Un calo degli introiti commerciali e costi di ristrutturazione hanno influenzato il risultato d'esercizio', annuncia l'azienda comunicando i dati.
Cinema
13 ore

In Australia si gira 'Furiosa', nuovo episodio 'Mad Max'

È il quinto della saga post-apocalittica iniziata nel 1979 che lanciò la carriera di Mel Gibson
Culture
14 ore

Teatro Sociale, 'Il dolore' per ricominciare

Martedì 27 aprile alle 20.45, rappresentazione straordinaria gratuita dello spettacolo tratto dall'omonimo diario di Marguerite Duras
Spettacoli
1 gior

Visions du réel, le vite parallele di Frank Matter

Al festival di Nyon il regista svizzero presenta, nel concorso nazionale, ‘Parallel Lives’, come cambiano le vite di cinque persone nate tutte lo stesso giorno
Scienze
1 gior

Riscaldamento globale: sempre più pioggia, pinguini a rischio

Col loro piumino non ancora impermeabile, rischiano assideramento. Precipitazioni più frequenti e intense lungo la costa dell'Antartide entro fine secolo.
FIlosofia
1 gior

Il Teatro San Materno ricomincia da Leonardo Caffo

‘Quattro capanne (o della semplicità)’: il filosofo e saggista in dialogo con Lisa Ferretti domenica 25 aprile alle 17
Sogno o son Festival
04.03.2021 - 13:490
Aggiornamento : 19:40

A Sanremo i Beatles avrebbero cantato ‘Yesterday’

E se lo dice Rolando Giambelli dei Beatlesiani d'Italia Associati, qualche certezza l'abbiamo. ‘Ma il Festival deve un premio alla carriera a Peppino Di Capri’

«Sono fan di Peppino di Capri prima ancora che dei Beatles» dice Rolando Giambelli, giornalista fotografo e musicista nonché fondatore e presidente dei Beatlesiani d’Italia Associati. «Prima dei Beatles lo ascoltavo cantare ‘A Saint-Tropez’, e ‘Don’t Play That Song’, un pezzo che per l’epoca era avanguardia». Giambelli è strenuo sostenitore della necessità di un premio da consegnarsi al pianista-cantante napoletano, che torna ogni anno quando a Sanremo si parla di riconoscimento alla carriera. Di Capri, 15 partecipazioni al Festival e due vittorie, ogni tanto si lagna per il dimenticatoio. «Me lo auspicherei – dice Giambelli – perché Peppino di Capri è una pietra miliare della musica italiana e di quella napoletana, per la quale ha cantato canzoni meravigliose». Di Capri il cui legame con i Beatles è molto più prossimo di quanto si possa pensare…

«Quando nel 1965 i Beatles arrivarono in Italia – racconta Rolando – Peppino Di Capri fu scelto dal manager dei Fab Four, Leo Wätcher, come momento attrattivo per il pubblico chiamato a riempire le date del tour italiano», otto concerti in cinque giorni per quaranta minuti di set. Al napoletano furono affidate le aperture dei due concerti milanesi: «Guardando il cartellone che pubblicizzava il concerto, sembrava che fosse Peppino di Capri la star dell'evento. In Italia siamo fatti così…».

E se i Beatles fossero stati ospiti a Sanremo, Rolando, cos’avrebbero cantato? «Credo ‘Yesterday’, tanto per dirne una, brano che molti hanno attribuito a una canzone napoletana. Una leggenda metropolitana vuole che Paul McCartney abbia scritto ‘Yesterday’ immaginandosi una melodia napoletana preesistente. La leggenda si basa forse su fatto che Sir Paul ha una predilezione per Napoli. Quando lo scorso anno sono stati cancellati i suoi tour per il mondo, c’erano anche le date di Lucca e di Napoli. Ho pensato che quando compierà ottant’anni, nel 2022, Paul potrebbe recuperare il concerto nello Stadio San Paolo, che ora si chiama Maradona, un po’ per via del nome, Paul, e un po’ perché alla fine di ogni concerto italiano McCartney sventola la bandiera italiana e canta 'O sole mio. Ho scritto al suo manager, che mi ha risposto dicendomi che l’idea è piaciuta. Se mai dovesse succedere, sapete di chi è...». 

In trent’anni, Giambelli se ha viste e fotografate di ogni a Sanremo. E in più, Francesco Gabbani gli ‘deve’ la vittoria del 2016 («Fui io, in fase di votazione, ad accorgermi che i tastierini non funzionavano. E si rivotò»). C’è anche la spilletta-amuleto dei Beatlesiani, che su Gaetano Curreri, per esempio, portò bene. «Ne ho visti tanti quando c’era Baudo», conclude il Beatlesiano d’Italia. «Quando Mia Martini cantò ‘Gli uomini non cambiano’ ero sotto il palco. Ricordo le vittorie di Fausto Leali e Francesco Renga, miei concittadini. E nel 2015 e 2016, in quel teatro, ho portato due festival dei Beatles. Mi manca non essere lì quest'anno».

© Regiopress, All rights reserved