a-sanremo-i-beatles-avrebbero-cantato-yesterday
Correva l'anno 2016 (foto: Beatlesiani d'IItalia Associati)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
12 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
12 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
15 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
16 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
17 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
17 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
18 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
20 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
21 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Sogno o son Festival
04.03.2021 - 13:490
Aggiornamento : 19:40

A Sanremo i Beatles avrebbero cantato ‘Yesterday’

E se lo dice Rolando Giambelli dei Beatlesiani d'Italia Associati, qualche certezza l'abbiamo. ‘Ma il Festival deve un premio alla carriera a Peppino Di Capri’

«Sono fan di Peppino di Capri prima ancora che dei Beatles» dice Rolando Giambelli, giornalista fotografo e musicista nonché fondatore e presidente dei Beatlesiani d’Italia Associati. «Prima dei Beatles lo ascoltavo cantare ‘A Saint-Tropez’, e ‘Don’t Play That Song’, un pezzo che per l’epoca era avanguardia». Giambelli è strenuo sostenitore della necessità di un premio da consegnarsi al pianista-cantante napoletano, che torna ogni anno quando a Sanremo si parla di riconoscimento alla carriera. Di Capri, 15 partecipazioni al Festival e due vittorie, ogni tanto si lagna per il dimenticatoio. «Me lo auspicherei – dice Giambelli – perché Peppino di Capri è una pietra miliare della musica italiana e di quella napoletana, per la quale ha cantato canzoni meravigliose». Di Capri il cui legame con i Beatles è molto più prossimo di quanto si possa pensare…

«Quando nel 1965 i Beatles arrivarono in Italia – racconta Rolando – Peppino Di Capri fu scelto dal manager dei Fab Four, Leo Wätcher, come momento attrattivo per il pubblico chiamato a riempire le date del tour italiano», otto concerti in cinque giorni per quaranta minuti di set. Al napoletano furono affidate le aperture dei due concerti milanesi: «Guardando il cartellone che pubblicizzava il concerto, sembrava che fosse Peppino di Capri la star dell'evento. In Italia siamo fatti così…».

E se i Beatles fossero stati ospiti a Sanremo, Rolando, cos’avrebbero cantato? «Credo ‘Yesterday’, tanto per dirne una, brano che molti hanno attribuito a una canzone napoletana. Una leggenda metropolitana vuole che Paul McCartney abbia scritto ‘Yesterday’ immaginandosi una melodia napoletana preesistente. La leggenda si basa forse su fatto che Sir Paul ha una predilezione per Napoli. Quando lo scorso anno sono stati cancellati i suoi tour per il mondo, c’erano anche le date di Lucca e di Napoli. Ho pensato che quando compierà ottant’anni, nel 2022, Paul potrebbe recuperare il concerto nello Stadio San Paolo, che ora si chiama Maradona, un po’ per via del nome, Paul, e un po’ perché alla fine di ogni concerto italiano McCartney sventola la bandiera italiana e canta 'O sole mio. Ho scritto al suo manager, che mi ha risposto dicendomi che l’idea è piaciuta. Se mai dovesse succedere, sapete di chi è...». 

In trent’anni, Giambelli se ha viste e fotografate di ogni a Sanremo. E in più, Francesco Gabbani gli ‘deve’ la vittoria del 2016 («Fui io, in fase di votazione, ad accorgermi che i tastierini non funzionavano. E si rivotò»). C’è anche la spilletta-amuleto dei Beatlesiani, che su Gaetano Curreri, per esempio, portò bene. «Ne ho visti tanti quando c’era Baudo», conclude il Beatlesiano d’Italia. «Quando Mia Martini cantò ‘Gli uomini non cambiano’ ero sotto il palco. Ricordo le vittorie di Fausto Leali e Francesco Renga, miei concittadini. E nel 2015 e 2016, in quel teatro, ho portato due festival dei Beatles. Mi manca non essere lì quest'anno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved